Jump to content


  • Posts

    • Le partite iva hanno spese da sostenere che diventano sempre più pesanti, e qui non ci piove, inoltre un professionista ha anche delle responsabilità verso il cliente che possono sfociare nel penale (come giustamente fa notare @Big Cesco) , ed è corretto che si faccia pagare il dovuto che sicuramente sarà di più di chi non ha nulla da versare allo stato. Che poi ci sia chi se ne approfitta penso che siamo tutti d'accordo. Però vorrei dire una cosa:  di fronte ad un'offerta di riparazione esagerata (o presunta tale) uno può anche dire di no o comunque prima può informarsi sulla bontà della riparazione. Detto ciò vorrei che la discussione procedesse come ora su livelli di dibattito civili, Lo dico prima che prenda pieghe sbagliate. Ciao Gg
    • Premetto che non capisco questo sfogo in una discussione ferma da anni...e poi essere iscritto dal 2018 e postare l'unico post della sua storia nel forum dopo 4 anni...mah... In ogni caso, se lo stipendio di @Big Cesco è di 1400€ netti al mese, da capofficina con 40 anni di esperienza, beh...c'è qualcosa che non va. Quello stipendio lo prende un ventenne operaio generico in fabbrica. Mi viene anche da chiedergli se lui spenderebbe la metà del suo stipendio per far riparare un mezzo il cui valore è prettamente affettivo più che monetario, e magari con resto ci deve pagare affitto, bollette e mangiare magari anche per moglie e figlio. Diciamoci la verità: meccanici ed officine ci navigano alla stragrande coi prezzi, poi ognuno la pensi come vuole. Posso portarne di esempi quanti ne volete...basti pensare a quanto viene fatto pagare un tagliando di manutenzione ordinaria ad una utilitaria o auto media, che solo di olio, filtri (tutti) e liquidi rabboccati non si arriva a 100€ di listino, e di tempo non ci vuole più di un'ora o due. Per la mia peugeot 208, di due anni, mi è stato fatto un preventivo di 380€....ma stiamo scherzando?? Qualche meccanico onesto si trova ancora per fortuna, sulle vespe è un po' più difficile.
    • Ciao Coni, grazie per l'intervento. In effetti si, la frizione va meglio con quest'olio, anche se lo saprò tra qualche tempo. Sul fatto che sia un olio motore per 4T ho avuto anch'io dei dubbi, ma come dicevo non ci capisco una ceppa sugli additivi. Ho letto le specifiche del Transoil (che allego) ma non vedo questa specifica "MA2"; però ripeto: sono proprio ignorante sugli oli. Ciao Gg TRANSOIL_EXPERT_10W-40_it_IT_motul_74300_20220303.pdf
    • Specifica MA2 vuol dire che non ti da problemi e sicuramente ci fai tanta strada.   Però... rimane un olio motore per 4t con additivi per poter esser compatibile con cambio e frizione. Nel listino Motul esiste la serie Transoil dove si ha anche un 10w40 semisintetico, che è un olio specifico SOLO per frizione e cambio di motori 2t e motori 4t con lubrificazione separata del motore. Ripeto, va bene pure quello che hai preso, però il Transoil è un vero olio per trasmissioni mentre l'altro è un olio motore per 4t motociclistici.
    • Fammi capire: ti sei iscritto nel 2018 per rispondere, nel 2022, a una discussione iniziata nel 2009 e ferma dal 2011. Ti segnalo che è buona norma presentarsi prima d'iniziare a interloquire.

Leaderboard

Popular Content

Showing content with the highest reputation since 04/16/2022 in all areas

  1. Fammi capire: ti sei iscritto nel 2018 per rispondere, nel 2022, a una discussione iniziata nel 2009 e ferma dal 2011. Ti segnalo che è buona norma presentarsi prima d'iniziare a interloquire.
    2 points
  2. ...dopo una pausa forzata (altri lavori più urgenti) si riprende in mano l'Ape: tiraggio cabina per riquadratura porta dx, causa probabile urto dopo rovesciamento sul fianco sempre sx e altre botte frontali. Abbiamo proceduto col dozer inquanto ci è sembrata la soluzione migliore...
