Jump to content

carmasse

Utenti Registrati
  • Posts

    38
  • Joined

  • Last visited

Personal Information

  • Città
    RG

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

carmasse's Achievements

Apprentice

Apprentice (3/14)

  • Reacting Well Rare
  • Dedicated Rare
  • First Post Rare
  • Collaborator Rare
  • Conversation Starter Rare

Recent Badges

0

Reputation

  1. Proviamo così..... Carburatore Dell'Orto VHST 26 BS Getto max 128Getto min. 35Polverizzatore 260kValvola gas 55 Che ne dite? magari con qualche ritocco ai getti, potrebbe funzionare su motore 200?
  2. Ciao e Auguri a tutti. Aggiornamento (sperando di non fare un soliloquio!!), sono riuscito a recuperare: - un airbox di ricambio da svuotare eventualmente, anche se mi è stato detto che sarebbe meglio toglierlo del tutto e mettere una semplice retina all'ingresso del soffietto curvo che rimarrebbe così al suo posto; - Il carburatore PHBH 26 BS, completo di collettore Malossi, manicotto in gomma, con raccordi ad angolo per filo acceleratore e starter, tutto ad un prezzo decente. Configurazione del carburatore: getto max 108, minimo 55, starter 65, emulsionatore M262, spillo conico X31 (settato su seconda tacca), valvola gas 40, galleggiante da 8,3 gr. Potrebbe andare come inizio sul 200 originale come sopra descritto? Soprattutto emulsionatore e spillo conico sono quello che mi danno qualche dubbio.... Capisco che l'argomento è stato discusso molte volte, ma mi sembra più in ambito elaborazione che su motore originale e non in questa sezione dedicata, penso sia utile una discussione qui allora... fatevi avanti! Grazie
  3. Ciao a tutti, come descritto nel titolo, ho in animo di effettuare la suddetta sostituzione, non tanto per avere prestazioni migliori, ma per migliorare regolarità di funzionamento e possibilmente consumi. Intendo mantenere il GT originale e cambiare solo marmitta modificando una Polini Original (che ho già) per adattarne l'attacco al carter (sicuramente dovrò ritoccare anche la staffa del cavalletto che sbatte sulla curva della marmitta) Naturalmente serve: - collettore Malossi a base larga per chiudere bene anche il foro dell'albero miscelatore (che verrà eliminato); - carburatore PHBH, penso si adatti bene al motore originale un 26 BS; - modificare l'airbox originale, eliminando il filtro a spugna, svuotandolo di tutte le paratie interne e inserendo un panno filtro per cappa, molto comune, economico e che fa bene il suo mestiere senza strozzare; - naturalmente serve sostituire filo acceleratore e aria (che nella mia è già modificata in manuale). La mia richiesta di aiuto riguarda la regolazione del carburatore: in linea di massima, con quali getti iniziare? Lo so che ogni motore è una storia a se e richiede aggiustamenti specifici, ma proprio per fare in modo che siano solo affinamenti, chiedo cortesemente a chi ha già esperienza in merito, qual è la configurazione iniziale migliore? Grazie in anticipo.
  4. Posso credere che nessuno ha mai montato la Polini Original sulla sua Cosuccia? In un video di W1R, ho visto che loro rifilano l'attacco sul braccio inferiore (carter), riducendone le dimensioni, lasciando quindi le staffe della marmitta al loro posto per un eventuale riutilizzo su altra vespa. Mi pare però che modificare il telaio sia forse un po' più rischioso, potrebbe indebolirsi. Quindi ritorno alla domanda iniziale: quali soluzioni avete adottato cercando di preservare il più possibile attacchi e telaio?
  5. Ciao a tutti, mi appresto anch'io ad effettuare la revisione freni della mia Cosuccia. Ho intenzione di cambiare l'olio e ho visto che ormai sono molto diffusi i DOT 5.1. Non mi pare siano uguali al citato Sintoflon siliconico dot 5, cosa ne sapete? Qualcuno ha utilizzato il dot5.1 nella sua? Grazie
  6. Salve a tutti, approfitto di questa vecchia discussione per chiedere se qualcuno è riuscito a montare una marmitta Polini Original per px 200 su Cosa 200, magari senza modificare gli attacchi al carter ma tramite qualche staffa di adattamento.
  7. Rileggendo i manuali di servizio scopro che l'anticipo su IT non è affatto una svista o un errore: deve essere proprio così per una Cosa 200 2a serie (come la mia!!!) È scritto sul manuale di servizio che deve essere centrato a 18° (quindi IT, eventualmente affinato con stroboscopica), mentre su quello della 1a serie è scritto che va settato a 21° ( infatti mi aveva ingannato…) Francamente non capisco il perché visto che il mio gt 200 è il classico con cilindro in ghisa e testa USA, identico a quello dei px200. Ho visto vari post in cui viene citato Franco Rinaldi come esperto del suddetto motore, autore di una completa guida alla sua ottimizzazione (non elaborazione), ma varie ricerche non mi hanno dato alcun risultato in tal senso. Vi sarei molto grato se qualcuno potesse indirizzarmi... Grazie
