Jump to content


  • Posts

    • Ciao a tutti ragazzi io sono possessore di 2 Ets purtroppo nessuna targata Parma della mia provincia ma ad ora ho preso una terza ets targata bg purtroppo demolita.. sono vespe comodissime è molto molto belle da guidare e maneggevoli se riesco porto avanti la terza  che purtroppo è demolita, ad ora in quanto siamo con Ets? Potremo creare un gruppo di tutti noi etssisti per vedere quante delle nostre vespe sono ancora in giro e reperire molti dei nostri ricambi difficili da reperire
    • Ciao Exstreme, ho preso spunto da questo tuo intervento per mettermi bene a studiare la teoria in modo da comprendere questi argomenti il minimo per poter agire con cognizione di causa.  Non dico di voler necessariamente fare questa spesa, tuttavia anche solo per cultura personale è bello poter avere una conoscenza di base dei fondamenti tecnici.  Ho compreso che la corsa 45 comporta un aumento per l'appunto della corsa di 2mm, ripartiti rispettivamente in 1mm al punto morto superiore ed in 1mm al punto morto inferiore (fosse una corsa 47 sarebbero 2mm e così via). Fin qui tutto semplice se non fosse che proprio l'aumento di 1mm nel PMI comporta necessariamente un innalzamento delle fasi variando il carattere del mezzo verso una propensione ad un maggiore allungo. Fin qui è corretto ?  Poi è anche plausibile che l'aumento di cilindrata vada a compensare quel minimo di coppia persa dalla modifica della fase verso valori più alti ma questa è una mia mera constatazione che andrebbe dimostrata con prove empiriche.  A questo punto cosa si può fare per ovviare al problema ? Si potrebbe spianare di 1mm la base del carter per ottenere le medesime fasi in corsa 43 con una maggiore coppia data dalla corsa ma facendo così ci ritroveremmo un pistone che al punto morto superiore salirà non più di 1mm ma bensì di 2mm. Questo cambiamento può essere tollerabile su GT non particolarmente spinti e comporta adeguare di conseguenza la testa mediante degli spessori (2mm per tornare ai valori di compressione simili a quelli di origine deduco) ma bisogna comunque star molto attenti a che il pistone non esca troppo scoprendo le fasce (con ovvi rischi di rottura delle stesse).  Anche questa parte del ragionamento è corretta ?  Cosa fare qualora 2mm in più nel PMS dovessero rivelarsi troppi ?  Probabilmente sarà necessario trovare un valore di compromesso nelle fasi che si avvicini il più possibile a quello di origine spessorando il cilindro alla base nel modo più invasivo possibile (ipotizziamo 0,3-0,5mm).    Il risultato dovrebbe essere una termica dalle caratteristiche il più simili possibili a quelle decise come compromesso ideale in fabbrica che risulteranno però ulteriormente accentuate dalla corsa di poco più lunga.   Comprendo spesso che dalla teoria alla pratica ne passa, trovi delle falle nel mio ragionamento ?     Non volendo su un mezzo esteticamente originale (e meccanicamente non pesantemente elaborato) il caratteristico fischio dei denti dritti è molto probabile che la scelta ricadrà su una campana 24/61 (ratio 2.54) accorciata con il pignone DRT da 22 (22/61 ratio 2,77) ulteriormente accorciata da una terza marcia corta (cluster 20 denti anziché 22) per eliminare il salto eccessivo tra la seconda e la terza che mi farebbe ottenere una riduzione nell'ultimo rapporto pari alla 24/72 (contando la possibilità di variare la primaria con i pignoni da 23 o da 24 standard).  Economicamente è una soluzione dispendiosa ma del resto è un'operazione che si fa una sola volta. 
    • Eccoci! Allora, problema carburazione sembra rientrato, pulito bene i getti e soffiato il carburatore senza smontarlo perché mi mancava chiave a tubo per tirarlo giù. Ho anche provato a togliere il tappo di carico dell'olio e mi è parso di non sentire variazioni significative, forse un pochino di innalzamento ma quasi impercettibile.  Mi hanno fatto notare una cosa, un rumore metallico quando la frizione è rilasciata, se tiro la frizione il rumore scompare. Altri possessori della stessa vespa mi hanno detto che è normale, chi più chi meno, ma chiedo anche un vostro parere! Adesso provo a vedere se trovo un modo di farvi vedere un video! 
    • quei copriruota mi fanno impazzire ... e poi che dire del mezzo: bello vissuto, come piace a me