    2 points
  3. @Big Cesco capisco il tuo modo di vedere le cose, quando ti riferisci ai costi che un professionista in regola deve sostenere, e che parte dell incasso se ne va in spese.. Ne so qualcosa nella mia attività. Però su una cosa non sono d'accordo. Qui siamo in un forum di vespa, dove ci si scambiano consigli su come operarare sui mezzi, se si ha passione e manualità è bello metterci mano ma in modo "intelligente".. Posso dire che grazie ai forum riesco a rifare un motore vespa senza problemi e lavorarlo ed elaborarlo con operazioni di fresatura rifasatura ecc... Tutto partito dalla passione. Poi naturalmente se uno non è in grado è giusto che si affidi a chi di competenza. Sul mondo vespa penso che si possa imparare tranquillamente dai forum che sono fatti per scambiarsi opinioni e consigli.. E poi la soddisfazione di aggiustarsi la vespa da soli è impagabile.
    1 point
  4. Visto anche che lo ha gia fatto due volte(con lo stesso albero motore suppongo)puo darsi che il problema sia anche la biella.Accoppiamento troppo stretto con gabbia e spinotto oppure biella fuori squadra tra le varie cause.Oltre a quelle gia scritte da Pier2162.
    1 point
  5. Ciao amici, video molto poco serio sulle Caratteristiche della nostra amata!
    1 point
  6. Il difetto della vespa è solo uno: genera dipendenza! 😁😉 Ciao, Gino
    1 point
  7. Alla fine abbiamo deciso con il mago dei motori che mi sta rifacendo di saldare e rettificare
    1 point
  8. Se si parla di bagno decapante, che è sostanzialmente un lavaggio con agenti chimici, la bonifica arriva letteralmente ovunque, dove nemmeno la sabbiatura arriva. Il telaio viene immerso completamente in vasca, ed è facile intuire che gli acidi penetrino oltre che in qualsiasi punto dello scatolato, anche in mezzo alle sovrapposizioni lamiere, quindi dentro le giunzioni di mezzeria, labbri tunnel, ecc. E' il non plus ultra dei trattamenti, ma il costo è purtroppo oneroso.
    1 point
  9. Ciao anche io sono alle prese con una 50L 67, mela conservata, sulla quale dovrò pulire interno tunnel. Sulla mia chiaramente non potrò sabbiare, quindi penserò ad un ciclo di lavaggio con chimici appositi, che devo ancora decidere. Se tu devi sabbiare , un sabbiatore con professionista ha apposite pistole/ canule da inserire nelle cavità per bonificare scatolati , nel nostro caso da foro pedale freno, da sotto il nasello, e da pozzetto. se lamierato pedana / scudo è ok viterei apertura /chiusura per bonifica. Se non ti convince che la sabbiatura possa davvero essere efficace all'interno , valuta a questo punto un bagno decapante , magari associato a cataforesi (quest'ultima non mi fa impazzire per la tonalità finale in quanto nel 99% dei casi ha finitura nera). Allora li sei sicuro di sterilizzare tutto. Ho visto che sei sardo, fossi stato più vicino ti avrei dato contatto.
    1 point
  10. Nel frattempo lucido alcune parti come il pedale del freno e la pedivella e inizio ad aprire il motore ma di questo posterò alcune foto più avanti. Intanto mi chiama il carrozziere per consegnarmi la roba e qui partno alcune imprecazioni. Noto che sulla forcella ha scritto il mio cognome..penso "vabbè al massimo con un panno leggero leggero va via" e invece ha usato un pennarello indelebile!!!!! 😡😡 e quando glielo faccio notare mi risponde "vabbè ma tanto quella parte va sotto e non si vede" 😡🤬🤬 Avevo chiesto se alla marmitta, che avevo trovato originale e con ancora il suo bel colore ramato di quegli anni, passasse SOLO una mano di trasparente opaco al fine di preservarne il colore e invece senxza che glielo avessi chiesto ha pensato bene di dargli una passata prima in modo da toglierlo. Almeno la carrozzeria si presenta bene e in tutto il suo splendore..ero indeciso se farla verde paraggi ma mi ha fatto presente, dopo aver chiesto a un suo amico dell'ASI, che con quel colore qualora un domani avessi voluto iscriverla nel registro storico probabilmente non me l'avrebbero accettata poichè è un colore di cui ci sono ancora seri dubbi sull'autenticità per cui c'è chi lo riconosce e chi fa storie. Morale della favola..anche se il telaio inizia con un 510XXX ho optato per un Giallo Positano (si lo so..non c'èentra con il telaio ma gli altri colori proprio non mi piacevano..😅) E mentre ancora impreco per le cose che ho chiesto e che non sono state rispettate, noto che ho compagnia! e almeno lei mi riporta un pò su il morale...☺️ Si riposa! e rimane li ferma a farmi compagnia.. per cui decido di sospendere un pò ciò che stavo facendo e mi stappo una bella birra...🍺😊
    1 point
  11. Non è vespistica.... ma è comunque una bella placca del 1935
    1 point
  12. ciao, 3,3 di squish?? Vuol dire che non hai squish! E' troppo
    1 point
  13. Bellissima vespa Ti ho caricato le foto estratte dal file pdf Ciao Gg
    1 point
  14. Non ti serve,con i rapporti che hai va fuorigiri tranquillamente anche in quarta,in salita e con un carro bestiame attaccato dietro.
