Jump to content


Ottenere targhe storiche è possibile!


gigler

Recommended Posts

  • Utenti Registrati
STAFF

Purtroppo è stato approvato il 20 dicembre in commissione bilancio così com'era scritto e come riportato da Quattroruote, vedi: http://www.asifed.it/wp-content/uploads/2020/12/CS-062-ASI-ASI-Targhe-originali-2020_12_21.pdf

Ora vediamo se esce indenne nella legge di bilancio. Anche se spero di no.  :roll:

Ciao, Gino

Link to post
Share on other sites
21 ore fa, GiPiRat dice:

Purtroppo è stato approvato il 20 dicembre in commissione bilancio così com'era scritto e come riportato da Quattroruote, vedi: http://www.asifed.it/wp-content/uploads/2020/12/CS-062-ASI-ASI-Targhe-originali-2020_12_21.pdf

Ora vediamo se esce indenne nella legge di bilancio. Anche se spero di no.  :roll:

Ciao, Gino

Grazie mille

Link to post
Share on other sites
MODERATOR
Cita

“L’immatricolazione dei veicoli di interesse storico e collezionistico è ammessa su presentazione di un titolo di proprietà̀ e di un certificato attestante le caratteristiche tecniche rilasciato dalla casa costruttrice o da uno degli enti o associazioni abilitati indicati dall’articolo 60. In caso di nuova immatricolazione di veicoli che sono già stati precedentemente iscritti al P.R.A. e cancellati d’ufficio o su richiesta di un precedente proprietario, ad esclusione dei veicoli che risultano demoliti ai sensi della normativa vigente in materia di contributi statali alla rottamazione, è ammessa la facoltà del richiedente di ottenere targhe e libretto di circolazione della prima iscrizione al P.R.A., ovvero di ottenere una targa del periodo storico di costruzione o circolazione del veicolo, in entrambi i casi conformi alla grafica originale, purché la sigla alfa-numerica prescelta non sia già presente nel sistema meccanografico del CED della Motorizzazione civile, e riferita ad altro veicolo ancora circolante, indipendentemente dalla difformità di grafica e di formato di tali documenti da quelli attuali rispondenti allo standard europeo. Tale possibilità è concessa anche retroattivamente per tutti quei veicoli che sono stati negli anni reimmatricolati o ritargati purché in regola con il pagamento degli oneri dovuti. Il rilascio della targa e del libretto di circolazione della prima iscrizione al P.R.A., nonché il rilascio di una targa del periodo storico di costruzione o circolazione del veicolo sono soggetti al pagamento di un contributo, secondo ammontare, criteri e modalità definiti con apposito decreto dirigenziale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. I proventi derivanti dal contribuito di cui al periodo precedente concorrono al raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica”.

Stando a questo testo tutte le targhe radiate sono libere per l'immatricolazione. Speriamo che il MIT faccia un regolamento corretto, altrimenti ne vedremo delle belle.

Link to post
Share on other sites
  • Utenti Registrati
STAFF

Ne vedremo delle belle, se non la correggono con una circolare ministeriale.

Ciao, Gino

Link to post
Share on other sites

mah !!! 

Quindi per assurdo, se possiedo una vespa reimmatricolata con targa europea, (perchè priva di targhe e documenti),

E, per "caso", ho nel cassetto della rumenta una vecchia targa di un altra moto (magari di una lambretta 😄)  purchè corrisponda +/- all'anno di immatricolazione originaria della vespa, tranquillamente (pagando ovvio 🙃🙄), potrei procedere a  "rendere  + storica la vecchia vespa"  ??????---------............. "siamo in itaglia"

Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, alfred dice:

mah !!! 