Leaderboard

Popular Content

Showing content with the highest reputation since 04/08/2021 in all areas

  1. Sicuramente il dado che hai cerchiato in rosso va serrato: si nota una fuoriuscita di olio miscela. Tuttavia converrebbe smontare il carburatore e provvedere ad una pulizia generale con sostituzione delle guarnizioni. Dici di non avere esperienza in questo genere di lavori, ma se hai qualche attrezzo ed un po' di manualità ti incoraggio ad operare una veloce revisione del carburatore e della pompa del mix. Si trovano qui e nel web guide illustrate, mi limito a descriverti a parole le operazioni necessarie. Per il carburatore SI si trova un kit originale Dellorto che si adatta a tut
    3 points
  2. In quella vespa, arcobaleno, non c'è nulla di sbagliato, ma altrettanto nulla di originale. In poche parole è stata semplicemente personalizzata a gusto proprio ricercando e mettendo qua e la particolari di vespe più vecchie e altri più nuovi..il colore è quello giusto, ma voluto dal proprietario, non certo l'originale del px arcobaleno di quel tempo. E come un po in tutti i mercati un oggetto così personalizzato non vale quanto richiesto, a meno che non piaccia e si accetti lo stato generale in cui si presenta, non certo per chi ha in mente un eventuale restauro o per chi cerca un conserv
    2 points
  3. Questa è la sezione del forum che apprezzo di più...un ringraziamento a tutti i contribuenti... salutoni Luigi
    2 points
  4. Questa è la foto, pubblicata sul gruppo FB "Vecchia Firenze mia", da cui ho preso l'ingrandimento: La didascalia recita "La guerra finita da qualche anno. A passeggio in Piazza del Duomo".
    2 points
  5. Attenzione adesso perché tutte le levette sono libere e se si capovolge esco tutte con le molle e poi per trovare l’ordine è più problematico. La prima leva a sinistra è quella che tiene in posizione la serratura tutte le altre sono quelle che seguono la chiave, io ho avuto la fortuna che nella mia è bastato invertire alcune leve ed si è sincronizzata, altrimenti le aprite tutte e due inserite le vostre leve sulla nuova serratura nel giusto ordine. Poi basta seguire il percorso inverso per richiudere tutto ed usare una sola chiave per tutto. Spero di essere stato semplice se c’è
    2 points
  6. La chicca è stato "salvare" l'adesivo Concessionario Moroni dell'epoca...
    2 points
  7. Lunedì ho fatto collaudo in MTCT, superato brillantemente 😁 Avventura che dura dal 2016 . Dovrei essere quasi all'epilogo, per poterla finalmente utilizzare un po' su strada
    1 point
  8. Vespa acquistata da poco e che per il momento è ferma in quanto devo sistemarla, revisionarla e assicurarla.
    1 point
  9. Bellissima medaglia (fronte e retro), attualmente in vendite sul web per euro 2.000,00
    1 point
  10. Sono uguali, a parte piccole differenze costruttive (fori per targhette e fermi del cavo della freccia) che non inficiano posizionamento e fissaggio alla scocca.
    1 point
  11. Guarda, non mi pare ci siano differenze di rilievo, soprattutto sui cofani lato motore, forse i lamiera ti moderni sono di qualche decimo di millimetro più sottili. Ciao, Gino
    1 point
  12. Interessante foto (tratta dalla pagina FB del Gruppo "Milano sparita e da ricordare") scattata a Milano probabilmente nella primavera/estate del 1951: soluzioni artigianali per applicare la targa a veicoli privi di apposito alloggiamento:
    1 point
  13. Il limite di cilindrata per la targatura era fissato a 175 cc. Dopo fu abbassato a 50 cc. Pertanto , tutti i possessori di moto oltre i 50 e sino a 175 cc, dovettero "correre" in Prefettura per richiedere la targatura dei loro mezzi.
    1 point