    1 point
  15. Grazie mille sei stato molto chiaro e gentile, la moto non e proveniente da furto in quanto era di famiglia
    1 point
  16. Ciao amici, nei miei video avrei piacere di creare una rubrica dedicata alla storie di viaggi, inizio io raccontando una storia che alcuno di voi si ricorderanno, in quanto la raccontai proprio qui per primo. Ora ve la racconto in video!
    1 point
  17. Il video è simpatico ma secondo me, con un piccolo passaggio in più, si toglie il carburatore dalla sede e lo si pulisce come si deve. Per il tuo problema fai così: Togli il coperchio e fai una prova senza per vedere se cambia qualcosa. Nel caso dovesse cambiare, può significare che potresti avere il passaggio dell'aria, che parte dal sottosella, ostruito. Ti sei annotato i valori dei vari componenti delle colonne dei getti? (o come li chiama Agatino "gli spruzzi") Ciao Gg
    1 point
  18. Senza essere di parte con nessuno, porto la mia esperienza in 42 anni di vespe... Negli anni 70~80 si usava fare miscela direttamente al distributore, dove veniva utilizzato principalmente olio minerale, tant'è che in 5000 km si otturavano la luce di scarico al cilindro e lo spaccafiamma della siluro della mia et3, e vai di smontaggio e pulizia. Molti grippavano perché quegli olii erano di scarsa qualità, allora si faceva miscela al 3% ma con poi gli esiti di cui sopra. Con gli anni e l'arrivo degli olii sintetici per i motori a 2 tempi le cose sono notevolmente migliorate, soprattutto con certi marchi di olio a combustione pulita e bassa fumosità, uniti a eccellente lubrificazione. Alcuni di questi olii sono anche utilizzati in ambito aeronautico nei motori a 2 tempi degli aerei ultraleggeri, proprio per il fatto che hanno grande affidabilità e residui di combustione bassissimi, prova ne è che i suddetti motori vengono smontati dopo x ore di volo per la revisione obbligatoria, e si trova tutto perfettamente pulito senza incrostazioni (conosco piloti che li utilizzano espressamente per questo motivo, oltre che per la sicurezza di lubrificazione ed affidabilità, e sono della marca che indico sotto...). Uno tra i migliori olii per i motori 2 tempi ed in particolare degli scooter è il Silkolene Scoot 2 prodotto dalla Fuchs, si trova facilmente online a prezzo buono ed è davvero ottimo, lo uso da anni e mai un problema. In occasione di un controllo al cilindro dopo circa 4000 km non ho trovato nessuna incrostazione né sul pistone né allo scarico. Ho usato gli olii della Fuchs per anni sulle mie moto, stradali e da cross, oltre che sulle vespe, e mi sono sempre trovato bene. Piuttosto che bruciare una marmitta io la cambio, ma preferisco evitare che si incrosti a monte. Poi ognuno è libero di fare ciò che meglio ritiene.
    1 point
  19. Per come è fatta la marmitta del px è impossibile che possa tapparsi sia da originale che, a maggior ragione, da modificata. Pulire internamente una marmitta, se non parliamo di quelle da gran premio studiate al decimo di millimetro, è una operazione che non ha senso perché la marmitta si "autoaggiusta" depositando i residui carboniosi nei tratti troppi grandi (per dirla semplice). Questo in generale. Se parliamo delle semi-espansioni per vespa, ha ancora meno senso perché la "pulizia" rovina sia il fonoassorbente sia la robustezza della lamiera (che viene giocoforza ossidata). Morale della favola: non "pulite" le marmitte 😘
    1 point
  20. Ciao amici, in questo video vediamo come cambiare il pignone, nello specifico installando uno z21, sulla frizione 8 molle!
