Jump to content

exstreme

Utenti Registrati
  • Posts

    1,519
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    35

exstreme last won the day on May 12

exstreme had the most liked content!

3 Followers

About exstreme

  • Birthday 11/09/1979

Personal Information

  • Città
    VILLARBASSE (TO)
  • Le mie Vespe
    50R '76, VNB5 '63, GT-R '69, 50 special '76, 50 Special '81, PX150E '82, ET3 1977
  • Occupazione
    impiegato

Recent Profile Visitors

6,441 profile views

exstreme's Achievements

Collaborator

Collaborator (7/14)

  • Very Popular Rare
  • Conversation Starter Rare
  • Dedicated Rare
  • First Post Rare
  • Collaborator Rare

Recent Badges

106

Reputation

  1. Se si parla di bagno decapante, che è sostanzialmente un lavaggio con agenti chimici, la bonifica arriva letteralmente ovunque, dove nemmeno la sabbiatura arriva. Il telaio viene immerso completamente in vasca, ed è facile intuire che gli acidi penetrino oltre che in qualsiasi punto dello scatolato, anche in mezzo alle sovrapposizioni lamiere, quindi dentro le giunzioni di mezzeria, labbri tunnel, ecc. E' il non plus ultra dei trattamenti, ma il costo è purtroppo oneroso.
  2. se posti una foto della parafango visto frontalmente (la punta) ti posso dire se originale o meno. Di sicuro non è quello con cui è uscita la tua vespa dalla piaggio, ma potrebbe essere un ricambio originale. Non so come tu faccia (senza la presenza dei fori sul parafango) a verificare l'accoppiamento arco cresta/curva parafango: è impossibile appunto per la presenza dei pioli cresta. La cresta originale ha un interasse pioli di 90 mm, è lunga circa 165mm. E ' molto comune , piuttosto che riprodotta ti consiglio di comprarla usata originale a quale mercatino / mostrascambio o in rete sulle varie piattaforme, range di prezzo 5-10€ E 'la medesima che montano le 50 R L 90 nuova 125, primavera, Et3, VNB3/4/5/6 VBB super , ecc.
  3. Ciao anche io sono alle prese con una 50L 67, mela conservata, sulla quale dovrò pulire interno tunnel. Sulla mia chiaramente non potrò sabbiare, quindi penserò ad un ciclo di lavaggio con chimici appositi, che devo ancora decidere. Se tu devi sabbiare , un sabbiatore con professionista ha apposite pistole/ canule da inserire nelle cavità per bonificare scatolati , nel nostro caso da foro pedale freno, da sotto il nasello, e da pozzetto. se lamierato pedana / scudo è ok viterei apertura /chiusura per bonifica. Se non ti convince che la sabbiatura possa davvero essere efficace all'interno , valuta a questo punto un bagno decapante , magari associato a cataforesi (quest'ultima non mi fa impazzire per la tonalità finale in quanto nel 99% dei casi ha finitura nera). Allora li sei sicuro di sterilizzare tutto. Ho visto che sei sardo, fossi stato più vicino ti avrei dato contatto.
  4. Ciao bella vespa, la 50L corta con ancora logo quadro è tra le più ricercate. Io sinceramente avrei optato un colore consono al telaio nell'ottica di un futura iscrizione al registro storico. Avevi l'imbarazzo della scelta, tra cui i 2 colori più ricercati su faro tondo , Verde mela e Rosa shocking , oppure giallo 916 o per rimanere su metallizzati azzurro 114 o il classico chiaro di luna. (PS: Il verde paraggi è più che autentico (su 50L ed N del 1969) , perché non dovrebbe esserlo ? e anch'esso molto raro e ricercato sui conservati ) Come ti ha detto @andre84 sul parafango ci va la cresta, quindi se non sono stati fatti i buchi, pre verniciatura dovrai forare adesso,
  5. Ciao non esiste nessuna vespa con numeri marce blu. Gli unici due colori sono rosso e bianco. La maggiorparte delle vespe utilizza il colore rosso, come nel tuo caso su grigio ametista L'tilizzo del bianco su vespe rosse (per ovvie ragioni), e su diverse tonalità di blu. qui trovi le foto di un ottimo 50N ametista conservato, è uno sportellino 65, quindi non unificato, ma è comunque esemplificativo.
  6. c'è qualcosa che non quadra: dovrebbe essere un V5B1T-87075 e sarebbe una special del 1975 Ma io leggo V5A1T ma quel telaio non è compatibile con una sportellino del 1965 Posta delle foto di tutto il telaio e/o pulisci meglio il V5?1T
  7. Ciao E' buona norma presentarsi in piazzetta , come richiesto da regolamento. L' omologazione 10934 OM corrisponde ad una Vespa 50 special o 50 ELESTART (radice telaio V5B) 1-2-3-4 T Se posti qualche foto te ne daremo la certezza
