Jump to content
VR News
  • IMAGES HOSTING
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.


volumexit

Restauro vespa VNA 1957

Recommended Posts

STAFF

Apperò, anche questa è NOIO!!! :mrgreen:

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR

Grazie a tutti.

Cosi e' come l'aveva fatta mio papa'.

IMG_20190316_183738.thumb.jpg.862c6445c5f2eba45188023ef21853cd.jpg

 

IMG_20190316_192214.thumb.jpg.d13579c06ea254bdd5bcb73586565144.jpg

 

IMG_20190316_192225.thumb.jpg.e4825dbce0c81d6f782a5fe229903cc5.jpg

 

IMG_20190316_192240_1.thumb.jpg.cf4da9d5ec0d0f708f6656581607c2dc.jpg

 

IMG_20190316_192305_1.thumb.jpg.ac662eb538bd0f8e270e5ae557ed60e6.jpg

 

IMG_20190316_194313_1.thumb.jpg.b4bbd27073134d3e73db419044db7f28.jpg

 

Vol.

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR

Qualche scatto fatto nel mio girovagare per fare il rodaggio.

Primo giro di prova

IMG_20190317_144306.thumb.jpg.197ecb6cbe07bed0f98cc511f530a6bc.jpg

 

IMG_20190317_144326.thumb.jpg.9b4095f4d2970c4fc7b8f8042571f37d.jpg

 

IMG_20190317_151215.thumb.jpg.c9637c3083631279b074a3b9b666d62e.jpg

 

IMG_20190317_161243.thumb.jpg.ef4fca5af741bdbc1779dbd790d5336e.jpg

Primo giorno di utilizzo per andare al lavoro

IMG_20190322_181320.thumb.jpg.f567a32160cab84432922d0f79c04057.jpg

 

IMG_20190322_181335.thumb.jpg.d04728ae4ce557c9b2549150fd525682.jpg

 

IMG_20190322_181459.thumb.jpg.d0f98b5e212576ecf32c998bfeec3944.jpg

Qua la sto riportando verso il Piemonte, dove era stata immatricolata

IMG_20190330_094719.thumb.jpg.23ef745c682b12acfddec4664b5e8c16.jpg

 

IMG_20190330_104322.thumb.jpg.ee0313b862ec2df2f7e5498f5f5fc080.jpg

 

IMG_20190330_104332.thumb.jpg.0065a916e362c03fa0347298f14e93ce.jpg

 

IMG_20190330_170630_2.thumb.jpg.4295140735866a05f1cbf9d7ab2f6490.jpg

 

Giretto lungo il Naviglio grande

IMG_20190413_185737_1.thumb.jpg.cb247fe6f5e11bae78b6434a46e327a6.jpg

 

IMG_20190413_185745_1.thumb.jpg.343b850bc3c653a76a48e34704d68a2f.jpg

 

IMG_20190413_185757_1.thumb.jpg.aadf7ddbf85703b2b133d364c27ef26f.jpg

 

Ad oggi siamo a 1000 Km, rispetto alle altre vespe e' molto lenta, diciamo che e' un modo diverso per andare in giro in Vespa.

 

Vol.

 

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissima Vol!! come dici tu... è più lenta..ma così facendo ti godi di più il mondo intorno...riscopri il modo slow...!!

Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR

Grazie Luca.

C'è una cosa che ancora non ho detto, mio papà sapeva che avevo iniziato a restaurare la sua Vespa, ma non gli ho mai detto che era stata finita. Penso allora che piuttosto che arrivare a casa sua con la Vespa, sarebbe stato più bello vedere se la ricordava, era dal lontano 1984 che non la vedeva del suo colore originale. Allora mi viene in mente una cosa carina, parcheggiarla fuori dal concessionario dove la acquistò nel 1957 che si trovava sul lungo lago.

