Jump to content
VR News
  • IMAGES HOSTING
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.


Echospro

Dell’Orto SI: esperienze di carburazione (Partecipate tutti!)

Recommended Posts

MODERATOR
Io non capisco mai di preciso quali ''passaggi'' si intendonoda allargare...se solo il foro pozzetto e quello prima della colonna galleggiante o ce ne sono altri più''nascosti''

Spero intevenga un guru del SI come MrOizo che con il SI ha raggiunto prestazioni da urlo,anche se non sono concorde che sia un signor carburatore,perchè se fosse fatto bene non dovremmo allargarlo e trivellarlo stile hemmental,avrebbe una regolazione decente dei medi regimi e del minimo e non rifiuterebbe miscela a spruzzo,certo per la Vespa originale è quello che serve,semplice ed affidabile...ma senza stravolgerlo i suoi limiti ci sono e sono lampanti anche per uno come me che bene o male è un novizio in fatto di Vespe.

 

Ti fai le domande ti rispondi da solo!!!! :ok:

Certo che per un motore originale il SI va benissimo, ma per un motore von le fasi stravolte e che ha sete .... un SI originale fa quello che può.

Aspetto anch'io un intervento di Sergio o di qualcun'altro che di soluzionine ha provate (Uno parlo di te :mavieni: se non l'hai capito :mrgreen::ok: ), proprio per capire come muoversi su questo tipo di carburatore che non sembra avere una logica ben definita.

 

il filtro aria non l'ho montato la valvola è 124-63 per la precisione...il poliniè rifasato con spessore....cambio 150 con 4° 36denti e primaria 65/23..con pignone 22DRT

 

Perdonami ma il codice 124-63 a quale modello di valvola corrisponde? Alla 03?

Comunque per vedere se il tuo problema è un eccessivo smagrimento ai medi puoi fare una semplice prova: tappa il condotto che porta aria alla valvola a saracinesca e vedi non smagrendo cosa cambia.

 

Aspirazione_aria_ghigliottina.JPG

 

 

 

:ciao: Gg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io con i carburatori si non ho avuto mai problemi di settaggio e mi ci trovo molto bene , carburazione pulitissima a tutti i regimi , quando faccio un motore e lo posso provare sul telaio lo affino per bene , col 24 del t5 mi ci trovo benissimo con colonnine complete del 200 tipo be3-160 nel minimo a volte uso il 55-160 a volte aleso e faccio 59-160 oppure 70-160 dipende dal tipo di motore di quanto è alto lo scarico rispetto ai travasi dalla condizione della tenuta della valvola in che modo è lavorato l'albero e di quanto è il carter pompa e da altri fattori ad esempio marmitta.

L'ultimo px che ho fatto corsa 60 con tsv con fasi 120 anticipo e 65 di ritardo sulla valvola travasi 120 scarico 180° avevo come getti su un carburatore 25 si 140 di max e di minimo avevo 70 il motore non si sporcava mai si poteva lasciare in moto sul cavalletto per molto tempo e riprendendo il gas era prontissimo.

Non ho incontrato nessuna difficolta a carburare anche i si alesati quasi a 26, uso valvola gas a volte la 04 del 200 a volte la 05 del t5 , uso quasi sempre il filtro t5 e di prestazioni non me ne sono mai mancate.

Se invece il cilindro è spompo e la valvola non fa tenuta incominciano un pò i problemi di carburazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR

Grande Mega, anche la mia sul cavalletto è perfetta!!!

Minimo stile "moto guzzi" nonostante il volano leggero e prontissima in accelerazione, è in movimento che rompe le scatole!!!

In seconda, per esempio, borbotta fino a 35/40 orari poi sale come un orologio fino agli 80 senza nessun problema, ma capisci che mica posso sempre andare a manetta!!!! :lol:

Grazie al tuo consiglio col minimo alesato a 60 e il freno a 150 ha migilorato tantissimo.

Appena riesco provo a portarlo a 65, poi vedo la differenza.

 

:offtopics:

Mi sto gustando la modifica alla Megadella che mi hai sistemato, che non ha attenuato il rumore, anzi .... ma "tira" a tutti i giri che è un piacere guidarla!!! :ok:

Appena riesco voglio aggiornare il post relativo alle prove con i tuoi scarichi.

