Jump to content

LuckyLuciano

Utenti Registrati
  • Posts

    1,271
  • Joined

  • Last visited

About LuckyLuciano

  • Birthday 09/28/1981

Personal Information

  • Città
    Torino
  • Le mie Vespe
    50 Special 4m
  • Occupazione
    Ingegnere

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

LuckyLuciano's Achievements

Apprentice

Apprentice (3/14)

  • Dedicated Rare
  • Conversation Starter Rare
  • Collaborator Rare
  • Posting Machine Rare
  • First Post Rare

Recent Badges

0

Reputation

  1. Le batterie 12v al piombo non devono mai scendere sotto 10v. Diciamo anche 11v per esser proprio precisi. In quanto potresti poi non riuscire più a ricaricarle adeguatamente. La corrente di carica ideale è 1/10 della capacità totale. Naturalmente tu la caricherai AD MINCHIAM non avendo un regolatore di tensione la cui uscita DC è regolata in corrente. Ma poco importa. La vespa NON riesce ad erogare 10A. Quindi non c'è pericolo di far danni.
  2. Pensa che io ho la fissa (per deformazione professionale) di monitorare qualsiasi parametro motore. Pensa se mi accontento di mettere benzina e ricordarmi i litri. 🤣
  3. Sarebbe interessante utilizzare la sonda di temperatura per monitorare la temperatura testa o meglio ancora quella d'uscita collettore di scarico. Li si che avremmo una indicazione dello stato globale della carburazione.
  4. Si è corretto. Potevi far arrivare un solo cavo AC al regolatore e poi non utilizzare la massa DC ma solo quella telaio. E' equivalente.
  5. Magari lo facesse! Avremmo risolto tutti i nostri problemi 😅 comunque a parte gli scherzi, controlla col tester la tensione che c'è sul cavo che entra nel regolatore. Scollegandolo dal regolatore stesso. Quella è la tensione "a vuoto" che lo statore riesce ad erogare. Può arrivare anche a 30v. Tensione variabile con il numero di giri. Dopo di che spegni il motore, e ricolleghi il cavo all'ingresso del regolatore. Stacca l'uscita del regolatore. Riaccendi la vespa e controlla la tensione sul PIN che hai appena liberato sul regolatore. Dovrai avere una tensione costante di 12v AC anche al variare dei giri. Qualche picco istantaneo ci può stare, ma di pochissimi VOLT. Per esempio se acceleri potresti istantaneamente (se il tester è veloce nella lettura) leggere un valore di 13 o 14v per poi stabilizzarsi a circa 12v. Qualsiasi valore inferiore a 12v o superiore a 14v non è tollerato.
  6. Perchè l'impianto SPECIAL o PKs che sia ha un solo cavetto per la AC.
  7. Si lo conosco. Questo non è dichiarato sul sito web ma ha una capacità massima di 10A sul lato AC e 2A sul lato DC. Volendo usare questo regolatore, potresti indirizzare la linea AC previo raddrizzo sul survoltore e la linea DC in parallelo alla precedente linea raddrizzata. Ma non è un grande vantaggio perchè alla fine avresti 12A di corrente massima al costo di 28€ + spese di spedizione. Quando un regolatore Cinese AC/AC tipo DUCATI ti costa 15€ + 5€ di raddrizzatore e condensatore. Se proprio ti piace quel regolatore, io direi di acquistarlo direttamente alla fonte: https://it.aliexpress.com/item/1005002349151348.html?_randl_currency=EUR&_randl_shipto=IT&src=google&src=google&albch=shopping&acnt=494-037-6276&slnk=&plac=&mtctp=&albbt=Google_7_shopping&albagn=888888&isSmbAutoCall=false&needSmbHouyi=false&albcp=9317477424&albag=97096040627&trgt=1672607619992&crea=it1005002349151348&netw=u&device=c&albpg=1672607619992&albpd=it1005002349151348&gclid=EAIaIQobChMI0s_8maXa9gIVGKp3Ch3lHggvEAQYByABEgJH_PD_BwE&gclsrc=aw.ds&aff_fcid=f3a948ed68a340c8a5200e4a95104ce3-1647971764642-01560-UneMJZVf&aff_fsk=UneMJZVf&aff_platform=aaf&sk=UneMJZVf&aff_trace_key=f3a948ed68a340c8a5200e4a95104ce3-1647971764642-01560-UneMJZVf&terminal_id=0627c399c5774c7993a0c6c5b63d754e&afSmartRedirect=y
  8. Si puoi fare entrambe le cose. A te la scelta. Naturalmente il dimensionamento dell'impianto va fatto conoscendo il tipo di lampadine da montare ed il totale assorbimento. Cosa che ho misurato più volte. E siamo sempre tra 2 e 4A al massimo con lampade accese + clacson attivo. Si basta e avanza. Da 1000uF in su è tutto buono.