Parte la macchina organizzativa. Porto la Vespa a Verbania, con una scusa faccio venire a Verbania pure i miei genitori. Quando sono li, mia moglie con la scusa che c'è una mostra di camelie e che i suoi genitori sono già sul lungo lago che la aspettano, invita i miei genitori ad andare alla mostra. A questo punto scatta la sorpresa, io parcheggio la vespa fuori dallo stabile dove c'era il concessionario e mi nascondo poco lontano per osservare la scena.

P1060831.thumb.JPG.746da09f0e79aa2321595d37b953a49e.JPG

Avviso mia moglie che siamo pronti e le dirige il gruppo verso la Vespa. Mio suocero attira l'attenzione di mio papa dicendo, "guarda quello dove ha parcheggiato, dovrebbero dargli al multa". 

L'allegro gruppetto che sta arrivando nei pressi della Vespa

P1060832.thumb.JPG.64086a481d20ba4b5dcfcfefc2e71f69.JPG

Mio papà appena la nota, parte in quarta, attraversa la strada e va ad osservare la parte anteriore della Vespa, poi gira dietro, fa segna verso la targa e dice che è la sua.

I presenti iniziano a confonderlo, mia suocera gli dice che non è possibile perché io ci avevo fatto un incidente, mia mamma, avvisata qualche minuto prima gli dice che l'ha venduta… 

Mio papa', non convinto da quello che stanno dicendo gli altri torna i ritorna ad indicare la targa.

A questo punto mia moglie cerca di metter ordine e propone di fare qualche foto della Vespa e di mandarmela per chiedere a me se è la sua Vespa.

Qui il video di quando mio papa torna a fare segno verso la targa e mia moglie che inizia a fare le foto. Nel frattempo zitto zitto io esco dal nascondiglio e li raggiungo.

Quando mio papa si gira verso il gruppo e mi vede capisce che ha ragione ed è contentissimo. Ha detto che e' andato a vedere la Vespa peche era uguale alla sua e voleva vedere se aveva un numero di targa vicino al suo. Quando ha visto la targa ha riconosciuto il suo numero.

Qui la guarda e la riguarda per vedere come è venuta, mia anche fatto notare che c'era due errori rispetto a quando la usava lui, lui aveva fatto mettere il bordo scudo cromato ed aveva fatto mettere il copribiscotto. Io non ho messo quei due pezzi perché mi rovinerebbero la vernice dello scudo e del biscotto.

P1060836.thumb.JPG.2541570262676d24d30b8b5fd11ae5a9.JPG

 

P1060837.thumb.JPG.8e031f3a68cb313b2eea0657a72e1861.JPG

Io e mio papa con la Vespa

IMG_20190330_150430.thumb.jpg.498b567c600a563fb0290bd83f88fb13.jpg

Mio papà e mia mamma

195274682_0Images25_106_PANAP1060840JPG.thumb.jpg.1309973d90932f63c60be6d20f97c5e2.jpg

 

IMG_20190330_150547.thumb.jpg.37438f67a2c4c538645afe38245783ae.jpg

Poi l'ho portato a fare un giro, Quando l'ho proposto, prima ha detto di no perché non aveva il casco, ma a quello ci avevo pensato io, ne avevamo uno in macchina. 

P1060842.thumb.JPG.6685b81b633e560037386e8444b3724e.JPG

 

IMG_20190330_151209.thumb.jpg.53f3c6bd6ecce8893c603051784a5248.jpg

Mio papa' con la Vespa

IMG_20190330_154853.thumb.jpg.ef4b51cd95220a2038907f4bf784f510.jpg

ed infine

60_ANNI_DOPO.thumb.jpg.d863aa08a13c2709f44081f1221dabaa.jpg

Grazie a Marben, per l'aiuto che mi ha dato nel restaurare la Vespa, nella realizzazione del video e della foto finale.

Adesso me la godo un po. 

Vol.

Share this post


Link to post
Share on other sites
STAFF

:bravo::bravo::bravo::bravo::bravo::bravo::bravo:

Degna conclusione, bravo!!!