Quindi per assurdo, se possiedo una vespa reimmatricolata con targa europea, (perchè priva di targhe e documenti),

E, per "caso", ho nel cassetto della rumenta una vecchia targa di un altra moto (magari di una lambretta 😄)  purchè corrisponda +/- all'anno di immatricolazione originaria della vespa, tranquillamente (pagando ovvio 🙃🙄), potrei procedere a  "rendere  + storica la vecchia vespa"  ??????---------............. "siamo in itaglia"

Non credo sia necessario avere la vecchia targa, in teoria da quello che ho capito basta che vai in motorizzazione e ti danno a lista di targhe disponibili, tu la scegli e te la fai fare dalle varie aziende produttrici di targhe farlocche. Della serie tutte le visure fatte fino ad oggi saranno carta straccia in quanto se hai una vespa radiata d’ufficio con la sua targa e il suo libretto originale dovrai regolarizzarla in fretta altrimenti qualcuno venderà il tuo numero di targa e ti ritroverai a dover cercare un altra targa perdendo anche il libretto originale. Alla faccia del patrimonio collezionistico. Ci sarà qualche parente di qualche politico che oltre a fare monopattini elettrici si è messo a stampare targhe...

Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Vespino84 dice:

Non credo sia necessario avere la vecchia targa, in teoria da quello che ho capito basta che vai in motorizzazione e ti danno a lista di targhe disponibili, tu la scegli e te la fai fare dalle varie aziende produttrici di targhe farlocche. Della serie tutte le visure fatte fino ad oggi saranno carta straccia in quanto se hai una vespa radiata d’ufficio con la sua targa e il suo libretto originale dovrai regolarizzarla in fretta altrimenti qualcuno venderà il tuo numero di targa e ti ritroverai a dover cercare un altra targa perdendo anche il libretto originale. Alla faccia del patrimonio collezionistico. Ci sarà qualche parente di qualche politico che oltre a fare monopattini elettrici si è messo a stampare targhe...

E' proprio il quadro che temo si delinei e spero non accada. Ad esempio avendo una Vespa del 1953 radiata d'ufficio ma con ancora la sua targa ed i documenti se un giorno, anche fra anni, volessi rimetterla in strada potrei scoprire che nel frattempo il suo numero di targa sia già stato assegnato ad un altro motoveicolo :-(

Link to post
Share on other sites

Se avete tempo, mettete in moto e godetevi strada, luoghi e panorama, tanto la targa non si vede, mentre si guida. La ritargatura potrebbe avere senso per mezzi di grande valore, ma sempre di targa riappiccicata si tratterebbe. Una bella spedivellata, un paio di 100 chilometri e si gode lo stesso. 

Link to post
Share on other sites
  • Utenti Registrati
STAFF
Il 1/1/2021 at 09:49, alfred dice:

mah !!! 

Quindi per assurdo, se possiedo una vespa reimmatricolata con targa europea, (perchè priva di targhe e documenti),

E, per "caso", ho nel cassetto della rumenta una vecchia targa di un altra moto (magari di una lambretta 😄)  purchè corrisponda +/- all'anno di immatricolazione originaria della vespa, tranquillamente (pagando ovvio 🙃🙄), potrei procedere a  "rendere  + storica la vecchia vespa"  ??????---------............. "siamo in itaglia"

No, la targa te la assegna la motorizzazione e, nel caso si conosca l'originale, è quella che ti riassegneranno.

Il 1/1/2021 at 10:09, Vespino84 dice:

Non credo sia necessario avere la vecchia targa, in teoria da quello che ho capito basta che vai in motorizzazione e ti danno a lista di targhe disponibili, tu la scegli e te la fai fare dalle varie aziende produttrici di targhe farlocche. Della serie tutte le visure fatte fino ad oggi saranno carta straccia in quanto se hai una vespa radiata d’ufficio con la sua targa e il suo libretto originale dovrai regolarizzarla in fretta altrimenti qualcuno venderà il tuo numero di targa e ti ritroverai a dover cercare un altra targa perdendo anche il libretto originale. Alla faccia del patrimonio collezionistico. Ci sarà qualche parente di qualche politico che oltre a fare monopattini elettrici si è messo a stampare targhe...

Non credo proprio che la targa te la faranno fare direttamente, sempre dallo Stato si deve passare! Poi, che lo Stato si metta d'accordo con chi le rifà già, può anche essere, ma lo stemma della Repubblica non può opporlo una ditta privata, se non autorizzata.

