Jump to content


All Activity

This stream auto-updates

  1. Today
  2. Ottimo reportage, sicuramente è utile. Grazie
  3. Yesterday
  4. ciao a tutti, a breve volevo montare sulla mia pk xl un cilindro, pensavo ad un 75. Quale sarebbe secondo voi il migliore come prestazioni senza effettuare particolari lavorazioni? ho già montato una marmitta polini lato carter che da molto in allungo, pensavo anche ad un dell'orto 19 grazie :)
  5. Salve a tutti, non so se può essere utile a qualcuno o a nessuno, ad ogni modo vi posto un piccolo tutorial su come mi sono auto costruito l'estrattore per il silent block del braccio motore e vale anche per il silent block ammortizzatore parte inferiore solamente che di dimensioni più piccole. Partiamo con il recuperare un tubo di ferro di diametro 50 lungo circa 25/30 cm che sarebbe poco più lungo del tubo interno del silent block stesso giusto da ospitarlo ad estrazione totale. Adesso recuperate una rondellona sempre di diametro 50 anche un pelo più grande va benissimo, io infatti ne avevo una più grande ed stato meglio per la saldatura (non essendo un saldatore esperto!🤣). PS siate clementi dopo la visione delle immagini🤣. Proseguiamo nel recuperare una barra filettata M10 lunga circa 60/70 cm e 2/3 dadi, di cui uno serve per estrarre, mentre l'altro "opzione 1" se lo saldate in testa o gli altri "opzione2" se serrate dado contro dado, io ho optato per la 2 opzione perché avevo già messo via la saldatrice. Assicuratevi che la parte del tubo che andrà contro il carter sia tagliata dritta e senza bavature, giusto per non intaccare i carter, arrivati a questo punto il nostro estrattore è pronto per essere utilizzato!!! dimenticavo se volete verniciarlo scegliete il colore che più vi piace, io lo farò in seguito. Passiamo al passaggio di estrazione e reinserimento dei silent block: per l'estrazione vi consiglio di lubrificare il tubetto centrale sia a DX che a SX nella parte interna del braccio con sbloccante che vi pare e piace, inserite la barra filettata nel braccio fatela passate ed uscire dal nostro attrezzo mettete il dado e fate un segno sul tubetto per capire se quando iniziate a tirare inizia a muoversi o meno "in tal caso lubrificate ancora ed aspettate che faccia effetto e ripartire nuovamente a tirare fino all'estrazione totale, sicuramente dalla parte opposta resterà la gomma e con un cacciavite andrete a rimuoverla, pulite bene le sedi con dello scotch brite senza esagerare ed iniziate a lubrificare le sedi. Prendete i nuovi silent block e lubrificateli, prendete il primo ed appoggiatelo in sede, inserite la barra filettata che passerà dentro il braccio poi nel nostro attrezzo ed in fine dado ed iniziamo a tirarlo dentro "occhio se parte leggermente storto aiutatevi con un cacciavite e delicatamente portatelo in sede e dritto e continuate a tirare finché non arriva in battuta ve ne accorgerete perché aumenta la tensione di tiro e perché vedrete la gomma un paio di mm più dentro rispetto al carter, ripetete la stessa operazione per il lato opposto ed assicuratevi che i due mezzi tubi dei silent si tocchino in mezzo altrimenti farete fatica a rimontare il motore sul telaio. Spero che vi sia piaciuto e che vi sia utile 😉
  6. Inizialmente avevo capito che l'intero cavalletto sollevasse il mezzo da dietro lasciando la ruota anteriore a terra. Visto così è tutt'altra cosa, allargando la base a terra per aumentare la stabilità diventa a tutti gli effetti un ponte elevatore.
  7. Non essendo ingegneri...ci siamo anche affidati a delle prove prima di completarlo, come ad esempio alzandolo con un cric nel punto esatto, come attualmente l'Ape è equipaggiata, cioè con sospensioni anteriore e posteriori e farlo combaciare col fulcro del cavalletto, ovvero la parte rotante, dove resta in bilico...come altezza da terra sono circa 110 cm dove appoggia il pianale dell'Ape, per quanto concerne la portata il cavalletto alza 350 kg, l'Ape 50 in ordine di marcia è di 190/200 kg.... ecco i due centri...trave e perno di sostegno comunque...dopo tutto un ferro da cavallo non guasta mai...
  8. Quoto exstreme. La scheda tecnica la trovi qui: Ciao, Gino
  9. Interessate, sarebbe bello vederlo in funzione su un ape 50, giusto per capire fin che limite si può spingere.
