Vai al contenuto
VR-News
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.
  • IMAGE HOST


cuorenevro1977

Sfregio al busto del grande Giovanni Falcone

Recommended Posts

Impossibile non indignarsi davanti ad una cosa simile, di certo ciò non mi farà mai dubitare della grandezza dei palermitani e siciliani, ma quanto è accaduto dimostra che purtroppo delle mele marce sono state capaci di prendersela con un busto indifeso. Grande terra la Sicilia, grande gente i siciliani che sono costretti dal 1943 ad essere terra di conquista dei mafiosi. La cia non esito ad avvalersi dei malavitosi ricompensandoli poi con ruoli politici (il Boss don Calogero Vizzini è uno di questi). Vorrei che chi appartiene alla gioventù odierna conosca la grandezza di quest'uomo, di Paolo Borsellino e di tutte le vittime di mafia giudici, poliziotti e civili!

 

Inviato dal mio MEIZU_M5 utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
come non essere d accordo. magnifica gente i siciliani spero trovino la forza di debellare il cancro mafioso.

La gente comune non può sostituirsi alle istituzioni, il problema è che le istituzioni hanno latitato

 

Inviato dal mio MEIZU_M5 utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'invidia è la religione dei mediocri. Li consola, risponde alle inquietudini

che li divorano e, in ultima istanza, imputridisce le loro anime e consente

di giustificare la loro grettezza e la loro avidità fino a credere che siano

virtù e che le porte del cielo si spalancheranno solo per gli infelici come loro,

che attraversano la vita senza lasciare altra traccia se non i loro sleali

tentativi di sminuire gli altri e di escludere, e se possibile distruggere,

chi, per il semplice fatto di esistere e di essere ciò che è, mette in risalto

la loro povertà di spirito, di mente e di fegato. Fortunato colui al quale

latrano i cretini, perché la sua anima non apparterrà mai a loro.

(Carlos Ruiz Zafón)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Proprio ieri sera riflettevo, ero molto amareggiato.

Poi ho pensato ad un busto esposto in un grande salone di una importante società...

Sin dal 1976 chiedevo a mio padre chi fosse, e lui abbozzava qualche ricordo, poi chiedeva a qualcuno dei vecchi ... ed attendo ancora la risposta.

Quel busto, in quel salone, nonostante varie ristrutturazioni, è ancora lì messo in un posto meno visibile, tanto che le signore delle pulizie lo spolverano raramente ed una coltre di indifferenza si è adagiata sul busto dello sconosciuto.

Ogni volta che percorro la strada dove è la stele in ricordo della strage di Capaci, mi fermo in quelle piazzola di sosta anche di notte, di notte l'aria è fresca e la pelle d'oca si sente di più, così come le lacrime che riempiono gli occhi e l'onore che si prova nell'avere avuto dei connazionali come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Quel gesto offensivo non ha fatto altro che riportare alla memoria (per chi se ne fosse dimenticato) i valori per i quali hanno vissuto e sono morti i Servitori dello Stato; il disvalore dell'offesa, della deturpazione di un busto statico, ci fa essere coscienti del fatto che quei VALORI non sono morti, non moriranno MAI e possono solo essere alimentati, anche da gesti offensivi.

Chissà quanti genitori hanno avuto il privilegio di raccontare ai propri figli il perché di quella stele, il perché di quel busto, il perché del gesto di qualche poveraccio ........ ed il perché nessuno dimenticherà MAI chi è il Signore rappresentato da quel busto.

 

Viva l'ITALIA!!!

Modificato da gigler

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vivo ancora il ricordo della morte di Giovanni Falcone con un senso di vuoto e di tristezza misto a rabbia.

Nel 1992 avevo diciassette anni, ero ai primi anni della scuola superiore e a dirvi il vero manco sapevo chi fosse Giovanni Falcone.

Quel giorno ero a scuola, le lezioni furono sospese nel momento in cui arrivò la notizia e fummo tutti radunati nelle grandi scale che portavano da un piano all'altro.

Alcuni ragazzi dell'ultimo anno lessero un breve messaggio, dissero chi era Giovanni Falcone e raccontarono quello che era successo.

Dopo quelle parole scese un silenzio irreale (e stiamo parlando di circa 80 ragazzi dai 14 ani 17/18 anni che difficilmente non bisbigliano o chiacchierano).

Il preside, i professori e bidelli erano li ad ascoltare senza aggiungere nulla.

Alla fine della lettura seguì un lungo silenzio, rotto solo dalla voce del preside che disse di tornare in classe prendere ognuno le proprie cose e andarcene a casa.

Nessuno aggiunse una parola, nemmeno un commento con i compagni.

 

Questo è il ricordo che ancora mi emoziona a distanza di 25 anni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
STAFF
La gente comune non può sostituirsi alle istituzioni, il problema è che le istituzioni hanno latitato

 

Quando non si sono rese complici, in varia maniera, degli stessi malavitosi.

Ma non dobbiamo correre il rischio di chiamarci fuori, come se i cittadini fossero semplicemente vittime o spettatori inermi; purtroppo omertà e collusioni mafiose sono una realtà effettiva e combattuta più a parole che nei fatti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da Gaius Verres che in Sicilia operano i peggiori corrotti e criminali. Assurdo che per pochi delinquenti quella terra sia devastata sempre.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Quando non si sono rese complici, in varia maniera, degli stessi malavitosi.

Ma non dobbiamo correre il rischio di chiamarci fuori, come se i cittadini fossero semplicemente vittime o spettatori inermi; purtroppo omertÃ* e collusioni mafiose sono una realtÃ* effettiva e combattuta più a parole che nei fatti.

Amico mio basterebbe vedere la storia di Leonardo Vitale il primo pentito di mafia per rispondere, dopo aver denunciato tutto fu rinchiuso in manicomio, quando uscì fu ucciso. Del resto Falcone fu boicottato dalla stessa magistratura! Non è così semplice

 

Inviato dal mio MEIZU_M5 utilizzando Tapatalk

 

Da Gaius Verres che in Sicilia operano i peggiori corrotti e criminali. Assurdo che per pochi delinquenti quella terra sia devastata sempre.

A Roma credo che siano sempre di più

 

Inviato dal mio MEIZU_M5 utilizzando Tapatalk

Modificato da senatore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×