Certo, dev'essere bello vedere l'effetto che fa!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ci sono parole...

al di là del restauro, per altro di alta qualità...

ma i ricordi che può avere riesumato la vespa a quell’uomo non sono paragonabili ...

bravo vol, questo non è un restauro... è una storia, con un finale meraviglioso 

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR

Grazie ancora a tutti.

 

Vol.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La sorpresa organizzata a tuo padre è stata emozionante immagino. Complimenti Luca, un lavoro fatto davvero bene :bravo:  Tra l'altro, a gennaio avevo intravisto il tuo telaio in carrozzeria da Simone...:D

Un bravo anche all'aiutante Marco ;-)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR

Grazie ancora a tutti.

Mi ero dimenticato di ringraziare ancora @alfred per la retina di ottone per riparare il rubinetto.

30 minuti fa, Vespa979 dice:

La sorpresa organizzata a tuo padre è stata emozionante immagino.

Direi di si, anche per mia mamma, fino a quando non si sono sposati e mio nonno gli ha regalo' la 1100 103E, usavano la Vespa.

Vol

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR
Il ‎23‎/‎04‎/‎2019 at 21:23, lucag63 dice:
Ciao Vol.. ma l'ammortizzatore anteriore è uguale a quello della vbb?dove hai preso il tuo..?

Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk

 

No, questo è stato montato solo su farobasso e VNA. Sulla VBB ci va quello in lamiera zincata. Io l'ho preso dal pascolatore.
Vol.

Share this post


Link to post
Share on other sites
No, questo è stato montato solo su farobasso e VNA. Sulla VBB ci va quello in lamiera zincata. Io l'ho preso dal pascolatore.
Vol.
Ok grazie.. buona serata.

Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
STAFF
Il 20/4/2019 at 12:16, volumexit dice:

 

Quando mio papa si gira verso il gruppo e mi vede capisce che ha ragione ed è contentissimo. Ha detto che e' andato a vedere la Vespa peche era uguale alla sua e voleva vedere se aveva un numero di targa vicino al suo. Quando ha visto la targa ha riconosciuto il suo numero.

 

Ho avuto l'onore di assistere a questa scena ed è stato emozionante.

Questa VNA è un capolavoro, ma i suoi pregi non si fermano alla lamiera: porta con sé una storia bella e intensa, fatta anche di momenti difficili e scelte non scontate. È bello che sia rimasta sempre nella sua famiglia; a Luca il merito di averla custodita, anche quando era un relitto disastrato (per giunta in un'epoca nella quale sarebbe stata bollata come vecchio rottame a prescindere). E ovviamente il merito di averla recuperata e restaurata nel migliore dei modi, coronando i lavori con questa bella sorpresa per i suoi genitori.

Bravo!

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR
Il ‎07‎/‎05‎/‎2019 at 13:08, Marben dice:

Questa VNA è un capolavoro, ma i suoi pregi non si fermano alla lamiera: porta con sé una storia bella e intensa, fatta anche di momenti difficili e scelte non scontate. È bello che sia rimasta sempre nella sua famiglia; a Luca il merito di averla custodita, anche quando era un relitto disastrato (per giunta in un'epoca nella quale sarebbe stata bollata come vecchio rottame a prescindere). E ovviamente il merito di averla recuperata e restaurata nel migliore dei modi, coronando i lavori con questa bella sorpresa per i suoi genitori.

 

Il ‎07‎/‎05‎/‎2019 at 14:25, querida-presencia dice:

Mi unisco ai complimenti, per il mezzo, per il lavoro eseguito e per la storia, non senza un po' (anche più di un po') di invidia.

:bravo:

Grazie ancora a tutti.

 

Vol.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, 

 

   Ottimo lavoro e ottimo tutorial. Grazie!!!

Da quanto è la chiave a tubo che hai usato per smontare il rubinetto? 

 

Grazie

Il 14/11/2017 at 15:02, Marben dice:

Si prosegue con piccoli lavori, e questa è la volta del rubinetto. benzina.