  9. Dovrei vedere sugli schemi. Ma dovremmo essere sugli 80w totali essendo già un modello di accensione elettronica con la possibilità di alimentare luci e frecce. Se lavori a 6v io ti consiglierei però di non usare uno Step-up. Regoli a 6v, raddrizzi e alimenti le lampade LED a 6v. Non sarebbe più semplice? A meno che tu voglia comunque lavorare con lampade 12v. In quel caso, gli unici 2 Step-up funzionanti con alimentazione inferiore a 8.5v sono i seguenti: 1. https://www.amazon.it/gp/product/B08JLT4QLW/ref=ppx_yo_dt_b_asin_title_o02_s00?ie=UTF8&psc=1 2. https://www.amazon.it/Regolatore-Tensione-LTC1871-Digitale-Alimentazione/dp/B09TPNXJK7/ref=sr_1_3?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&crid=1OBEO2A92UK4K&keywords=step+up+100w&qid=1647953364&sprefix=step+up+10%2Caps%2C144&sr=8-3 Sto testando proprio in questi giorni il modello 1. Siamo al limite con impianto SPECIAL per caricare una batteria da 5Ah ed avere tutte le luci LED accese. Proverò prossimamente il modello 2. Giusto per stare un pò più "larghi". Per i supercondensatori ti consiglio di comprarli su Aliexpress. Costano molto meno di quelli comprati in Cina e rivenduti poi in Italia. https://it.aliexpress.com/item/1005002290164084.html?spm=a2g0o.productlist.0.0.49a5105d577Cbo&algo_pvid=d59197a2-62af-4e08-a2fb-263bda2ad396&algo_exp_id=d59197a2-62af-4e08-a2fb-263bda2ad396-8&pdp_ext_f={"sku_id"%3A"12000019938118280"}&pdp_pi=-1%3B10.41%3B-1%3B-1%40salePrice%3BEUR%3Bsearch-mainSearch Nel tuo caso potresti anche semplificare ancora, utilizzando un solo condensatore da 4700uF 35v per lampada. A te la scelta.
  10. Ci sei quasi. Perchè quasi? Perchè in linea teorica è OK. Ma hai scelto uno step-up che inizia a regolare da 12v in su. Devi sceglierne uno che regola a partire da 5v visto che tu ne hai 6v.
  11. In linea generale a mio parere bisogna sempre prima sapere dove si vuole arrivare. In modo analitico. Altrimenti si spendono soldi a caso in prove completamente campate in aria del quale non si conosce la reale funzionalità. E quindi anche il reale limite. Quindi direi, sempre a mio modesto parere, di decidere su che linea seguire. Voglio un impianto LED a 6v oppure 12v? Fatto ciò: quanta corrente ho a disposizione dall'impianto elettrico originale? La batteria mi serve per davvero? Se scelgo la linea dei 12v cosa faccio? Prima Regolo la tensione e poi la raddrizzo? Oppure Raddrizzo e poi regolo? Come regolo la tensione? A salire con step-up od a scendere con Step-down? Ci sono innumerevoli strade per raggiungere lo stesso obiettivo. Personalmente le ho provate praticamente tutte. Ed a meno di grossolani errori funzionano tutte perfettamente.
  12. Come regolatore 6v è sufficiente anche un modello del genere: Il regolatore 12v AC io l'ho comprato online. 15€ e rotti. Naturalmente copia della copia della copia del DUCATI. Proprio da morto di fame. 😅 Lo step-up non essendo stagno l'ho fissato nel sottosella. I supercondensatori hanno una bassissima autoscarica. Certo è che se usi la vespa 1 volta alla settimana si scaricano. Ma chi se ne importa. come metti in moto si ricaricano istantaneamente.
  13. Io lo dimensionerei con carico massimo di 10A. Il ponte diodi è superfluo perchè non usi 2 diodi su 4 di quelli entrocontenuti. Alla fine "noi" abbiamo un solo cavetto in AC. E' molto più economico e pratico utilizzare un semplice diodo. Se shottky è meglio avendo una caduta di tensione inferiore ad un diodo raddrizzatore tradizionale. E volendo fare un lavoro particolare non utilizzerei la solita batteria a secco per antifurto ma un bel kit di supercondensatori. Col survoltore. E siamo al pelo con la capacità dell'impianto elettrico della Special.
  14. Direi proprio di si. Io ne ho fatti diversi. Molti recuperand le porcherie fatte da altri pseudotecnici smanettoni. Quindi ho usato varie tecniche in base a come era già stato impostato l'impianto elettrico. Più che altro per non dissanguare quel povero sventurato che nonostante le spese sostenute fino a quel momento ancora non aveva un impianto funzionante. Personalmente ho usato i classici regolatori 3 PIN come questo: Per poi aggiungere un diodo Shottky qualsiasi. Basta che sia da almeno 10-15A. Io ne avevo da 50A ed ho usato quello. Con infine un elettrolitico da 4700uF. Questa tensione infine alimenta uno Step-Up da 10A settato a 14v. In modo che nonostante al minimo ci siano 6v AC, si riesca a caricare una batteria con le luci LED accese.
  15. Ok tutto chiaro. Bisogna in primis dimensionare il trasformatore per almeno 50W. Dopo di che dimensionare il regolatore in quanto tu avrai sempre oltre 12v da regolare. Anzi in taluni casi anche 50v da regolare a 12v. Il che vuol dire un bel pò di calore da smaltire. Potresti anche non usare un regolatore del genere. Ma un semplice regolatoe AC/AC e poi un semplice Diodo Shottky da 50A. Con in uscita un condensatore elettrolitico da 4700uF. Molto più semplice e con meno problemi di calore. Per non parlare poi del costo irrisorio. La corrente raddrizzata e livellata la userai per caricare la batteria. Sulla batteria collegherai tutte le utenze. Ne ho fatti altri di impianti in questo modo e funzionano senza problemi. Anche su impianti SPECIAL notoriamente ridicoli come wattaggio.

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...