  8. Potrebbe essere come anche potrebbe essere una svista, io stesso appena aperto non ci avevo fatto caso... Mi chiedo piuttosto se esiste un qualche motivo tecnicamente ragionevole: leggendo vari post qui in giro per esempio qualcuno lo regola a metà tra IT e A, anche se con qualche lieve modifica tipo abbassamento testa. Dicono per diminuire il battito in testa.
  9. Assalito da un dubbio, ho smontato di nuovo il volano e ho trovato quello che pensavo: lo statore posizionato su IT anziché su A, come dovrebbe essere per un 200 senza trucchi. Risistemato il tutto, dado volano ben serrato, il motore riparte al primo colpo. Funzionamento sembra più fluido, accelerazione meno nervosa e più progressiva, vibra leggermente meno anche se mi sembra ancora troppo, a cavallo dei 3000 rpm in corsa si nota pure un'accentuazione. Non ho minimamente idea chi lo abbia fatto tra i precedenti possessori (o meccanici), ma quale potrebbe essere il motivo per regolare l'anticipo su IT in un 200 totalmente standard?
  10. Finalmente, un pezzetto per volta, sono riuscito a ripulire il tutto: carburatore e miscelatore (sostituite tutte le guarnizioni, sferetta molletta e boccola del mix nonché sede del pompante con i suoi o-ring, tubi benzina e olio), testa-cilindro-pistone (fasce e guarnizione base cilindro sostituite), serbatoi benzina e olio, volano, marmitta e una bella sgrassata a tutto l'esterno. Rimontato tutto, rifornito con miscela al 2% (come da istruzioni), il motore si è riavviato senza problemi con un bel suono. Nessun temuto scampanellio del pistone che, come pensavo, è ancora in buone condizioni e le fasce nuove svolgono egregiamente il loro lavoro. Unici difetti rimasti: -piccola perdita di olio combusto dal collettore di scarico che, forse, si è spostato leggermente nel rimontaggio della marmitta (originale). Provvederò a rivederlo ma smontando solo la marmitta (che in ogni caso cambierò), senza smontare di nuovo il gt; - le vibrazioni del motore sembrano decisamente incrementate, tanto da far vibrare vistosamente e rumorosamente, con motore al minimo, sul cavalletto, la ruota anteriore e tutta la parte bassa del manubrio. Di certo la compressione adesso è maggiore, potrebbe essere che ora è più vistoso il "battito in testa"?
  11. Riprendo questa discussione per chiedere se per caso è possibile montare la Polini Original su Cosa 200. Mi pare che fondamentalmente sono gli attacchi che hanno misure diverse e bisogna fare qualche modifica. Qualcuno per caso si è cimentato?
  12. Altro buon consiglio, grazie. Prima di passare però a prodotti particolari, volevo provare con uno spazzolino rotante in materiale sintetico da montare su trapano ad alta velocità tipo dremel
  13. Infatti, è proprio quello che volevo utilizzare; anche perché, come sospettavo, pure dopo 36 ore di ammollo nel petrolio bianco si scrosta ben poco! Grazie
  14. Finalmente ho trovato il tempo per smontare il pistone. Spinotto e gabbia sono usciti facilmente e non appaiono rigati o incrostati. Li pulisco con petrolio bianco o benzina, come anche il pistone. Per la pulizia di quest'ultimo mi aiuterei con un vecchio spazzolino usato (da denti), sicuramente niente di metallico che lo rovinerebbe. A parte quelli citati prima, esiste qualche altro prodotto efficace che renda più agevole lo scrostamento?
  15. Grazie dei consigli. In effetti è quello che ho pensato anch'io, qualche scaldata ma non grave. Credo sia stata soprattutto la miscela troppo ricca di olio per via di un non perfetto funzionamento del miscelatore, inoltre un accumulo di sporco (terra mista ad olio) tra le lamelle del cilindro penso non abbiano permesso un efficace raffreddamento dello stesso. Infatti la parte scura è concentrata in alto nel pistone, solo intorno alle fasce. Il cilindro poi era abbastanza pulito dentro e senza rigature, nella camera di scoppio qualche incrostazione nella zona intorno alla candela. Il fatto è che non so quale manutenzione è stata fatta nei 30 anni di vita del mezzo dai 2 proprietari precedenti, penso nessuna così approfondita come adesso. Il precedente proprietario metteva olio sintetico Bergoline TST racing, io avevo messo 1/2 litro di Castrol Power 1 racing, ma come dicevo all'inizio in 2 mesi ferma è finito quasi tutto nel cilindro e nella marmitta. Anche le fasce cmq le ho trovate ben pulite e sembrano ancora in buone condizioni, tanto che avevo pensato di non cambiarle, il pistone di sicuro non lo cambio, lo pulisco. Le incrostazioni dentro non riguardano la gabbia che appare anch'essa pulita, senza rigature e senza giochi di alcun tipo, ma a questo punto smonto anche il pistone e controllo bene, sperando di non fare danni... Sempre ben accetti consigli, valutazioni, spiegazioni, suggerimenti.... Grazie

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...