Jump to content

Kikko10

Utenti Registrati
  • Posts

    147
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Kikko10 last won the day on June 20 2014

Kikko10 had the most liked content!

About Kikko10

  • Birthday 10/12/1983

Personal Information

  • Città
    Belluno
  • Le mie Vespe
    Vespa 50 Special (1973); Vespa P 125 X (1981)[VNX1T].

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

Kikko10's Achievements

Rookie

Rookie (2/14)

  • First Post Rare
  • Collaborator Rare
  • Conversation Starter Rare
  • Week One Done
  • One Month Later

Recent Badges

2

Reputation

  1. Buongiorno. Ieri, dopo un centinaio di chilometri in sella al mio PX 125 a velocità di crociera di 80Km/h, mentre avevo già da diversi chilometri la leva del rubinetto in modalità "riserva", ho improvvisamente sentito dei vuoti al motore. Pur riconoscendo un possibile problema al flusso di benzina, ho accostato immediatamente per scongiurare una possibile scaldata, visto i lunghi tratti percorsi a velocità costante. Dopo un paio di minuti ho provato a riaccendere la Vespa ed è partita senza problemi. Mi sono quindi recato al benzinaio più vicino a fare un pieno di miscela per "diluire" eventuali residui di sporco nel serbatoio e mi sono accorto che dal tubo di aspirazione usciva una bollicina d'aria ogni 5 secondi. In poche parole, dal buco dove dovrebbe passare la miscela per andare al carburatore, esce un pochino d'aria a intervalli regolari. Deduco, quindi, che il problema del vuoto al motore possa essere dovuto a questa anomalia. Cosa può essere successo? Questa la mia configurazione del reparto alimentazione del motore: - rubinetto BGM PRO Faster Flow V2.0 - pompa a depressione Dell'orto P34-PB2 - Carburatore 28PHBH Dell'orto - 177 ParmaKit TSV “PUFFO” (testa blu) Grazie!
  2. Ho preso questo topic come riferimento, visto che il problema era simile. Io ho un PX 125 del 1981, non una vbb.
  3. Aggiornamento. Ieri sera è arrivato un amico con l'accensione originale di un PX 200. Ho montato questa et voilà, la Vespa si è accesa con tutte le luci funzionanti, clacson compreso. Deduco quindi di avere uno statore nuovo difettoso. Problema quindi risolto per l'European Vespisti Week di Montegrotto Terme visto che l'amico, gentilmente, me lo presta per qualche giorno. Al rientro acquisterò un ulteriore nuovo statore riportando indietro al negozio quello Magneti Marelli difettoso, sperando che mi venga riconosciuto uno sconto su ordini futuri. Per quanto riguarda il ricablare lo statore, io non saprei some fare. Faccio cose elementari, tipo crimpare i faston, ma non mi metto a saldare e dissaldare bobine e pick-up.
  4. Ciao. Riprendo questo posto al quale mi ero già affidato 3 anni fa per chiedere consigli perché ho un problema molto simile a quella raccontato qui sopra. Ieri pomeriggio ho preso la mia Vespa PX 125 del 1981 e sono andato in serata a fare un luuuungo aperitivo. Al momento di riprendere la Vespa attorno alle 22:00, mi sono accorto che non funzionavano fari, stop, frecce e clacson. Fortunatamente ero con un amico anch'egli in moto che mi ha fatto strada fino a casa. Memore dell'avventura raccontata qui sopra, oggi ho usato il tester con i cavi in uscita dallo statore (Ducati Energia elettronico a 5 fili) e ho visto esserci dei problemi. Appurato il colpevole, oggi ho acquistato uno statore Magneti Marelli, quello che aveva a stock il mio negozio di fiducia e l'ho montato in serata. Spedivellando, le luci finalmente funzionano...però adesso non si accende più la Vespa perché la pipetta non fa scintilla! Con il tester ho controllato tutti i fili dello statore e sono ok; ho testato tutti i contatti della centralina esterna e sembrano a posto; ho controllato il cavo della pipetta ed è a posto. Però niente, nessuna scintilla. Cosa può essere successo? L'anticipo dello statore l'ho regolato alla stessa maniera di come era montato quello della Ducati Energia montato fino a questo pomeriggio. Avete qualche suggerimento da darmi? Tutto questo, come di consueto, accade a pochi giorni dal raduno Europeo di Montegrotto Terme al quale sono iscritto, motivo per il quale gradirei risolvere questa bega in un paio di giorni. Grazie!
