Jump to content

Vespa979

Utenti Registrati
  • Content Count

    6,170
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    34

Vespa979 last won the day on April 17

Vespa979 had the most liked content!

Community Reputation

83 ha di che essere orgoglioso

About Vespa979

  • Rank
    VRista Silver
  • Birthday 05/04/1979

Personal Information

  • Città
    Toscana
  • Le mie Vespe
    ...me ne manca sempre una...
  • Occupazione
    Raccoglitore di ferraccio

Recent Profile Visitors

2,790 profile views
  1. Esatto, lo devi attaccare nelle pagine preposte alle variazioni di proprietà.
  2. A me sembra che abbiano ripassato con qualcosa, tipo penna a ferro o simili, la B e il 3..., comunque la punzonatira come già osservato è originale.
  3. La vespa è un 125 bacchetta 48/49, la griglia è un accessorio aftermarket.
  4. No, non avresti difficoltà, perchè l'abbinamento è giusto come da scheda omologativa. (La puoi scaricare dalla sezione download) I dati scritti nel messaggio di Fabrizio_C sono in parte errati... (strano...😒...) vanno rivisti cosi: SPECIAL AVVIAMENTO A PEDIVELLA ... V5A2T/V5A2M telai dal 1001 - 96013 (Vespa Special I° serie, 3 marce, mozzi a 4 attacchi per i cerchi da 9” aperti) trasmissione: 16/67 I° : 10/60 II° : 16/54 III° : 22/47 V5B1T/V5A2M telai dal 1001 - 22860 (Vespa Special II° serie, 3 marce, mozzi a 5 attacchi per i cerchi da 10
  5. L'SS 180 è nativa in corsa 60 di serie, il kit pinasco lo indicano intercambiabile all'originale e prevede un aspiarzione lamellare al cilindro con kit per poter montare o l'originale 27/23, o carburatori anche dei normali SI. A prescindere da questo, con quel gruppo termico, io, rincontrellerei tutto del motore originale, pacco frizione più robusto, parastrappi, eventuale albero nuovo, o revisionare bene l'originale, accensione elettronica e scarico ad-oc, in quando, il collettore d'uscita è derivato, come tutto il cilindro, da quello 200, quindi o modifichi l'attacco della marmitta orig
  6. Mi sembra che ci sia un po' di confusione, lasciamo stare i dati e i colori della "sportellino piccolo" e concentrandosi solo sulla versione "Unificata" che è quella in esame, i dati di produzione ormai assodati ci dicono che: 1965 telai dal 92877 al 101576; 1966 telai dal 101577 al 155460; 1967 telai dal 155461 al 190977. Questa versione, fin dall'inizio, è disponibile con i tre colori,( che sono riportati anche nel depliant, stampato a fine 1965 allegato da screecit), rosso, grigio e azzurro; successivamente, dal telaio 140366, c'è l'introduzione del verde chiaro PIA 303,
  7. Io ho sempre presentato solo la "Dichiarazione verifica veicolo interesse storico e collezionistico" fatta presso l'officina dove mi servo di solito per fare la revisione. In particolare ho fatto certificare il funzionamanto delle luci, impianto frenante, gas di scarico e fonometro scarico. Informati presso il tuo club al responsabile che gestisce l'invio delle richieste di iscrizione dei mezzi.
  8. Certo certo, non indevo quello, ed è ben spiegato da extreme nel suo post, volevo solo rimarcare l'incongruità di quello che riporta il sito tedesco.😉
  9. Quelli in gabbia in ferro io li ho trovati solo sulla 90, sulla Nuova 125 e sul primavera del 70 e su qualche altro motore sempre intorno ai primi anni 70. Sull'et3 del 77 ricordo era in plastica e non vorrei sbagliare, non era skf ma fag, e mi pare, a memoria, fosse molto simile se non uguale a quello in foto. Puo' essere stato sostuito, chi lo sa, ma almeno hanno usato il modello corretto.
  10. Quoto e aggiungo che è il tipo di primo equipaggiamento N204, e non l'NU204 che molti adottano oggi perche più economico, ma per me, sopratutto sugli et3, non ha la stessa durata chilometrica.
  11. Secondo me qui c'è qualcosa che non torna, e i tedeschi ci hanno ricamato un po' sopra. Non si capisce come un carter 125 primavera del 71, sia finito sotto un 50 special del 78, e che abbia addirittura il volano del 50 prima serie... Più probabile che abbiano preso una mezza sola, quando l'hanno trovata in italia...😆 Per quanto riguarda l'ET3 in biancospino, ne vidi una molti anni fa, produzione e immatricolazione 78, targa originale Firenze, conservata malino, ma indubbiamante originale, non la presi perchè all'epoca non ci incontrammo sul prezzo... so che poi venne pre
  12. Dalla foto del sottopedana si vedono ancora i fori originali dei profili in gomma originali, quindi il mio consiglio rimane quello scritto in precedenza. Sulla pedana è stato dato dell'antirombo, cosa comune nelle riverniciatura degli anni anni 90 fatte alla meglio, per toglierlo sarebbe meglio aiutarsi prima con un cannello e spatola, una volta tolto, portare il tutto in sabbiatura. Per l'immatricolazione con targhino, io fino al 2019, non avevo difficoltà a riottenere il "librettino annullato", ma è vero che aimé si poteva andare liberamente negli uffici della motorizzazione. Le ag
  13. "Caro" signor Fabrizio, lei a quanto leggo, non ha ne le cognizioni ne l'esperienza per imbastire certe discussioni, peraltro già trattattate e sviscerate a suo tempo su questo forum e forse su pochi altri, perchè scrive solo congetture fantasiose e, aggiungo, anche perverse, atte solo a mettere infondati dubbi a chi, inesperto, si ritrova a leggere queste righe. Questo suffragato già in partenza con uno dei suoi primi interventi, come ho scritto in precedenza, allegando quella tabella con dati errati, dati che negli anni sono stati corretti e riveduti e nella maggiorparte documentati.
  14. Se la pedana originale è in condizioni per essere mantenuta, chiudi i fori di troppo delle strisce Px, controlla quelli originali che siano del diametro giusto.

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...