Il 1/1/2021 at 12:20, MarcoV14 dice:

E' proprio il quadro che temo si delinei e spero non accada. Ad esempio avendo una Vespa del 1953 radiata d'ufficio ma con ancora la sua targa ed i documenti se un giorno, anche fra anni, volessi rimetterla in strada potrei scoprire che nel frattempo il suo numero di targa sia già stato assegnato ad un altro motoveicolo :-(

Questo è proprio quello che non torna nella norma, per come è stata scritta. Speriamo che al ministero dei trasporti qualcuno se ne accorga e la corregga con una circolare esplicativa o, almeno, che qualcuno glielo faccia notare. :roll:

Ciao, Gino

Link to post
Share on other sites
16 minuti fa, GiPiRat dice:

Non credo proprio che la targa te la faranno fare direttamente, sempre dallo Stato si deve passare! Poi, che lo Stato si metta d'accordo con chi le rifà già, può anche essere, ma lo stemma della Repubblica non può opporlo una ditta privata, se non autorizzata.

Si sicuramente sarà una ditta autorizzata. Io ipotizzavo questo perché non credo lo Stato si interessi della produzione di pochi pezzi quando c’è già chi ne ha fatto un mestiere. Però se fosse così sarebbe una cosa assurda. Lo Stato che rilascia un numero di targa senza essere sicuro che ce ne sia una uguale in circolazione è semplicemente folle. 

Link to post
Share on other sites
  • Utenti Registrati
STAFF
Il 3/1/2021 at 19:14, Vespino84 dice:

Si sicuramente sarà una ditta autorizzata. Io ipotizzavo questo perché non credo lo Stato si interessi della produzione di pochi pezzi quando c’è già chi ne ha fatto un mestiere. Però se fosse così sarebbe una cosa assurda. Lo Stato che rilascia un numero di targa senza essere sicuro che ce ne sia una uguale in circolazione è semplicemente folle. 

E già.

Ma la strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni.

Purtroppo chi scrive le leggi, spesso, non ha le competenze in quello specifico ramo, però dovrebbe averle chi lo consiglia.

Ciao, Gino

Link to post
Share on other sites

Tralascio ogni commento ...

Quindi la mia GL '62 , perfettamente restaurata , demolita nel 1985 ma con targa ORIGINALE , che non ho mai reimmatricolato perche' a Biella i "signori" della MTC non permettono di mantenere la targa originale sui demoliti  , un domani magari quando mi decidessi a cambiare MTC potrei scoprire che quella targa e' gia' stata assegnata e quindi e' inutilizzabile !!!!!!!!!!

Ed in piu' vorrei vedere i vari "replicatori" di targhe come faranno a conoscere le tantissime varianti che furono introdotte nel tempo , di stili , caratteri , etc 

Infatti furono tantissime le anomalie "fuori serie" , magari adottate per pochissimi mesi o in pochissime Province ... 

Esempi ne potrei fare a decine :

targa a 4 cifre , numeri sopra e lettere sotto , con logo RI piccolo ( EN MT ) , mentre normalmente il logo e' grosso https://www.ebay.it/itm/ITALY-RARE-METAL-MOTORCYCLE-LICENSE-PLATE-BIG-STAR-ITALIAN-NUMBER-PLATES/154204830580?hash=item23e752fb74:g:OREAAOSwjV9fuDlh

carattere 4 anni 50 diversissimi , CR senza stanghetta posteriore , RA con stanghetta molto piu' lunga delle altre province

carattere S anni 50 , molto allungato su TS 

carattere E anni 50 , molto piu' corto su RE

targhe a 5 cifre , logo RI normalmente in alto tra la seconda lettera ed il primo numero , ma in varie targhe ( RE NA CR CA LI SR) a meta' e non in alto 

da 60 a 63 , ultimi anni di targhe in ferro : alcune province passarono dai caratteri anni 50 direttamente alla plastica , altre dai caratteri anni 50 ai numeri "fini" https://www.ebay.it/itm/TARGA-TORINO-ANNO-1960-GILERA-98-PER-SOLO-USO-COLLEZIONE/201713717819?hash=item2ef713123b:g:qbAAAOSwal5YIvrX poi alla plastica , altre dai caratteri anni 50 ai caratteri "tipo plastica" https://www.ebay.it/itm/ITALY-METAL-MOTORCYCLE-LICENSE-PLATE-ITALIAN-NUMBER-PLATES/153656496930?hash=item23c6a41322:g:~8sAAOSwFjFdinf9 poi alla plastica , altre ancora dai caratteri anni 50 ai numeri "fini" , poi ai caratteri "tipo plastica , poi alla plastica 😚. Il tutto in meno di tre anni .. piu' varie anomalie https://www.ebay.it/itm/TARGA-MOTO-DEPOCA/124512374413?hash=item1cfd840e8d:g:znkAAOSwRLZaXeN9 , questa MN ad esempio ha le lettere old ed i numeri "tipo plastica" , stessa cosa gia' vista su una BG ...

