Jump to content
VR News
  • IMAGES HOSTING
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.

Bellafrance

Utenti Registrati
  • Content Count

    598
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1
  • Points

    50 [ Donate ]

Bellafrance last won the day on November 6 2017

Bellafrance had the most liked content!

Community Reputation

3

About Bellafrance

  • Rank
    VRista Senior
  • Birthday 01/08/1976

Personal Information

  • Città
    Bologna
  • Le mie Vespe
    Px 200 elestart, 50l
  • Occupazione
    ingegnere

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Le percentuali di olio al 2% (o superiori su alcune "nonnette) andavano bene con oli di più di 30 anni fa. Gli oli moderni hanno maggiore potere lubrificante e ne basterebbe meno. Quanto meno non saprei, di sicuro però non ha senso girare al 3-4% su una vespa pensata per il 2%. Prove vere e proprie non ne ho fatte ma mi è capitato si tagliasse parzialmente il tubo del miscelatore dentro al telaio. Quanto olio arrivava non saprei, il miscelatore ha una percentuale variabile dall'1 al 3% e col taglio ne arrivava sicuramente meno. Me ne sono accorto perché in una lungo giretto "tirato" in salita con due persone ha preso una scaldata. Ripartita subito e mi fece diventare matto per capire dov'era il problema. Non aspirava aria, carburazione ok e soprattutto usandola normalmente non scaldava, nemmeno tirando in ambito cittadino. Riportata in salite impegnative dopo decine di minuti di tutto aperto.. scaldata. Ci sono volute altre prove (ed un terza scaldata) e poi ho capito dov'era il problema.. Nell'altra mia vespa non miscelata (ed elaborata) la faccio un po' meno del 2% (ce l'ho da 12 anni). Non mi azzardo a farla all'1 ma probabilmente non succederebbe niente. Altri esempi sono le moto da cross 2T che girano senza problemi all'1% con oli ad alte prestazioni da anni comprese quelle che originariamente erano pensate per percentuali maggiori. Ciao
  2. Ho provato una Michelin City Grip winter all'anteriore e sono molto contento, con temperature intorno allo zero o sotto la differenza è notevole rispetto all'heidenau k47 che ho al posteriore. Molto valide anche sul bagnato e pavè (col freddo ancora di più) dove l'anteriore mantiene aderenza e ogni tanto mi perdo il posteriore con la k47. Prima montavo delle SM100 e la city grip winter mi è piaciuta di più, k47 meno. La city grip winter l'ho anche lasciata montata d'estate (sempre ant.) e non ho notato nessun consumo accelerato o meno tenuta rispetto alla k47 anche con temperature verso i 40°. Probabilmente sono più 4 stagioni che invernali vere e proprie. Ora che la k47 è alla fine sono indeciso se prendere un'altra city grip winter e vedere quanto dura d'estate al posteriore o provare le pirelli angel. Ciao
  3. Il tubo dell'olio se vecchio ti consiglierei di cambiarlo. A me è successo che un tubo di una quindicina d'anni si tagliasse dentro al telaio.. Per evitare bolle d'aria quando riconnetti basta abbassare il tubo olio verso terra, appena è pieno e l'olio esce ci metti il dito contro e lo tieni così fino ad un attimo prima di innestarlo nel condotto rigido. Vedrai che non si creano "bolle" d'aria. Senza dito invece, portando il tubo ad altezza innesto entra aria e si crea uno spazio senza olio dentro al tubo.. Ciao
  4. Il 200 ha un'erogazione "particolare", molto pronto e pieno a bassi e medi regimi (paragonato ad altre vespe). Diciamo stile turbodiesel. In strada è "signorile", non c'è bisogno di scalare per accelerare (anche in salita ed in due) basta aprire il gas. Cosa apprezzata dai viaggiatori perché permette di tenere medie relativamente alte con poco impegno su lunghe tratte. Per capirci, in piano gli 8-90km/h di tachimetro li tiene con un filo di gas. Il rovescio della medaglia sono consumi più elevati di un 150. E qui si spiegano i gusti discordanti, a qualcuno il 200 piace molto mentre c'è chi preferisce altro. I 177 hanno meno coppia ma sono più rapidi nel prendere i giri e raggiungono regimi di rotazione superiori. Personalmente li trovo più divertenti nelle "tirate". Come prestazioni dipende da che modifiche fai oltre al DR 177, quelli che ho avuto/provato con solo il cilindro erano simili al 200 nelle partenze da fermo ma all'aumentare della velocità rimanevano indietro. Ciao
  5. Se non sbaglio all'inizio l'hai provata col 122. Montando il 125 hai notato differenze? Giusto come ordine di grandezza, la mia con la polini original ho aumentato di 2 punti (120). Modello con mix (quindi 116) ma avevo aumentato a 118 prima della polini per altre piccole modifiche.. Ciao
  6. Io ho preso un Polini original. Motore molto più reattivo all'apertura del gas e rumore contenuto ma pieno. Ha guadagnato molto ai medi e qualcosa ai bassi e alti. Nel complesso è più veloce e molto più piacevole per la reattività ed il notevole tiro aumentato decisamente. Purtroppo è l'unica che ho provato e non saprei dire se meglio o peggio di una SIP road. L'dea che mi sono fatto è che la Paolini abbia più bassi e medi della SIP ma meno allungo. Però è solo un'idea, sarebbe da verificare con una comparativa.. Ciao
