Jump to content
VR News
  • IMAGES HOSTING
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.


  • Posts

    • Se non è la testata cosa potrebbe essere? Non ho veramente più idee. Depositi incandescenti nel collettore della marmitta abbiamo detto di no, incrostazioni in camera di combustione no, che cosa allora? la centralina malfunzionante? 
    • Ripeto, non me lo sono inventato, me l’ha detto il meccanico e l’ha ribadito ieri dicendo di aver misurato con il calibro. Ma il problema allora è di fondo. Se hanno la stessa camera di scoppio una ha il bordo più alto di 1mm dell’altra (non può essere ininfluente questa cosa). E se la differenza di quel bordo non c’entra nulla allora non ho minimamente capito cosa si dovrebbe fare “abbassando la testata”. 
    • Non per portare difese a nessuno, ma ho seguito tutta la discussione fin dall'inizio e nel primo messaggio davi la certezza che la testa fosse stata ribassata. (C'è anche da dire che sembrava alquanto strano che si fossero messi a lavorare un 150 originale..) e che avevi già preso la decisione da solo di comprare una nuova testa..   Comunque anch'io vedendo le foto mi sento di dire che quella testa non è stata abbassata.   Ciao  
    • ciao,montando un pistone monofascia sul mio mhr,dopo aver percorso circa 10000 km si sentiva che era giunto il momento di sostituire la fascia.Visto il buono stato del pistone e l'intenso uso che faccio con la Vespa,ho deciso di mettere il pistone monofascia sullo scaffale e montare un pistone mhr bifascia della stessa misura,senza toccare il cilindro.Ho montato lo spinotto biconico e non quello in dotazione,ovviamente la gabbia a rulli nuova. Dopo il montaggio ho fatto 150 km  con calma e dopo 200 ho iniziato ad allungare progressivamente la 2à e dopo 300 km anche la terza.Dopo 1 settimana e quasi 600 km non ho ancora provato a lanciarlo, ma si sente che inizia a slegarsi ed è più corposo del monofascia   Nelle foto lo stato del pistone dopo circa 10000 km  

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 06/23/2019 in all areas

  1. 2 points
    Quando viene consigliato il Dr è perché è l'unico cilindro che risponde alle richieste di chi in quel momento sta chiedendo un supporto. Sarà banale ma è così. Non vedo nulla di strano. Va bene, quindi non vedo cosa ci sia di strano...se ha un po di bava sulla fusione della testa....che c'è di male? Ne ho montati diversi, qualcuno mi ha chiesto di toglierle, altri non se ne sono interessati e sono sempre li che girano...se n on ti va un dr, metti un rms , non arrivi dal cortile al tabacchino😆
  2. 2 points
  3. 2 points
    Ciao a tutti! Ho sistemato altre due cosette..la prima è il perno che comanda il freno posteriore..e la seconda la pedalina avviamento..il perno come spesso capita era consumato nelle due zone dove strofinano le ganasce..in questo caso era molto consumato..e le possibilità erano 2..la prima comprarlo nuovo..il problema è che non si trova.. c'è solo quello tipo px.. più lungo..la seconda era recuperare il suo facendo un riporto di saldatura.. rifare i piani e poi..non so se andava fatto ma io l'ho fatto.. temprarlo..la pedalina invece era molto storta..e rigata..ma ho deciso di recuperare pure quella..scaldandola e trovando la giusta geometria.. ma ecco le foto.. il risultato è molto soddisfacente.. Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
  4. 1 point
    1955 circa: Casello di Pistoia della Firenze-Mare: FIAT 500 Belvedere e allegra famigliuola:
  5. 1 point
    Ciao il metodo classico più diffuso e sicuro é quello di essere in due, uno tiene il motore in peso e lo accosta al telaio, solamente é più semplice per prima centrare il perno lungo della traversa motore e poi ammortizzare
  6. 1 point
    Scusa Domenico ma, in questo sito, scrivere vespa primavera 50 è quasi una bestemmia, nelle Vespa a marce la Vespa Primavera è solo 125. Comunque, come suggeriva anche Marco, ti consiglio di leggere bene il manuale di uso e manutenzione che dovresti aver ricevuto insieme allo scooter. Buon divertimento. Ciao, Gino
  7. 1 point
    La primaria della tua P125X è una 22/67, abbinata al cambio a denti piccoli. Per la velocità, verificarla con GPS e non fidarti del tutto del tachimetro. Ho visto strumenti come quello con la tendenza a "rallentare" se non proprio a fermarsi oltre gli 80-90 km/h. Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
  8. 1 point
    Allora ulteriori sviluppi. Ho rimontato tutto per la quinta volta dopo aver bombato (leggermente) i condotti (in metallo) senza ausilio di attrezzi ed aver posizionato campana e boccolo porta molle secondo i fori di riferimento. Ora non so dire quale di queste due cose sia stata (forse entrambe) ma, finalmente, ho risolto. Funzionamento ineccepibile. Grazie!