  14. Luicio.... è un piacere risentire i tuoi interventi. la collezione virtuale prosegue. 👍
    1 point
  15. Ciao, se ben ricordo la targatura per le motoleggere divenne obbligatoria nel 1951; fino a quel momento anche le 125 potevano circolare sprovviste. La Vespa della foto, pur mantenendo ancora le nervature sul telaio, mi pare che abbia già il sistema del cambio misto bacchetta-cavo di acciaio armonico (zona dietro il poggiapiedi del passeggero) quindi direi una 125 del 1949
    1 point
  16. Immagine trovata in rete, da notare l'assenza della targatura, negli anni in cui per le motoleggere non era ancora obbligatoria.
    1 point
  17. Motore chiuso e..... partito alla seconda spedivellata VID_20210424_170623(0).mp4
    1 point
  18. Questa Vespa ha circa 60 anni e sicuramente merita un restauro come si deve. Lo merita perché ha tenuto duro fino ad oggi e, scusate se è poco, in condizioni ottime. Sicuramente è stata trattata bene. Io non sono tipo da restauro, nel senso che mi fanno impazzire le cose restaurate, ma poi non sono capace di tenerle in vetrina. A usare una Vespa restaurata avrei fifa ad ogni frenata, ogni curva, ogni parcheggio ... Per cui preferisco godermele come sono e potrei pensare di "vendere mia madre" pur di potermi rimettere in sella ad un GS messo così bene Se n'è già discusso in sedi dive
    1 point
  19. Mha!!! Ti diro: a me i conservati piacciono, ma devono essere davvero dei conservati. In questa qua vedo troppi punti attaccati e la vista totale non è delle migliori. Tra l'altro penso che non facendo un restauro a partire da sabbiatura credo si faccia del male al mezzo. La ruggine resta, non la fermi in questo modo, altrimenti allarghi ogni punto fino a non trovare più ruggine e poi metti prodotti per fermare la ruggine e ritoccare, oppure continuerà a far danni. Ma a questo punto diventa un gruviera… In queste condizioni va rifatta da capo, almeno torna al suo splendore. Così com'è questo c
    1 point
  20. La tua 50 special è del 1977, non del 78 . probabilmente sul libretto hai 78, ma prodotta prima. E' tutto regolare tranquillo. Omologazione e radice telaio V5B * T venivano stampati a macchina, mentre il 3 e il seriale telaio venivano stampati manualmente. da qui il NON allineamento. Ed hanno il font corretto previsto per l'anno. Il 3 è molto particolare come hai notato. Dal 78 in poi , cambia il font e si unifica a quello di omologazione e radice telaio, ed il 3 diventa panciuto.
    1 point
  21. Anni '50, Piazza delle Cure, Firenze (foto tratta dalla pagina FB "Vecchia Firenze mia"
    1 point
  22. In questi giorni ho ricollegato il giradischi allo stereo. Spettacolo! Così ho ascoltato un mio vecchio LP: Through the barricades degli Spandau Ballet. La canzone che dà il titolo al disco la trovo un piccolo capolavoro ... Buona musica a tutti
    1 point
  23. Ciao. La foto era riferita al tipo di specchi, non alle staffe. Io, per montare quegli specchi sul T5, feci una staffa saldando due ferri piatti insieme, in modo da spostare di più verso l'esterno il foro per il montaggio dello specchietto, altrimenti, specie se sei robusto, rischi i guardarti a malapena il braccio nello specchietto. In buona sostanza, si tratta di fare una L facendo i fori alla giusta misura per gli attacchi del T5.
    1 point
  24. ciao, mi domando una cosa,ma come si fa a perdersi in questo modo? Carissimo Toscana,come da foto allegata la differenza tra il pxe prearcobaleno e l'arcobaleno sono: 1)Piatto ganasce anteriore 2)sella 3)faro posteriore 4)nasello 5)coprimanubrio e strumentazione 6)bloccasterzo 7)bordoscudo 8)colore cavalletto 9)tappetino centrale 10)paraspruzzi postriore 11)bauletto 12) manopole 13) forse la cresta parafango anteriore 14) targhetta cofano sx 15)targhetta scudo anteriore 16) leve al manubrio 17) serbatoio