 

 

:ciao: Gg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bho, sarà il mio motore di merda, ma già con 55/160 in apertura si imbroda da far schifo.. Sotto il 50/160 non va bene, addirittura è pulitissima col 48/160, ma percepisco sia molto magra, il passaggio getto minimo massimo si avverte proprio alla manopola, e poi ha una lieve tendenza a restare accelerata.

Mega tu allarghi il foto vaschetta/colonna getti? Se si a quanto e come? Filtro T5 abbassato o filtro T5 original e coperchio alzato?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io con i carburatori si non ho avuto mai problemi di settaggio e mi ci trovo molto bene , carburazione pulitissima a tutti i regimi , quando faccio un motore e lo posso provare sul telaio lo affino per bene , col 24 del t5 mi ci trovo benissimo con colonnine complete del 200 tipo be3-160 nel minimo a volte uso il 55-160 a volte aleso e faccio 59-160 oppure 70-160 dipende dal tipo di motore di quanto è alto lo scarico rispetto ai travasi dalla condizione della tenuta della valvola in che modo è lavorato l'albero e di quanto è il carter pompa e da altri fattori ad esempio marmitta.

L'ultimo px che ho fatto corsa 60 con tsv con fasi 120 anticipo e 65 di ritardo sulla valvola travasi 120 scarico 180° avevo come getti su un carburatore 25 si 140 di max e di minimo avevo 70 il motore non si sporcava mai si poteva lasciare in moto sul cavalletto per molto tempo e riprendendo il gas era prontissimo.

Non ho incontrato nessuna difficolta a carburare anche i si alesati quasi a 26, uso valvola gas a volte la 04 del 200 a volte la 05 del t5 , uso quasi sempre il filtro t5 e di prestazioni non me ne sono mai mancate.

Se invece il cilindro è spompo e la valvola non fa tenuta incominciano un pò i problemi di carburazione.

 

per quanto riguarda la vaschetta Carmelo sai se quella del T5 e della cosa hanno la stessa dimensione?

vorrei fare il SI come dici tu avendo a disposizione entrambi i carburatori il G e l'H.

naturalmente filtro T5.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ti fai le domande ti rispondi da solo!!!! :ok:

Certo che per un motore originale il SI va benissimo, ma per un motore von le fasi stravolte e che ha sete .... un SI originale fa quello che può.

Aspetto anch'io un intervento di Sergio o di qualcun'altro che di soluzionine ha provate (Uno parlo di te :mavieni: se non l'hai capito :mrgreen::ok: ), proprio per capire come muoversi su questo tipo di carburatore che non sembra avere una logica ben definita.

 

 

 

Perdonami ma il codice 124-63 a quale modello di valvola corrisponde? Alla 03?

Comunque per vedere se il tuo problema è un eccessivo smagrimento ai medi puoi fare una semplice prova: tappa il condotto che porta aria alla valvola a saracinesca e vedi non smagrendo cosa cambia.

 

[ATTACH=CONFIG]114412[/ATTACH]

 

 

 

:ciao: Gg

Il 124-63 era riferito alla fase dell'albero....devo provare ad otturare e vedere cosa succece...altrimenti dv provare con l'emulsionatore.

Share this post


Link to post
Share on other sites
per quanto riguarda la vaschetta Carmelo sai se quella del T5 e della cosa hanno la stessa dimensione?

vorrei fare il SI come dici tu avendo a disposizione entrambi i carburatori il G e l'H.

naturalmente filtro T5.

 

Il foro è uguale , io uso il coperchio galleggiante drt N7 non ho avuto necessita di allargare il foro alla base dentro la vaschetta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grande Mega, anche la mia sul cavalletto è perfetta!!!

Minimo stile "moto guzzi" nonostante il volano leggero e prontissima in accelerazione, è in movimento che rompe le scatole!!!

In seconda, per esempio, borbotta fino a 35/40 orari poi sale come un orologio fino agli 80 senza nessun problema, ma capisci che mica posso sempre andare a manetta!!!! :lol:

Grazie al tuo consiglio col minimo alesato a 60 e il freno a 150 ha migilorato tantissimo.

Appena riesco provo a portarlo a 65, poi vedo la differenza.

 

:offtopics:

Mi sto gustando la modifica alla Megadella che mi hai sistemato, che non ha attenuato il rumore, anzi .... ma "tira" a tutti i giri che è un piacere guidarla!!! :ok:

Appena riesco voglio aggiornare il post relativo alle prove con i tuoi scarichi.