  9. 1 point
    Anche le fusioni di quarant'anni fa avevano simili imperfezioni. Non è questo ad inficiare la qualità di un pezzo. Quelle che vedi non sono crepe del pezzo, ma il risultato di piccole crepe superficiali dello stampo. Il pezzo è Piaggio al 100% e lo si vede bene dalle scritte in rilievo sul pezzo. Volendo fare i raffinati, con carta e pasta abrasiva si tira a specchio, ma non è certo essenziale. Tanto per dire: andare a vedere certi carter Sprint Veloce e GTR dei primi anni '70. In confronto questa testa è un'opera di Canova. Farsela cambiare per questo è a mio avviso una follia. Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
  10. 1 point
    Ciao a tutti mi chiamo Davide, mi scuso anticipatamente se ho sbagliato sezione ma non ho trovato linee guida per i nuovi iscritti, dal telefono mi risulta un po' difficile. Ho 24 anni e una brutta malattia, mi piacciono le vecchiette 😅. Queste sono le mie, che con il tempo sto sistemando. Per ora sono concentrato sulla vnb che ho preso da poco. La 50r invece è stata sempre in casa e ci tengo molto. Non appena riuscirò a capire come pubblicare le foto a dimensione ridotta dal telefono seguiranno altre foto, per il momento link da Instagram 😆.
  11. 1 point
    Ti giuro Paolo. Ovviamente sto parlando del mio VMC 177, non del Malossone che avevo. Ti può confermare @iena che ad Aprile siamo andati all'Elba assieme. Poi dipende anche tutto dallo stile di guida. A te piace andare a cannone. A me piace la guida veloce, ma sfruttando molto la coppia del motore. Raramente tendo ad andare nella zona rossa del contagiri. Per me son consumi buoni, considerando che se giri su Facebook c'è chi dichiara 28 km al litro con un M244.
  12. 1 point
    Luca io la faccio sabbiare in tutti i casi, la mia domanda riguardava il fatto che basta solo sabbiarla per eliminare definitivamente quella ruggine oppure devo fare altro (ad esempio smontare scudo e pedana) e poi sabbiarla visto che all'interno del tunnel ci sia traccia di ruggine. Volevo chiederti un altra cosa. nello splendido restauro della tua sicula ho visto che hai sagomato diversi pezzi anche curvi, la domanda è come fai a fare le curvature? hai qualche consiglio che puoi darmi?
  13. 1 point
    fra 1 settimana o al massimo due avrò tempo per carburare un pò meglio il mio stelvio e avrò qualche dato in più per dirti quanto "ciuccia" in rodaggio sembra ancora accettabile...
  14. 1 point
    No, le originali Ducati hanno l'occhiello di sagoma squadrata e questo è proprio un dettaglio che permette di riconoscerle al volo. Il cavetto di massa deve essere giallo, tuttavia questo dettaglio le accomuna a molte porcherie asiatiche.