    1 point
  25. La vespa è un 125 bacchetta 48/49, la griglia è un accessorio aftermarket.
    1 point
  26. Grosseto, Corso Matteotti, manifestazione vespistica fine anni 50 (dalla pagina FB "Vecchia Toscana")
    1 point
  27. succede quando non avendo l'estrattore del gruppo frizione si prede a legnate il quadruplo cercando di scalzare l'accoppiamento conico oppure cercando di togliere la gabbietta in malomodo
    1 point
  28. Anch'io ho pensato la stessa cosa ( terzo piano ovviamente). Potrebbe essere una targhetta per l'accesso all'evento organizzato per celebrare la milionesima vespa costruita.
    1 point
  29. Per 300 km in un giorno ti può andare bene l’originale , li fa tranquillamente ! Poi il 150 ha proprio la quarta lunga che ti consente di andare in America a tutto gas senza batter ciglio . Ad ogni modo se vuoi un motore utilizzabile come hai scritto e magari sistemare da te, evita il lamellare, ti servono un po di competenze ed esperienza , unitamente a carburatori tradizionali . Se vuoi proprio un big bore preparati a spendere parecchio , se punti al 244 guardati un po di prezzi in giro e di configurazioni sui forum per farti un’idea. Potresti anche solo montare un blocco 200 originale sul t
    1 point
  30. Complimenti @vitopk50xl. Come al solito le foto spiegano molto bene ciò che si farebbe fatica con mille parole Una bella guida, sarebbe da tenere in evidenza!
    1 point
  31. Ecco come si presenta ed il chiodino di cui parlavo, per estrarlo dopo essere sicuri di averlo pulito con lo sbloccante basta inserire la chiave premere il primo piolo che tiene la serratura in posizione e battendolo sul tavolo dovrebbe uscire facilmente se ciò non succede vi potete aiutare con un cacciavite piccolo oppure con un ago da cucire
    1 point
  32. Per aprirla basta con un cacciavite piccolo raddrizzare le linguette cerchiato e poi con delicatezza senza danneggiarlo lo togliamo
    1 point
  33. Ora inserisco invece le altre chiavi per farvi vedere come rimango i pioli impedendo la rotazione. quella rettangolare è la mia originale, quella tonda è una serratura zadi la quale posso confermare che è esattamente come quella originale degli anni ‘80
    1 point
  34. Buongiorno a tutti, cerco con alcune foto di essere semplice nel descrivere, nella prima foto ho cerchiato i pioli che bloccano la serratura senza chiave. nella seconda con la chiave inserita si nota come tutti i pioli si ritirano eccetto il primo che che tiene la serratura in posizione
    1 point
  35. Ogni tanto spuntano, le trovi cercando "sigillo" e "targa" oppure "targa" e "repubblica". Le vendono di diversi colori, per adattarle al periodo. Non vorrei fare il menagramo ma si "potrebbe trattare" di contraffazione di sigilli dello stato e/o uso di sigilli contraffatti art. 467 c.p. ......da tre a sei anni!
    1 point
  36. Eccomi di ritorno. Innanzitutto grazie di tenere viva la conversazione dandomi modo di ribattere/ condividere le informazioni legate ai vari use case che sono capitati in relazione alle cedole. Tieni presente che al momento nel DB non abbiamo cedole di 50 Special azzurro metallizzato del 1981. Ne abbiamo pero' documentate diverse di special del 1982 in buona parte azzurro metallizzato, non solo di special conservati ma uno dei due dell'immagine che allego, quello con il seriale piu' basso, e' uno dei piu' famosi special conservati di Italia, targa oro ASI quindi ben documentato e certif
    -1 points

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...