  5. Ciao a tutti, monto attualmente sul mio PX uno pneumatico Metzeler ME1 3.50x10 su cerchi tubeless F.A. ITALIA. Mi ci sto trovando particolarmente bene ma siamo ormai a fine vita. Cercando l'acquisto dello stesso pneumatico, ho visto il più recente Metzeler Roadtec 3.50x10 che sembra essere nato circa due anni fa. Ho cercato informazioni in rete ma sembra che nessuno l'abbia ancora montato sulla Vespa o, quantomeno, che nessuno abbia voluto testimoniare la sua esperienza. Qualcuno di voi ha montato questo pneumatico e sa come si comporta su strada? Grazie!
  6. Questa sera ho pulito il serbatoio e tutti i tubi della benzina. Ho controllato i cavi elettrici sotto il manubrio e sono tutti isolati. Ho controllato con il tester la centralina e il cavo verde che va all'accensione. Ho ri-riempito il serbatoio con la miscela "giusta" al 2,5% e ho acceso la Vespa che è partita subito. Sembra tutto ok. Mi sono deciso ad aprire il volano ed ecco, forse, il problema. Quando ho cambiato lo statore ad agosto una delle 3 viti si è spanata e ne ho messa una non tradizionale che avevo in casa. Avevo misurato l'altezza della testa ma evidentemente pochi decimi di millimetro sono stati fatali perché ritengo che tale vite tocchi il volano in fase di rotazione creando detriti e, suppongo, surriscaldando. Allego foto della vite in questione, del volano come era ad agosto prima del cambio dello statore e del volano come è oggi. So che era già rovinato ma è una cosa vecchia che non c'entra niente con questo problema. Nella foto del "Volano oggi" si vede che la vite tocca il volano e si vede come questo sia stato ulteriormente "mangiato" dalla stessa. Può essere questa la diagnosi definitiva?
  7. Aggiornamento delle 18:30. Tornato a casa dal lavoro ho provato ad accendere la Vespa: alla seconda pedivellata è partita e sembra non avere alcun problema. Non ci sono salito in sella ma l'ho lasciata qualche minuto accesa in garage e non ho riscontrato alcun sintomo di malattia. Nel dubbio ho svuotato il serbatoio con la miscela iper-grassa per metterci quella che uso di solito al 2,5%. Resta sempre da capirne la causa.
  8. ... o magari una scaldata del cilindro (Parmakit "Testa Blu" 177cc in alluminio)?
  9. Grazie a entrambi, proverò come suggerite. La miscela iper-grassa è da escludere secondo voi?
  10. Grazie per la risposta. Puzza anche a me di problema elettrico, infatti subito ho cambiato centralina e candela. Però, cribbio, lo statore è nuovo di zecca. Magari, per carità, può essere difettoso ma mi auguro non sia quello avendo 3 settimane e 100km di vita.
  11. Ciao, ultimamente la mia Vespa PX mi sta facendo tribolare più del dovuto tanto da maledirla e di minacciarla di venderla al migliore offerente. Ieri ,dopo essere partito da casa ed aver percorso circa 20km di strada perlopiù pianeggiante, improvvisamente si è spenta la Vespa mentre ero a circa 4/5 dell'acceleratore a circa 90km/h. Si è spenta come se avessi spento la Vespa girando la chiave di accensione, senza quindi alcun borbottìo. Porto sempre con me una candela di riserva ed anche una centralina di accensione che ho immediatamente cambiato dopo essermi accostato a bordo strada. Cambiate entrambe la Vespa non ne ha voluto sapere di ripartire. Appurato che il problema non era questo, ho rimontato quindi la vecchia candela e la vecchia centralina. Per i primi 45 minuti non mi sono dato per vinto ed ho provato a riaccendere la Vespa senza successo. Circa 2 ore dopo l'accaduto è arrivato un mio amico con un furgone per caricare la Vespa e portarla a casa; per scrupolo ho provato ad accenderla ed è ripartita alla prima pedalata! Ho colto la palla al balzo, sono salito in sella ed ho provato ad arrivare a casa ma circa 3km dopo si è spenta di nuovo. Ho atteso 2 minuti, ho provato ad accenderla e sono riuscito a fare ancora qualche centinaio di metri per poi spegnersi di nuovo. Ho compiuto questa operazione altre due o 3 volte per poi arrendermi definitivamente e caricare la Vespa sul furgone riportandola nel garage di casa mia. Durante questi mini-tratti, soprattutto in quello da 3km, ho provato ad tirarla un po' ed il motore sembrava essere in perfetta forma. Che caspita può essere