Jump to content
VR News
  • IMAGES HOSTING
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.


Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 09/20/2019 in all areas

  1. 1 point
    Non ci sono problemi sulla scelta di marca o modello per gli ammortizzatori, purché siano efficienti. Ciao, Gino
  2. 1 point
  3. 1 point
    tutto quello che non è riportato a libretto penso sia incontestabile in sede di revisione biennale presso i centri privati Per gli ammortizzatori per giunta nemmeno nella STO vengono menzionate caratteristiche (genericamente definiti solo "a molle elicoidali a flessibilità variabile ed idraulici a doppio effetto")....Quindi direi di andar tranquillo.
  4. 1 point
    Ho gli ammortizzatori YSS ed ho fatto la revisione. Non credo che guardino gli ammortizzatori, così come non guardano i cerchi (tubeless si/no). Puoi montare quelli che ti garbano.
  5. 1 point
    I link sono questi: https://cycl.bike/it/ https://www.amazon.it/gp/product/B071G2XZJY/ref=ppx_yo_dt_b_asin_title_o08_s00?ie=UTF8&psc=1 Il prezzo del kit "mag" come il mio è anche più basso ora, poi il tipo "fixed" (cioè con i corpi luminosi non asportabili) costa ancora meno. Dopo alcuni mesi di utilizzo pienamente soddisfacente, in notturna la resa è eccellente, confermo tutte le caratteristiche: - il magnetismo è potente, i corpi luminosi sono stabilissimi e perfettamente fissati ai supporti; - sono impermeabili Credo che a norma di legge qui in Italia l'installazione di queste frecce non esenti dalla segnalazione "a braccio" ma sia da considerare solo come una integrazione, a me basta ma è meglio precisarlo. Ciao
  6. 1 point
    Prendi il BGM di scooter center. Quando lo monti, e si assesta, diventa come l'originale. L'ho montato sul 200.
  7. 1 point
    Dopo esser stato molto prolisso riguardo alla PK che fece nascere il mio amore per il mondo delle Vespe, è giunto il momento di raccontarvi del colpo di testa di quest'anno... Siccome ero molto nostalgico della PK rimasta in Italia, mi sono messo a cercare in Svizzera (dove mi trovo al momento) una Vespa classica: le ricerche sono state molto demoralizzanti, a causa dei prezzi allucinanti e dei pochi modelli interessanti in vendita. In media e a parità di condizioni, costavano tutte almeno il doppio che in Italia. Sono anche andato a Zurigo a vederne una ma il prezzo (su cui si ricaricavano i lavori effettuati da un'officina locale) era proibitivo... La scelta ovvia, visto che ormai dopo aver importato l'auto e la moto sono diventato un ninja delle dogane, sarebbe stato comprarla in Italia ed importarla qui. Il problema era, come sempre, il tempo. Avevo quasi rinunciato all'impresa quando ho trovato a un prezzo accettabile una PX125E del 1989 da un meccanico, italiano, amico di un collega, appassionato e proprietario di una quindicina di Vespe. Era quella precedente di sua moglie ormai in disuso ed era disposto a darla via. La cosa interessante e che mi ha fatto cedere è che in Svizzera si possono avere le targhe intercambiabili (massimo due veicoli, dello stesso tipo), e si paga solo un bollo e un'assicurazione per entrambi. Avendo già la moto, potevo usare la stessa targa (con apposito portatarga munito di due mollette per sganciarla rapidamente) e il prezzo dell'assicurazione e del bollo non cambiavano (si paga per la più cara, che in questo caso è la moto). Oltretutto, non esiste il passaggio di proprietà: si può concludere la compravendita anche a voce, dandosi i soldi in contanti e andando poi in motorizzazione cantonale con il libretto "annullato" del vecchio proprietario (che avrà quindi annunciato preventivamente la volontà di ritirarla dalla circolazione) e dicendogli che "adesso è mia". è necessario avere l'assicurazione già stipulata altrimenti non immatricolano... se tutto è in regola, stampano il libretto nuovo al momento e se richiesto (nel mio caso no) aprono un cassetto e ti danno una targa nuova. Tentato