Jump to content


50cc CR (Rizzato)?? anni 70


Recommended Posts

Buonasera a tutti, 

è la prima volta che scrivo in questa sezione del forum, ed uscire dal ''seminato'' Vespa un po' mi spaventa, ma l'intento credo sia nobile.
Mio padre, in tempi non recenti, acquistò un 50cc CR Rizzato, anni 70, credo precisamente sia del 71...ma verificherò su libertino....
é un mezzo al quale mio Padre è molto legato, lo ha utilizzato per molti anni per compiere il tragitto casa-orto (poco più di 2 km). Purtroppo, di recente, gli è stato intimato dalla forza pubblica, di non utilizzare più quel mezzo (pena il sequestro) per l'assenza di alcune dotazioni (fanalino posteriore), e una targa, quella a cinque cifre, "fuori legge". A questo ultimo "inconveniente" che l'ha obbligato all'utilizzo della bici, che complica di non poco il traino del carrettino con i pochi attrezzi necessari alla cura dell'orto, si sono aggiunti alcuni problemi tecnici al carburatore e all'impianto elettrico. Ora, il problema della targa  non più a norma, è stata risolta con la richiesta di un nuovo targhino a sei cifre, vorrei quindi poter risolvere gli altri problemi in modo che mio Padre possa tornare ad utilizzarlo quotidianamente. Ho iniziato a lavorarci ma il primo ostacolo con il quale ho dovuto confrontarmi, è stata la scarsità delle informazioni presenti in rete circa questo modello....in effetti  non so nemmeno come precisamente riferirmi a questo modello (da qui i punti interrogativi nel titolo). Ho proceduto per confronto con le foto che ho trovato online, che mi hanno portato a concludere che non si tratta ne di Califfo ne di Califfone Rizzato, non di Atala Rizzato, ma forse di Maino Rizzato...?? Per chiarirci le idee, riporto sotto qualche foto presa da internet del mezzo in questione (ne farò ne prossimo futuro alcune del ciclomotore di mio Padre).

Dopo una prima revisione (pulizia carburatore, verifica statore, verifica scintilla, e revisione impianto elettrico) mi son dedicato alla ricerca dei pezzi di ricambio/mancanti. Devo cercare, impresa assai ardua, quel fanalino posteriore circolare, non riesco a rintracciarlo in nessun modo. Anche il fanale anteriore non sembra essere il suo originale poiché è del tipo rettangolare (Aprilia) e non circolare come nelle foto.  Il devio luci mi sta dando poi problemi in questo senso. E' un classico devio luci come ce ne sono sui 50cc anni 70-80: selettore luce abbagliante/anabbagliante e due pulsanti uno che dovrebbe esser dedicato al clacson e l'altro allo spegnimento, ovvero alla massa del motore. Ecco, io non ricordo quale dei due pulsanti debba esser cosa. Sta di fatto che se spedivello per verificare la scintilla alla candela, non c'è modo, tenendo premuti i pulsanti, di sospendere la corrente alla candela. Mentre invece se sposto il selettore dalla posizione di "tutto spento", ecco cha la corrente non arriva alla candela. Immagino debba aver riconnesso i cavi in modo sbagliato, dopo la revisione dei cavetti dell'impianto. Vorrei poter verificare la correttezza delle connessioni con uno schema elettrico che naturalmente non è reperibile in rete....
Vi chiedo gentilmente se sapreste darmi qualche dritta, di qualsiasi tipo, circa i punti che ho indicato sopra. So di per certo che di mezzi analoghi ne avete visti. Faccio appello alla infinita esperienza di questo Forum!!

Vi ringrazio di cuore per tutto l'aiuto che vorrete darmi.

Gianluca 


 

unnamed.jpg

3525b7b83ae7ca22613635379f434611_thumb.jpg

a19261e2931a5cecfcaa4084f8831646_thumb.jpg

Link to post
Share on other sites

Beh, intanto bellissimo mezzo :x, complimenti a tuo padre per aver insistito nel tenerlo!

Reputo che l'impianto elettrico sia molto semplice e normalmente aperto. Per cui, al posto tuo partirei dallo statore e dai fili che ne escono per individuare quale sia quello dello spegnimento. Quello lo porterei, magari con lo stesso colore fino al devioluci, e proverei così solo e unicamente il pulsante per lo spegnimento.

A tal proposito, sei sicuro che i due pulsanti svolgano lo stesso contatto? Ovvero condurre a massa?

In bocca al lupo per questa prossima avventura ;-)

Link to post
Share on other sites

Ciao Kalimero! Grazie per la risposta!

in effetti l'impianto è minimale (cosa che mi frustra ancora di più per non capirne il funzionamento). Dallo statore escono due fili, uno rosso e uno nero (oltre a quello che va alla candela, poiché ha bobina di accensione interna). Ho mantenuto, cosi come da impianto originale, la connessione del filo rosso con un filo altrettanto rosso dell'impianto. Il filo nero, invece è stato collegato al filo giallo dell'impianto. Partiamo dal presupposto che Il filo nero (giallo) sia la massa dell'impianto di accensione. Gli altri fili che costituiscono l'impianto sono:

- blu: clacson
- grigio1: faro anteriore anabbagliante
- grigio2: faro anteriore abbagliante
- nero: faro posteriore

Considerate che il cavo rosso che arriva dallo statore, prima di collettassi al devio luci, passa da un contatto del clacson, dal quale poi riprende (in serie) la sua corsa. La connessione dei fili come in foto, a me pare logica, tuttavia non funziona come dovrebbe. 