successo? Faccio due premesse: la prima è che circa tre settimane ho cambiato lo statore perché non andavano più fari e frecce (nel frattempo ho percorso circa 100km); la seconda è che il giorno prima che la Vespa si fermasse, per motivi che non sto qua a spiegarvi, ho STUPIDAMENTE fatto una miscela tremendamente grassa. Non so quanto perché l'ho fatta a occhio. Nel dubbio, per non rischiare di farla troppo magra, penso di aver esagerato con l'olio (Motul 710 sintetico) e quindi di avere avuto una miscela almeno al 5%. Può questa miscela super-grassa essere stata la causa dello spegnimento? Come già scritto la Vespa si è sempre spenta come se mancasse la corrente, non ha mai fatto alcun borbottio come quando manca benzina. Grazie!
  12. Buonasera. Prendo in mano questa discussione perché ho un problema simile a quello descritto nel primo post. Nella mia Vespa PX del 1981 improvvisamente non vanno più frecce, fari e clacson. La Vespa va perfettamente ma nessuna luce si accende più. Ho cambiato il regolatore di tensione con uno nuovo e non è cambiato nulla; ho usato il tester controllando tutti i cavi in uscita dallo statore nella scatola di derivazione verso la centralina sul carter e sono tutti a posto; per scrupolo ho tolto il volano per controllare lo statore (accensione elettronica) e, alla vista, tutti i cavi sono a posto; ho controllato la salute dei cavi all'interno del manubrio e dietro il nasello, compresa la scatoletta di derivazione anteriore e sono tutti in salute. Se 1+1 fa 2, il problema è dovuto ad un filo spellato che fa massa da qualche parte. Vorrei però capire se può esserci qualche altra soluzione. Per esempio da un po' di mesi il faro anteriore a volte non rimaneva acceso perché il contatto all'interno del devioluci di destra era un po' consumato ed ero costretto a muovere leggermente la leva dei fari per cercare la giusta posizione e per mantenere il faro acceso. Può questa "intermittenza" aver creato qualche danno al sistema elettrico? Il devioluci di destra che magari si è guastato, può portare a non far funzionare tutte le luci? O c'è qualcos'altro da controllare prima di ricablare tutto sacramentando? Grazie!
  13. Grazie per la risposta. Ti dico la verità che tra la prima e la terza rottura della camera d'aria, quella di ieri, ho anche cambiato i cerchi che sono però dello stesso modello. E' per questo che tendo a non dare la colpa a loro né ad un congenito difetto di fabbrica (i primi avevano più di 5 anni) ma, a quanto pare, più indizi stanno ormai diventando una prova. Immagino che la ruota posteriore subisca molte più sollecitazioni di quella posteriore per i motivi che hai descritto e anche per essere la ruota motrice. A questo punto quale può essere la soluzione a queste forature? Cambiare i cerchi?
  14. Dopo magari posso fare un paio di foto ma direi non ci siano problemi. I cerchi sono nuovi, cambiati ex novo circa 1500km fa. Tra l'altro il problema si è riproposto invertendo il cerchio posteriore con quello anteriore e la camera d'aria che si lacera è sempre la posteriore.
  15. Ciao a tutti, ho un PX 125 del 1981 e nell'ultimo anno ho bucato 3 volte la ruota posteriore nello stesso punto. Anzi, più che bucato potrei dire che la valvola si lacera esattamente con le stesse modalità. Allego 3 foto delle ultime 3 rotture; come vedete sembra la stessa camera d'aria ma si tratta di 3 camere d'aria diverse. Monto i cerchi in lega neri della F.A. ITALIA (modello 5520, non tubeless) e gli pneumatici CONTINENTAL CONTI-TWIST 3.50-10 M/C 59M Tubeless. La rottura è avvenuta sia con camera d'aria Michelin che con camera d'aria Vee Rubber. Nel dubbio, alla seconda rottura della camera d'aria, ho invertito la ruota posteriore con quella anteriore ma il problema si è per l'appunto ripresentato in questi giorni. Per quanto riguarda la pressione degli pneumatici, io ho un compressore ma il manometro non è ben calibrato pertanto la faccio “ad occhio” ma tendo a tenere le gomme piuttosto gonfie. Secondo dove nasce il problema? Da una camera d'aria troppo sgonfia o troppo gonfia? Forse l'abbinamento camera d'aria e pneumatico Tubeless non funziona? Grazie!

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...