Jump to content
VR News
  • IMAGES HOSTING
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.

querida-presencia

Utenti Registrati
  • Content Count

    817
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    14
  • Points

    420 [ Donate ]

querida-presencia last won the day on October 25

querida-presencia had the most liked content!

Community Reputation

43 è veramente in gamba

1 Follower

About querida-presencia

  • Rank
    VRista Senior
  • Birthday 10/31/1964

Personal Information

  • Città
    Bologna
  • Le mie Vespe
    VLB1T 150 Sprint Veloce del 1977
  • Occupazione
    Impiegato

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Ciao e benvenuto, ai nuovi iscritti è consigliato di presentarsi agli altri iscritti nella sezione "in piazzetta". Dal tipo di sigla che hai indicato sembra che il tuo sia un telaio ripunzonato in motorizzazione, era di prassi ogni volta che si rendeva necessaria la sostituzione del telaio. La M dovrebbe indicare la sede in cui la ripunzonatura è avvenuta, non ricordo quale fosse (Firenze?) e non trovo la tabella in cui sono elencate. Ciao P.s. ho trovato la tabella (grazie @GiPiRat ) M2 è Firenze
  2. Con ASI passava anche Rosso corsa, infatti la mia Sprint Veloce del 77 è Rosso 5847 (voluta da me così) ed è iscritta ASI.
  3. Solo le prime 6000 circa et3 (dal telaio 1101 al telaio 7735) avevano la sella jeans che mi risulta introvabile, bisogna cercare bene tra le riproduzioni perchè come in tutte le cose la qualità può variare molto, tutte le altre sono uscite con la sella nera. Quindi anche occhio a non farti spennare, non tutte le eT3 del 77 erano Bluejeans e c'è parecchia gente che lucra sull'equivoco del telaio a 4 cifre. Ciao
  4. Credo che la differenza principale sia nel diametro, la 8 molle è diametro 107, una 6 molle originale è diametro 97, il che significa che su un GTR (o una Sprint, un TS, una Sprint Veloce) va modificato il coperchio della frizione per farci stare una 8 molle. Si può montare un pignone Z23 anche su una 6 molle originale senza cambiare boccolo o fare altre modifiche, basta che il pignone DRT Z23 sia quello per frizione 6 molle diametro 97 (DRT ne fa anche uno diam. 107 mi pare). Ciao
  5. Tutto OK nessun problema, figurati, era appunto per evitare un fraintendimento. Verificate la fattibilità con ASI, @vespabaddynol'ha dato per certo, se il prezzo è conveniente prima di rinunciare conviene informarsi. Ciao
  6. Appunto, credo di essere stato chiaro, in Lombardia un veicolo certificato ASI ha le stesse prerogative di uno FMI, quindi quando circolano gli FMI possono circolare anche gli ASI. Ergo quella vespa, se iscritta ASI, non sarà un soprammobile come tu hai scritto precedentemente.
  7. Perché? La certificazione ASI vale quanto quella FMI ai fini della circolazione, in Lombardia come nel resto d'Italia.
  8. Vedo che in genere postano qui: https://www.vesparesources.com/forum/54-nonsolovespa/ Ciao
  9. Ciao Marco, grazie per essere intervenuto, ringrazio ovviamente anche tutti gli altri. Condivido in pieno ma nuovamente devo sottolineare che quella mia affermazione non era riferita al "mercato" in generale, dove imperano gli speculatori, ma proprio a questo nostro ambito di appassionati. Fermo restando che sarebbe un evento doloroso, improbabile, tuttavia se se ne dovesse verificare la necessità la maggior parte di noi (riservo una quota non necessariamente piccola ad un manipolo di idealisti - nel senso buono del termine) quantomeno tenterebbe di vendere a prezzi di mercato, non lo reputo un crimine e nemmeno li/ci biasimo. Vado oltre, come molti di voi immagino anch'io sono in una chat di vespisti, quella del mio Club, ebbene in questa chat ogni tanto qualcuno posta le foto di una bella vespa che intende vendere, nessuno di loro ha mai comunicato il prezzo in chat, riservandosi sempre di comunicarlo "in privato" e questo sempre e solo per evitare di essere pubblicamente criticato anche da coloro i quali al suo posto farebbero esattamente la stessa cosa. E puntualmente poi quelle vespa finiscono su subito. Comunque purtroppo il tizio non ha ceduto, non eravamo distanti ma non ha ceduto e la Vespa è ancora in vendita, mi ritiro anche per subentrate "altre esigenze impreviste". Più che la pazienza eserciterò la "temperanza". Buona serata a tutti