da questa semplicità burocratica e dal prezzo abbordabile, ho concluso l'affare e portato a casa la PX125E elvetica. Penso che fosse un modello nato da esportazione perché ha il miscelatore automatico pur essendo una 125cc, se non erro in Italia c'era solo per le 150/200cc. Il proprietario mi disse che da sempre c'era montato un gruppo termico Polini (apparentemente il 177 in ghisa), già da prima che la prendesse lui... ma che era stato semplicemente montato rivedendo la carburazione: niente marmitte o raccordatura al carter. Il resto pare sia tutto originale. Sebbene prima di prenderla l'avessi provata un po' nei dintorni e sembrava tutto a posto, i primi momenti non sono stati facilissimi: era ferma da diverso tempo e ha dato qualche problemino nelle settimane successive all'acquisto. Niente di grave, però comunque un po' di seccature ci sono state... Tanto per cominciare una domenica che eravamo in giro in due, la gomma posteriore ci ha abbandonati (o meglio, la camera d'aria) nel bel mezzo della campagna... ed ovviamente ero senza chiave per montare la ruota di scorta. Le frecce posteriori non ne volevano sapere di accendersi e ho dovuto pulire i contatti e cambiare un cavo. Il fanale anteriore era da pulire o la revisione non la passava. Il rubinetto del serbatoio ha cominciato a perdere un po' di benzina... Diciamo che per ora ho risolto quasi tutto ma ho ancora un paio di dubbi, di cui vi parlerò a breve in altri post da officina Il mio sogno, per pura passione, sarebbe rimetterla completamente a nuovo facendola riverniciare e rifacendo il motore... sarebbe anche l'occasione per rettificare e raccordare 'sto Polini. Dall'altra parte ho un po' paura ad iniziare, sto già lavorando su un altro progetto con una Husqvarna e ho poco tempo libero, non so se mettermi a toccare una Vespa che alla fine funziona e ha una carrozzeria ancora in condizioni decenti. Però le mie manie di perfezionismo vorrebbero questa Vespa in perfetta efficienza... vedremo, comincierò col chiedervi i primi dubbi poi magari l'anno prossimo con più tempo (e soldi) valuterò se tentare l'avventura di restauro. Qui le foto (ho rimosso poi il portapacchi perché per il momento non mi serve e non mi piace esteticamente): https://ln2.sync.com/dl/96a920040/huv5juxv-6yc6wef5-uubk3d3y-i9jvp9qg
  8. 1 point
    Ciao Gianluca..se vuoi posso darti la lunghezza di quello della vbb..non penso ci sia differenza.. Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
  9. 1 point
    Ecco bravo è li che volevo arrivare...[emoji6]Si può lavorare con rapporti di compressione più elevati. Vol.
  10. 1 point
    dimenticavo,una benzina con 100 ottani, non aumeta la prestazioni dinamiche rispetto a quella di 95
  11. 1 point
    ciao, ottano unità di misura che influisce sul controllo e la velocità della combustione ,inoltre è antidetonante. Più si sale con l'unità di misura e più influisce su quanto detto
  12. 1 point
    Non ti sbagli perché l'etanolo non va d'accordo con le guarnizioni di alcuni motori...come avevo già scritto aggiungo un additivo apposta per ovviare al problema...gia dalla benzina con piombo a quella verde i paraolio vespa durano meno ,poi metti etanolo .....
  13. 1 point
    Un aiuto ...https://www.sicurauto.it/news/benzina-100-ottani-serve-davvero/
  14. 1 point
    Meglio che io passi per un rompiglioni, piuttosto che far dire un'inesattezza a MrOizo! Anche perchè c'è il rischio che, avendolo detto MrOizo che i 200 Rally erano Giallo Canyon, possa far pensare che sia vero. Insomma, è così che un errore corre il rischio di passare per cosa vera.
  15. 1 point
    No sagomato prima .. lavoro finito.. praticamente ho messo un tubo di diametro 70 mm..e su quello ho sagomato il pezzo. Poi ovviamente ho tensionato sul tunnel.. Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
  16. 1 point
    E comuque, non mi risulta che esista un motore con avviamento elettrico ma senza mix.