  15. 1 point
    Sei decimi di gioco di montaggio (ma dove?) significano sicura distruzione del pistone nel giro di poco tempo. Per cilindri di questo genere stiamo senz'altro al di sotto dei tre decimi misurando il pistone nei primi millimetri sotto la fascia inferiore. E quando si parla di gioco di montaggio è essenziale specificare questo dettaglio altrimenti sono numeri sparati grossolanamente e senza la minima cognizione di causa, ovvero proprio ciò che non occorre in una discussione oggettiva ed edificante. Personalmente ho dissuaso più di una persona dall'acquisto di un DR (per esperienza) proprio alla luce della notevole rumorosità dei prodotti recenti. Ma bollarlo come inaffidabile perché rumoroso non gli rende giustizia ed è una considerazione che sul piano logico non può certo essere convincente (confutata peraltro di innumerevoli esperienze in tal senso). Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
  16. 1 point
    ciao, capisco cosa vuoi dire e non posso darti torto,con quei sodi potresti acquistare un VMC. Tornando al DR, uno del mio Vespaclub ha sotituito il suo vecchio e stanco Dr con uno nuovo per fare un raid,dopo averlo chiuso lo ha usato per un giorno e l'ha tolto dalla disperazione,scampanava in modo spaventoso,ha dovuto toglierlo.Non vorrei sbagliarmi ma mi pare che ci fosero oltre 7 decimi tra pistone e cilindro. Il raid è riuscito a farlo grazie ad un membro del Vespaclub che gli ha prestato una Vespa
  17. 1 point
    Appena recuperata da casa di una zia di mia moglie. La casa è stata venduta per morte dei proprietari ed il figlio, per sbarazzarsi di ciò che non gli serviva, cestinava foto di persone a lui sconosciute, tra cui i bimbi ritratti. Insomma, salvata appena in tempo. Sicuramente, altre saranno andate perdute, ormai. Peccato. Da notare il volante chiaro della Fiat Belvedere. Non sapevo che il volante avesse un colore diverso a seconda del colore dell'auto. Questa foto, lo testimonia.
  18. 1 point
    Ciao a tutti...ci sono novità..il motore ha viaggiato!![emoji1] Stamattina avevo mollato..il motore dopo l'inondazione di ieri. Ma oggi pomeriggio ho fatto come mi ha consigliato Luca "Volumexit" cioè aperto tutto.. chiuso benzina ( pinza sul tubo) scaldato per bene la candela..rimontata..e ho spedivellate fino a quando a tentato di partire..e a quel punto..ho aperto la benzina..e li alla terza pedalata è partito..[emoji1] Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
  19. 1 point
  20. 1 point
    Stamattina ho usato la tecnica del fiammifero..e ho pulito la sede dello spillo..ma vedevo che il galleggiante aveva degli impuntamenti... allora ho passato con carta abrasiva da 1200 su un piano i due lati del galleggiante dove passa il pernetto.. provato. Funzionava bene. Ma bisogna centrare perfettamente il coperchio sul corpo carburatore.. comunque.. montato..per il momento non perde..ma c'è un'altro problema..non parte..nel senso che la scintilla c'è.. candela nuova..ma dopo 3 spedivellate..la candela è bagnatissima.. cosa mi consigliate? Provo con un'altra candela? Può ancora essere il carburatore? quando provo.. esce benzina da sopra il carburatore. Da dove entra l'aria del filtro.. può essere che butta troppa benzina? Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
  21. 1 point
    Ciao Francesco, mi dispiace di leggerti così scoraggiato e, per quanto può contare, ti sono vicino, sia nella rabbia verso chi non risponde dei propri sbagli ed incivilmente fugge sia negli acciacchi (d'altronde se ai raduni ci si trova sempre più o meno tra coetanei, decennio più decennio meno, il motivo c'è). Gli unici consigli che mi sento di darti sono: - torna in sella prima possibile, come del resto facevamo fin da bambini quando siamo caduti la prima volta dal triciclo - non prendere decisioni di cui potresti pentirti, la tua fidata vespa può tollerare anche un prolungato stop Per quanto mi riguarda, con la mia piccola e recente esperienza, i polsi mi dolgono (per non parlare di altre parti meno "nobili"), il polpaccio destro non ha ancora imparato che da quel lato c'è la pedivella e con questo caldo è sempre una sauna ma............sarà la suggestione ma la cervicale va meglio da quando sopporta il peso del casco ed ogni volta che torno a casa mia moglie mi chiede perchè ho quella espressione ebete sul viso. Un abbraccio e, lo dico io ma sono convinto valga anche per altri, che tu abbia o no una vespa sarà indifferente.............ma guai a te se non l'avrai! Ciao
