Jump to content


Differenza tra 50N sportellino piccolo,unificata,allungata?


MarioET3
 Share

Recommended Posts

Sto cercando una vespa faro tondo e tra i vari annunci e numeri di telaio mi sono imbattuto in questo dilemma?

Qualcuno mi sa spiegare con precisione la differenza tra i tre tipi di Vespa 50 n?

Grazie e scusate in anticipo se ho sbagliato sezione:oops:

Link to comment
Share on other sites

In parole povere la differenza sarebbe

 

sportellino piccolo-telaio corto-serbatoio apposta solo per quel modello sono le caratteristiche della prima serie detta sportellino piccolo

 

sportellino grande tipo special-serbatoio allungato tipo special e telaio corto sono le caratteristiche della unificata

 

stesse caratteristiche della unificata ma telaio con passo maggiorato sono le caratteristiche del modello allungato.

 

Da questa serie in poi tutti i telai small sono pressochè identici.

 

Cambiano anche alcuni piccoli particolari ma le differenze piu evidenti sono queste.

Link to comment
Share on other sites

Domanda difficile.... a cui pochi saprebbero ben rispondere!

 

Soprassiedo sui numeri telaio e sui dettagli minimali differenza tra i varii modelli, già così stai chiedendo qualcosa che merita un approfondimento, in quanto se chiedi è certo per capire le differenze tra i varii modelli a colpo d'occhio...

 

bene i ti insegnerò... seguimi;

 

 

 

 

"NUOVA VESPA 50- PRIMA SERIE CARTER STRETTI tipo corto"

 

Vespa 50 tipo N detta NUOVA 50 anno 1963, viene prodotta in piccola cilindrata detta 50cc per i quattordicenni in virtù di nuova normativa si guida senza targa e senza patente, il primo modello Vespa 50, ha sigla telaio V5A1T, da subito salta all'occhio il dettaglio del serbatoio più corto di quello dei modelli successivi, alloggia nel telaio in modo classico, ma il telaio ha una traversa di appoggio che i modelli successivi non hanno, la traversa è tra il bordo serbatoio e quello vaschetta, ben visibile, la scritta sullo scudo in metallo con rivetti Vespa 50 su unica linea in lamiera sottile verniciata di BLU, sportello motore tipo stretto con motore detto a carter stretti sigla V5A1M con diametro volano ridotto e cuffia cilindro in metallo, la serratura di blocco è di tipo corto priva di blindatura, i loghi sul telaio sono tutti di vecchio tipo a scudo, la si riconosce oltre che dal seriale telaio, dalla traversa sul pozzetto del telaio alloggio serbatoio, dai fori per la scritta sullo scudo e dal piccolo sportello motore, questo modello presenta sul bordo della vaschetta portaoggetti anche un seriale che non ha nulla a che vedere con la sigla modello o la omologazione o il numero di telaio, ma è solo un progressivo della pressa che stampava il telaio.

 

Vespa 50N tipo 64, la scritta diventa adesiva, la si riconosce quindi dal fatto che sullo scudo non ha in origine i fori per la scritta, cambiano alcuni minimali dettagli (liste, colorazioni), ha sempre loghi a scudo vecchio tipo, lo strano numero sul bordo vaschetta portaoggetti, motore V5A1M a carter stretto

 

Vespa 50 N tipo 65, ogni anno venivano aggiornate o nei colori o in piccole migliorie, lo sportello motore ha ora nuove cerniere più solide, nuove colorazioni per il resto identica al 64...quindi sempre stesso motore, sempre sportellino...

 

 

"VESPA 50 N unificata"

 

la più classica delle N il telaio viene aggiornato nel 1966, nel dettaglio viene ampliata la finestra lato motore dotandola quindi di uno sportello più ampio, UNIFICANDO la produzione dei telai di tipo magro-piccolo-sottile (small frame) al nuovo modello da 125cc che aveva una corsa differente ed una cuffia motore più ampia (corsa lunga) il che rese necessario modificare il telaio, la (NUOVA 125) apparsa nel 65 dopo la 50cc e la coetanea 90CC (che esistono dal 63 al 65 in versione carter stretti) sarà lo standart di tutta la produzione dei telai small, che con un unico stampo fornivano le 50cc UNIFICATE, le 90cc UNIFICATE e le 125 NUOVA, seguirà la 90SS che però aveva uno scudo differente ma ha comunque la base del telaio di tipo N UNIFICATO. Nel dettaglio le UNIFICATE hanno lo sportello grande classico, non hanno i fori per la scritta che è adesiva, serratura di blocco tipo corto senza blindatura, rimangono sul telaio a bordo della vaschetta portaoggetti i numeri seriali di pressa (si possono trovare NUOVE 125 del numero successivo magari ad un telaio 90 o 50 unificato in quanto prima che venissero punzonate o destinate a questo o quel modello uscivano dalla pressa tutti identici telai grezzi), della Unificata esiste una unica e sola versione dal 66 al 67 ed ha colorazioni specifiche differenti dalla corta.