  17. 1 point
    Ciao a tutti. Come al solito si riesce a fare qualcosa il sabato..e la domenica mattina..sono andato avanti con il rinforzo nella curva del tunnel .. dopo aver fatto la dima di cartone l'ho replicata su lamiera da 1,2 mm..ma prima di saldarlo ho pulito per bene l'interno con Nitro e aria..dato una bella mano di zinco spray..sia nel tunnel che nell'interno della pezza..e poi presentato il tutto..ho saldato.. Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
  18. 1 point
    L'ultima volta che ho provato una 100 ottani era la V-power della shell ed avevo un'altra configurazione di motore. Oggi mi sono trovato casualmente a fare benzina ad un Q8 ed ho fatto il pieno con la loro 100 Qualcosa cambia in effetti: Il motore produce molte più vibrazioni e perde un bel po' di giri. La sensazione è Non è la benzina per il mio motore. Gg
  19. 1 point
    GUIDA PER GSF DYNO PREMESSA! Ho iniziato da molto poco a smanettare con Gsf Dyno, non sono assolutamente un esperto né del software né del funzionamento di un banco prova reale, né di nulla in questo ambito. Voglio solo dare il mio contributo proponendo una guida completa all'utilizzo del software, perché credo che possa essere utile a molti 😊 GSF DYNO è un software che simula un banco prova. In parole molto povere: si fa una tirata su strada, si registra un file audio con i giri motore, lo si fa analizzare dal software che applica il suo algoritmo, insieme alle molte variabili che vi chiederà di inserire (peso, coefficiente d'attrito, ecc). Il software è relativamente molto affidabile, forse non sarà come un banco prova reale, quindi i valori assoluti di potenza e coppia forse non saranno attendibili al 100%, però è ottimo per fare paragoni tra piccole modifiche, per esempio marmitta1 vs marmitta2, o carburatore1 vs carburatore2, o anticipo fisso vs anticipo variabile, e cose del genere. Aggiungo (ma è solo una mia opinione) che mentre nei banchi prova reali si ha un rullo frenato che può solo "simulare" le reali condizioni della strada, GSF Dyno analizza un file registrato durante una reale prova su strada. Questo potrebbe giocare a favore del software in quanto a precisione ed affidabilità. Questo è un semplice test che ho effettuato io, provando sullo stesso motore una padella Sito originale, una Pinasco Touring, e una Megadella v5cl3: Il software GSF Dyno lo trovate a questo link: http://atom007.heimat.eu/tmt/gsf_dyno_download.html Cliccando su "TTT Bundle for Win32 english version" scaricherete un pacchetto di 3 software tra cui GSF Dyno (gli altri 2 sono software per lo sviluppo di marmitte e teste). Una volta installato ed avviato il programma, vi si aprirà una finestra completamente nera, e subito dopo la schermata principale di GSF Dyno. Non chiudete l'altra finestra nera. Vi spiego ogni comando partendo dall'alto a sx, con i valori da impostare. Tali valori sono stati raccolti da consigli di persone più esperte e capaci di me che utilizzano GSF da parecchio tempo, ed inoltre su forum tedeschi (lo sviluppatore del software è tedesco): - WAV file: cliccando su "..." si può caricare il file audio in formato WAV. Più avanti darò alcuni dettagli in più - Edit wav file by hand: lasciate questa casella con la spunta, servirà per permettervi di "correggere" il file wav - Left channel: lasciate "dynamo/micro" se avete in mente di utilizzare un semplice microfono o il circuito apposito per registrare i giri del motore - Total weight: il peso TOTALE (peso del mezzo con tutti i suoi liquidi - serbatoio compreso - più peso pilota, più eventuali zaini, portapacchi, salami formaggi damigiane di vino e altri beni di primaria necessità). Cercatevi su google il peso del vostro px da una scheda tecnica, e aggiungete il resto - Cd value: coefficiente di attrito; impostate 0.5 - Frontal area: superficie frontale; impostate 0.75 - Rolling Friction Coefficient: