Jump to content


  • Forum Statistics

    • Total Topics
      81.7k
    • Total Posts
      1.2m
  • Who's Online (See full list)

    There are no registered users currently online

All Activity

This stream auto-updates

  1. Past hour
  2. Ciao Pier, Grazie mille per la risposta. Non avendo in dotazione con me una pistola stroboscopica, devo rinunciare a questo tipo di verifica. Ho provato a cambiare la marmitta montandone una non catalitica, ma il comportamento è praticamente identico ( a parte aver guadagnato un po' di potenza scatalizzando). Cosa intendi per "paratia in plastica che chiude il tunnel"? Quando parli di tunnel mi viene in mente il tubo nero a fisarmonica che conduce l'aria al carburatore. Ulteriori due note: i vuoti non si presentano da fermo in folle ma solo in movimento. Ho notato una leggera lesione sulla guarnizione di gomma che sigilla il coperchio nero della vaschetta contenente carburatore, filtro dell'aria, miscelatore.
  3. Yesterday
  4. Si vabbè....possono sapere che hai un mezzo o 30 mezzi, non assicurati, ma non possono sapere che su tutti manca una ruota, un carburatore, una bobina ecc. salvo che vengano a vedere di persona....hai voglia che si mettono a fare questi controlli...e se vengono non possono far altro che ammettere che mancano ruote, carburatori, bobine ecc. Il rischio più grosso a mio avviso è che manchi chiarezza nelle regole e le compagnie facciano quel cavolo che farà loro più comodo. Si parlava di una modifica inerente la questione all'art. 193 del CdS ma finora tutto tace...vedremo come la mettono giù. E poi secondo me le associazioni di veicoli storici dovrebbero opporsi a queste stupidaggini!
  5. Se vogliono fanno tutto i dati li hanno non dimentichiamocelo, ci sono di mezzo le sanzioni e anche così fanno cassa.
  6. Ecco la contraddizione, allora vuol dire che un veicolo fermo non è causa di sinistri secondo la nuova "stupida legge", se circola andava assicurato anche prima. Far togliere una ruota o altro per dimostrare che non possa circolare è veramente stupido ad un livello inarrivabile.
  7. Aggiorno comunicando che come suggerito da pier2162 ho aperto il coperchio frizione ma non ho riscontrato rotture o crettature. Ho richiuso velocemente e affrontato un giro di 4 giorni sulle dolomiti senza fortunatamente danni o inconvenienti ma solo queste vibrazioni aumentate rispetto a prima. A questo punto dopo molti anni dall ultima revisione motore riapriro' il blocco e rifaro' il motore da capo sostituendo cuscinetti , seminblocchi ,cilindro e eventualmente albero motore se magari puo' aiutare a migliorare prestazioni o vibrazioni. Rinuncio ad altre indagini. Ho in garage un gruppo termico in alluminio malossi sport 210 c 57 ancora nuovo da aprire la scatola e magari potrei abbinarci un nuovo volano ma non ho la più pallida idea di cosa comprare magari meglio bilanciato dell originale e che forse possa aiutare un po' con le vibrazioni e prestazioni.. Grazie per ogni consiglio.
  8. Mah...secondo me ci stiamo facendo delle gran seghe mentali. Già il fatto che è presente il vincolo che "se il veicolo non è in grado di circolare può non essere assicurato" rende vano tutto il discorso. Tolgo una ruota, la candela, e non lo assicuro...punto. Lo tengo nella mia proprietà e chi si è visto si è visto.
  9. Ma hai mai pensato di ottimizzare il tuo 200? Per una trasformazione invece un buon Malossi sport, magari in corsa 60, raccordato ai carter. Ciao Gg PS: Se l'idea è di elaborare ti sposto in Tuning Largeframe
  10. Si ti aiuto io spostando al discussione da Officina a Tuning Ciao Gg
  11. Ciao a tutti, anche io sono molto meticoloso quindi ho seguito alla lettera le istruzioni, ho smussato tutte le luci con un angolo di 30° per ridurre al minimo la possibilità di impuntamenti, infatti le fasce sono integre non hanno segni, se il problema fosse stato degli smussi penso due fasce da 1mm si sarebbero disintegrate, inoltre negli anni mi sono passati tra le mani parecchi cilindri in ghisa e sinceramente Malossi è un gradino sopra a tutti come fusione e finitura, non una porosità o mancanza di materiale e dimensioni sempre corrette. Comunque oramai il danno è fatto, domani passo dal ricambista e vedo cosa mi dice, ho dato un'occhiata al costo del pistone originale in rete e vedo che ha un bel prezzo, montare (se fosse possibile) un altro marchio (Asso o Meteor) non so quanto converrebbe, dopotutto i due pregi migliori di questo GT a mio avviso sono Testa e pistone, vedo quanto mi chiede e se ha senso ripao, altrimenti sono tentato di passare all'alluminio (VMC Stelvio) Vediamo
  12. Credo sia la classica situazione in cui nessuno potrà fare controlli se non in caso di sinistro... e a quel punto però diventano volatili amari.
  13. Non sono un elaboratore, mi è passato per le mani questo cilindro Malossi e ricordavo di aver letto quelle istruzioni, all'epoca nemmeno io avrei saputo come farlo, quindi chiesi ad un amico che lo fece e mi insegnò. Quindi non so se sia una cosa "normale", posso dire però che quello è un ottimo cilindro. Dobbiamo considerare sempre che non si tratta di prodotti destinati all'uso stradale (anche se è ipocrita far finta che non avvenga), che si suppone vengano montati da professionisti esperti; infatti Malossi nelle stesse istruzioni, poco prima, scrive: "Per un corretto montaggio della trasformazione affidarsi ad un’officina specializzata bene attrezzata in grado di rispettare scrupolosamente le seguenti istruzioni." Ciao