 

 

:ciao: Gg

 

 

Hai mica provato un'altro carburatore? hai alesato a mano il coperchio tenuta spillo gallegiante? bisogna tenere conto un pò di cose, Gigi se metti un volano pesante vedi che vai di +.

Comunque ce da vedere alcune cose sul motore per trovare la diagnosi, devi vedere anche la tenuta della valvola, appena ho tempo ti faccio provare una v4 fatta in modo diverso e + silensiosa , dammi un pochetto di tempo devo brigarmi un pò di lavori.

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR
Hai mica provato un'altro carburatore? hai alesato a mano il coperchio tenuta spillo gallegiante? bisogna tenere conto un pò di cose, Gigi se metti un volano pesante vedi che vai di +.

Comunque ce da vedere alcune cose sul motore per trovare la diagnosi, devi vedere anche la tenuta della valvola, appena ho tempo ti faccio provare una v4 fatta in modo diverso e + silensiosa , dammi un pochetto di tempo devo brigarmi un pò di lavori.

 

In effetti no, non ho provato un altro carburatore.

Ho il suo 24 originale e potrei provare quello .... :mah:

 

Il coperchio galleggiante è stato allargato a mano, come tutto il resto del carburo, e l'ho controllato meticolosamente tant'è che non chiudo nemmeno più la benzina da come tiene.

La valvola l'ho provata appena cambiato l'albero ed è a posto, quello che magari non ho giuste sono le fasi ...

Tutto è iniziato da quando ho sostituito il Mazzucchelli!!!

Quello che mi fa incaz..volare è che, a parte quel range da 10 a 35 km/h, il motore è una meraviglia.

Tiene il minimo perfettmente, ha una progressione invidiabile, non vibra, in velocità massima passo tranquillo il fondoscala e mantengo velocità di tutto rispetto anche nei tratti di autostrada. (mi piazzo dai 105 ai 115 ed ho ancora gas per gestirmi qualche sorpassino .... :lol: )

Quindi questo è un motore che va più che bene per le mie esigenze, ma se devo farmi un giretto "tranquillo" devo camminare in 1a o al massimo in 2a perchè la 4a la posso mettere solo sopra i 60 Km/h

Che stress!!!!!

 

Mega, la versione di V4 che mi hai modificato, a parte un po di rumore, è perfetta!!!!!!

Sembra un'espansione calibrata: Coppia sotto e allungo ...... infinito!!!

Che posso volere di più?

Poi è una versione "unica", stile capo d'abbigliamento firmato!!!! :mrgreen:

Per "provare" sai che sono sempre disponibile. :sbav:

 

 

:ciao: Gg

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR
Il 124-63 era riferito alla fase dell'albero....devo provare ad otturare e vedere cosa succece...altrimenti dv provare con l'emulsionatore.

 

:risata: come al solito non ho capito un gaz!!! :mrgreen: Scusami!!!

 

Io intendevo la valvola a saracinesca, la ghigliottina per intenderci.

Guarda che versione hai!!!

Se è la 04 ai medi smagrisce pescando aria da quel foro che ti ho indicato.

 

raga ho girato sul web..ma un rivenditore che abbia sia il cornetto Pinasco e pure getti di min e max,freni aria e qualche emulsionatore....così pago le spedizioni una sola volta...

 

I getti e quant'altro per il carburo li prendo da Tonazzo ma il conetto l'ho trovato su ebay, tralaltro pagato un botto!!! (e qui devo ammettere che hanno ragione le nostre signore!!!! :crazy::mogli: )

 

 