coefficiente di frizionamento rollante (scherzo, non so la traduzione corretta 😅) impostate 0.015 - Gear ratio: l'esatto rapporto della marcia in cui eseguite il test (più info dopo). Aprite questo sito: http://gearingcalc.free.fr/ cliccate su "base" e scegliete il cambio del motore di partenza. Poi sotto impostate pignone e corona. Guardate il numero più basso della colonna relativa alla marcia in cui avete eseguito il test. Esempio: il lancio su strada l'avete fatto in 2a marcia? Inserite i dati del cambio sul sito, guardate l'ultimo numero sotto a "2nde", per esempio 9.97; impostate questo numero su "gear ratio" su gsf dyno. SUGGERIMENTO! Poiché la Vespa ha l'aerodinamica di una betoniera, mi è stato consigliato di eseguire il test senza raggiungere velocità troppo elevate, che potrebbero sfalsare i risultati. Diciamo che sarebbe bene tenersi sotto i 90 km/h grossomodo. La mia Vespa raggiunge circa 75 km/h gps in 2a marcia e circa 100 km/h gps in 3a, quindi il test lo eseguo in 2a marcia. Per scrupolo ho provato a confrontare le curve di 2 test eseguiti lo stesso giorno sulla stessa strada, e ho notato che quelli fatti in 2a marcia (col software impostato di conseguenza ovviamente) mi danno sempre un minimo di potenza in più rispetto a quelli fatti in 3a, che rientra comunque nel margine di errore di GSF. - Tyre circumference: circonferenza pneumatico; la cosa migliore è mettersi sulla vespa e misurare la circonferenza esatta; se invece siete pigri, gsf ha un elenco dei pneumatici più comuni, ma ricordate che i valori non saranno perfetti perchè variano in base alla pressione gomme e al peso totale; cliccate sul pulsante, poi su "tyre list"; si aprirà un menù con vari tipi di pneumatici; selezionate il vostro, quindi cliccate su "accept", poi di nuovo "accept", poi chiudete la finestrella piccola - Filter lenght: lunghezza filtro, impostatela su 1.75; più è alto il valore, più il grafico risulterà "omogeneo"; più il valore è basso, più il grafico sarà "ondulato". Se la curva è troppo ondulata (filtro basso) risulterà poco realistica, troppo irregolare. Viceversa, se la curva è troppo omogenea (filtro alto), potreste non rilevare eventuali "vuoti" dovuti a carburazione & simili, o eventuali frizioni che slittano (🙄) - Dynamo/mic signal per rot: se registrate con microfono impostate 1, se registrate con circuito provate 2, 3 o 4 finché il segnale da analizzare sarà chiaro. - Wheel sensors: impostate 1 - Calculate graph: calcola grafico - Plot graphs only to vmax: lasciate la casella selezionata - Clear cache: rimuove le operazioni che avete eseguito per "correggere" il file audio. E' complesso da spiegare, in poche parole cliccando qui il software "dimentica" ogni operazione di correzione che avete fatto sul file audio, permettendovi di ricominciare da capo - Comment: permette di aggiungere un commento a sinistra del grafico, per rendere più facile capire a cosa corrisponde ogni curva. Se non aggiungete nulla qui, potrete comunque aggiungerlo in seguito, una volta creato il grafico. - GSF Dyno v0.1.19: cliccando qui potrete aggiungere un commento in alto in cima al grafico, una scritta che non sarà relativa a una singola curva, ma a tutto il grafico. Esempio: se voglio provare marmitta 1 vs marmitta 2, metto come commento (punto precedente) il nome della marmitta tipo "Espansione XY", mentre come titolo generale del grafico metto la configurazione generale del motore (gt, fasi, aspirazione, carburatore, insomma tutti i dati rilevanti che NON varieranno in questo test). Così facendo se a distanza di tempo vi servirà guardare la curva di una marmitta testata tempo addietro, saprete anche la configurazione completa del motore su cui l'avete testata, e credo che questo sia molto importante in quanto una stessa marmitta ovviamente rende bene sul motore X e male sul motore Y, se sono configurati molto