Questo è del tutto particolare, diverso dai soliti rubinetti. Il corpo è completamente in ottone, e non in lega leggera; è privo del tubo di sfiato e l'attacco del tubo benzina è orientato perpendicolarmente al suolo.
È montato su tutte le VNA1T e VNA2T, sulla VNB1T sino al n. 32099 e sulla VBA1T sino al n. 81256.
Monta su un foro più stretto rispetto ai successivi, di conseguenza anche il serbatoio è differente.

Nel caso della nostra VNA, il ristagno della vecchia benzina rossa, nel corso degli anni, ha causato non pochi problemi: la formazione di ruggine e morchie all'interno del serbatoio, coinvolgendo anche il rubinetto.

Il rubinetto è così aggredito da croste ormai del tutto solidificate e presenta non pochi segni di corrosione. Per fortuna la rimozione non è difficile; l'assenza del tubo di sfiato consente l'impiego di una chiave a tubo. Forse il fatto stesso di essere di ottone nichelato ha impedito il bloccaggio del dado per ossidazione.

Una volta rimosso, ecco il rubinetto nelle sue tristi condizioni:

5a0aed453df5c_IMG_20171023_204624(Large).thumb.jpg.6d166e04aa5429b26071758b09646a0b.jpg

 

Con solventi, spazzole metalliche e pure il fuoco vivo si riesce a sgrossare almeno la parte esterna dell'elemento filtrante:

5a0aed9d89954_IMG_20171023_205507_BURST001_COVER(Large).thumb.jpg.23ad8cdeb736632580c9171793b11c55.jpg

 

Purtroppo l'interno è invaso dalla morchia indurita. La retina di filtraggio è ormai un ricordo, resistono pochi brandelli in zone non visibili.
Decido così di tentare di rimuovere tutto il corpo del filtro. Infilo un cacciaspine nell'asola più in alto e blocco il cacciaspine stesso nella morsa. Con un martellino do colpi leggeri al distributore, ovvero il componente cilindrico al quale è fissata l'asta di comando.

In questo modo, senza eccessivo sforzo, è possibile estrarre il corpo del filtro. Se questo risultasse meno docile, prima di deformarne la lamiera è conveniente tentare un aiuto, riscaldando la zona di giunzione delle parti.

5a0aeea2dea70_IMG_20171024_153523(Large).thumb.jpg.01e23737981810a06d58899bbe56da9b.jpg

Sulla sommità del filtro è applicato un cappuccio di lamiera: in questo caso è cianfrinato, in altri può esserci un riporto di saldatura.

A questo punto smontiamo tutte le parti mobili e concentriamoci sul corpo vero e proprio. Ovviamente i condotti non sono stati risparmiati dalla morchia. Dopo una prima pulizia esteriore, occorre tentare di liberare i passaggi. Nel nostro caso abbiamo avuto un pizzico di fortuna: evidentemente il livello di benzina al momento del fermo era già al di sotto di quello della "riserva", quindi il tubetto che pesca in posizione "Aperto" risultava già piuttosto libero. Una fatica in meno!

Per la pulizia qualsiasi strumento è lecito: cacciaviti sottili, fil di ferro, ecc. Per liberare completamente i passaggi, io uso con soddisfazione una punta da trapano di diametro adeguato, montata su un mandrino che funga da impugnatura. Tanto meglio se la punta è piuttosto lunga, così da avere meno intralci nelle manovre.

5a0af02522cb5_IMG_20171024_155043(Large).thumb.jpg.cb4ceefedc9f9b4f0c4ae748d9521745.jpg

Oltre all'azione meccanica, anche quella chimica è salutare. Un po' di diluente aiuta a rimuovere le ultimi tracce, così che il metallo nudo torna ben visibile:

5a0af07d666f5_IMG_20171024_163311(Large).thumb.jpg.0a54739c4c04b7e0b03805e1252e9b90.jpg

Una pulita anche al corpo (di lamiera) del filtro:

5a0af0a1afb22_IMG_20171024_160409(Large).thumb.jpg.cada37faf935d4c8ffaf7f18d50ccca1.jpg

