Jump to content



Censimento Bajaj Chetak in Italia


PAOLONE

Recommended Posts

  • Replies 472
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Posted Images

Fantastiche le Chetak in foto! :-)

 

Anche se mi viene il dubbio che le molte varianti non siano però per il mercato italiano. Ma solo perchè non ne ho mai viste prima, percui potrei, ovviamente, sbagliarmi...

 

Parlando di anni '90 mi viene da pensare che ci fossero solo queste versioni:

 

- una prima versione con particolari "vesposi" come il cofano dx con la griglia, il pedale del freno col perno, il parafango ant. senza modanature.

- una versione più "indiana", che poi è la più diffusa (come le mie)

- una "sottoversione" denominata Classic Green senza portaoggetti nel retroscudo, frecce con corpo cromato, selleria marrone e colore verde/azzurro etc.

- La successiva versione Electronic 12V col naso a T rovesciata, frecce posteriori integrate, manubrio scomponibile etc.

 

In seguito arrivarono le Classic SL.

Ripeto, parlo però del solo mercato italiano. Ma spero di sbagliarmi... :mrgreen:;-)

 

Oltretutto non mi è chiara la distinzione delle cilindrate, visto che finora mi sono sempre capitate Classic di 150 cc ed Electronic 12V di 125 cc. e mai l'opposto.

 

Sarebbe illuminante se qualcuno avesse in archivio qualche rivista di moto dell'epoca (anni '90) con prove e/o foto.... In garage dovrei avere alcune annate di "Tuttomoto" (ve lo ricordate?) ma chissà che fine hanno fatto....

Link to post
Share on other sites
  • Utenti Registrati
STAFF
Fantastiche le Chetak in foto! :-)

 

Anche se mi viene il dubbio che le molte varianti non siano però per il mercato italiano. Ma solo perchè non ne ho mai viste prima, percui potrei, ovviamente, sbagliarmi...

 

In effetti il mio era un discorso generale. Di sicuro so che l'importazione di Bajaj in Italia è iniziata nel 1989. Conosco la prima cliente Bajaj d'Italia: la madre di un mio amico (che è vespista), che acquistò da Alessi, primo importatore milanese delle Bajaj, che lei conosceva personalmente.

L'ha tenuta svariati anni, percorrendoci quotidianamente oltre sessanta chilometri. Sostituita pochi anni fa con un X9 che le ha fatto rimpiangere amaramente l'indianina.

Peraltro la sua Bajaj era di quelle già con muso a T, verosimilmente come quelle delle due pagine pubblicitarie del mio precedente post.

Peraltro anni fa vidi una Bajaj come quelle proprio a Milano, nell'autodemolizione attigua allo svincolo di viale Certosa dell'A4 :cry:. Riportava un adesivo dello stesso Alessi, che se ben ricordo aveva sede in via Scaldasole, una zona piuttosto centrale.

 

Quindi è sicura la presenza delle prime Bajaj con muso a T anche nel mercato italiano dei primi anni '90. Poi subentrò un importatore partenopeo, che commercializzò tanto le Chetak Classic, tanto le Electronic. Sono abbastanza sicuro che entrambe fossero disponibili in ambedue le cilindrate, ma in effetti al momento non ho alcun dato certo a riprova.

Se ben ricordo l'importatore di Napoli fece il grossolano errore di pubblicizzare la Chetak con lo slogan "E' tornata la Vespa".. imprudenza che, come prevedibile, gli costò cara.

A quel punto l'importazione passò in mano alla Melian di Salorno (BZ), che all'epoca distribuiva le vetture Tata e le moto Hyosung. Con la Melian, nel 2004, si è conclusa l'esperienza italiana del marchio Bajaj. Un anno più tardi, quella più ampiamente "vespistica"... con l'uscita di scena della gloriosa Chetak, che solo cinque anni prima (2000) aveva superato l'incredibile traguardo di un milione di esemplari prodotti in un solo anno.

 

Parlando di anni '90 mi viene da pensare che ci fossero solo queste versioni:

 

- una prima versione con particolari "vesposi" come il cofano dx con la griglia, il pedale del freno col perno, il parafango ant. senza modanature.

- una versione più "indiana", che poi è la più diffusa (come le mie)

- una "sottoversione" denominata Classic Green senza portaoggetti nel retroscudo, frecce con corpo cromato, selleria marrone e colore verde/azzurro etc.

- La successiva versione Electronic 12V col naso a T rovesciata, frecce posteriori integrate, manubrio scomponibile etc.

 

In seguito arrivarono le Classic SL.

Ripeto, parlo però del solo mercato italiano. Ma spero di sbagliarmi... :mrgreen:;-)

 

Oltretutto non mi è chiara la distinzione delle cilindrate, visto che finora mi sono sempre capitate Classic di 150 cc ed Electronic 12V di 125 cc. e mai l'opposto.

 

Sarebbe illuminante se qualcuno avesse in archivio qualche rivista di moto dell'epoca (anni '90) con prove e/o foto.... In garage dovrei avere alcune annate di "Tuttomoto" (ve lo ricordate?) ma chissà che fine hanno fatto....

