Jump to content
VR News
  • IMAGES HOSTING
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.

Gianluca102

Utenti Registrati
  • Content Count

    515
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3
  • Points

    450 [ Donate ]

Gianluca102 last won the day on April 7

Gianluca102 had the most liked content!

Community Reputation

5

About Gianluca102

  • Rank
    VRista Senior
  • Birthday 01/19/1988

Personal Information

  • Città
    Milano
  • Le mie Vespe
    Vespa PX 125, 2001
  • Occupazione
    Chimico

Recent Profile Visitors

1,588 profile views
  1. Così su due piedi a me sembra che, guardando lo scudo dall'interno, il primo foro a sinistra sia giusto ( ma sbaglio o è sparito un foro? sono solo 5 adesso...). Poi gli altri due indicati da Luca (vol) mi paiono effettivamente i suoi. Per quanto riguarda scritte e targhette, io ho esperienza con i rivenditori Pascoli e officina tonazzo, e non mi sono mai pentito degli acquisti. Domani se vuoi posso cercare di prender la distanza di interasse tra i pioli della targhetta montata.
  2. Si questo potrebbe esser un upgrade di un metodo già ottimo! Domanda, come e quando reputi necessaria la sostituzione dell'intero cuscinetto? in teoria potrebbero esser sostituiti solo i rullini, giusto? Ispezioni la sede dei rullini e vedi se ci sono le classiche scanalature legate all'ossidazione da contatto dei rullini? Cosa che per esempio io vedo nelle boccole del tubo dello sterzo, sul perno dell'asse ruota delle Vespe anni 60, per intenderci...Li col fatto che è più probabile che entri sporco e acqua, l'ossidazione è sicuramente più critica per un cuscinetto a rullini...
  3. Ecco lo schema, scusa.... Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
  4. Ciao Akira, quoto Marben! Se hai acquistato il raddrizzatore di Pascoli avrai a casa ora il raddrizzatore "elettronico" formato da un condensatore in poliestere e il diodo schottky. Parlo di come è possibile fabbricarselo in casa davvero per pochi euro alla pag 15 di questo topic. Sotto i collegamenti che ho seguito nel preparare il circuito, davvero semplici, si tratta di un parallelo tra il diodo e il condensatore. Devi solo capire, dal raddrizzatore di Pascoli, quale è il cavetto connesso all'input del diodo e quale all'output, ma dovrebbe esser scritto sulla basetta stampata, almeno cosi' sembra dal sito di Pascoli. La massa (cavetto nero dell'impianto elettrico) va sulla barretta filettata sulla quale avviti il galletto che chiude la scatolina del raddrizzatore, assieme al "meno" dalla batteria, . Mi raccomando verifica che non vi sia il corto tra questa terra e l'IN al diodo, altrimenti bypassi il circuito! Facci sapere!
  5. Stupendo! Grazie per averlo condiviso! Se al posto della barra filettata si usa un bullone sufficientemente lungo, si potrebbe anche evitare di inserire il dado della sede del cuscinetto, oppure questo crea difficoltà al momento dell'inserimento della rondella ovalizzata? Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
  6. Di nulla! magari a lavoro finito posta qualche foto della targhetta montata!
  7. Finito ora di leggere quasi d'un fiato questo stupendo post! Ora che sono possessore di un Primavera prima serie vorrei avere le idee più che chiare prima di avviarne il restauro...! Commovente ed appassionante la storia delle Primavera amaranto...grazie Humabel per averla riscoperta! Do il mio piccolo contributo: primavera prima serie del 1968 con numero di telaio 026***, quindi tra le prime, ha il dado del piolo sella, non saldato! Gianluca
  8. Teerzo piolo: questa volta per comodità ho preso come riferimento orizzontale il profilo destro del bordo scudo. Siamo a 3.00 cm dal suo margine esterno destro (foto 1) e 9.75 cm dal margine superiore. Nel fare quest'ultima misura ho tenuto il metro da sarta parallelo al margine destro del bordo scudo. Spero di averti dato tutte le misure necessarie. Se hai bisogno di qualcos'altro, chiedi pure!! Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
  9. Eccomi, son riuscito a prendere le misure, spero ti siano utili. Allora i piloni della scritta sono tre. Ho preso le misure con metro da sarta flessibile in modo da misurare aderente alle curve dello scudo, prendendo come riferimento il bordo scudo e le asole del tunnel dello sterzo....iniziando dal piolo più interno alla scocca (sedendoti sulla Vespa quello più a sinistra) e misurando fino all' ipotetico asse del suo buco, misuro 0.75 cm circa da asola del tunnel dello sterzo e 8.75 dal profilo superiore del bordo scudo (foto 1 e 2). Per il Piolo centrale ho circa 5.60 cm dall' asola del tubo dello sterzo e circa 10.75 dal profilo superiore del bordo scudo, foto 3 e 4. Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