 

 

"Vespa 50N allungata"

 

 

dal 1967 in concomitanza di una nuova politica grafica e soprattutto commerciale/pubblicitaria della Piaggio lo stemma cambia dal vecchio tipo a scudo con P ad un nuovo esagono con fondo azzurro, il telaio delle small (ma parimenti accadrà sulle large frame) e mano a mano le stampigliature sui ricambi e sulle fusioni entro il 1968 cambiano, eppure NON distinguiamo una UNIFICATA da una ALLUNGATA dal dettaglio dello scudetto sullo scudo (rilievo di pressa) ma bensì da altro, infatti il nome allungata deriva da una miglioria dello stampo del telaio che ha ora quasi due centimetri di allungo del ponte che porta l'interasse delle ruote a quasi 2 cm di maggiorazione, questa modifica mai certificata da una successiva omologazione o trascrizione sulle schede tecniche del modello N ha un suo perché, la strategia del nuovo marchio-stemma si accompagna alla realizzazione di una nuova versione della NUOVA 125 che sostituirà in modo definitivo la 90 e la NUOVA 125, sarà la VESPA PRIMAVERA) del 1968, le prestazioni aumentano e il passo più lungo la rende più stabile e più comoda, seppur su molte fusioni rimane ancora per qualche tempo il logo vecchio tipo ma non sul telaio, (curiosamente sulla cuffia in plastica della 50 Special-R e della primavera il logo a scudo vecchio tipo rimarrà in uso fino al 1978!!!!) .

 

Le "allungate" hanno anche una nuova serratura di blocco più lunga con blindatura di innesto sulla corrispondente feritoia della canna della forcella anteriore maggiorata , la nuova sagoma in versione allungata è proprio un nuovo stampo di pressa in realtà, con esso si perde quindi la numerazione a battitura di uscita dalla pressa tipica delle corte e delle Unificate, quella vicina al bordo della vaschetta portaoggetti, a vantaggio di una più pratica targhetta di carta nel pozzetto, quindi possiamo dire che...

 

di solito una allungata ha logo esagonale che fregia gli scudi (ma i primissimi esemplari allungati Primavera e 50 N potrebbero averci ancora il logo tipo vecchio in ragione del fatto che l'adozione del nuovo telaio lungo non fu perfettamente sincrono a quella del nuovo logo esagonale seppur coetaneo), non ha il seriale di battitura sul bordo telaio vaschetta portaoggetti, ed ha la serratura di blocco con innesto finestra canna della forcella maggiorata, oltre ovviamente al ponte centrale più lungo di quasi 2 cm che è la variante predominante eppure la più difficile da valutare ad occhio.

 

 

 

"Corta, Unificata, Allungata....Restiling/Rinnovata e Special"

 

Dal telaio Corto nasce la small frame, da quello Unificato la 90 e la 125cc, da quello Allungato la nuova concezione dei modelli detti "piccoli", nuovo lo stemma e nuove dal 1969 le selle che si fregieranno della serigrafia PIAGGIO su ogni modello (prima avevano infatti le targhette delle case produttrici Arejna e Aquila selle), in vero e và detto in questo contesto parlando di small frame e dei loro albori, che la scritta PIAGGIO apparse precedentemente il 1969 sulle selle Vespa proprio sulla piccola nuova nata del 63 la NUOVA 50 (poi ribattezzata tipo corto in ragione dello sportello motore) a fregiarsi di una targhetta metallica con su scritto PIAGGIO, (la stessa che adotterà in seguito il ciclomotore CIAO).