differenti. - X axis: impostate RPM - Y axis: impostate Power (PS) / Torque (Nm) - Right channel: lasciate "dynamo/micro" se avete in mente di utilizzare un semplice microfono o il circuito apposito per registrare i giri del motore - Air temperatur: temperatura aria - Air pressure: pressione aria - Minimal RPM: giri motore minimi da far analizzare al software. Lasciate pure 500 - Maximal RPM: giri motore massimi da far analizzare al software. Potete lasciare il valore standard, oppure mettere un valore appena superiore ai giri massimi che il vostro motore può fare. - Add parameter to comment: lasciate questa opzione senza spunta - Save: cliccate qui per salvare tutti i dati appena compilati in un apposito file, che potrete caricare ogni volta che avvierete GSF invece di re-inserirli ogni volta manualmente uno per uno. Attenzione: salva anche le info riportate come "commento" di cui parlavo sopra, quindi occhio! Vi conviene lasciare vuoti i due campi relativi ai "commenti" prima di fare "save" - Load: cliccate qui per caricare il file appena citato Dunque, GSF è finalmente pronto per essere utilizzato. Come va registrato il file audio? Io ho provato per ora due metodi. 1) il più semplice ma anche il meno preciso; un semplice microfono, che può essere di uno smartphone o (meglio) di una macchina fotografica o videocamera, che hanno un microfono sicuramente di migliore qualità 2) il più "complesso" ma anche il più preciso; si realizza un apposito circuito (più info dopo) per "leggere" il segnale direttamente dall'accensione e trasmetterlo ad un apposito registratore, in modo da avere un segnale chiaro e pulito dei giri motore La mia esperienza è stata che registrando con microfono il segnale era relativamente chiaro e pulito a vedersi, però GSF faceva comunque difficoltà a selezionarlo bene. C'era bisogno di "correggerlo" con lo strumenti apposito più e più volte. Invece il file registrato tramite circuito, ad occhio non sembra essere granché più pulito, però GSF lo rileva subito perfettamente nel 99% dei casi, risparmiandoci il tempo necessario per correggerlo. Se registrate con microfono, io ho ottenuto buoni risultati registrando con una macchina fotografica Canon, posizionata nella tasca più bassa di uno zaino, in modo da non avere il vento che disturba. Per il circuito invece vi lascio qui di seguito lo schema. E' un semplice circuitino con 2 resistenze e 2 diodi da saldare su una basetta millefori. Le mie conoscenze in elettronica sono pari a 0 (Flavio ne sa qualcosa haha) però sono riuscito comunque a costruirmelo. Vi consiglio di saldare inoltre all'ingresso e all'uscita del circuito 2 morsetti a vite, per poterci comodamente collegare i rispettivi cavi positivo e negativo (grazie Iena! 😎). Una volta completato il circuito inoltre, è bene - quando è in funzione - isolarlo per evitare cortocircuiti vari, facendo in modo che non tocchi nessuna parte che va "a massa". Io lo tengo in una custodia per occhiali. Questo è il mio registratore con il cavo jack (ingresso line-in) che arriva dal bauletto: In pratica il circuito prende il segnale dall'accensione, quindi il positivo in ingresso potete prenderlo da qualsiasi cavo positivo, io l'ho preso da uno dei due cavi che vanno al clacson dietro al nasello (Vespa pxe '82), l'ho fatto arrivare al bauletto portaoggetti passando per il foro già esistente per i cavi frecce, e lì ho preso la massa da una delle viti che fissano il nasello al telaio. CIRCUITO PER REGISTRATORE LINE-IN Io ho preso un semplice registratore di una 30ina di € su Ebay. Comunque esistono 2 tipi di registratore, con ingresso "mic-in" e "line-in". La differenza precisa non la so, però so che il circuito che dovete costruire varia a seconda dell'ingresso del registratore. Se avete già un registratore con ingresso mic-in, utilizzate il circuito qui sotto. Altrimenti, se dovete comprare un registratore