  14. Definizione perfetta. Le statistiche le fanno tornare sempre a suo favore. Inoltre al momento non si è ancora sentita nessuna voce contraria, strano davvero.
  15. malossi o altro fornitore ,nessuno ti fornisce i cilindri in ghisa con le luci sbarbate.che non e' la smussatura dei cilindri in alluminio .che se non fosse fatta precedentemente al deposito galvanico darebbe degli spigoli taglienti. poi vorrei anche vedere quante rettififiche ti sbarbano i travasi dopo averti rettificato il cilindro. non esiste il pronto monto e via, se malossi o polini per esempio ti scrivono di fare qualcosa lo si fa pena il ischi di danni. io sono abituato a leggere le istruzioni e poi a fare il lavoro,e credo sia il metodo giusto.t5rosso
  16. Si ok....ma giudico vergognoso che un produttore del calibro di Malossi non rifinisca a dovere un suo prodotto e se la cavi semplicemente con una raccomandazione scritta nelle istruzioni...il montaggio è una cosa, smussare una lavorazione è un altro paio di maniche! Se si vende a privati non si può pretendere che l'utente finale abbia certe competenze ed attrezzature! Non mi è mai piaciuta Malossi, adesso ancora meno.
  17. Nelle istruzioni di montaggio Malossi specifica questo: "Smussare con un raschietto gli spigoli delle luci del nuovo cilindro onde attenuare l’angolo di incidenza con pistone e segmento." Che tu sappia è stato fatto? Se non è stato fatto una con-causa della scaldata potrebbe essere questa e, condividendo il consiglio di @t5rosso (Ciao!) oltre a lucidatura pistone e fasce nuove direi di provvedere a smussare quegli spigoli. Ciao
  18. Non a livello nazionale ma europeo e, pare, che i casi siano stati due. Comunque: una STRONZATA! Ammettiamo pure due casi, su quanti milioni di veicoli non circolanti? La statistica è assolutamente fuori scala. Ciao, Gino
  19. Last week
  20. Ciao. L'unico modo per "vedere" se il difetto è di natura elettrica è di collegare una stroboscopica all'accensione. Se hai già provato a cambiare la candela, il passo successivo è la centralina AT, ma mi sembra strano che solo dopo 7 anni e così pochi km possa essere già malfunzionante, cmq con l'elettronica non si sa mai. Anche i vuoti di carburazione sui modelli catalizzati sono un problema frequente, e spesso non si riesce a risolverli se non scatalizzando. Potrebbe essere la marmitta un po' tappata. Hai verificato se la paratia in plastica che chiude il tunnel sia presente ed al suo posto?
  21. Ciao a tutti, La mia Vespa PX 125 (anno 2017) ha dei vuoti agli alti regimi, quasi come se elettricità o benzina non tenessero il ritmo quando questo sale. Il comportamento peggiora con l'alzarsi delle temperature, piu' fa caldo prima i vuoti compaiono in relazione alla manetta dell'acceleratore. Va meglio nelle giornate autunnali, ma senza la fluidità che vorrei, i vuoti quando supero i 3/4 di gas, lasciando l'acceleratore la Vespa si riprende e posso continuare. La Vespa è praticamente originale (a parte qualche tagliando e cambio candela), circa 7'000 Km. Ho pulito il carburatore, ho provato ad inserire dei getti piu' grandi, ma il comportamento è rimasto invariato o forse peggiorato. Come faccio a capire se il problema è di natura elettrica o ha a che fare con la carburazione? Ho letto di comportamenti simili su altri thread, ma senza avere una conferma da parte dell'autore circa la risoluzione.
  22. fosse mio lucidata e fasce nuove.t5rosso
  23. Ok, ma visto che è un caso che le abbia viste, avrebbe senso rimontare così come è? Come avevo detto la vespa andava bene
  24. Buona domenica a tutti.. Di recente ho partecipato ad un raduno di appassionati che aveva come meta il Passo dello Stelvio e altri passi importanti per altitudine e pendenze stradali. Ero cosciente che la mia Vespa non fosse in formissima nelle lunghe salite ma alla fine mi sono reso conto che quasi certamente il motore è spompo oppure era semplicemente al limite. Per darvi un idea, affrontavo la maggior parte dei tornanti in 2a... talvolta prima ma la terza era utopia. Peso sui 90 kg, avevo con me bagagli per una quindicina di kg.... Vedevo la stragrande maggioranza delle vespe salirei in allungo, la mia arrancava.,.. Vero che parecchi motori di originale avevano nulla😁 Ora, la mia idea è di aprire il motore, revisionare tutto e azzardare un nuovo GT non esasperato... vorrei un motore allegro, con coppia ma sempre affidabile e adatto a lunghi viaggi che renda la guida agevole in ogni condizione. Non cerco velocità estreme ma coppia e velocità di crociera in relax. Mi aiutate a fare chiarezza sulle mie esigenze? non voglio lavorare i carter, e vorrei mantenere un mezzo con consumi adeguati. Ho constatato che per chi vuole elaborare c'è l'imbarazzo della scelta, basta spendere. Grazie per i vostri contributi😊
  25. Perfettamente d'accordo, poi tornando un attimino indietro, al tempo che fu introdotta la tassa di proprietà (tassa vergognosa) sostituendo la tassa di circolazione (la più giusta) , molti per non pagarla demolirono i suoi mezzi, dai demolitori c'erano cataste di vespe, lambrette, altri tipi di moto e anche molte vetture, fu cancellata buona parte della nostra storia, ora succede più o meno la stessa cosa, ma a loro non frega niente, basta incassare. Una vergogna!!!!
  26. Nessuno riesce a darmi una mano?
  1. Load more activity

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...