 

Il cambiamneto del logo e del telaio small in allungato porteranno ad un aggiornamento generale dei modelli e delle versioni, si RINNOVERA' quindi la vecchia N (sia nella versione base N che LUSSO) nel nuovo modello R, a cui in breve seguirà la tipo Special a fanale quadrato e nuovo nasello...

 

da qui si parte con la seconda generazione di vespe small ed avremo dal 69 tipo R, Elestart e Special prima serie (V5A1T, V5A2T, v5a3t)

 

nel 1972 un aggiornamento di questi modelli in alcuni dettagli il cui più evidente è il cerchio special da 10" (V5b2t)

 

nel 1975 ulteriore piccolo aggiornamento nelle colorazioni e nuova stampigliatura seriale del telaio (su due fila sovrapposte e nuovo carattere) oltre a minimi dettagli, la Special diventa a 4 marce (V5B3T), i serbatoi perdono la predisposizione per alloggio sella corta (tre fori), le leve diventano tutte come special 4 M (pallino standart)

 

 

1977-78, nuovi volani leggeri, nuova scatola BT e colorazioni nasce la ET3 il fanale della Primavera viene unificato a quello ET3.

 

1979-82 serie migliorata rinforzi al telaio, volano con inserto per estrattore nuove colorazioni

 

1983 Nuova serie PK e PKs PKs 125

 

1985 vespa PK XL, 125 ETS

 

1987 Vespa Rush (3M si torna alle)

 

1989 VESPA N e V (priva di pedivella) E SPEEDMATIC 50

 

1991 hp 8grossomodo)

 

1990 nasce la Et2 monomarcia...

 

FINE di un'epoca.

 

 

 

Spèro di averti dato l'ABC delle small, volendo approfondirai le tue conoscenze divertendoti in fiera a cercare di indovinare modello ed anno di ogni modello, concentrati sui modelli dal 63 al 68 precedenti la R.... ricorda di guardare la serratura di sterzo e il seriale sul bordo vaschetta per fare una prima scrematura.... i dettagli di ogni serie special e delle loro varianti per anno, verranno nel tempo mi auguro, perché questo significherà una ed una sola cosa.... che la passione Vespa ti ha non dico travolto, ma almeno coinvolto!!!

 

 

dai potenza alla mia reputazione sul forum se il post ti è piaciuto, più o meno è tutto esatto, qualcosina per certo è sfuggito... ma il glossolario è questo...

 

e non lo troverai per certo su Vespatecnica, o meglio....

 

su Vespatecnica troverai conferme a quanto detto...

 

approfondendo il discorso, ora con la giusta chiave di lettura, consiglio VOLUME II° e III°.

 

Concludo con le parole impareggiabili di un vespista migliore di me:

 

 

"...mai vespa tanto piccola fu tanto grande! Per numero di esemplari, per semplicità costruttiva e fu lei, la Special, l'ultimo vero acuto non solo di un'era Piaggio, ma piuttosto di un mondo che si convertiva alla plastica, che di lì a poco avrebbe tradito la politica stessa della fabbrica fondendosi con Fiat (PK T5), l'Ingegnere non avrebbe approvato, e fu appunto la special il suo ultimo disegno, quasi un lascito ai posteri, che ignari raccolsero dalle macerie vecchi telai, ragazzini che nati decenni dopo di lei ne scoprirono subito il fascino, ed era lì dimenticata quella vecchia Special proprio a ricordarci cosa sia una cosa bella, ben fatta, durevole, pratica, a ricordarci il valore delle cose di valore, cosa è una Vespa e soprattutto dove ci portò e dove la ritrovammo, unì l'italia, la mosse, la scosse, la risollevò, poi la divertì ed ora ce la fa pure riscoprire!!!! esposta nel museo all'estero, come vero oggetto di arte.... una special ha tanti meriti seppur piccolissima, è certo lei la miglior vespa di sempre, acuto e di una produzione, quintaessenza del vespismo tutto, il nome non fu coniato per caso, ma fu forse il caso che lo elevò a simbolo..."

 

 

PDD.

Link to comment
Share on other sites

...