  10. Io che sono un osservatore scarsissimo non me ne sarei mai accorto dalle foto, ne sei certo? Se ne sei certo si potrebbe rimuovere la riverniciatura con delicatezza e magari far emergere tracce del colore originale ma le TS Bianche e quelle Chiaro di luna erano molto diffuse, credo le più diffuse in assoluto tra quelle immatricolate. Oppure se si tratta di una riverniciatura "d'epoca" o poco accurata potrebbero aver lasciato zone nascoste non riverniciate, in genere la parte interna sotto il serbatoio e l'interno del manubrio. Significa mantenere tutta la vernice originale integrando solo le lacune con una tinta a campione (perchè quel Bianco ha oltre 40 anni quindi non è più bianco) o lasciandole a vista. C'è chi recupererebbe anche il parafango. P.S.: guarda la parte interna del bauletto come è chiara rispetto alla parte poco più su del retro scudo che era esposta, se non c'è altra vernice sotto quella zona ma solo il fondo la tua vespa era Biancospino
  11. Ciao e benvenuto! Dal numero di telaio dovrebbe essere del 1977, per me è chiaramente un Biancospino codice PIA715 (Max Meyer 1.298.1715). Potresti valutare anche l'opzione di fare un conservato, hai tutto o manca qualcosa? Nemmeno Piaggio può dirti con assoluta certezza di che colore uscì quel telaio ma se non ci sono strati di colore sovrapposti oltre quello che si vede non penso sia necessario indagare oltre, era Bianca così come la vedi. Ciao
  12. E' quella, o questa che identica ed è nella sezione download: Cito: Informazioni Su Questo File Scheda tecnica omologativa della Vespa P150X VLX1T. Anno 1978. Costituisce estensione dell'omologazione della Vespa P125X dell'anno precedente (che trovate in questa stessa sezione di Downloads, per avere gli altri dati tecnici e gli schemi dei vari dispositivi: freni, silenziatore, aspirazione) e comprende le schede delle modifiche apportate successivamente al modello: PX150E (11/1981), PX150E Arcobaleno Elestart (10/1983), PX 150 con freno a disco (02/1998 ) e PX 150 serie Millenium (04/2001).
  13. Un ammortizzatore più lungo alzerebbe il telaio non la marmitta che invece è fissata al gruppo termico ed alla traversa motore, ma forse ho frainteso io il senso della richiesta. Vuoi cambiare ammortizzatore per affondare meno? In questo caso hai sicuramente un'ampia scelta di ammortizzatori regolabili con cui sostituire il tuo, originale o riprodotto che sia. Mentre pensavo alla marmitta mi è venuta in mente questa: è di fatto una padella tipo Sprint / Sprint veloce modificata, una Megadella tipo Sprint veloce, puoi contattare @Mega che è utente del forum oppure puoi cercarlo su facebook come "marmitta megadella" o qui: https://www.megadella.it/prodotto/megadella-sprint-veloce/ mi pare che monti anche sulla tua ma aspetta eventuali conferme, l'ho usata prima di passare alla Polini Original, è un po' meglio del padellino originale ma non aspettarti miracoli, sarebbe solo per risolvere il problema degli ingombri.
  14. Non voglio fare dell'inutile terrorismo, ma lo ribadisco QUELLO è il vero possibile problema, specialmente se intendi girare molto in due e fare salite. Tutti i Santi aiutano in piano e sull'asfalto regolare, ma nei tornanti e sullo sconnesso strisciare è un attimo anche senza pieghe alla VR46. Se hai qualcuno che può prestarti una padella come quella, ripeto la Polini è sicuramente simile per dimensioni e molto diffusa tra i vespisti, puoi montarla anche sul motore stock attuale e farci un giro per vedere l'effetto che fa. Per freni fai controllare bene i tamburi, pulizia e rimozione di eventuali rigature ed ossidazioni, poi le NewFren con gli intagli ed una buona regolazione dovrebbero già fare una grande differenza rispetto alla ua situazione attuale.
  15. E' dove va agganciata l'altra estremità della molla, perchè allontanando il cavalletto dal punto di fissaggio originario l'aggancio attuale sarebbe impossibile da raggiungere. Guarda anche le foto nell'altra discussione, se le osservi con attenzione ti sarà chiaro l'intero assemblaggio. Non è visibile, sporgerà dal sottopedana di un paio di cm, non l'ho misurato ma non si vede. Questa è la mia, la foto è casuale, un ritaglio di una foto destinata ad altro scopo, comunque puoi avere una idea dell'effetto finale (compreso del volume della padella, nel mio caso Polini Original):
×
×
  • Create New...