4 ore fa, Kalimero dice:

A tal proposito, sei sicuro che i due pulsanti svolgano lo stesso contatto? Ovvero condurre a massa?

Osservando le laminette in ottone rivettate al coperchietto del devio, ti direi di si. Una porta in contatto il cavetto Blu (clacson) con la massa (nero che va al faro posteriore), l'altro porta a massa invece il cavetto giallo. Devo provare ad invertite cavetto rosso con quello giallo...

1625391783113.jpg

Link to post
Share on other sites

Giusto per capirne il funzionamento lascerei stare i collegamenti ... Scollega tutto e una volta avviato il motore collega uno dei due fili a massa. Quello che spegne il motore è il filo per lo spegnimento! A questo punto potresti vedere se riesci a rilevare tensione fra l'altro filo e la massa. Così fosse saprai come procedere ;-)

Il fatto che escano "solo" due fili mi fa pensare che non esce un filo per la massa.

Prova a fare una foto dello statore in cui si vedano e capiscano i collegamenti delle bobine. Qualcuno più ferrato di noi potrà delucidarci sul funzionamento :D

Edited by Kalimero
Link to post
Share on other sites

Ciao! Come al solito durante la settimana devo sospendere i lavori per lontananza dai mezzi....però ho avuto modo di pensare e mi sa che i collegamenti cono corretti, ho trascurato solo un piccolo particolare! Non avendo il fanale posteriore, il cavo rimane per il momento flottante, e considerando che è su quel cavo che dovrebbe venire messo a massa il motore (quando si preme il pulsante di massa a livello del devio luci), ci credo che la candela continua a fare scintilla! Rimane un mistero il perché se metto il devio in posizione luce anteriore, non ho più scintilla....magari qualche contatto c'è comunque attraverso il coperchietto del devio (si possono essere allentate le laminette di ottone) Ad ogni modo ho per ora ordinato un devio nuovo (il suo, marca Vetta originale, trovato a pochi euro) e i pezzi mancanti del carburatore che mi impedivano di fare una corretta messa a punto (registro cavo gas che mancava e vite del minimo un po' rabberciata). Rimane ancora l'incognita sul fanalino posteriore (quale??) Su cui per ora non ho nessun riferimento....sarei orientato su questo ma, ripeto, sto andando alla cieca, O meglio solo sulla base delle foto dei CR che vi ho allegato in precedenza...Screenshot_2021-07-09-07-58-01-698_com.ebay.mobile.jpg

Inviato dal mio M2101K7AG utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites

Se anche il fanale anteriore è Vetta, quasi sicuramente il ciclomotore montava componenti di questa marca, il posteriore adatto è questo :

https://www.mistermatic.it/immagini/2688/1744735/95147710/original/carcassa_faro_posteriore_p112_ciclomotore_epoca_95147710.jpg

Controlla forma della parte posteriore fissata al parafango, l'interasse dei fori e le dimensioni.

Edited by Vespa979
Link to post
Share on other sites

Ciao! Allora il fanale anteriore è aprilia, del tipo quadrato (trapezio). Dubbi che sia il suo originale. Nel frattempo: i cavi in uscita dal motore sono due ed è corretto che siano due. Il problema è che sono controintuitivamente colorati di rosso e nero, con il cavo ROSSO come cavo di massa del motore. Quindi si, avevo invertito le connessioni....e quindi accendendo le luci mandavo a massa sulle luci anteriori il motore. Ho collegato momentaneamente il cavo del fanale posteriore al telaio e ora funziona tutto: ho anche ripristinato Le laminette del devio (tolto e rimesso i ribattini) in modo da fargli riacquistare un po' di elasticità (il pulsante del clacson era sempre in contatto). Finalmente posso postarvi delle foto. Si intravede come sotto quella mano di nero mal stesa ci siano alcune parti arancioni (tubi principali), che sembra un'antiruggine, ma che viste alcune foto, penso possa esser il suo colore originale, accoppiato al bianco dei parafanghi e serbatoio. IMG_20210710_125527.jpgIMG_20210710_125536.jpgIMG_20210710_125547.jpgIMG_20210710_125518.jpg

Inviato dal mio M2101K7AG utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites

Bellissimo mezzo!!!!

Anch'io direi che il fanale anteriore non è l'originale, mi aspetterei qualcosa di più stondato. Mi fa ridere il sellino ...

Ancora tanti complimenti al babbo! :D

Son contento che tu abbia risolto il "problema" elettrico. Il carter che copre il volano c'è ancora, spero ...

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...