Jump to content
VR News
  • IMAGES HOSTING
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.

Marben

Utenti Registrati
  • Content Count

    17,377
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    110
  • Points

    777 [ Donate ]

Marben last won the day on June 1

Marben had the most liked content!

Community Reputation

334

4 Followers

About Marben

Personal Information

  • Città
    Robecco sul Naviglio
  • Le mie Vespe
    VNB5, ET3, P120X senzafrecce, P150X senzafrecce, 50L, PX150 Euro2, 2x Bajaj Classic SL
  • Occupazione
    Tecnico

Recent Profile Visitors

6,507 profile views
  1. Esistono due ingranaggi a 36 denti per la quarta (cambio a denti grossi). Uno per cambio con crocera bombata, uno per cambio con crocera piatta. Sei certo di aver preso quello giusto? Hai confrontato tutte le quote con la tua quarta? L'ingranaggio è montato con gli smussi sulle tacche rivolti verso l'ingranaggio della terza?
  2. Di che Vespa/motore parliamo? Cambio a crocera piatta oppure bombata? Stelo crocera e selettore sono del tipo giusto in relazione al cambio montato? Hai foto?
  3. Ad un amico la negarono portando a motivazione proprio la presenza dei fascioni paracolpi (uguali ai tuoi). Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
  4. Io penso che tutte le Elestart avessero giustamente la targhetta con la scritta. Può essere che quella dello spot sia un semplice manichino, magari una non-Elestart cui è stato applicato, per esigenze pubblicitarie, il pulsante dell'avviamento elettrico. Oppure che abbiano scelto consapevolmente di applicare la targhetta dei modelli senza avviamento elettrico per non concentrare l'attenzione su una versione specifica: "anche con avviamento elettrico".
  5. Credo siano state montate per pochi mesi. Azzarderei per breve tempo proprio nel 1985. Le ricordo come piuttosto scomode, forse per questo sono state abbandonate in fretta...
  6. Il trucco di spennellare col Ferox a mani leggere per dare un "effetto brunito" è valido per una finitura estetica della parte centrale. Non esagerare per non conferire al pezzo quella tipica crosta violacea. Le parti a contatto coi tubi di comando non ha senso trattarle: sono comunque soggette ad usura per contatto. L'importante è mettere tanto grasso molto viscoso, che resti al suo posto nel tempo senza colare fuori quando lasci la Vespa sotto al sole. Non ti darà più noie.
  7. Sicuramente è del 1985, se non prima: la rivista di gennaio 1986 senz'altro è stata mandata in stampa a dicembre 1985 e l'articolo potrebbe essere stato redatto anche diverse settimane prima.
  8. Da molto tempo monto sulla mia 200 la Scootopia, molto simile alla Sip Road. Si trova anche in scatola "Ricambio Rapido" Costo contenuto, a mio giudizio ben costruita. Ho cilindro 200 Piaggio originale, oltre 50000 km sul groppone; filtro T5 non ribassato, scatola filtro rialzata home made. Getto massimo 120, se ricordo bene. Rumorosità tutto sommato contenuta, buona erogazione soprattutto agli alti (da contagiri SIP tocca i 7600 giri in seconda). Bassi secondo me come la padella originale, né più né meno. Sul web si parla bene della nuova Faco, ma pare sia un po' più rumorosa delle altre dirette concorrenti (quindi no big box, mi riferisco a Malossi, Polini, Sip Road 2.0, ecc.). Della Polini conviene assicurarsi che sia di costruzione recente, pare sia stata modificata nella forma della padella e delle staffe di sostegno: le più vecchie mostravano la tendenza a creparsi.
  9. Io penso che uno scarico occluso comporti in primo luogo scarso rendimento, non mi pare sia questo il caso. Sbaglio? Edit: non avevo visto la risposta di Tsuga. Che marmitta monti? Originale oppure Sito, o altro ancora? Noti rumori di sfiato dal collettore oppure trafilaggi di olio combusto? Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
  10. [emoji23] Inoltre la superficie sabbiata è porosa e più vulnerabile. Potresti lucidare le parti a contatto come ulteriore protezione. Ma il grasso non deve mancare, anzi Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
  11. Guarda, a parte quanto detto relativamente alla sella (può essere che in foto non si noti nulla), forse l'esaminatore potrebbe eccepire qualcosa sullo stato della forcella, che ha qualche traccia di ruggine. Cosa perfettamente normale, peraltro, visto il trattamento alquanto blando cui erano sottoposti i tubi di sterzo.
  12. Considera che le Elestart seguono una diversa numerazione: le Arcobaleno non Elestart partono da VSX1T 300001; le Elestart partono da VSX1T 3000001. Tra l'altro mi sono accorto che la PX 200 mostrata da @FrancescoVespista non è del 1986 come indicato, bensì è riconducibile alla produzione 1985, se il seriale riportato 3309** è corretto. Per capire meglio vediamo qualche numero: VESPA PX200E ARCOBALENO 1985 VSX1T 318274 343980 1986 VSX1T 343981 376471 1987 VSX1T 376472 397825 VESPA PX200E ARCOBALENO ELESTART 1985 VSX1T 3004429 3008314 1986 VSX1T 3008315 3011516 1987 VSX1T 3011517 3014140 Supponendo una produzione omogenea nel corso dell'anno, direi che la 200 mostrata da Francesco si colloca grosso modo nei mesi centrali: prima di lei oltre 12000 esemplari, dopo oltre 13000. Stando così le cose, paiono più appropriati molti dettagli. In primis il tappo benzina ancora metallico, presente ancora sulle prime T5 (il periodo è quello). Il serbatoio ha però già il rilievo rettangolare che ospita l'adesivo Miscela/Benzina, in un primo tempo applicato direttamente sul tappo. @Bellafrance, la tua si colloca negli ultimi mesi di produzione del 1986, con circa 2500 esemplari prima e oltre 600 dopo; fra quella di FrancescoVespista e la tua balla sicuramente più di un anno, e nel frattempo ci sta che abbiano avuto luogo tutte quelle modifiche di cui abbiamo discusso.
  13. Sembra un po' deformato sul bordo esterno, non è che ha preso qualche colpo anche sulla parte più vicina al carter? Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
  14. Recuperato il video su FB, ripubblico su YouTube Anche qui le leve ricurve. Penso sia del 1984. Notare che, pur avendo l'avviamento elettrico, la targhetta laterale non integra la dicitura Elestart.
  15. Ecco, io questa cosa non l'ho capita. Sono poche le Arcobaleno che montano queste leve, per molto tempo definite "leve Arcobaleno". Per esempio la 200 Arcobaleno del mio amico, anch'essa "Bianco Dolomiti", ma un poco più giovane, montava le classiche leve di forma più arrotondata. Non penso siano state sostituite, ma non mi azzardo nemmeno ad escluderlo. Tuttavia anche la 200 del nostro amico Vespa ha le leve "classiche". Mistero. Non ritrovo più online il video dello spot della Arcobaleno rossa (Elestart), non ricordo cosa montasse. Nello spot con l'Arcobaleno bianca, con Kharma Chameleon , le leve sono anch'esse quelle classiche. Spot datato 1985 da Spot80, ma sospetto possa essere del 1984.
×
×
  • Create New...