  22. 1 point
    ciao, la migliore terapia è prendere la tua Vespa e andare su un passo alpino tipo il Tonale e scendere a tutto gas al massimo delle tue capacità.Se e quando arriveria a valle,il tuo problema psicosomatico sarà evaporato. Mentre gli acciacchi dopo i 40 anni tutto parte dalle cervicale
  23. 1 point
    Ciao a tutti. Come molti, ho recuperato un mezzo che appartiene ai ricordi. Pk50s elestart del 1983. Con pochi interventi è ora anche storica. Ciao e complimenti a tutti
  24. 1 point
    proprio un paio di settimane fa ho preso un originale Piaggio (per px 2007). Controllando bene mi ha dato.proprio l'idea di un buon ricambio originale e l'ho montato tranquillo. Nello specifico se la vespa è con tamburo da 30 o 27 meglio verificare cosa.ti capita tra le mani. Personalmente non mi e' al momento capitato di vedere un tamburo piaggio tarocco, quelli di altre marche sono già "tarocchi", anche se fa italia a me ispira molta più.tranquillità di rms
  25. 1 point
    Nel caso dei tamburi per paraolio interno, quelli cioè che hanno il colletto da 31 mm non rettificato, il ricambio dovrebbe essere ancora uguale a quelli di primo equipaggiamento delle PX Euro 3: dunque scritte in rilievo - indice di vero stampo Piaggio - e fusione robusta. Resta semmai il dubbio che possano essere "deboli" a livello di millerighe. In tal caso si potrebbe fare una prova ed optare comunque per il tamburo FA (direi meglio col colletto da 30, per far lavorare il parapolvere in feltro), da montare con dado e rondella nuovi e previa scrupolosa lubrificazione del millerighe. Qualcuno suggeriva anche l'adozione di una rondella più spessa. In effetti i PX Euro 3 adottano una inguardabile rondella da trancia, in pratica una rondella commerciale, che lascia qualche dubbio di idoneità ad una applicazione abbastanza gravosa.
  26. 1 point
    tamburi PIAGGIO solo se NOS (vecchia scuola) o cmq un buon usato, altrimenti FA ITALIA vanno benissimo. I piaggio nuovi sono gli RMS (made i taiwan ) ripunzonati , ovvero logo PIAGGIO non a rilievo come i vecchi , con il piccolo problemino sotto riportato (questo giusto per riprendere il discorso sull' odierna qualità dei ricambi Piaggio).
  27. 1 point
    prendi l'originale Piaggio! le ganasce puoi dirlo solo te se sono da cambiare o meno, ad ogni modo puoi prenderle e confrontarle con quelle attuali. Se reputi consumate le sostituisci altrimenti le nuove le metti da parte. non ce altro da sostituire, metti solo un po' di grasso sul bordo del mozzo che entra dentro il carter, sui perni dove ruotano le ganasce e sull'estensore delle stesse (poco). fai attenzione a mettere bene la molla e i fermi alle ganasce.
  28. 1 point
  29. 1 point
    non mi pare ci sia altro... Che si rovina in quel modo... Oppure verifica te se ci sono dei cavi in qualche punto tipo al manubrio che presentano guaina isolante logorata per sfregamento.
  30. 1 point
    Io con le Angel sono a quota 2400 km. Indicativamente potrei tirare avanti fino ai 4000 km Sull'asciutto sono veramente ottime, non ai livelli delle semisilck Unilli, ma si riesce a buttare giù in piega senza problemi. Usate anche sul bagnato ( trovarsi sotto l'acqua mista neve sull'Abetone non è proprio il massimo) , e devo dire che mi hanno dato veramente una buona confidenza. Sinceramente ho provato di molto peggio sotto l'acqua. Io comunque vedo che in generale che chi le ha provate ne è rimasto soddisfatto. E sentendo i gommisti ne stanno vendendo parecchie...
  31. 1 point
    Anche la mia 23-24 li fa andando in ufficio (città + tratto extraurbano). In viaggio consuma meno.. Ciao
  32. 1 point
    Eggià... sai prima della Cav quanti motori grippati. Poi è vero, con la Cav il motore scalda leggermente meno. Ma non per merito dell'anticipo. Ma è causato da un "difetto". Poi ognuno è libero di usarla. Ma dopo test VERI e senza condizionamenti fatti da me e altri amici, ho decretato che non è indispensabile e che la soluzione migliore è il buon anticipo fisso Ducati. Sinceramente le varie dichiarazioni pubblicitarie " migliora i consumi da 23 a 35 km al litro" , "aumenta la potenza fino a far slittare la frizione" , "cambia completamente il motore" non rispecchiano quello che ho provato io.
