Jump to content


  • Posts

    • Ah volevo anche ringraziare nella speranza di ricevere qualche risposta, cari saluti a tutti.
    • Ops per sbaglio ho inviato prima di finire di scrivere.   Mi consigliate di mettere mano pure all'impianto elettrico?inoltre per come e messa pensavo di verniciare semplicemente sopra alla vernice che già c'è,secondo voi e un male? Ora posto altre foto
    • Buonasera a tutti, finalmente per (a mio parere) soli 600€ son riuscito a portarmi a casa una bella vespa arcobaleno px125e, non proprio al top di carrozzeria,ma visto che e un mezzo del 1984 con tutte parti originali mai sostituite, non posso lamentarmi, soprattutto perché bastavano un paio di colpi alla pedalina che partiva. Purtroppo visto che non ha né targa ne documenti,ne posseggo un passaggio di proprietà ho trovato molte difficoltà nella reimmatricolazione del veicolo (contattando varie agenzie,cercando di risalire alla targa dal telaio,cercando qualche losco individuo che potesse darmi qualche documento o qualsiasi cosa potesse servire allo scopo) ho abbandonato l'idea di usarla in questi ormai passati mesi estivi percorrendo le strade italiane col vento tra i capelli. Ma...finalmente un agenzia e riuscita a risalire alla targa e si può cominciare.quindi ho subito iniziato a sbullonare, strappare,spruzzare svitol su ogni bullone cercando di estrarre ciò che ritengo sia da sostituire,  cavi e guaine di freni acceleratore etc.. ho optato pure per sostituzione ganasce (Polini) e ammortizzatori (carbone,stesso stile degli originali),con revisione di forcella anteriore,serbatoio olio e benzina,carburatore e vari pezzi smontati sono indeciso se occuparmi pure del impianto elettrico
    • Ciao Boschetto. Per me per una Primavera originale basta la molla standard. Io ricordo di aver messo una volta, anni e anni fa, una di quelle molle rinforzate scure ma la progressione della leva non era costante. Non mi ha lasciato un buon ricordo. I dischi in metallo che ho io sono tutti da 1.5mm circa. Il disco che chiude il pacco presenta una leggera depressione nella parte interna, quella dove ci sono appunto le alette che si innestano nelle sedi del cestello. Se guardi la foto del link lo dovresti notare. Non so se ho capito bene quello di cui stavi parlando. Per quanto riguarda il rallino a 2 o 1, non ho capito di cosa tu stia parlando, chiedo venia. Non ho mai avuto a che fare con le leve frizione di quel tipo, o forse si, ma non ho mai smontato nulla quindi non saprei che dirti. Hai provato a guardare sul iutub se c'e' qualche tutorial a riguardo ?