:ciao: Gg

Share this post


Link to post
Share on other sites
STAFF

...come al solito, mi sento di dire la mia più su questioni filosofiche, in questo caso relative all'approccio ai problemi, che su questioni squisitamente tecniche come invece mi piacerebbe fare.....allora, sempre nei limiti del mio pensiero, questo sia chiaro, non voglio assolutizzare la mia esperienza, su 100 volte che si sente un motore "scarburato" 99 volte è qualcos'altro....e questo avviene in tutti i settori motoristici....il motore è un "sistema" in cui tanti fattori sono interdipendenti fra loro, non esiste la "carburazione" in una vespa, è un concetto un pò azzardato....magari è meglio parlare di messa a punto.....anche nei 4 cilindri jap, si allineano i carburatori, si puliscono, si controlla la tenuta dei vari spilli, proprio se siamo esauriti controlliamo il livello nella vaschetta...ma chi o cosa volete che possa apportare variazioni significative alla carburazione se non l'usura di qualche segmento, una qualche infiltrazione d'aria, oppure della polvere che ottura qualche passaggio o peggio, qualche dado lento.....e, nei 4 tempi, un must...la scarsa tenuta di qualche valvola d'aspirazione....vi invito a non avere quest'approccio....non è che quando si sentono "vuoti" è perchè la nostra vespa è così metereopatica da sentire il tasso d'umidità......è molto più probabile che ci sia un paraolio che vi sta salutando....oppure qualche infiltrazioncina d'aria, oppure qualche paratia che manca...e voi, cambiando il freno aria o il polverizzatore non fate che spostare una coperta corta dal collo ai piedi, e viceversa....l'SI funziona poi in base ad un delicato equilibrio di pressioni e contropressioni ed ha una tecnica costruttiva di 50anni fa...con questo voglio dire che è pieno di tappini di piombo che chiudono passaggi di lavorazione dai quali può passare aria.....inoltre, con facilità, negli anni, può tturarsi nei punti più imprevedibili...ecco perchè, dato l'esiguo costo, ad ogni restauro procedo tout court alla sostituzione del carburatore...... come vi ha già riferito Mega, anche elle elaborazioni più spinte(sempre a livello turistico, eh...) difficilmente nei motori vespa si sente il bisogno di andare oltre il 160 col BE3....se poi si toglie del tutto il filtro si viene ad alterare il delicato equilibrio di pressioni e contropressioni del carburatore, ed allora si che occorre sostituire tutto alla ricerca di una buona carburazione....ma io non lo consiglio mai per diversi ordini di fattori.....il motore vespa, per sua natura è assolutamente non raffreddato, chiunque può accorgersi che quando viene usato per trotterellare in città riesce a raffreddarsi, mentre quando viene usato a velocità costanti sopra gli 80-100 comincia ad essere in deficit di raffreddamento.....la ventolina non riesce a dissipare una beneamata a certe velocità....quindi è un motore che va tenuto sempre precauzionalmente sul grasso....affinare la carburazione può far bene nel passaggio, in accelerazione la vespa è più pronta, ma in velocità gli smagrimenti sono in agguato.....dal termometro che ho fissato in un'aletta della testa, anche in piena estate con 40 gradi all'ombra, camminando in città, difficilmente riesco a far superare i 70/80 gradi al motore, mentre anche in pieno inverno con temperature rigide, basta andare in tangenziale sui 100 all'ora per raggiungere temperature vicine ai 130 gradi.....sapete che si trata di differenze di funzionamento enormi?e allora cosa facciamo, per sentirla un pò meno "imbrodata" in città, la smagriamo in modo da fare un bel buco nel pistone?oppure cerchiamo una taratura di compromesso?Meditate, gente, meditate....

p.s.:non mi prendete molto sul serio, anche il mio cervello in questo momento è in "overheating".....