appositamente per GSF come ho dovuto fare io, prendetene uno che abbia l'ingresso line-in e costruite il circuito mostrato prima. CIRCUITO PER REGISTRATORE MIC-IN In entrambi i casi, sia che registriate con semplice microfono o col circuito apposito, GSF ha bisogno di un file formato "wav" di un preciso tipo; il mio registratore ad esempio, crea file audio "wav" ma questi non possono essere letti direttamente da GSF perché qualche particolare valore intrinseco del file (non so cosa di preciso) non va bene. Ho bisogno di convertirli nel formato wav corretto prima. Lo faccio tramite questo software, WINAMP http://www.winamp.com/ Una volta installato, lanciate il programma e cliccate in alto su "options" e poi "preferences". Andate quindi su "plugins" e poi "output". A sinistra, cliccate 2 volte su "nullsoft disk writer". Mettete la spunta su "output to directory containing source files". Chiudete tutte le finestre relative a Winamp e siete pronti. Una volta registrato il file wav, se questo non è leggibile da GSF, vi basterà aprirlo con Winamp, il quale creerà un file dal nome simile nella stessa cartella del file iniziale. Una volta che avrete il vostro file audio in formato WAV che GSF può leggere, caricatelo nel software col tasto "..." poi cliccate a dx su "Calculate graph". Vi si aprirà una schermata blu con delle onde, alcune più nitide altre più sfumate. A voi interessa quella che arriva ai giri che il vostro motore è in grado di fare nella marcia in cui avete fatto il test. Nel mio caso, il mio motore arriva a circa 9mila giri in 2a marcia, quindi cercherò la linea che arriva a 9mila giri, anche se non è quella più nitida. Cliccate col mouse all'inizio dell'onda scelta, appena prima che inizi a salire, e trascinate fino alla fine dell'onda, dopo il picco massimo, quando è scesa. Nella nuova finestra, cliccate "next". Ora vedrete che è comparsa una sottile linea nera. Questa linea dovrà combaciare perfettamente con la linea che avete scelto prima. Per farla combaciare, dovrete "cancellare" col mouse tutte le altre linee; sembra complicato all'inizio ma dopo un paio di volte capirete come funziona. Le prime volte vi toccherà cancellare quasi tutto nella finestra tranne la linea che volete evidenziare. Dopo capirete come funziona e ci metterete molto meno tempo, cancellando solo le parti che "ingannano" il software. Inoltre, ho notato che i file registrati tramite circuito di solito non hanno bisogno di essere "corretti" in questo modo, la linea nera infatti sarà già perfettamente allineata con l'onda corretta. Una volta che la linea nera combacia, cliccate su "done". Vi si aprirà il grafico con la vostra curva di potenza/coppia. Cliccate in alto a dx per mettere la finestra a tutto schermo (altrimenti alcune opzioni in basso non vi saranno visibili, almeno sul mio pc funziona così). A sinistra potrete modificare il nome della curva e il suo colore. Da qui, per aggiungere un'altra curva nello stesso grafico (magari perché volete paragonare due marmitte diverse), dovete ridurre ad icona la finestra col grafico (SENZA chiuderla), e ripetere tutta la procedura per il secondo file audio. Una volta che il secondo file audio sarà caricato, corretto ed analizzato, avrete entrambe le curve sullo stesso grafico. In basso a dx, col tasto "screenshot" potrete salvare l'immagine del grafico. A questo link potete trovare un breve video che ho realizzato in cui spiego passo passo come aprire un file wav, correggere eventuali picchi anomali, ricavarne la curva potenza/coppia, ed infine mettere più curve sullo stesso grafico. https://www.youtube.com/watch?v=BW6I6owlYZg Se siete riusciti a leggervi tutto sto mattone, direi che avete tutta la pazienza e la buona volontà di mettervi a smanettare con sto software 😊 Buona fortuna!
  20. 1 point
    Peccato che decide il mercato e le ideologie: se penso alla guerra al diesel...