Potrei andare avanti , ma mi fermo che e' meglio 😏--

Speriamo in bene ... forse ..

 

Ciao

Guabix

 

 

 

 

 

 

Link to post
Share on other sites
  • Utenti Registrati
STAFF

Luca, immaginavo esistessero situazioni anomale e qualcuna l'avevo notata, ma mi apri un mondo.

È facile immaginare che i replicatori di targhe - ad uso notoriamente collezzzzzionistico - si butteranno nell'affare, del resto è il loro mestiere. Hanno molto affinato le tecniche fino a qualche anno fa, ma ho qualche dubbio che siano a conoscenza di tante varianti.

A me preoccupa sempre la vaghezza del legislatore e la babele dei funzionari che attuano in base all'oroscopo. 

Link to post
Share on other sites
Non è così.
Se leggi quello che vogliono aggiungere al dispositivo di legge te ne rendi conto:
"l’emendamento prevede di aggiungere all’articolo 93, comma 4, del Codice della Strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, i seguenti periodi: “L’immatricolazione dei veicoli di interesse storico e collezionistico è ammessa su presentazione di un titolo di proprietà e di un certificato attestante le caratteristiche tecniche rilasciato dalla casa costruttrice o da uno degli enti o associazioni abilitati indicati dall’articolo 60. In caso di nuova immatricolazione di veicoli che sono già stati precedentemente iscritti al PRA e cancellati d’ufficio o su richiesta di un precedente proprietario, ad esclusione dei veicoli che risultano demoliti ai sensi della normativa vigente in materia di contributi statali alla rottamazione, è ammessa la facoltà del richiedente di ottenere targhe e libretto di circolazione della prima iscrizione al PRA, ovvero di ottenere una targa del periodo storico di costruzione o circolazione del veicolo, in entrambi i casi conformi alla grafica originale, purché la sigla alfa-numerica prescelta non sia già presente nel sistema meccanografico del Ced della Motorizzazione civile, e riferita ad altro veicolo ancora circolante, indipendentemente dalla difformità di grafica e di formato di tali documenti da quelli attuali rispondenti allo standard europeo. Tale possibilità è concessa anche retroattivamente per tutti quei veicoli che sono stati negli anni reimmatricolati o ritargati purchè in regola con il pagamento degli oneri dovuti. Il rilascio della targa e del libretto di circolazione della prima iscrizione al PRA, nonché il rilascio di una targa del periodo storico di costruzione o circolazione del veicolo sono soggetti al pagamento di un contributo, secondo ammontare, criteri e modalità definiti con apposito decreto dirigenziale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. I proventi derivanti dal contribuito di cui al periodo precedente concorrono al raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica”.
Ti ho evidenziato in grassetto la parte interessata ed in rosso quella che, secondo me, non va.
Una targa assegnata potrebbe essere perfettamente ancora installata su un veicolo storico NON CIRCOLANTE, ed il sistema meccanografico non saperlo, e quando, tra un anno, o dieci, decido di rimettere in regola quel veicolo, trovo che la mia targa è stata assegnata ad un altro. E' chiaro? Una porcata.
Ciao, Gino
Condivido in pieno reimmatricolando un mezzo si rischia di danneggiarne un altro, non capisco l'assegnazione provinciale? Che forse andando nella motorizzazione di Modena pur essendo residente in Puglia posso solo ricevere la targa MO o una qualsiasi? Comunque non ci resta che aspettare qualche giorno dovrebbero essere 60 giorni dalla data di approvazione della legge.... Quindi ci siamo quasi. Una cosa che è tutto positiva e finalmente l'equiparazione del registro storico Piaggio nel nostro caso ad asi ed FMI per la reimmatricolazione, o così mi sembra, la mia vespa da reimmatricolare non è né asi né FMI ma iscritta al registro storico Piaggio!!! Se così fosse iscrivo subito anche la GL dove ho documenti nuovi e deteriorati e targa idem... Se potrò farmi rifare targa e documenti in originale lo farò con piacere....