Edited by MrOizo

Share this post


Link to post
Share on other sites
...come al solito, mi sento di dire la mia più su questioni filosofiche, in questo caso relative all'approccio ai problemi, che su questioni squisitamente tecniche come invece mi piacerebbe fare.....allora, sempre nei limiti del mio pensiero, questo sia chiaro, non voglio assolutizzare la mia esperienza, su 100 volte che si sente un motore "scarburato" 99 volte è qualcos'altro....e questo avviene in tutti i settori motoristici....il motore è un "sistema" in cui tanti fattori sono interdipendenti fra loro, non esiste la "carburazione" in una vespa, è un concetto un pò azzardato....magari è meglio parlare di messa a punto.....anche nei 4 cilindri jap, si allineano i carburatori, si puliscono, si controlla la tenuta dei vari spilli, proprio se siamo esauriti controlliamo il livello nella vaschetta...ma chi o cosa volete che possa apportare variazioni significative alla carburazione se non l'usura di qualche segmento, una qualche infiltrazione d'aria, oppure della polvere che ottura qualche passaggio o peggio, qualche dado lento.....e, nei 4 tempi, un must...la scarsa tenuta di qualche valvola d'aspirazione....vi invito a non avere quest'approccio....non è che quando si sentono "vuoti" è perchè la nostra vespa è così metereopatica da sentire il tasso d'umidità......è molto più probabile che ci sia un paraolio che vi sta salutando....oppure qualche infiltrazioncina d'aria, oppure qualche paratia che manca...e voi, cambiando il freno aria o il polverizzatore non fate che spostare una coperta corta dal collo ai piedi, e viceversa....l'SI funziona poi in base ad un delicato equilibrio di pressioni e contropressioni ed ha una tecnica costruttiva di 50anni fa...con questo voglio dire che è pieno di tappini di piombo che chiudono passaggi di lavorazione dai quali può passare aria.....inoltre, con facilità, negli anni, può tturarsi nei punti più imprevedibili...ecco perchè, dato l'esiguo costo, ad ogni restauro procedo tout court alla sostituzione del carburatore...... come vi ha già riferito Mega, anche elle elaborazioni più spinte(sempre a livello turistico, eh...) difficilmente nei motori vespa si sente il bisogno di andare oltre il 160 col BE3....se poi si toglie del tutto il filtro si viene ad alterare il delicato equilibrio di pressioni e contropressioni del carburatore, ed allora si che occorre sostituire tutto alla ricerca di una buona carburazione....ma io non lo consiglio mai per diversi ordini di fattori.....il motore vespa, per sua natura è assolutamente non raffreddato, chiunque può accorgersi che quando viene usato per trotterellare in città riesce a raffreddarsi, mentre quando viene usato a velocità costanti sopra gli 80-100 comincia ad essere in deficit di raffreddamento.....la ventolina non riesce a dissipare una beneamata a certe velocità....quindi è un motore che va tenuto sempre precauzionalmente sul grasso....affinare la carburazione può far bene nel passaggio, in accelerazione la vespa è più pronta, ma in velocità gli smagrimenti sono in agguato.....dal termometro che ho fissato in un'aletta della testa, anche in piena estate con 40 gradi all'ombra, camminando in città, difficilmente riesco a far superare i 70/80 gradi al motore, mentre anche in pieno inverno con temperature rigide, basta andare in tangenziale sui 100 all'ora per raggiungere temperature vicine ai 130 gradi.....sapete che si trata di differenze di funzionamento enormi?e allora cosa facciamo, per sentirla un pò meno "imbrodata" in città, la smagriamo in modo da fare un bel buco nel pistone?oppure cerchiamo una taratura di compromesso?Meditate, gente, meditate....

p.s.:non mi prendete molto sul serio, anche il mio cervello in questo momento è in "overheating".....

 

 

 

 

 

Complimenti, ottima spiegazione :applauso:

Ciao Sergio

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR
cosa dice la tua signora???

 

... che devo crescere invece di spendere un sacco di soldi per "il giocattolo" .... :-(

 

Ha ragione? Si, ha solo ragione!

 

 

:ciao: Gg

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR
...come al solito, mi sento di dire la mia più su questioni filosofiche, in questo caso relative all'approccio ai problemi, che su questioni squisitamente tecniche come invece mi piacerebbe fare.....allora, sempre nei limiti del mio pensiero, questo sia chiaro, non voglio assolutizzare la mia esperienza, su 100 volte che si sente un motore "scarburato" 99 volte è qualcos'altro....e questo avviene in tutti i settori motoristici....il motore è un "sistema" in cui tanti fattori sono interdipendenti fra loro, non esiste la "carburazione" in una vespa, è un concetto un pò azzardato....magari è meglio parlare di messa a punto.....anche nei 4 cilindri jap, si allineano i carburatori, si puliscono, si controlla la tenuta dei vari spilli, proprio se siamo esauriti controlliamo il livello nella vaschetta...ma chi o cosa volete che possa apportare variazioni significative alla carburazione se non l'usura di qualche segmento, una qualche infiltrazione d'aria, oppure della polvere che ottura qualche passaggio o peggio, qualche dado lento.....e, nei 4 tempi, un must...la scarsa tenuta di qualche valvola d'aspirazione....vi invito a non avere quest'approccio....non è che quando si sentono "vuoti" è perchè la nostra vespa è così metereopatica da sentire il tasso d'umidità......è molto più probabile che ci sia un paraolio che vi sta salutando....oppure qualche infiltrazioncina d'aria, oppure qualche paratia che manca...e voi, cambiando il freno aria o il polverizzatore non fate che spostare una coperta corta dal collo ai piedi, e viceversa....l'SI funziona poi in base ad un delicato equilibrio di pressioni e contropressioni ed ha una tecnica costruttiva di 50anni fa...con questo voglio dire che è pieno di tappini di piombo che chiudono passaggi di lavorazione dai quali può passare aria.....inoltre, con facilità, negli anni, può tturarsi nei punti più imprevedibili...ecco perchè, dato l'esiguo costo, ad ogni restauro procedo tout court alla sostituzione del carburatore...... come vi ha già riferito Mega, anche elle elaborazioni più spinte(sempre a livello turistico, eh...) difficilmente nei motori vespa si sente il bisogno di andare oltre il 160 col BE3....se poi si toglie del tutto il filtro si viene ad alterare il delicato equilibrio di pressioni e contropressioni del carburatore, ed allora si che occorre sostituire tutto alla ricerca di una buona carburazione....ma io non lo consiglio mai per diversi ordini di fattori.....il motore vespa, per sua natura è assolutamente non raffreddato, chiunque può accorgersi che quando viene usato per trotterellare in città riesce a raffreddarsi, mentre quando viene usato a velocità costanti sopra gli 80-100 comincia ad essere in deficit di raffreddamento.....la ventolina non riesce a dissipare una beneamata a certe velocità....quindi è un motore che va tenuto sempre precauzionalmente sul grasso....affinare la carburazione può far bene nel passaggio, in accelerazione la vespa è più pronta, ma in velocità gli smagrimenti sono in agguato.....dal termometro che ho fissato in un'aletta della testa, anche in piena estate con 40 gradi all'ombra, camminando in città, difficilmente riesco a far superare i 70/80 gradi al motore, mentre anche in pieno inverno con temperature rigide, basta andare in tangenziale sui 100 all'ora per raggiungere temperature vicine ai 130 gradi.....sapete che si trata di differenze di funzionamento enormi?e allora cosa facciamo, per sentirla un pò meno "imbrodata" in città, la smagriamo in modo da fare un bel buco nel pistone?oppure cerchiamo una taratura di compromesso?Meditate, gente, meditate....