 

 

 

"NUOVA VESPA 50- PRIMA SERIE CARTER STRETTI tipo corto"

 

Vespa 50 tipo N detta NUOVA 50 anno 1963, viene prodotta in piccola cilindrata detta 50cc per i quattordicenni in virtù di nuova normativa si guida senza targa e senza patente, il primo modello Vespa 50, ha sigla telaio V5A1T, da subito salta all'occhio il dettaglio del serbatoio più corto di quello dei modelli successivi, alloggia nel telaio in modo classico, ma il telaio ha una traversa di appoggio che i modelli successivi non hanno, la traversa è tra il bordo serbatoio e quello vaschetta, ben visibile, la scritta sullo scudo in metallo con rivetti Vespa 50 su unica linea in lamiera sottile verniciata di BLU, sportello motore tipo stretto con motore detto a carter stretti sigla V5A1M con diametro volano ridotto e cuffia cilindro in metallo, la serratura di blocco è di tipo corto priva di blindatura, i loghi sul telaio sono tutti di vecchio tipo a scudo, la si riconosce oltre che dal seriale telaio, dalla traversa sul pozzetto del telaio alloggio serbatoio, dai fori per la scritta sullo scudo e dal piccolo sportello motore, questo modello presenta sul bordo della vaschetta portaoggetti anche un seriale che non ha nulla a che vedere con la sigla modello o la omologazione o il numero di telaio, ma è solo un progressivo della pressa che stampava il telaio.

 

Vespa 50N tipo 64, la scritta diventa adesiva, la si riconosce quindi dal fatto che sullo scudo non ha in origine i fori per la scritta, cambiano alcuni minimali dettagli (liste, colorazioni), ha sempre loghi a scudo vecchio tipo, lo strano numero sul bordo vaschetta portaoggetti, motore V5A1M a carter stretto

 

Vespa 50 N tipo 65, ogni anno venivano aggiornate o nei colori o in piccole migliorie, lo sportello motore ha ora nuove cerniere più solide, nuove colorazioni per il resto identica al 64...quindi sempre stesso motore, sempre sportellino...

 

 

Uno degli errori che si fà è chiamare la "Vespa 50", dal settembre 63 all'agosto 65 (mese presunto di fine commercializzazione) , N (enne), cosa che non è riportata su nessun documento ufficiale Piaggio, se non in quell'infarinatura di informazioni ormai superate e spesso inesatte di vespa tecnica.

Le colorazioni (le tre sole previste) restano invariate per la durata di produzione 64-65.

Piccole variazioni di dettaglio come hai scritto vengono adottate durante il 65.

 

 

"VESPA 50 N unificata"

 

la più classica delle N il telaio viene aggiornato nel 1966, nel dettaglio viene ampliata la finestra lato motore dotandola quindi di uno sportello più ampio, UNIFICANDO la produzione dei telai di tipo magro-piccolo-sottile (small frame) al nuovo modello da 125cc che aveva una corsa differente ed una cuffia motore più ampia (corsa lunga) il che rese necessario modificare il telaio, la (NUOVA 125) apparsa nel 65 dopo la 50cc e la coetanea 90CC (che esistono dal 63 al 65 in versione carter stretti) sarà lo standart di tutta la produzione dei telai small, che con un unico stampo fornivano le 50cc UNIFICATE, le 90cc UNIFICATE e le 125 NUOVA, seguirà la 90SS che però aveva uno scudo differente ma ha comunque la base del telaio di tipo N UNIFICATO. Nel dettaglio le UNIFICATE hanno lo sportello grande classico, non hanno i fori per la scritta che è adesiva, serratura di blocco tipo corto senza blindatura, rimangono sul telaio a bordo della vaschetta portaoggetti i numeri seriali di pressa (si possono trovare NUOVE 125 del numero successivo magari ad un telaio 90 o 50 unificato in quanto prima che venissero punzonate o destinate a questo o quel modello uscivano dalla pressa tutti identici telai grezzi), della Unificata esiste una unica e sola versione dal 66 al 67 ed ha colorazioni specifiche differenti dalla corta.

 

 

Questa è effettivamente la "Vespa 50 N ",(Nuova), unificata, anche questo termine coniato a posteriori per differenziarla dalla successiva allungata. Unificata poichè parte del telaio è condiviso con la 90 e la successiva Nuova 125 (anche questo nome, coniato a posteriori) introdotta leggermente dopo. Differenze più marcate su quest'ultima che adotta uno scudo/pedana più largo di ben 2cm, nonche una staffa di rinforzo all'interno della sacca sinistra, qust'ultima la ritroviamo anche nella 90, accorgimento che sulle 50 dovremo attendere per ben 15anni!