Tanti residui, compresi i pochi avanzi della retina:

5a0af0ad92326_IMG_20171024_161758(Large).thumb.jpg.996645104a600069b8bfcb7d50c7d629.jpg

La corrosione ha anche danneggiato la molla, che è rimasta divisa in due parti:

5a0af0dae50b1_IMG_20171024_162631(Large).thumb.jpg.a1b0c7bd3bba1038aeec077cb2c7981e.jpg

Qui sopra tutte le parti che compongono il rubinetto, ad eccezione della retina, che come detto è polverizzata. La pulizia è stata effettuata con spazzole metalliche su trapano, ricorrendo poi alla lucidatrice a stracci per la rifinitura finale, sia del corpo col tubetto, sia del filtro.

Non avendo una molla di ricambio, ho pensato di riparare l'originale: essa non deve sopportare carichi, la sua unica funzione è quella di mantenere aderente la retina al corpo del filtro.
Così ho preso un filo di rame, ricavato da un filo elettrico, ed ho avvolto una spirale:

5a0af15ddae51_IMG_20171024_163508(Large).thumb.jpg.ac1c98d600f0ecd2e82764a9fe49e35c.jpg

5a0af16666967_IMG_20171024_163706(Large).thumb.jpg.5db75ad25baabcdb27563f1da80e2b01.jpg

Ho pulito bene le due parti della molla da unire, e vi ho calzato la spirale di rame:

5a0af19487746_IMG_20171024_163831(Large).thumb.jpg.ff506c29c19519eda0eb8e1ac17c2ac2.jpg

Bloccando il tutto con una goccia di stagno:

5a0af1afdcc42_IMG_20171024_164410(Large).thumb.jpg.8ad8f79bfffae14f0365e533fb1c0329.jpg

L'acciaio armonico non è facilmente stagnabile, ma con un po' di flussante la goccia fonde bene sul supporto.

Qui entra in gioco il preziosissimo aiuto di Alfred, che generosamente fornisce una retina d'ottone che ben si presta al nostro scopo.
Avevamo pensato, in precedenza, di usare la retina di acciaio del filtro T5 riprodotto da SIP, ma abbiamo constatato che questa è troppo fitta anche per il nostro scopo... figuriamoci per filtrare l'aria in aspirazione!

5a0af25876685_IMG_20171113_205642(Large).thumb.jpg.a0aa0734d0045ffa4570118fe12f0273.jpg

5a0af265a69ee_IMG_20171113_210256(Large).thumb.jpg.af76b1447b2db48375cd72c5be4c7a84.jpg

Ritagliamo a misura la retina di ottone, avvolgendola poi sulla molla riparata:

5a0af293cffc2_IMG_20171113_210400(Large).thumb.jpg.1d49c01c1764afe3cdcfba8adc220c8d.jpg

Per infilarla nel filtro, è conveniente divaricare un po' la lamiera, così che il gruppo retina + molla possa scorrere all'interno senza impigliarsi.

Una volta che questo è completamente inserito, possiamo riaccostare i due bordi, modellando la lamiera con una piccola pinza a becchi corti e larghi.

5a0af30e5fb08_IMG_20171113_210652(Large).thumb.jpg.1be6803f6b49b724f3b2fc3fc9701226.jpg

A questo punto possiamo reinserire il corpo del filtro in quello del rubinetto, mandandolo a fine corsa con qualche leggero colpo di martello.

5a0af3ad32244_IMG_20171113_211340(Large).thumb.jpg.147c7a8f3e86578df18a9e9250429a41.jpg

Riposizioniamo anche il cappuccio di lamiera. Lo blocchiamo non più ribadendolo (è già un po' ammaccato sul fianco), bensì saldandolo a stagno. Vista la massa non trascurabile, è bene usare un saldatore abbastanza potente, circa un centinaio di Watt, per contrastare la dispersione del calore.