Leaderboard

Popular Content

Showing content with the highest reputation on 05/17/2021 in all areas

  1. Ciao a tutti, era un po' che avrei voluto prendermela, e per un caso del tutto fortuito, (dritta di un caro amico) sono riuscito a portarmela a casa. Un' ET3 jeans del 1977, iperconservata, con soli 6600km originali, unica proprietaria da 44 anni, targa TO da passaggio . 😍 Non potevo chiedere di più😁 Farò chiaramente una messa a punto generale ed un immancabile restauro conservativo. A breve seguiranno succulente foto di dettagli dello smontaggio: ipotizzerei il primo in assoluto, perchè ad una prima occhiata sembrerebbe ILLIBATA, mai smontata una vite.
    1 point
  2. Mentre cercavo su internet il numero di telefono della zincatura che si trova qualche chilometro da casa, tra le varie cose che mi propone google c'e' anche un tutorial per fare la zincatura in casa. Per curiosità ci do un occhio e vede che i pezzi non sono lucidi ma abbastanza opachi. La finitura mi intriga, e' più simile a ciò che faceva la piaggio negli anni 50. Mi studio bene il tutorial ma mi sembra un po' una cosa da stregone, colla di pesce zinco anodico carica batterie. Ricerco ancora un po' la cosa e trovo una ditta che vende un kit completo per la zincatura elettrolitica del ferro. Non e' proprio economico ma c'e' tutto quello che serve. Lo acquisto. sotto i risultati. Questo e' il bagno di sali di zinco. Da tenere presente che il kit dovrebbe essere più o meno eterno quindi non c'e nulla da smaltire. In teoria solo gli anodi di zinco si consumano. Un confronto tra prima e dopo. uno po' di pezzi zincati. Diciamo che la finitura non e' proprio quello che cercavo, la volevo più opaca ma successivamente mi pulendo le piastre di zinco vedendole opache me' venuta una idea. Una volta finito il processo di zincatura invertire anodo e catodo e proseguire per altri 5 minuti. Provato su alcuni pezzi della GL e funziona. Vol.
    1 point
  3. 1 point
  4. Qualcuno dirà, quando arriviamo al tuning? Ci arriveremo. per adesso vediamo la parte di revisione/restauro del motore. Come prima cosa inizio a rimontare la ferramenta del freno posteriore appena zincata. A differenza dei modelli successivi questa non ha la molla di richiamo del perno. Passiamo al parastrappi e primario. Come primario ho usato uno della VBA, anche se identico a quello VNA, ma visto che poi gli ingranaggio del secondario saranno VBA ho preferito mantenere accoppiati i pezzi. Questa sono tutti i componenti del parastrappi/primario, un consiglio che io non ho seguito, controllare ed eventualmente accorciare i ribattini di chiusura del parastrappi. Quelli del kit che ho utilizzato erano troppo lunghi. Come per il mio motore VNA anche per questi pezzi VBA ci sono dei codici scritti a mano. Ed eccolo ben chiuso e pronto da inserire nel carter. Vol.
    1 point
  5. Complimenti, bellissima, sono un pò invidioso anch'io!!
    1 point
  6. bellissimo esemplare!!! la prima cosa che mi viene da chiederti... l'adesivo lacoste che fine fara?
    1 point
  7. Ciao Daniele!!! È bellissima!!non posso negare un po'di invidia!!spettacolare![emoji2956] Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
    1 point
  8. Sicuramente non risparmi rispetto al portare i pezzi in zincatura, è più uno sbattimento ma se ti capita di dover fare una cosa al volo è molto comoda. Questo è un copri selettore PX, volevo qualcosa di simile ad una cromatura. L'ho pulito e rimosso il vecchio zinco poi ha fatto una prima zincatura, una lucidata poi un secondo passaggio poi lucidato ancora. Vol
    1 point
  9. Mentre cercavo su internet il numero di telefono della zincatura che si trova qualche chilometro da casa, tra le varie cose che mi propone google c'e' anche un tutorial per fare la zincatura in casa. Per curiosità ci do un occhio e vede che i pezzi non sono lucidi ma abbastanza opachi. La finitura mi intriga, e' più simile a ciò che faceva la piaggio negli anni 50. Mi studio bene il tutorial ma mi sembra un po' una cosa da stregone, colla di pesce zinco anodico carica batterie. Ricerco ancora un po' la cosa e trovo una ditta che vende un kit completo per la zincatura elettrolitica del ferro. Non e' proprio economico ma c'e' tutto quello che serve. Lo acquisto. sotto i risultati. Questo e' il bagno di sali di zinco. Da tenere presente che il kit dovrebbe essere più o meno eterno quindi non c'e nulla da smaltire. In teoria solo gli anodi di zinco si consumano. Un confronto tra prima e dopo. uno po' di pezzi zincati. Diciamo che la finitura non e' proprio quello che cercavo, la volevo più opaca ma successivamente mi pulendo le piastre di zinco vedendole opache me' venuta una idea. Una volta finito il processo di zincatura invertire anodo e catodo e proseguire per altri 5 minuti. Provato su alcuni pezzi della GL e funziona. Vol.
    1 point

Board Life Status


Board startup date: September 04, 2017 19:43:09
×
×
  • Create New...