  7. Io l'ho montata su 200 arcobaleno. Le staffe non erano perfettamente parallele tra loro, risolto "lavorandoci" un po' col martello e spessori. Ho anche aperto un lato della "gabbia" che blocca il dado (e cambiato dado) per poterlo allineare alla vite altrimenti non si avvitava. L'apertura di un lato l'avevo già fatta in precedenza con la sito sempre per non impazzire con i tentativi di centrare il dado alla cieca ed è comoda. Il dado non cade come da tutto chiuso ma quando infili il perno vedi il dado e lo riesci a tenere vicino ed in posizione con un cacciavite e si avvita subito.. Molla del cavalletto spostata. Rimane vicina alla pedana e qualche mm di collettore rimane scoperto, però è montata. Ciao
  8. Ci sono tante "ricette" per migliorare il 200 originale, una è sul forum con tanto di video. Se vuoi solo "ottimizzare" raccorda carter-vaschetta (i fori non coincidono perfettamente) e controlla che sia compresso come dovrebbe. Ci sono varie discussioni sulle teste e quanto squish è meglio avere, in due parole vari 200 sono poco compressi e vanno meno di quanto dovrebbero. Una spianata alla testa e si risolve.. Se il tuo è uno di questi, il miglioramento è avvertibile. Ciao
  9. Sul faro originale basta cambiare la lampadina con una con lo stesso attacco..
  10. Sul faro originale basta cambiare la lampadina. Ne esistono di tradizionali più potenti 40/45W al posto del 35/35W che fanno già più luce. Usate tanti anni ed il calore aggiuntivo non ha problemi col faro perché di vetro. Unico difetto che assorbendo più corrente si caricava meno la batteria ma ho risolto sostituendo la posizione (rimane accesa insieme all'anabbagliante) con una a led. I watt "risparmiati" li usa l'anabbagliante. Oppure potresti provare un'alogena da 35W in sostituzione all'originale. Negli anni ne ho provate varie, alcune non mi hanno impressionato rispetto alla tradizionale potenziata, avevano il bulbo in vetro "lungo" probabilmente l'emissione della luce non era nel fuoco della parabola e quindi non veniva indirizzata bene. Dell'ultima che ho montato invece sono entusiasta, 35W ma fa decisamente più luce della maggiorata da 40/45W. Tanto che volevo quasi comprarne un'altra da tenere di scorta.. Io ti consiglierei di provare prima il cambio lampadina, visto il costo (2-4€) è una prova non impegnativa. Ciao
  11. Montata anche io la lampada alogena sul vecchio faro, la differenza si vede. Prima montavo una lampada tradizionale ma potenziata da 40W anabbaglianti e 45W abbagliante che faceva più luce della 35/35W originale. Ora ho una alogena da 35W ma fa ancora più luce. Ciao
  12. La 19/67 (3,53) è un po' più lunga della 21/76 (3,66) e della 18/67 (3,72). Io ho montato il pignone Drt da 19 sulla mia 50l del '69 perché dopo aver chiuso il motore mi sono accorto che era un po' corta con la 18/67 e ruote da 10 pollici. Col pignone da 19 ha guadagnato qualcosa in velocità massima ma non tanto, ho il contakm tondo che già non è un granché come precisione poi finisce fuori scala e mancano pure i riferimenti.. Io ne sono contento perché non ha perso in velocità massima visto che è solo un 78cc ed ora si viaggia a velocità traffico senza avere il motore imballato. Col pignone da 18 in salita era un po' più pronta ma anche qui una gran differenza non c'è, probabilmente il cambio a 4 marce compensa i rapporti un pochino più lunghi.. Ciao
  13. Qualche prova con gps da telefono l'abbiamo fatta e più di un 200 è arrivato verso i 110km/h. Ovviamente non sono telemetrie ufficiali (ed i motori avevano pochi km) però mi fanno pensare che i 109 di motociclismo in due diverse prove non siano irraggiungibili. La quarta sul 200 originale è un po' lunghetta, bisogna insistere e lanciarlo per bene.. Il mio da nuovo invece non l'ho mai misurato col gps perchè non esistevano, ma sono soddisfatto delle modifiche che dicevo prima. Già era migliorato raggiungendo velocità che il suo tachimetro non vedeva nemmeno da nuovo, poi la Polini ha aggiunto ulteriore "grinta". Ovvio che non è diventato un Malossi, Polini & Co. E' solo un bel 200, ma la quarta ora non sembra più lunghetta.. Ciao
  14. Non capisco perche un 200 non debba avere una potenza vicina a quella rilevata da motociclismo a suo tempo. Tra l'altro 11,6cv alla ruota sono vicini ai 12,35 all'albero dichiarati dalla piaggio. Comunque quanti giri o km/h faccia in quarta non lo so e mi interessa il giusto perchè è più di quello che mi serve per viaggiare. Ho pure la famigerata testa usa (quella con gli appoggi) ricalcolata per la benzina verde che ha 94 ottani rispetto alla benzina normale di allora che ne aveva 89. Mi sembrava uno spreco di ottani lasciarla com'era.. 😉
×
×
  • Create New...