  10. quella del TS, è proprio un' altra marmitta, altra omologazione (DGM10119S) canna bassa e corta e tozza, per il semplice motivo della ruota di scorta sotto pancia SX. Quella si è l'antesignana poi per quella PX, ma su SV poco centra. questa è un SV super conservato 1976 https://vespa4ever.at/vespa/0722-vespa-150-sprint-veloce-originallack
  11. quella del TS, è proprio un' altra marmitta, altra omologazione (DGM10119S) canna bassa e corta e tozza, per il semplice motivo della ruota di scorta sotto pancia SX. Quella si è l'antesignana poi per quella PX, ma su SV poco centra.
  12. Ha ragione l'esaminatore FMI e non il tuo amico (che non è così preparato 😁) Sulla tua SV serve marmitta padella con cannello alto (e IGM 3884S) Quella che hai con scarico basso è errata. Non si inventa nulla, è semplicemente ed inequivocabilmente riportato nella STO. E ti dice pure la differenza tra quella Sprint e sprint veloce: la prima con diametro cannello 30mm, la seconda 35mm. FMI e altri registri storici si basano su queste STO , non su dicerie o ipotetiche modifiche di transizione.
  13. Ciao Exstreme, la mia ha un'unica serratura (chiave e levetta apertura bauletto insieme) non separati come nei primissimi numeri di telaio.
  14. Buongiorno a tutti, ho da poco acquistato una 150 Sprint Veloce assemblata nel 1976 ed immatricolata a gennaio 1977. Ho iniziato la procedura di iscrizione al Registro Storico FMI ma mi è stata contestata la marmitta, perchè a detta dell'esaminatore non sarebbe del tipo corretto. Un mio amico molto preparato in fatto di Vespa, sostiene che la Sprint Veloce nel 1975 ha subìto una serie di modifiche tra cui la marmitta, che riprende quella del 125 T.S. e che poi sarà quella del PX, per cui la mia Vespa sarebbe regolare. Secondo voi, come posso fare per verificare quale marmitta è corretta per questa Vespa?
  15. ciao che tipo di serratura bauletto hai?
  16. Infatti non mi risulta che sulla Sprint del '66 fosse montato il fanale tipo 180SS, io so che venne utilizzato solo sulla Sprint Veloce.
  17. Ciao Pier 2162, dal 1969 forse ti riferivi alla Sprint Veloce (Vlb2t) che aveva il tettuccio intero di plastica e non in lega di zama presente sulla Sprint (Vlb1t).]
  18. Per la scritta posteriore vale quella con la dicitura Vespa sprint (blu notte e in corsivo), mentre per il fanale posteriore bisognerebbe sapere (per l'anno 1966) fino a che numero di telaio va quello con il pezzo di tettuccio (vedi 180 SS), altrimenti ci vuole quello senza tettuccio.
  19. Premetto che non abbiamo inventato niente di nuovo; il cavalletto è nato per sollevare Vespe, ma anche Ape con le apposite staffature; ecco per l'appunto ci serviva per quest'ultima, ma la Casa fornitrice al momento non lo aveva disponibile. Allora abbiamo deciso di modificare le staffe che avevamo realizzato per un'altro sollevatore dell'Ape 50, (già visto sul forum) che in quel caso la sollevava di lato, come se fosse un transpallet per indenderci, comunque le staffe sono ancora reversibili e si possono usare su entrambi i sollevatori. Il precedente era più adatto a fare lavori gravosi, inquanto è molto più stabile, mentre questo è più agile e và bene per la lavorazione della carrozzeria e la verniciatura essendo girevole, ma anche per il sucessivo montaggio, spostando la staffa longitudinale in avanti, per controbilanciare il peso maggiore dei vari gruppi e sottogruppi...p.s. attualmente è idoneo per la versione cabina stretta, ma volendo si presta anche la versione cabina larga...
  20. se fosse un prigioniero andrebbe bene il metodo del frenafiletti,ma nel suo caso la vite si deve togliere ogni qualvolta si deve togliere il carburatore. l unico lavoro definitivo e' far fare un piccolo riporto di saldatuta fatto con il laser, non deforma ed e' di estrema precisione.t5rosso
  21. puoi sempre cercare nel sito del produttore del gruppo termico.t5rosso
  22. Mi sembra di ricordare che il fanale posteriore col tettuccio stile 180ss sia stato utilizzato dal 1969. Con il telaio a 5 cifre è sicuramente una prima serie, e monta il fanale uguale alla GL.
  1. Load more activity

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...