    1 point
  21. Bella idea Adesso poi è nella sezione giusta! Ma com'è fissata? Ciao Gg
    1 point
  22. Aggiornamento (da ridere) con premessa. La mia lunga esperienza lavorativa mi ha insegnato di controllare i malfunzionamenti dall'alto al basso. Quindi parto come suggerito dalla candela per scoprire che non ho la bussola del 21. Quindi respirone, me la metto via e parto dal serbatoio. Apro il tappo e controllo se ci sono schifezze. Risultato? Schifezze quasi niente ma ero praticamente a fine riserva... Ci saranno stati si e no tre cucchiai di miscela! Nelle due occasioni in cui si è spenta in corsa, una era ad un incrocio in frenata in discesa, l'altra in corsa in discesa. Qualcosa mi dice che la combinazione frenata/accelerata/pendenza impedivano la poca benzina che c'era nel serbatoio di arrivare al carburatore... Morale, credere alla lancetta del pieno fino ad un certo punto. La spia della riserva non funziona 😂. Adesso vado a comprare la chiave per la candela che un giorno viene buona! Grazie mille ragazzi e buon fine settimana!
    1 point
  23. Marben, le specifiche tecniche per la costruzione delle targhe sono disponibili presso la motorizzazione e nel regolamento del CdS, anno per anno, ovviamente. Altrimenti l'Istituto poligrafico della Zecca dello Stato come farebbe a sapere come stamparle? E quelli del ministero non lo sanno? Ciao, Gino
    1 point
  24. 1 point
  25. allora ecco un link di un simpatico vespista come noi che si diverte a metterci mano (https://www.sonoinofficina.com/statore-vespa-come-testarlo/). Non serve smontare nulla devi solo staccare i fili che arrivano alla centralina (quella da cui parte il cavo alta tensione che arriva alla candela) sono nell'ordine verde bianco e rosso. ti servirà solo il multimetro (tester) con cui misurare i valori e verificare che siano entro specifica, non troverai mai il valore esatto dichiarato ma sempre una misura che si avvicina entro una certa tolleranza. è un lavoro alla portata di chiunque non ti preoccupare, è molto più difficile a dirsi che a farsi. nel caso trovi valori sballati oppure bobine interrotte il mio consiglio è quello di cercare di revisionare lo statore che hai (se originale) perchè i ricambi come dico fino allo spasimo, specie se di concorrenza e specialmentissimamente se molto economici sono soldi buttati.
    1 point
  26. PROSEGUIMENTO FINALE Finito il primo fallimentare collaudo parlo con il tappezziere per sistemare la cappottina. Il tessuto è pronto da tempo basta solo montarla. Due giorni prima del collaudo mi chiama: "il legno non va bene, le asole non sono utilizzabili per quel tipo di materiali". Da li la mia risposta"APPARECCHIALA PER IL COLLAUDO". La ritira un amico il giorno prima che mi avvisa che è inguardabile. Il giorno stesso del collaudo ci collochiamo in disparte e cerco di dare un'ultima sistemata. Qualche minuto dopo mi si avvicnia un ragazzo mai visto: R- Buongiorno dovete fare il collaudo? IO-Si R-Avvicnatevi che inizio a fare i primi controlli IO- Ho l'appuntamento alle 10:30 R- Non preoccuparti gli altri ancora non arrivano Accendo l'Ape e la porto alla pista dedicata. Si inizia con telaio, motore, fumi, luce e clacson. Arriva il responsabile Tecnico con un mucchio di fogli si inizia la diatriba: T- Qui l'omologazione non c'è ho trovato quello della AC3 Calessino e quello della AD1 Calessino Io- E' un problema che ho già segnalato da un pò, ma ho i documenti che indicano l'allestimento a Calessino. T- Questo è nato trasporto merci e successivamente è stato modificato Io- Non credo ho la scheda matricolare che mi hai chiesto di far autenticare che dimostra che è nato Calessino T- Adesso controlliamo Inizia a misurare larghezza, lunghezza, altezza e lunghezza assi delle ruote. Verificato che corrispondeva alla scheda tecnica del AC3 si va a fare la prova freni. Si riaccende il famoso pc con ancora installato windows 2000 (penso che l'ultima volta è stato utlizzata al collaudo della mia AB3 nel 2019) con annessa tastiera con rotella. Posiziono l'Ape sui rulli ma la ruota è piccola (successe la stessa cosa nel 2019 con l'Ape) la sicurezza non fa partire i rulli. Dopo 20 minuti di tentativi si passa alla prova freni visiva: T- Frena sto coso? IO- Certo che vengo a collaudo con i freni malfunzionanti! T-Va bene iniziamo attendo a non sbattere alttrimenti