Link to post
Share on other sites
  • Utenti Registrati
STAFF

et voilà la "testacalda tandori" da soma.

bajaj.jpg

 

bajaj.jpg

 

Complimenti! Molto bella :applauso:

Il grigio antracite metallizzato mi sa che è il colore più diffuso sulle Bajaj italiane :mrgreen:

Link to post
Share on other sites

Sarebbe illuminante se qualcuno avesse in archivio qualche rivista di moto dell'epoca (anni '90) con prove e/o foto.... In garage dovrei avere alcune annate di "Tuttomoto" (ve lo ricordate?) ma chissà che fine hanno fatto....

 

Se può interessare io ho Motociclismo di Novembre 1999 con la prova della Classic SL 125. Forse però è troppo recente per chiarire i dubbi, perché era già una di quelle più aggiornate.

Se interessa posso comunque scannerizzarlo. Fatemi sapere cosa devo fare...

 

M

Link to post
Share on other sites
  • Utenti Registrati
STAFF
Se può interessare io ho Motociclismo di Novembre 1999 con la prova della Classic SL 125. Forse però è troppo recente per chiarire i dubbi, perché era già una di quelle più aggiornate.

Se interessa posso comunque scannerizzarlo. Fatemi sapere cosa devo fare...

 

M

 

Marco, tu sia lodato!!! :Ave_2: :Ave_2: :Ave_2:

Se puoi, fai una scansione ad alta risoluzione e mandamela via mail!

 

Ti scrivo via mp il mio indirizzo.

Link to post
Share on other sites

Ecco i miei devioluci. Marben mi aveva chiesto di pubblicare delle foto con qualche misura, eccole ma con un'avvertenza: le foto sono state fatte nella baracca del giardino al buio con il telefonino.. e le misure prese con il metro da muratore facendo luce con l'accendino.. quindi aldilà del mio tentativo di renderle decenti con photoshop.. valgono quello che valgono.. (soprattutto le misure) Inoltre, come si vede dalle foto, per evitare che entri acqua visto che li sotto è tutto un po' scannato.. ho dato un po di giri di termoretraibile..

Spero servano

destro.jpg

sinistro.jpg

Link to post
Share on other sites

Approfittando del pomeriggio libero, ho cercato in garage qualche testimonianza "cartacea" della presenza delle nostre indiane nei listini ufficiali.

Ebbene, almeno per quanto riguarda la testata "Tuttomoto" (che acquistavo all'epoca dei miei 14 anni) non v'è traccia alcuna di Bajaj, nei listini nè tantomeno in prove o test su strada. Parliamo delle annate dal 1991 al 1993. Non ho sfogliato ogni singola pagina, ma tant'è. C'erano anche alcuni vecchi numeri del più autorevole "Motociclismo" di alcuni anni successivi, ma nulla.

 

Ecco invece spuntare nei listini del nuovo del LUGLIO 1994 la fantomatica BAJAJ S.I.A.M. di Giugliano (NA) che annovera tre versioni di Chetak: due Electronic 12V di 125 e 150 cc. più una "Classic" da 150 cc.

 

Successivamente, nel NOVEMBRE 1996, trovo sempre la BAJAJ S.I.A.M. ma stavolta a Gricignano (CE) coi seguenti modelli: Electronic 12V sia 125 che 150 persino nelle versioni con freno a disco (o almeno così interpreto io la "D" accanto alla versione, a meno che non sia diesel.... :mrgreen:), poi una versione Classic da 150 cc, la bellissima Classic Green che costa addirittura ben 900mila lire in più della normale, e persino una versione sidecar! Inosmma, decisamente un'offerta più ampia.

 

Infine, e siamo a GIUGNO 2004, ecco in listino su INSELLA le Bajaj importate dalla Melian Italia srl di Salorno (BZ): sono le moderne versioni Classic SL 125 e 150 cc anche in versione "Eco".

 

A voi alcune immagini dei listini:

 

0401xb.jpg

 

9601l.jpg

 

0402vp.jpg

Link to post
Share on other sites
Approfittando del pomeriggio libero, ho cercato in garage qualche testimonianza "cartacea" della presenza delle nostre indiane nei listini ufficiali.

Ebbene, almeno per quanto riguarda la testata "Tuttomoto" (che acquistavo all'epoca dei miei 14 anni) non v'è traccia alcuna di Bajaj, nei listini nè tantomeno in prove o test su strada. Parliamo delle annate dal 1991 al 1993. Non ho sfogliato ogni singola pagina, ma tant'è. C'erano anche alcuni vecchi numeri del più autorevole "Motociclismo" di alcuni anni successivi, ma nulla.

 

Ecco invece spuntare nei listini del nuovo del LUGLIO 1994 la fantomatica BAJAJ S.I.A.M. di Giugliano (NA) che annovera tre versioni di Chetak: due Electronic 12V di 125 e 150 cc. più una "Classic" da 150 cc.

