Vai al contenuto
VR-News
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.
  • IMAGE HOST

piero58

Utenti Registrati
  • Numero contenuti

    4.787
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    5
  • Points

    52 [ Donate ]

piero58 è il vincitore del Febbraio 13

piero58 Ha avuto il maggior numero di like!

Reputazione Forum

22 diventerà presto famoso

Su piero58

  • Livello
    VRista Silver
  • Compleanno 13/12/1958

Informazioni Personali

  • Città
    Torino
  • Le mie Vespe
    P200E dell'82
  • Occupazione
    Impiegato

Visite recenti

945 visite nel profilo
  1. Per rendere tutto più compatto avevo saldato direttamente i cavi sul circuito stampato del contachilometri, senza utilizzare quel connettore.
  2. Ciao, il contachilometri che hai messo è un pò più profondo rispetto a quello montato sulla vespa, ma questo no ne impedisce il montaggio. Bisogna solo sistemare per bene i cavi all'interno del copri manubrio in modo ordinato. Sulla Star, al contrario della vespa che ha un solo connettore che va la contachilometri, ce ne sono diversi e questi occupano spazio. Devi solo cercare di "creare" un poco di spazio all'interno del copri manubrio. Per quando riguarda l'azzeramento del contachilometri, prima di montarlo funzionava? Se si allora probabilmente il cavo che va al pomello fa qualche piega che impedisce la rotazione del cavo a molla all'interno. metti qualche foto.
  3. Ed eccolo finito, ho volutamente impostare i chilometri effettivi della vespa, in modo da avere continuità nel conteggio.
  4. Foto 15 Per una buona illuminazione diffusa dello strumento ho utilizzato due strisce led. Ricordandoci che poi lo strumento va alimentato a corrente continua, la si può prelevare dalla batteria
  5. FOTO 14 la modifica al quadrante con la nuova finestrella dei chilometri parziali e delle due spie a led.
  6. FOTO 10 - 11 - 12 e 13 Il pomello è stato realizzato artigianalmente al tornio dal mio amico Mirko, per fare tenuta ed evitare che dal foro del vetro entri acqua: o si usa una guarnizione in gomma tra vetro e pomello oppure un o-ring
  7. FOTO 8 e 9 In corrispondenza del perno per l'azzeramento si deve forare sia il quadrante in alluminio sia il vetro, con una punta da 2,5 mm. Per il vetro ho usato un drimmel con punta diamantata
  8. FOTO 6 e 7 Altra operazione da eseguire è portare il pomello per l’azzeramento dei parziali sulla parte superiore del contachilometri, Per fare questo bisogna invertire l’asse, compreso l’ingranaggio che azzera i chilometri.
  9. FOTO N. 4 e 5 Per avere il fondo scala a 120 km/h dobbiamo utilizzare l’asse rotante con il magnete e la cappa conduttrice del contachilometri originale. (le foto mostrano si riferiscono a contachilometri con attacco a baionetta e no a vite, comunque sono identici) da notare la differenza dello del magnete rotante, più spesso quello del V35 con fondo scala 180 km/h
  10. FOTO 1 e 2 Questi sono i due contachilometri utilizzati, uno è quello noto del PX prima serie, l'altro e sempre un Veglia borletti montato sulle Guzzi V35 .
  11. Era da un po' che non scrivevo su VR... questa sera leggendo il forum mi è venuta la voglia di condividere con voi questo mio lavoretto, sperando sia cosa gradita Come base sono partito da un vecchio contachilometri per Vespa PX Prima Serie, e un altro di serie per Moto Guzzi V35 con conteggio chilometri parziali azzerabili e fondo scala a 180 km/h. Tutti e due sono Veglia Borletti (foto 1 e 2), quindi hanno le parti più o meno intercambiabili tra loro. Volendo il secondo contachilometri può essere installato così come è sulla Vespa, posizionare il pomello con il rinvio da qualche parte sul coprimanubrio per azzerare i chilometri parziali, e segnerà tranquillamente la giusta velocità, però difficilmente la lancetta arriverà a sfiorare i 180 km/h. Io invece ho voluto realizzare qualcosa di diverso: un contachilometri con quadrante originale con scala 120/km/h, contatore dei chilometri parziali e due spie led, una per la riserva e una per la luce abbagliante; in più, la manopola per l’azzeramento dei parziali nella parte superiore del contachilometri: così si evita di posizionare il pomello originale da qualche parte nel coprimanubrio, visto che lo spazio nel prima serie è risicato (foto 3). Le operazioni per la modifica sono relativamente semplici, credo che chi ha una discreta manualità non avrà problemi. Innanzitutto bisogna aprire i due contachilometri sollevando il bordo della ghiera dalla parte posteriore del contachilometri ed estrarre i meccanismi. Per avere il fondo scala a 120 km/h dobbiamo utilizzare l’asse rotante con il magnete e la cappa conduttrice del contachilometri originale, compreso l’involucro esterno. Tutta la parte meccanica - ingranaggi e rulli numerati - li prendiamo dal contachilometri del V35. Altra operazione da eseguire è portare il pomello per l’azzeramento dei parziali sulla parte superiore del contachilometri (foto 4 e 5). Per fare questo bisogna invertire l’asse, compreso l’ingranaggio che azzera i chilometri (fig. 6 e 7). Naturalmente si deve forare in corrispondenza di tale asse sia il quadrante in alluminio sia il vetro, con una punta da 2,5 mm. Per il vetro ho usato un drimmel con punta diamantata (foto 8 e 9). Il pomello è stato realizzato artigianalmente al tornio dal mio amico Mirko, per fare tenuta ed evitare che dal foro del vetro entri acqua: o si usa una guarnizione in gomma tra vetro e pomello oppure un o-ring (foto 10, 11, 12 e 13). Sul quadrante si devono fare anche due fori per le spie led e bisogna ritagliare una finestrella rettangolare per i chilometri parziali per ritagliare la finestra ho usato un archetto da traforo e poi l’ho rifinita con una piccola lima (foto 14). Per avere una buona illuminazione diffusa dello strumento ho utilizzato due strisce led. Ricordandoci che poi lo strumento va alimentato a corrente continua, la si può prelevare dalla batteria (Fot. 15). Alla fine se abbiamo lavorato bene si otterà un buon risultato (Foto 14). Il lavoro eseguito si può capire meglio guardando le foto. Buon lavoro. FOTO N. 3
  12. Collegato ad una delle viti che fissano il regolatore.
  13. Non ti interessa dove si trova quel punto che hai cerchiato, basta non collegare il cavo di massa allo statore. Invece devi far passare un cavo che dallo statore vada al lato regolatore, che poi dovrai collegare al secondo pin "G" del nuovo regolatore. Ti consiglio di rivedere gli schemi.
  14. piero58

    Leo

    Ciao Leo....
×