Inviato dal mio LM-K420 utilizzando Tapatalk

Non è così.
Se leggi quello che vogliono aggiungere al dispositivo di legge te ne rendi conto:
"l’emendamento prevede di aggiungere all’articolo 93, comma 4, del Codice della Strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, i seguenti periodi: “L’immatricolazione dei veicoli di interesse storico e collezionistico è ammessa su presentazione di un titolo di proprietà e di un certificato attestante le caratteristiche tecniche rilasciato dalla casa costruttrice o da uno degli enti o associazioni abilitati indicati dall’articolo 60. In caso di nuova immatricolazione di veicoli che sono già stati precedentemente iscritti al PRA e cancellati d’ufficio o su richiesta di un precedente proprietario, ad esclusione dei veicoli che risultano demoliti ai sensi della normativa vigente in materia di contributi statali alla rottamazione, è ammessa la facoltà del richiedente di ottenere targhe e libretto di circolazione della prima iscrizione al PRA, ovvero di ottenere una targa del periodo storico di costruzione o circolazione del veicolo, in entrambi i casi conformi alla grafica originale, purché la sigla alfa-numerica prescelta non sia già presente nel sistema meccanografico del Ced della Motorizzazione civile, e riferita ad altro veicolo ancora circolante, indipendentemente dalla difformità di grafica e di formato di tali documenti da quelli attuali rispondenti allo standard europeo. Tale possibilità è concessa anche retroattivamente per tutti quei veicoli che sono stati negli anni reimmatricolati o ritargati purchè in regola con il pagamento degli oneri dovuti. Il rilascio della targa e del libretto di circolazione della prima iscrizione al PRA, nonché il rilascio di una targa del periodo storico di costruzione o circolazione del veicolo sono soggetti al pagamento di un contributo, secondo ammontare, criteri e modalità definiti con apposito decreto dirigenziale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. I proventi derivanti dal contribuito di cui al periodo precedente concorrono al raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica”.
Ti ho evidenziato in grassetto la parte interessata ed in rosso quella che, secondo me, non va.
Una targa assegnata potrebbe essere perfettamente ancora installata su un veicolo storico NON CIRCOLANTE, ed il sistema meccanografico non saperlo, e quando, tra un anno, o dieci, decido di rimettere in regola quel veicolo, trovo che la mia targa è stata assegnata ad un altro. E' chiaro? Una porcata.
Ciao, Gino
Condivido in pieno reimmatricolando un mezzo si rischia di danneggiarne un altro, non capisco l'assegnazione provinciale? Che forse andando nella motorizzazione di Modena pur essendo residente in Puglia posso solo ricevere la targa MO o una qualsiasi? Comunque non ci resta che aspettare qualche giorno dovrebbero essere 60 giorni dalla data di approvazione della legge.... Quindi ci siamo quasi. Una cosa che è tutto positiva e finalmente l'equiparazione del registro storico Piaggio nel nostro caso ad asi ed FMI per la reimmatricolazione, o così mi sembra, la mia vespa da reimmatricolare non è né asi né FMI ma iscritta al registro storico Piaggio!!! Se così fosse iscrivo subito anche la GL dove ho documenti nuovi e deteriorati e targa idem... Se potrò farmi rifare targa e documenti in originale lo farò con piacere....

Inviato dal mio LM-K420 utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites
E già.
Ma la strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni.
Purtroppo chi scrive le leggi, spesso, non ha le competenze in quello specifico ramo, però dovrebbe averle chi lo consiglia.
Ciao, Gino
Quoto spessissimo visto che le leggi vengono scritte da persone per conto dei politici che non hanno una conoscenza diretta. Per ciò che mi riguarda sono contento ma sono certo che vedremo delle sorprese....