  33. 1 point
    Per quel che riguarda l'impianto elettrico della Vespa, ovvero tutti i fili che passano nella scocca, normalmente è solo il filo verde a procurare problemi di questo genere. È probabile che fosse il pigmento verde a renderlo più delicato, probabilmente in unione con la finalità di quel cavo, che chiude a massa la tensione di alimentazione della centralina. Personalmente non ho mai visto altri cavi dell'impianto ridursi in condizioni simili, tant'è che in più di un'occasione ho operato la sola sostituzione del filo deteriorato. Io di solito lo sostituisco con un filo in PVC di buona qualità, di colore bianco o nero, rivestendolo alle estremità col termoretraibile verde. Discorso diverso invece per il fascio di cavi dello statore: in questo caso il deterioramento riguarda quasi sempre tutti i cavi. Anche in questo caso sono solito rifare per intero il cablaggio con fili tutti uguali (bianchi o neri), rivestendo i fast con guaine di colore diverso. È una fissa mia, ma non sopporto l'utilizzo di cavi di colori diversi, men che meno del detestabile filo verde-giallo di messa a terra... Tu chiamale se vuoi... ossessioni....
  34. 1 point
  35. 1 point
    segui il consiglio di t5 rosso! ti basta rimpiazzare quel cavo per essere sicuro, e lo passi esternamente all'impianto madre. ovvio che dovrai smontare almeno il serbatoio, ma aviti una fatica inutile rispetto a cambiare l'intero impianto.Infatti mentre il cavetto verde solitamente si riduce così in molte vespe ( anche in quelle che sembra perfetto, certe volte basta toccarlo e l'isolante si sfarina), tutti gli altri cavi delle luci e frecce, non subiscono lo stesso deterioramento. ad ogni modo se quel cavetto dovesse rompersi, non si resta a piedi. o meglio se si rompe ed il contatto tocca verso massa, la vespa perde scintilla e quindi non va ma in caso di emergenza basta staccare la deviazione verso la chiave per partire ( anche se in questo modo non funziona più l'interruttore a chiave. se invece si rompe senza toccare verso massa, la vespa va, ma noterai che non spegne più con la chiave....quindi nulla di grave
  36. 1 point
    lo statore si può recuperare cambiando tutti i cavi rovinati dal tempo, consigliabile usare fili con guaina isolante al silicone, quella dei fili elettrici dei ferri da stiro se cerchi qualche guida c'è. questa è la sezione x le small frame e tu hai una large frame (px) la scatoletta nera o blu.... se intendi quella da dove parte il filo candela... è la centralina elettronica dell'accensione, quella più sopra che hai aperto serve per fare il collegamento tra impianto elettrico del telaio e motore, il filo che è stato isolato porta alimentazione alla centralina elettronica e viene collegato anche alla chiave, quando la giri x spegnerla viene messo a massa, così facendo si fa un cortocircuito togliendo alimentazione alla centralina ovvero niente più scintilla alla candela, puoi lasciarlo così, ma se vuoi si può fare una riparazione meno spartana tagliando il pezzo di filo rovinato, sostituendolo con uno nuovo, saldandoli a stagno e ricoprendo la saldatura con guaina plastica termorestingente, difficilmente lo fa un meccanico, vai da un elettrauto e in 5minuti ti fa il tutto.
  37. 1 point
    ^ Molto volentieri! 1957, San Gimignano, Vespa 125 cc.