  21. 1 point
    La mia special del '80 stesso colore, non aveva alcuna piastrina e la cuffia era identica a questa con logo esagonale. Vol.
  22. 1 point
    ciao, sabato mattina alle 06,30 sono partito da casa (Lacchiarella) destinazione Pomposa.Lodi,Cremona,Mantova,dopo Mantova ho fatto una deviazione dopo Cerea per trovare un'amico e dopo un'ora sono ripartito, Castelmassa,Ferrara,Tresigallo,Massafiscaglia e alle 12,00 ero Pomposa in occasione della 500 km vespistica ,ho salutato degli amici poi verso le 14,30 sono ripartito verso casa,MA a causa della quantità assurda di autovelox ho optato (con un po di timore)per l'autostrada,Porto Garibaldi-Ferrara,Ferrara-Bologna-Bologna-Milano. Alle 17,30 arrivavo a Lacchiarella percorrendo in solitaria 640 km.Vespaproblemi ZERO,il sottoscritto pensavo peggio!
  23. 1 point
    Buona notte visto l'orario... Sono rientrato sabato dal giro in vespa, percorsi 2007 km in 5 giorni, considerando che sono partito Lunedi 16-09-2019 alle 10.10 da Verbania Fondotoce alla volta di Genova che dista 234 km da conta km vespa in 3 ore, Verbania Arona Novara Mortara Lomello Sale Tortona Serravalle Scrivia Busalla Genova. Percorso tutto strade provinciali e statali consumato 11 litri di miscela, parecchia ma per sostenere certe medie devi aprire e dare gas. Diciamo che fino ad Arona ci sono curve poi fino a Serravalle solo lunghi rettilinei. Primo giorno in Sardegna percorso da Porto Torres a Cagliari passando per Alghero, Bosa, Oristano, Guspini ,Arbus, Buggerru Masua Carbonia Cagliari, circa 400 km in 11 ore compreso tappa pranzo ma niente cena. Dormito a Quartu S. Elena in un affittacamere decoroso ma ho dovuto lasciare la Vespa in strada e la cosa non mi ha fatto dormire. Secondo giorno Partenza all'alba da Cagliari, per arrivare fino a Siniscola dove ho cenato e pernottato presso Agriturismo Punta Lizzu. passando per Villasimius, Muravera, Quirra, Tertenia, Barisardo, Tortoli' Arbatax Lotzorai, Baunei Genna Silana Dorgali Orosei Siniscola. Agriturismo con cordialità e qualità eccellente. Terzo giorno Da Siniscola a Sassari passando per Posada, Budoni, San Teodoro, Murta Maria Olbia Calangianus, Tempio Pausania Ploaghe Sassari. Quarto giorno Sassari Olbia passando per Castelsardo, isola rossa Santa Teresa di Gallura, Palau Olbia dove mi sono imbarcato per Livorno. Quinto giorno Livorno Verbania... Da Pisa a Borghetto in AUTOSTRADA poi passo del Bracco, passo della Scoffera busalla e poi a ritroso Verbania Fondotoce Sostituito cavo cambio a Pisa perche sulla nave cercando di mettere la prima il marinaio me lo ha seriamente lesionato tutto il resto OK
  24. 1 point
    Ciao ba tutti.. stamattina mi sono finito il lavoro del lembo che la ruggine si era mangiato..saldato.. rifinito..ed il prossimo lavoro sarà mettere su la pedana.. Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
  25. 1 point
    Allora, come cuffia ci vuole quella della special e simili, più "stretta" della tua ma alta circa uguale. NON quella et3-primavera. Marmitta serpentone non l'ho mai avuta ma credo che vada bene con la ruota di scorta. La campana meglio con i parastrappi. Ci vorrebbe qualcuno più esperto su quest'argomento per il giusto consiglio. Il filtro onestamente non ricordo, dipende dal tipo di 19. La serie shbC credo abbia tutta il filtro con scatola in plastica tipo pk per intenderci
  26. 1 point
    Con questa flangia apposita BGM ti provi sul T5 tutte le marmitte che vuoi senza doverle tagliare e risaldare.
×
×
  • Create New...