Inviato dal mio LM-K420 utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites

Si potrebbe comunque informare la motorizzazione centrale che alcune numerazioni di targa non sono disponibili perché appartengono ai veicoli della propria collezione che al momento decido di non reimmatricolare, ma hanno diritto di mantenere il proprio numero di targa ?

Link to post
Share on other sites

Faccio l'avvocato del diavolo, non linciatemi.

La conservazione della targa di un veicolo radiato non era comunque una stortura? Una distorsione (per non dire infrazione) delle regole?

Per quanto sopra, dunque, perché lo Stato non dovrebbe considerare libere quelle numerazioni?

Ciao a tutti 

 

Edit: vi prego di scusarmi,  ho confuso veicoli demoliti e veicoli radiati, cancellerei il post ma non mi pare corretto. 

 

Edited by querida-presencia
Link to post
Share on other sites
  • Utenti Registrati
STAFF

A riguardo dei demoliti, è vero, è una stortura.

Ma se l'ottica è privilegiare la storicità, quale testimonianza del passato, credo sia giusto mantenerla quando possibile, anche se è frutto di una inadempienza burocratica.

 

Per questo trovo fuori luogo la riassegnazione, che ha più il sapore di una falsificazione. Giusto assegnare un nuovo numero, applicandolo ad una targa la cui estetica non sia troppo "impattante".

 

Mi chiedo cosa accadrà anche con le visure, e di questo forse non si è parlato.

Penso sia legittimo poter ricostruire la storia di un veicolo, anche se questo fosse andato distrutto. Consideriamo che ci sono Motorizzazioni zelanti che, nel tempo, hanno inserito nel database elettronico tutti i dati dei vecchi cartacei. Novara mi pare sia fra queste.

Sarebbe quantomeno strano avere ambiguità e sovrapposizioni. Per questa ragione io sarei prudente anche con la riassegnazione di targhe sicuramente distrutte, come quelle sostituite per cambio di provincia o per deterioramento. Anche perché sarebbe più giusto poterle eventualmente riassegnare al veicolo originale, magari ritargato a termini di legge dopo quarant'anni dalla prima immatricolazione.

 

 

Link to post
Share on other sites

Non sono ferrato in materia ma non credo sia possibile al momento riassegnare la targa di un veicolo demolito. Per demolito intendo un mezzo del quale sono state consegnate e distrutte le targhe. Infatti anche rimettendolo in strada tramite registro storico viene assegnata una nuova targa europea. Assegnare una targa radiata sarebbe come stampare 2 banconote con lo stesso seriale o rilasciare 2 carte di credito con lo stesso numero senza ritirare quella annullata. Praticamente è un falso. 

Link to post
Share on other sites
  • Utenti Registrati
STAFF

 

 

 

 

 Infatti anche rimettendolo in strada tramite registro storico viene assegnata una nuova targa europea.

 

Non è così. Non è poi tanto raro imbattersi in veicoli "demoliti" che conservano la targa originale (o le targhe).

Attualmente questa situazione è disciplinata ammettendo proprio il riutilizzo della targa originale.

 

Vedi la circolare 19277/23.25 del 2010:

https://mit.gov.it/index.php/normativa/Circolare_protocollo_Div_2_prot_n_19277_03-03-2010

 

Riporto, dal punto 2.2.1.2, che contempla anche i veicoli radiati per demolizione:

Può accadere che il richiedente la riammissione alla circolazione sia in possesso dei documenti di circolazione originari e/o delle targhe.

Nel caso di possesso delle targhe originarie, la riammissione alla circolazione può essere effettuata, a richiesta dell’interessato, con la riattivazione della targa originale. Il documento di circolazione originale, se presente, è aggiornato, oltre che in relazione ai dati dell’intestatario, con l’annotazione “veicolo di interesse storico collezionistico, iscritto al n. …… del Registro…, riammesso alla circolazione in data ……….” L’annotazione è apposta manualmente, ovvero, qualora disponibili le procedure meccanografiche, con la stampa di apposita etichetta.

 

Purtroppo come testimoniato da Guabixx ci sono uffici provinciali della MCTC che si rifiutano di attuare questa possibilità la quale, comunque, è espressamente prevista.

 

 

 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...