C'è anche da chiarire che l'effettiva introduzione della 50N, è da indicarsi nel settembre/ottobre 1965 (da qui forse l'errore di VT, di chiamare genericamente "50N" tutta la produzione 65).

L'unificata sarà prodotta fino all'ottobre del 67.

 

 

"Vespa 50N allungata"

 

 

dal 1967 in concomitanza di una nuova politica grafica e soprattutto commerciale/pubblicitaria della Piaggio lo stemma cambia dal vecchio tipo a scudo con P ad un nuovo esagono con fondo azzurro, il telaio delle small (ma parimenti accadrà sulle large frame) e mano a mano le stampigliature sui ricambi e sulle fusioni entro il 1968 cambiano, eppure NON distinguiamo una UNIFICATA da una ALLUNGATA dal dettaglio dello scudetto sullo scudo (rilievo di pressa) ma bensì da altro, infatti il nome allungata deriva da una miglioria dello stampo del telaio che ha ora quasi due centimetri di allungo del ponte che porta l'interasse delle ruote a quasi 2 cm di maggiorazione, questa modifica mai certificata da una successiva omologazione o trascrizione sulle schede tecniche del modello N ha un suo perché, la strategia del nuovo marchio-stemma si accompagna alla realizzazione di una nuova versione della NUOVA 125 che sostituirà in modo definitivo la 90 e la NUOVA 125, sarà la VESPA PRIMAVERA) del 1968, le prestazioni aumentano e il passo più lungo la rende più stabile e più comoda, seppur su molte fusioni rimane ancora per qualche tempo il logo vecchio tipo ma non sul telaio, (curiosamente sulla cuffia in plastica della 50 Special-R e della primavera il logo a scudo vecchio tipo rimarrà in uso fino al 1978!!!!) .

 

Le "allungate" hanno anche una nuova serratura di blocco più lunga con blindatura di innesto sulla corrispondente feritoia della canna della forcella anteriore maggiorata , la nuova sagoma in versione allungata è proprio un nuovo stampo di pressa in realtà, con esso si perde quindi la numerazione a battitura di uscita dalla pressa tipica delle corte e delle Unificate, quella vicina al bordo della vaschetta portaoggetti, a vantaggio di una più pratica targhetta di carta nel pozzetto, quindi possiamo dire che...

 

di solito una allungata ha logo esagonale che fregia gli scudi (ma i primissimi esemplari allungati Primavera e 50 N potrebbero averci ancora il logo tipo vecchio in ragione del fatto che l'adozione del nuovo telaio lungo non fu perfettamente sincrono a quella del nuovo logo esagonale seppur coetaneo), non ha il seriale di battitura sul bordo telaio vaschetta portaoggetti, ed ha la serratura di blocco con innesto finestra canna della forcella maggiorata, oltre ovviamente al ponte centrale più lungo di quasi 2 cm che è la variante predominante eppure la più difficile da valutare ad occhio.

 

 

"23 ottobre 1967 Estenzione di omologazione certificato N. 5385 OM"

Con questa nota omologativa alla scheda principale, vengono aggiornate le misure di passo, lunghezza e peso, nonche l'indroduzione del nuovo logo di punzonatura di telaio e motore.

Oltretutto, quindi è proprio dal nuovo stemma e relativa sede rialzata sul nasello che possiamo già fare una prima valutazione di che vespa 50 abbiamo davanti, per poi approfondire se trattasi di Normale o Lusso.

Si perchè, a partire dall'introduzione della 50 L (settembre 1966) il nuovo nome commerciale della N sarà Normale.

Mai Vespa Primavera ha avuto scudetto o sede per il vecchio stemma,questo è da sottolineare.

La serratura "lunga" è una modifica effettuata durante il 1968, quindi vi sono delle Allungate sia con quella corta che lunga.

 

....

 

 

dai potenza alla mia reputazione sul forum se il post ti è piaciuto, ...

 

 

Poeta...ma chiedi anche la "marchetta"?...:mrgreen::roll:

 

 

 

e non lo troverai per certo su Vespatecnica, o meglio....

 

su Vespatecnica troverai conferme a quanto detto...

 

approfondendo il discorso, ora con la giusta chiave di lettura, consiglio VOLUME II° e III°.