p.s.:non mi prendete molto sul serio, anche il mio cervello in questo momento è in "overheating".....

 

Grande Sergio,

in effetti continuo a rileggere il tuo scritto ed unitamente alle parole di Carmelo ... sto meditando di fermarmi e rivedere tutto.

 

 

:ciao: Gg

Share this post


Link to post
Share on other sites

ieri sera ho fatto un giro più lungo con la vespa circa una 50ina di km e ho notato che ora oltre ad avere quel vuoto in accelerazione ai medi...vuoto x modo di dire...diciamo che è un pò magra di benzina; ora in decelerazione quando arriva a minimo tende ad imbrattarsi e a morire sotto...

Che faccio la butto in un muro ????:azz:

Share this post


Link to post
Share on other sites
... che devo crescere invece di spendere un sacco di soldi per "il giocattolo" .... :-(

 

Ha ragione? Si, ha solo ragione!

 

 

:ciao: Gg

parole già sentite .....ma si sa la passione e passione

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR
ieri sera ho fatto un giro più lungo con la vespa circa una 50ina di km e ho notato che ora oltre ad avere quel vuoto in accelerazione ai medi...vuoto x modo di dire...diciamo che è un pò magra di benzina; ora in decelerazione quando arriva a minimo tende ad imbrattarsi e a morire sotto...

Che faccio la butto in un muro ????:azz:

 

Ma manca di benzina???

A corrente sei a posto?

 

 

:ciao: Gg

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR
corrente ho provato tutto...eh ok

 

Se la corrente è ok, carburatore pulito, filtri puliti, tubo benzina non piegato e a posto, compressione ok ....

Io proverei con un altro carburatore almeno so se continuare a cercare il difetto nella carburazione o andare a cercare altrove.

( che poi è lo stessa cosa che farò sulla mia appena riuscirò a meterci le mani sopra! )

 

 

:ciao: Gg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se la corrente è ok, carburatore pulito, filtri puliti, tubo benzina non piegato e a posto, compressione ok ....

Io proverei con un altro carburatore almeno so se continuare a cercare il difetto nella carburazione o andare a cercare altrove.

( che poi è lo stessa cosa che farò sulla mia appena riuscirò a meterci le mani sopra! )

 

 

:ciao: Gg

Scusa la domanda banale ma la paratia come è messa??

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR
Scusa la domanda banale ma la paratia come è messa??

 

La mia? Ma la paratia non da problemi sopra per via delle turbolenze?

Il mio motore dai 30 orari in su è un orologio, è sotto che mi fa incazzare! :nono::boxing:

 

 

:ciao: Gg

Share this post


Link to post
Share on other sites
MODERATOR
allora tieni sempre a manetta :mrgreen:

 

...... è quello che faccio!!! :-(

 

 

:ciao: Gg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...