succede un casino Faccio la prova, naturalmente sul cemento liscio, è l'Ape non fa brutta figura. Prova superata. La bastardata finale è stato che i posti sono diventati 4 invece che 5 perchè l'Ape AC3 è omologata per 4 e non per 5. Il mezzo non sarà più motocarro ma triciclo per trasporto persone, perchè nella nuova legislatura non esistono più i motocarri promiscui. Attendo per prendere la targa Finisco alle 9:30 la targa la ritiro alle 13:15. Rivado un mese dopo a ritirare il libretto. Vedo l'errore dell'indirizzo e al tipo di veicolo "Motocarro per trasporto merci o persone non contemporaneo". Segnalo subito le 2 cose e mi rimandano a 2 giorni dopo perchè il giorno dopo sono chiusi. Riprendo il libretto e finalmente si può dire FINITA (in Aci la registrazione al PRA che ho fatto tutto telematicamente senza alcun problema). Questa è la fine di "COME COMPLICARSI LA VITA: RESTAURO AC4 CALESSINO" Notte
    1 point
  27. ... alla fine del sesto giorno, non ancora soddisfatto del suo operato, il Signore creò la miscela al 2% e finalmente si compiacque! Ciao Gg
    1 point
  28. C'ero anch'io..... ricordo tanta pioggia e un freddo terribile
    1 point
  29. Ciao Pier, come sempre grazie dei consigli. La candela non l'ho toccata, ci avevo pensato ma complice il weekend pasquale non ho combinato niente. Non ne ho una di riserva. Ho pensato al discorso del tubo benzina, ma in confidenza mi fa un po' paura metterci le mani. In effetti il meccanico un paio di settimane fa ha smontato il serbatoio per far passare un cavo. Ci provo in settimana, sperando di avere tempo. Se il problema e' elettrico mi tocca riportarla dal meccanico, non ci capisco un'acca. Scusa la mia ignoranza, ma pensavo che in caso di grippata il cilindro si bloccasse completamente all'interno del carter... Vabbe' la laurea in PX si avvicina sempre di piu' a buon rendere!
    1 point
  30. Bella discussione, vi racconto la mia esperianza. Px arcobaleno 1984, Gt Dr 177, frizione 6 molle con 4 fischi in sughero Newfren. Olio cambio motul 80 90 Ho revisionato integralmente il blocco motore che avevo provato a far partire sul banco con il vecchio cilindro 125 originale: partiva! Ora monto il mio nuovo DR rettificato e rivisto nelle fasi, e dopo tanta attesa monto il blocco sulla mia ciospa per vedere se parte: NON PARTE. Sintomi: la pedivella è dura, se forzo la pedata slitta e il volano non gira, soprattutto in compressione. Va solo in moto a spinta, le marce entrano. Comincio a pensare di aver montato male l'avviamento, o di non aver controllato vhe l'alberino della mezzaluna fosse ben dritto, e vado in depressione cosmica perché mi tocca riaprire. Poi nei vari tentativi mi rendo conto che a candela smontata la pedivella va egregiamente, non slitta e torna indietro come dovrebbe. Senza la compressione del pistone dunque tutto ok. I sospetti si spostano sulla frizione, cominciano le ricerche sui forum e mi interrogo se ho assemblato bene la frizione. il fatto che a spinta parta e che le marce entrino mi rassicurano un po' su tutto ma non trovo la spiegazione. a quel punto un'illuminaziine dopo aver consultato vari forum: -e se fosse l'olio che per qualche ragiine fa slittarei dischi in sughero? - ma no, ho montato una quattro dischi per gestire meglio la coppia, il ricambista mi aveva spiegato che avrebbe dovuto avere la tendenza all'effetto contrario, cioè a trasninare anche con frizione tirata... Per essere l'olio dovrebbe essere proorio una ciofeca, l'avevo comprato su un sito che lo dava come ottimo per trasmissioni, anche a detta di altri forum... -infine vado alla Piaggio e chiedo il SAE 30, mi dicono che non si trova più e mi danno un castrol, sempre 80 90... Torni a casa, cambio l'olio e .... PARTE, problema sparito alla pedivella. CONCLUSIONI 1 il motul 80 90 che ho i9 non va bene perché contiene additivi antiattrito che fanno scivolare i dischi. 2 non tutti gli 80 90 sono uguali, proprio per via di questi additivi. 3 il detto "nel PX va bene qualsiasi olio" è un mito che va sfatato. Tra 3 giorni torno dalla mia avata vespa e appena riattivo l'assicurazione la provo in strada e comincio il rodaggio, con tanto di grattatina scaramantica
    1 point
  31. @dragonetribale il parafango anteriore si trova facilmente su ebay...ovviamente da verniciare. Trovarlo usato già in tinta la vedo dura...