 

...

 

 

e non lo troverà per certo su VT...:mrgreen: anzi gli consiglio di risparmiare quei soldi!!:ok:

Consiglio anche al nostro amico di controllare sempre il numero telaio, questo è il primo passo per capire che 50ino abbiamo davanti;-)

:ciao:

Link to comment
Share on other sites

  • 2 years later...
Il 10/3/2015 at 21:16, poeta dice:

 

Le "allungate" hanno anche una nuova serratura di blocco più lunga con blindatura di innesto sulla corrispondente feritoia della canna della forcella anteriore maggiorata , la nuova sagoma in versione allungata è proprio un nuovo stampo di pressa in realtà, con esso si perde quindi la numerazione a battitura di uscita dalla pressa tipica delle corte e delle Unificate, quella vicina al bordo della vaschetta portaoggetti, a vantaggio di una più pratica targhetta di carta nel pozzetto, quindi possiamo dire che...

Buon giorno a tutti , riprendo dopo un secolo questa discussione...

credo che Poeta, strepitosamente preparato sull'argomento, mi possa chiarire la situazione....

sto facendo una 50 L telaio 549xx4, una delle ultime fabbricata nel dicembre 1967 ma immatricolata nel gennaio 1968...

teoricamente una "allungata"

mi ritrovo lo scudo con sede esagonale, ma udite udite, è presente la battitura della numeraZione dello stampo in zona vaschetta portaoggetti, in oltre nel pozzetto sotto al serbatoio, cè anche una targhetta adesiva in carta con dei numeri ... 

tappo manubrio e cuffia cilindro con logo esagonale, magari per esaurimento vecchie scorte di magazzino...

un vero miscuglio...

cè modo di misurare il telaio per vedere se appartiene alle allungate i meno?

 

 

Link to comment
Share on other sites

  • Utenti Registrati
STAFF
23 ore fa, pier.falcone dice:

sto facendo una 50 L telaio 549xx4, una delle ultime fabbricata nel dicembre 1967 ma immatricolata nel gennaio 1968...

teoricamente una "allungata"

mi ritrovo lo scudo con sede esagonale, ma udite udite, è presente la battitura della numeraZione dello stampo in zona vaschetta portaoggetti, in oltre nel pozzetto sotto al serbatoio, cè anche una targhetta adesiva in carta con dei numeri ... 

tappo manubrio e cuffia cilindro con logo esagonale, magari per esaurimento vecchie scorte di magazzino...

La risposta è proprio nella Scheda Tecnica Omologativa, a pagina 6 del file PDF di cui al link in area Download.

Riporto:

image.thumb.png.2802756a54d9c4e6232bc78bb227e704.png

Ne consegue che quanto riportato sopra non è esatto:

Il 10/3/2015 at 21:16, poeta dice:

dal 1967 in concomitanza di una nuova politica grafica e soprattutto commerciale/pubblicitaria della Piaggio lo stemma cambia dal vecchio tipo a scudo con P ad un nuovo esagono con fondo azzurro, il telaio delle small (ma parimenti accadrà sulle large frame) e mano a mano le stampigliature sui ricambi e sulle fusioni entro il 1968 cambiano, eppure NON distinguiamo una UNIFICATA da una ALLUNGATA dal dettaglio dello scudetto sullo scudo (rilievo di pressa) ma bensì da altro, infatti il nome allungata deriva da una miglioria dello stampo del telaio che ha ora quasi due centimetri di allungo del ponte che porta l'interasse delle ruote a quasi 2 cm di maggiorazione, questa modifica mai certificata da una successiva omologazione o trascrizione sulle schede tecniche del modello N 

Infatti:

  • La STO certifica la variazione delle misure fondamentali (segnatamente lunghezza e passo) proprio in concomitanza col cambio del logo sullo scudo e nella punzonatura;
  • L'incremento è per entrambre le misure di 25 mm;
  • Necessariamente questo comportò l'estensione dell'omologazione, e dunque la nota di cui sopra nella STO; non sarebbe potuto essere altrimenti.

 

Posso inoltre aggiungere che la mia 50 L, telaio 5589**, certificato originale del 7 marzo 1968, ha anch'essa la punzonatura nei pressi del vano portaoggetti. Il tappo del contachilometri che vi era montato aveva il logo a scudetto, ma se ben ricordo non era quello originale, avendo sotto ai vari strati un colore diverso dall'azzurro metallizzato col quale la Vespa è nata.