  10. E questo è il risultato finale! Sono stato soddisfatto. Alcune piccole imperfezioni e sbavature ci sono, ma son contento di avervi dedicato del tempo e aver rispettato l'originalità della sua estetica...che ve ne pare?? Suggerimenti?? Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
  11. ...continuando....son passato a riempire i buchi con una pasta sempre a base vetroresina, modellabile. Qui il link, l'ho trovata ottima. Ottima lavorabilità sia prima che dopo l'essiccazione : https://www.amazon.it/Vetroresina-stucco-vetroresina-catalizzatore-carrozzeria/dp/B07PNRM6RN/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=vetroresina+pasta+stucco&qid=1586364124&sr=8-1 Ho rifatto i fori agli angoli del diametro giusto, e quindi dato il fondo epossidico grigio. Sempre proteggendo con dischetto di nastro di carta, il sigillo della Repubblica , che nel mio caso aveva perso il colore blu, ma era ancora ben visibile il bassorilievo. Quindi ho steso a bomboletta un beige ESATTAMENTE dello stesso Pantone del fondo ossidato in plastica, preparatomi dal mio colorificio di fiducia (in realtà mi è andata anche un po' di fortuna!!). Qui per colorare le cifre ho impiegato la tecnica del trasferimento di colore da una spugna imbevuta con il blu acrilico (ho fatto bene), dopo aver protetto tutte le parti che non mi interessava colorare anche qui con nastro di carta. Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
  12. Grazie mille Gino, grazie mille a tutti, ragazzi. Farò tutto quando questa brutta situazione si sbloccherà....sperando ciò accada il prima possibile. Non l'ho ancora fatto ma intendevo ringraziarvi davvero tanto per l'aiuto che mi avete dato anche in questo restauro. Può darsi che non sia stato impeccabile, che per mia inesperienza (dopotutto è stato solo il secondo restauro) abbia tralasciato alcuni particolari o che abbia preso "sotto gamba" alcuni aspetti, ma l'importante che sia arrivato alla fine sulle mie gambe e con il vostro preziosissimo contributo. L'importante , e quello a cui kiraco e che guardando il lavoro finito e che mi brillino gli occhi....e credo conosciate quella sensazione quando guardate le vostre Vespe.... Mi rendo conto di aver tralasciato però un particolare nel rendicontare gli step del restauro, ovvero il recupero della targa....premettendo che la duplica della targa è reato (e le cifre richieste tra l'altro sono ingiustificatamente alte), che la prima regola è "solo interventi mirati alla sua conservazione" e che si può toccare tutto ma NON il sigillo della Repubblica, descrivo qui ora come ho agito io. Grazie agli spunti offerti su questo forum, procedo a descrivere qui sotto senza aprire un nuovo 3d, anche perché gli step sono quelli citati altrove con qualche piccola modifica (e dopotutto è parte integrante del restauro!) lo stato iniziale non era dei migliori ma non versava in condizioni disperate: angoli mancanti, crepe, e un "4" con un buco in mezzo! Il sole e il caldo l'avevano poi imbarcata leggermente. Step uno: portarla in bolla. Quindi pentola, acqua calda (85-90 gradi) e un peso a tenerla giù. Dopo una bella sgrassata con cif e sgrassatore, "il gallo del pulito", ho passato a lavorare il retro stendendo veli 2 di vetroresina in modo da creare un substrato resistente, ma anche flessibile per le lavorazioni successive di ricostruzione delle parti mancanti. Il resto in un prossimo messaggio....ho esaurito gli allegati!! Eheh Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
  13. Se hai pazienza fino a questa sera o al più tardi domani, sarò felicissimo di riportarti le quote per la targhetta anteriore. A memoria ti direi che sono tre pioli, ma te lo confermo anche questo tra poco. Se nel frattempo qualcun'altra del forum ha la risposta, sarà lui a rispondere!! CIAO! G
  14. Radiata, a detta del venditore. Non ho avuto ancora modo di fare una visura...complice il momento avverso...l'ultimo bollo pagato risale al '79. Naturalmente ritornerà del suo biancospino originale!
×
×
  • Create New...