5a0af434dd260_IMG_20171113_211347(Large).thumb.jpg.7b343fa0f3f010f697df64660a062d9c.jpg

Ecco il cappuccio assicurato mediante brasatura a stagno:

5a0af461d56a6_IMG_20171113_211847(Large).thumb.jpg.d50caf344100317498d61913e82c3ea5.jpg

Possiamo procedere col rimontaggio. Raccomandabile una spianatura del distributore, per una migliore adesione alla guarnizione. 
Per quest'ultima, si è scelto il ricambio di colore rosso (in Viton, si dice), ovvero quello di migliore qualità. Molte altre guarnizioni in commercio, solitamente di colore nero, risultano molto dure e spesso fustellate in maniera alquanto approssimativa. Queste rosse, di solito, non riservano sorprese.

5a0af4fe1f23d_IMG_20171113_212454(Large).thumb.jpg.fa9f6e9b6df0de04605cb93fe782800a.jpg

Rimonto la guarnizione e preparo il distributore, stendendo un velo leggerissimo di grasso siliconico, per evitare eccessivo attrito a secco. Questo grasso è molto utile in tante piccole operazioni sui nostri mezzi: non altera le proprietà delle parti in gomma ed ha buone proprietà idrorepellenti, risultando ottimo, per esempio, nella revisione di serrature e simili.

5a0af5aa228a3_IMG_20171113_212603(Large).thumb.jpg.877be71390cca4a8763d5a64727cb2be.jpg

5a0af51257991_IMG_20171113_212554(Large).thumb.jpg.9378675b900940f1719073a5d81f608f.jpg

5a0af5d26b2df_IMG_20171113_212825(Large).thumb.jpg.feaefe432527a782009ba4e083a9e91c.jpg

Corretto posizionamento del distributore e dell'anello elastico che lo trattiene in sede:

5a0af5c9e8f86_IMG_20171113_212750(Large).thumb.jpg.a8e4a4917549c6c8915dbb7d5096f3ff.jpg

Conveniente anche lubrificare i filetti delle due piccole viti M3, che bloccano e regolano il carico sul distributore. La vera regolazione andrà effettuata a montaggio completato, col serbatoio già carico, per escludere perdite e per evitare che la manovra dell'asta di comando risulti eccessivamente faticosa.

5a0af664bffa5_IMG_20171113_213104(Large).thumb.jpg.5dbf8647ce3f941657b17ea847164bdb.jpg
 

Montiamo la guarnizione di fibra (carta) e predisponiamo il dado con la rondella piana: la revisione è finita ed il nostro rubinetto è pronto per tornare a svolgere la sua funzione.

5a0af6a653ff4_IMG_20171113_213203(Large).thumb.jpg.7af9c3287d7785cebecba735f0e49bdc.jpg

5a0af6aec473e_IMG_20171113_213256(Large).thumb.jpg.41036d17c8593e257e5dcea2e8d6c700.jpg

... e direi che è un bel vedere, in confronto alla brutta (e costosissima!) riproduzione disponibile da qualche tempo presso alcuni venditori.

Un grazie particolare ad Alfred che ha contribuito con l'ottima retina di ottone. Quando un forum è sede di simili giochi di squadra, diviene davvero uno strumento meraviglioso di aiuto e di condivisione. :applauso:

 

 

 

IMG_20171113_210256 (Large).jpg

IMG_20171113_210634 (Large).jpg

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
STAFF

 

9 ore fa, The_fan_82 dice:

Da quanto è la chiave a tubo che hai usato per smontare il rubinetto? 

22 mm.

Talune chiavi candela si prestano ad essere modificate (eliminando il manico), con la possibilità di manovrarle usando l'esagono dalla parte opposta. In pratica possono fungere da prolunga. 
In alternativa possono essere saldate ad un manico a "T".
Attenzione: molte chiavi candela sono precise sull'esagono da 21 mm delle candele, e pertanto non possono ospitare il dado del rubinetto. Vanno bene le chiavi come quella in dotazione alla VNA (e simili), perché la l'esagono più grande deve permettere anche lo smontaggio dei cerchi dai mozzi (dadi con esagono 22).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...