Link to comment
Share on other sites

  • Utenti Registrati
STAFF

Di nulla ;-)

Per ulteriore riscontro, una foto della L di un amico, conservatissima (non che questo conti molto, in questo caso). È del 1969 da libretto (non ricordo il numero di telaio) ed ha la punzonatura nei pressi del portaoggetti. 
Niente di strano, dunque.

 

image.thumb.png.4e724bd6c3b2dc67f857a4c104a4365a.png

Link to comment
Share on other sites

  • 9 months later...

Ciao ragazzi, non ho mai scritto sul Vostro forum ma devo dire che ho sempre “scroccato” informazioni utili. 

Vi scrivo per chiedervi delucidazioni in merito ad una vespa V5A1T.

il numero di telaio è 52xxxx < a 540001( come da STO)

ha lo stemma esagonale sul nasello,

la punzonatura riporta anche lo stemma esagonale,

i fori nella pedana sono per le strisce in gomma,

non ha fori per la scritta posteriore Vespa 50 L.

che vespa 50 è, L o “N”?

Grazie

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, ARCHITITO2002 dice:

Ciao ragazzi, non ho mai scritto sul Vostro forum ma devo dire che ho sempre “scroccato” informazioni utili. 

Vi scrivo per chiedervi delucidazioni in merito ad una vespa V5A1T.

il numero di telaio è 52xxxx < a 540001( come da STO)

ha lo stemma esagonale sul nasello,

la punzonatura riporta anche lo stemma esagonale,

i fori nella pedana sono per le strisce in gomma,

non ha fori per la scritta posteriore Vespa 50 L.

che vespa 50 è, L o “N”?

Grazie

 

dal seriale è una 50 L del '67,   le N si fermano  a seriale  283299

L' anomalia  (che ti fa sorgere il dubbio) la mancanza dei fori dietro per la scritta corsivo ( non ci sono o sono stati stuccati?) e i fori per e strisce in gomma.

Metti 2 foto per capire meglio

Edited by exstreme
Link to comment
Share on other sites

Dai numeri confermo una 50l prodotta non prima dell'estate 67.Prima di fare 1000 ipotesi bisognerebbe sverniciare i punti che indicano dove sono state effettuate opere nel corso degli anni e vedere che c'è sotto.Può essere di tutto,da un copia e incolla di numero su altro telaio a un telaio sostituito in epoca remota causa incidente e preso disponibile come ricambio un telaio n (allungato e unificato) e ripunzonato o chissà cos'altro.Solo grattando scopriremo la verità.

Link to comment
Share on other sites

50 minuti fa, exstreme dice:

dal seriale è una 50 L del '67,   le N si fermano  a seriale  283299

L' anomalia  (che ti fa sorgere il dubbio) la mancanza dei fori dietro per la scritta corsivo ( non ci sono o sono stati stuccati?) e i fori per e strisce in gomma.

Metti 2 foto per capire meglio

Il dubbio sorge dai fori strisce in gomma, mancanza fori targhetta ( ma potrebbero essere stati stuccati) ma anche che ha il logo e ponzunatura esagonale anche se ha un numero di telaio inferiore a 540001. Infatti è solo da questo numero ci dovrebbero essere queste modifiche

Link to comment
Share on other sites

Piu o meno dall'inizio 68 i telai sono unificati e allungati con stemmi esagonali,bisognerebbe chiedere alla piaggio quando effettivamente è stata prodotta quella vespa.I fori pedana forse li hanno fatti dopo per non ammattire con le strisce classiche e i ribattini ma sotto la vernice dovresti trovare i segni dei vecchi fori.

Aggiungo anche

Le l (ma anche le altre small)fino a tutta la produzione passo corto con stemma rettangolare avevano anche un numero seriale stampato dove si infila la vaschetta portaoggetti,sparito poi con la totale unificazione dei telai.

Edited by Psycovespa77
Link to comment
Share on other sites

Il fatto è che mi sto occupando del restauro della vespa di un amico che la ereditata dal nonno e non so se farla N o L. 

I numeri da quanto ho capito dicono L unificata ma i particolari suggeriscono N oppure L allungata!!

Edited by ARCHITITO2002
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...