    1 point
  32. Complimenti, bell'acquisto! Non ti preoccupare dei puristi, non hanno mai capito che la Cosa è la versione migliorata del PX…
    1 point
  33. Ciao buon divertimento👍 Gubbio è tappa fissa x te?
    1 point
  34. Ops... Hai ragione. Sorry per la gaffe🙏🏻
    1 point
  35. Grazie Baddy, belle foto! 👍 Ciao Luigi
    1 point
  36. Non sono sicuro, ma potrebbero essere francesi. Visto che ti incuriosiscono, allego altre foto ............ si apprezzano meglio alcuni particolari. Ciao Baddy
    1 point
  37. Haha..non sei stato l unico te lo assicuro, ???, pensa mi e capitato ieri di parlare con un vecchio meccanico piaggio di 83 anni perfetto di testa ma e paralizato .., in casa di riposo , mi raccontava che le vespe sono nate x camminare e non fermarsi mai, sono eterne, olio x miscela delle vere porcherie..eppure andavano, olio x il cambio c era chi camminava senza x risparmiare eppure la vespa andava, manutenzione 0 , ora mi a detto siete troppo ossessionati, olio di prima qualita .. sempre ad aprire il motore...ma lasciatele andare ste povere vespe, sono nate x durare e camminare non per stare chiuse nelle officine o nei box godetevele e basta!! Ha ancora la passione delle vespe negli occhi? Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
    1 point
  38. Esattissimo: molti, anche addetti del settore non sanno di questa importantissima differenza: la gradazione sae per oli motore e le gradazione sae per oli trasmissione non sono uguali, vi sono apposite tabelle comparative; un esempio lo potete vedere qui http://storage.malossistore.com/news/pdf_prodotti%5Coli_100.pdf nella descrizione dell'olio ci sono le specifiche sae sia per il cambio che per il motore: nella fattispecie, un sae 30 motore, carrisponde ad un 75-80 per trasmissione..... ..vedi sopra: la gradazione sae non è assolutamente univoca: inoltre , all'interno della gradazione sae ci sono tantissime differenze, anche a parità di indice: tenete presente che mentre gli oli trasmissione lavorano perlopiù "a taglio" , cioè le molecole non devono spezzarsi sotto l'azione della pressione di superfici molto ridotte ed acuminate, gli oli motore devono resistere allo "strisciamento" di superfici molto ampie fra loro, quindi facendo un lavoro totalmente diverso, hanno una struttura molecolare diversa....fino a non molto tempo fa non si faceva caso a tutte queste cose, anche perchè gli oli erano poco additivati, e si poteva usare lo stesso olio sia per fare miscela, che per metterlo nel cambio, adesso non è più così.....
    1 point
  39. La Polini suggerisce minimo 82 senza albero anticipato , per questo motivo ho montato 90 per non essere troppo magro , tutte le prove fatte sono state eseguite con il motore su cavetto .
    0 points
  40. finalmente c'ho messo mano. allora ho scollegato completamente i cavi nella scatolina e collegando solo il cavo blu dello stop a quello delle luci (funzionante) lo stop funziona, quindi ok lato pedale ed interruttore. poi collego il filo dello stop alle luce e vanno anche le luci XDXD ma dico io! sono anni che non va e ora funziona tutto? magati c'è qualche filo scoperto che muovendo il tutto va e non va? se lascio posizione e lucio invertiti cambia qualcosa?
    0 points

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...