  8. Io sistemerei l'originale per 3 semplici motivi: 1. l'originale è l'originale, altro spessore , altro materiale. Non sono un particolare amante della resinatura, soprattutto su mezzi conservati, preferisco eseguire tanti cicli di lavaggio con acidi appositi + materiale abrasivo interno , ma comunque la tankerite, (o l'analoga e più economica POWER GUM) funzionano , ed anche bene (i problemi nascono quando chi la esegue non pulisce o non asciuga l'interno come da istruzioni o non catalizza la resina nelle giuste proporzioni) 2. se lo cambi e lo prendi nuovo ed "originale" in PIAGGIO, altro non è che un comunissimo RMS cinese rimbustato con il nylon piaggio, e questo lo testimonia il trattamento nero protettivo ( cataforesi). Ha l'indubbio vantaggio che essendo un trattamento anche interno non potrà più fiorire. Esistono anche serbatoi veri originali NOS (non neri, ma con fondo grigio piaggio 730) ma prezzi nettamente superiori). 3. Un serbatoio nuovo lo dovrai verniciare in tinta della vespa, quindi affidarti ad un carrozziere e questo ti costerà più del prezzo del serbatoio ( che sarà intorno ai 40€), con il rischio che se il carrozziere non campionasse bene il colore a tintometro, sia diverso dal resto della carrozzeria (è il particolare più nascosto , sia chiaro).
  9. ciao il regolamento del forum prevede una presentazione "in piazzetta" 😉 In questo caso occorre un azione d'urto con acido muriatico (che poi sarebbe il cloridrico). Attacca solo ed esclusivamente la ruggine. Svincola tutto dal telaio in quanto devi tenere la vespa in orizzontale. Per evitare sgocciolamenti in giro io faccio una piccola "diga" di termocolla attorno al seriale . Si creerà una piscinetta all'interno della quale verserai 2mm di acido e lo lascerai per 24 ore. Al termine delle 24 ore, asciughi con un straccio e passi delicatamente una spazzola a fili in ottonati (morbidi) . In questo modo dovresti sterilizzare bene tutta la ruggine presente Poi valuterai se siano leggibili o meno i numeri.
  10. cerchi ruote, tubo sterzo e mozzo anteriore, tamburo ANT tutto in tinta ametista , grigio solo VNB6 tamburo post alluminio naturale copriventola argento 983 cuffia fosfatata coperchio scatola carb nero
  11. Davvero strano . Conosco molto bene l'ambiente. Per l'ultima che ho portato a gennaio 2020 ,50 special 1976 per rifare libretto causa smarrimento , questa qui sotto ho chiesto alla persona che si occupa delle pratiche di veicoli d'epoca (sottolineo molto preparata) di inserire la data di prima immatricolazione 1976 fornendogli un database in carta semplice con suddivisione seriali telaio per anno. Nessun certificato di origine. Inoltre la STO che gli ho fornito semplice fotocopia del file scaricato qui sul forum ( l'avevano chiaramente già anche loro) Nel tuo caso secondo me gioco forza che sia un veicolo d'importazione estera, allora ti pongono queste obiezioni. Per quanto riguarda il Certificato di origine, ci può stare, 160€ non sono pochi ma visto che la vespa è molto particolare è un documento che ti rimarrà a corredo, e che aggiunge valore al mezzo, e questo ti risolve la faccenda data su NUOVO libretto italiano. Ma la cosa più complicata è la STO: sicuro che loro non ti richiedano proprio la scheda tecnica ORIGINALE si ma francese ? Se la piaggio ti manda la scheda tecnica ITALIANA , che si riferisce a IGM DGM nazionali che credo questa vespa NON dovrebbe avere, secondo me non ti passa comunque il collaudo anche se timbrata dalla piaggio, ed è inutile spendere quei 60€.
  12. E' la prima volta che sento richiedere la scheda tecnica omologativa...IN ORIGINALE? quale motorizzazione per curiosità? Credo che non ce l'abbia nemmeno Piaggio 🤣 In ogni caso non ho mai visto la STO specifica di una 50 a pedali, potresti postarla qui in modo da essere disponibile poi nella sezione download anche per altri utenti? Grazie
  13. ciao I bordoscudo in alluminio sono preformati per dare una forma di massima all'accoppiamneto su scudo, serve comunque l'attrezzo per rullarli e fissarli in maniera definitiva. Se non vuoi questo tipo di "rogna" ti consiglierei un bordoscudo in inox per px . Sono in due parti stile rally / 180ss e si fissano con viti a grano senza la necessità di alcun attrezzatura. Costano sui 30€ circa https://www.10pollici.com/it/homepage/vespa-classica/telaio/bordiscudo/bordoscudo-vespa-px-pe-lusso-t5-in-2-pezzi-cromato.1.1.131.gp.8302.uw
  14. ciao la vespa è una 50N del 1969, telaio unificato e già allungato, stemma esagonale Il colore originale è turchese 240 Sembra ci sia tutto, il parafango probabile non sia il suo, in quanto non aveva cresta .
  15. ciao parlare di colore raro in un restauro integrale è un eufemismo: chiunque può fare il colore che più gli aggrada compatibilmente con quelli previsti nell'anno. A mio avviso si può parlare di colore raro solo su conservati. Il rosso arancio è sicuramente un bel colore, che piace a molti me compreso, e la farei così senza dubbio. Proporzionalmente sì ce ne sono molte meno rispetto al blu marine in quanto limitato alla sola produzione degli ultimi anni. In linea di massima però il più ricercato è il blu jeans 228 chiaramente 1976/77

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...