 

Successivamente, nel NOVEMBRE 1996, trovo sempre la BAJAJ S.I.A.M. ma stavolta a Gricignano (CE) coi seguenti modelli: Electronic 12V sia 125 che 150 persino nelle versioni con freno a disco (o almeno così interpreto io la "D" accanto alla versione, a meno che non sia diesel.... :mrgreen:), poi una versione Classic da 150 cc, la bellissima Classic Green che costa addirittura ben 900mila lire in più della normale, e persino una versione sidecar! Inosmma, decisamente un'offerta più ampia.

 

Infine, e siamo a GIUGNO 2004, ecco in listino su INSELLA le Bajaj importate dalla Melian Italia srl di Salorno (BZ): sono le moderne versioni Classic SL 125 e 150 cc anche in versione "Eco".

 

A voi alcune immagini dei listini:

 

0401xb.jpg

 

9601l.jpg

 

0402vp.jpg

 

 

Sai darmi qualche notizia in più di questa Classic Green? Come mai costava così tanto in più?

Grazie.

 

M

Link to post
Share on other sites

Se torni indietro a pag.8 di questa discussione troverai una foto di un esemplare.

In sostanza, oltre ovviamente al colore Green metallizzato aveva la selleria in pelle (?) marrone chiaro, copriruota di scorta in tinta con le selle, il corpo frecce cromato anzichè nero, la presenza di un tubolare cromato in luogo del cassettone portaoggetti nel retroscudo, che fungeva anche da portaborsa con relativa borsa in pelle marrone in tinta con le selle, fornita anch'essa di serie (se non erro). Nient'altro, credo.

Link to post
Share on other sites

Nel frattempo, pubblico anche il listino 2004 della LML, all'epoca importata dalla Star Motors Sport's srl di Casagiove (CE):

 

0401w.jpg

 

 

Da notare che, sempre all'epoca, un PX Piaggio costava 2700 euro nella versione 125 e 2900 euro la 150 cc.

Link to post
Share on other sites
Se torni indietro a pag.8 di questa discussione troverai una foto di un esemplare.

In sostanza, oltre ovviamente al colore Green metallizzato aveva la selleria in pelle (?) marrone chiaro, copriruota di scorta in tinta con le selle, il corpo frecce cromato anzichè nero, la presenza di un tubolare cromato in luogo del cassettone portaoggetti nel retroscudo, che fungeva anche da portaborsa con relativa borsa in pelle marrone in tinta con le selle, fornita anch'essa di serie (se non erro). Nient'altro, credo.

 

Grazie Haakon per la risposta puntuale!:ok:

 

M

Link to post
Share on other sites
  • Utenti Registrati
STAFF

EDIT.. Scusate non avevo visto le risposte di Andrea ed ho risposto anch'io

 

Sai darmi qualche notizia in più di questa Classic Green? Come mai costava così tanto in più?

 

La Classic Green era una versione particolare:

 

  • colore blu-verde metallizzato;
  • selleria color cuoio con copriruota coordinato;
  • borsa "24 ore" abbinata alla selleria e montata dietro allo scudo su un apposito supporto;
  • corpi frecce, maniglia sella e supporto ruota cromati anzichè neri;
  • specchi cromati;
  • manopole color rosso-marrone semi trasparenti.

Vedi foto:

Nuova immagine.jpg

 

 

Successivamente, nel NOVEMBRE 1996, trovo sempre la BAJAJ S.I.A.M. ma stavolta a Gricignano (CE) coi seguenti modelli: Electronic 12V sia 125 che 150 persino nelle versioni con freno a disco (o almeno così interpreto io la "D" accanto alla versione, a meno che non sia diesel.... :mrgreen:),

 

 

Bajaj con freno a disco non ne sono mai esistite.. Non so che cosa significhi quella "D". Definizione pensata probabilmente dall'importatore stesso.

Link to post
Share on other sites

Bajaj con freno a disco non ne sono mai esistite.. Non so che cosa significhi quella "D". Definizione pensata probabilmente dall'importatore stesso.

 

Eh lo immaginavo... :mrgreen: ma mi piaceva pensare che ne esistessero davvero... ;-)

Certo che per costare 70/80 mila lire in più quella D doveva pur significare qualcosa.... :mah:

Link to post
Share on other sites
  • Utenti Registrati
STAFF

Pensandoci bene, secondo me sta per DOPPIA SELLA.

Se ci pensi, le Electronic si trovano normalmente in entrambe le varianti. Peraltro quelle con la sella biposto di solito hanno quella del PX Arcobaleno. Probabilmente la montava proprio l'importatore, in luogo della mega sellona originale, decisamente sgraziata (porta 3-5 Indiani per volta :Lol_5:)

 

Sarebbe interessante trovare materiale informativo rilasciato dal vecchio importatore... Chissà, magari da qualche parte ce ne sta ancora!!

Magari c'è anche qualche magazzino polveroso con un po' di ricambi... un bel sogno :mrgreen:

 

 

A breve metto online la prova inviatami da Ruotepiccole e la brochure della Melian con la Chetak e la Classic SL (roba dei primi anni 2000)

:ciao:

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...