  38. 1 point
    Io ho preso il kit della cif..dado e rondella/fermo Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
  39. 1 point
    Ciao, sono esattamente le stesse che sono state a Verona nel Giugno 2016 : Notare il segno evidenziato dalla freccia, è stata tamponata da una struzzo....... Gli onnipresenti ragazzi Vicentini....... Link al alla galleria ufficiale del club: http://www.vespaclubverona.it/galleria-foto/?aid1=1128361930549232&jfb1=1 Scusate l' OT ma mi è sembrato giusto ricordare chi frequenta assiduamente i raduni. Se siete interessati posto altre foto. Francesco
  40. 1 point
    Ciao a tutti, dopo un po' di tempo mi trovo nuovamente a postare qualcosa di vespistico. Domenica 15 io e l'amico Poeta, siamo stati invitati dal Vespa Club Roma Nord a partecipare alla 3^ Scalata del Terminillo, organizzata oltre dal suddetto Vespa Club, anche dai Vespa Club di: Capena, Fara in Sabina, I Cicaloni di Monterotondo, Palombara Sabina, Poggio Nativo e Rieti. Domenica mattina ci siamo ritrovati alle 8:30 alla Stazione di Servizio Chilometro Quaranta sulla SS4 Salaria, e dopo i convenevoli di rito - colazione,distribuzione dei cappellini e delle fasce- siamo partiti per il giro. All'appuntamento erano presenti una cinquantina di equipaggi, più i mezzi organizzativi e di supporto.
  41. 1 point
    Quindi il raduno si è sciolto, ed ogni gruppo si è organizzato autonomamente. Io e Poeta siamo tornati alla base passando dalla sempre bella SP45/48 Contigliano - Cottanello - Poggio Mirteto Scalo e sosta sul greto del Tevere
  42. 1 point
    Non c’è nulla di miracoloso , sul Web si millanta di fantomatiche soluzioni ma ogni motore fa storia a sè, in particolare sul 200. io ne ho due, so di cosa parlo. Qualcuno adesso ti dirà che con una guarnizione in rame fra testa e cilindro si risolve tutto ... non è così , aiuta a raffreddare ma neanche quella fa miracoli
  43. 1 point
    il Malossi gira alto, il Polini è più versatile seppur performante ed a dire il vero o preferisco, il 115 non sò percè non mi ha mai convinto, è sottile di camicia ed in vero il 102 gira più alto e meglio---- ma essendo il Malossi NUOVO ed il POLINI usato io tra i due monterei il cilindro NUOVO.... ovvero il malossi
  44. 1 point
    la spazzola a lamelle và bene anche cilindrica ma deve avere un diametro simile alla cupola o meglio un pò più ampio... spedire a PISTONE che si è cortesemente e generosamente offerto di lavorarti la testata è però consigliabile a prescindere considerata l'esperienza.... la cosa per altro gli fà onore e quindi non potendo dargli "onore" vado a dargli REPUTAZIONE o perlomeno ci provo sul nuovo forum dato che non ho idea di come si faccia!!!
  45. 1 point
    FerrJey, forse allora ho capito, eri Frangisassi e avevi una px 200 freno a disco! Ben ritrovato sul forum! [emoji6] Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk
  46. 1 point
    Ferrjey, ma il tuo 200 freno a disco bianco che fine ha fatto? Questa 150 è la stessa che avevi prima o è un'altra? Vol
  47. 1 point
    bellissima notizia speriamo bene!!!!:applauso:
  48. 1 point
    Il paraolio marcato 30 va bene. Però quel tamburo ha un aspetto familiare... Guarda qui: http://www.vesparesources.com/13-officina-largeframe/71957-orrore-tamburo-posteriore A me pare sempre della stessa risma e, se così fosse, eviterei di rimontarlo. Puliscilo bene e guarda se ci sono segni strani.
  49. 1 point
    Giusto, ma aggiungo qualche precisazione. Una candela fredda non abbassa direttamente la temperatura di combustione (quando fa la scintilla la miscela brucia alla stessa temperatura) ma tende ad imbrattarsi in quanto dopo la combustione si raffredda troppo velocemente. Allo stesso modo una candela calda non surriscalda il motore direttamente ma rimanendo molto calda può innescare preaccensioni e detonazioni con conseguenti onde di pressione elevata che colpiscono la superficie del pistone fino a causarne la perforazione per fusione.
  50. 1 point
    Prova a verificare se con la VPower da 100 ottani il fenomeno si riduce o sparisce. L'unico modo per risolvere è usare spessori, ma più che alla testa interverrei alla base del cilindro. Però che strano...
×
×
  • Create New...