Vai al contenuto
VR-News
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.
  • IMAGE HOST


Leaderboard


Contenuti Popolari

Showing content with the highest reputation on 02/02/2019 in tutte le sezioni

  1. 1 punto
    Ed infine il supporto della molla anteriore. Oramai della nichelatura originale non c'era più traccia, solo ottone nudo. Allora visto che dovevo passare in nichelature per la serratura ho deciso di nichelare pure questo. Le rondelle che tengono la molla ecco tutto insieme montato Sul perno, non ha gioco quindi tengo tutto così com'è. Bene o male queste sono tutte le foto che ho del recupero pezzi. E adesso un assaggino di ciò che verrà spero a breve. Com'era com'e adesso Ho tutto pronto, appena arriva il telaio potrò iniziare a rimontare la Vespa. Vol.
  2. 1 punto
    Un po' di pezzi al ritorno dalla zincatura. Viti statore e viti delle bobine. Le due viti laterale del parafango prima pulite e pronte per la zincatura. Le stesse viti dopo la zincatura. Quelle in mezzo invece sono quelle delle leve freno e frizione. Due sono del manubrio VNB ed una e' quella della mia VNA. L'altra era irrecuperabile. I dadi delle ruote, 6 originali, 4 comprati inseme ad un tamburo. La cosa strana e' che 2 di quelli acquistati hanno il colletto basso. I bulloni sella e portapacchi/ serbatoio. A differenza del PX sono da 7 con chiave 11. Dadi e bulloni pancia sinistra, purtroppo nell'incidente alcuni si sono rotti ad altri si sono stortati. questo sono quelli che si sono salvati. Ho comprato un kit nuovo ma cercherò di usare quelle più belle. Coppiglia sportello bauletto Qua la vediamo affianco a quelle che vendono i vari ricambisti. Quelle nuove sono decisamente più magre. Leva a camma del freno anteriore. Diciamo che è accettabile. Queste sono tutte le viti del parafango. Dado volano Le tre viti delle leve che ho recuperato. E' probabile che userò quelle trovate sul manubrio NOS. Queste sono quelli che fissano il guscio de l manubrio ed il manicotto dell'acceleratore al corpo in ghisa. Vol.
  3. 1 punto
    Il copro manubrio aveva un po' di ruggine superficiale ed un po' di vernice rossa. L'ho messo a bagno nel diluente alla nitro per togliere la vernice poi l'ho passato con il ferox per avere l'effetto fosfatato come in origine. Per ridurre la colorazione violette del ferox asciutto l'ho lavato con acqua e sapone. Un po' di pezzi al ritirati dalla zincatura. Molla di ritorno della leva dell'aria. Leva dell'aria, anche questa si e' fatta due passate in zincatura ma il risultato e più che buono. Il perno della molla della sella, anhe questo due passate. Ogni micro buco che rimane, una volta zincate sembra una voragine Adesso il risultato mi sembra accettabile. Vol.
  4. 1 punto
    L'impianto elettrico mostrava già il segno degl'anni tanti anni fa quando la usavo, poi era stato pasticciato per montarci il motore PX, poi ancora modifiche per montare il manubrio del PX. Ho quindi deciso di montarno uno nuovo della Grabor. spariamo che vada bene. Comunque prima di infilarlo lo suono tutto con il tester per verificare se corrisponde allo schema originale. Per gli ammortizzatori, avevo preso i CIF Carbone sia per l'anteriore che per il posteriore. Purtroppo Carbone ha pensato bene di includere nella fusione il loro logo, e di montare la bussola di centraggio in modo che il logo fosse esterno e visibile. Ho chiesto se me ne facevano uno con la bussola montata al contrario ma non hanno voluto. Per questo lo sconsiglio. Alla fine ne ho preso uno dal pascolatore senza loghi e molto più bello. Quello posteriore invece sembra meglio. Spero solo che sia della lunghezza giusta e non come quello di Rablo. Al massimo il piano B prevede un ammortizzatore PX fosfatato con prolunga corta. Vol.
  5. 1 punto
    Il coperchio del devio purtroppo è una delle poche cose che non trovo più. Qualche anno fa girando il mercatino a Malpensa fiere ne trovai uno cromato, ma chiedevano una cifra per me esagerata per il solo coperchio. Pochi minuti dopo, frugando in una scatola da un altro venditore, trovai questo ad una cifra irrisoria. Non ne sono sicuro ma penso sia NOS, lo deduco dal coperchio verniciato di un colore molto simile se non uguale al colore VNA. Il fanale davanti invece versava in pessime condizioni. Nel 2006 circa, stavo cercando pezzi Vespa su ebay, nulla in particolare solo qualcosa che mi poteva interessare e trovo in vendita un fanale anteriore VNA NOS. Noto che il venditore e' lo stesso da cui avevo comprato qualche tempo prima le staffa del cavalletto sempre NOS, lo contatto e gli dico che mi interessa il fanale. Ci accordiamo per 75€ e che sarei andato a penderlo a casa sua. Al momento non mi sono accorto, mi sembra perfettamente uguale ma in realtà ho visto che nella ghiera c'è un dentino che il suo originale non ha. Marben mi ha poi fatto notare che anche il logo della SIEM impresso nel vetro è di tipo vecchio, cioè con il fulmine. Comunque poco male, con i dremel lo toglierò. Questa la ghiera originale. Questa quella del fanale nuovo I numeri di omologazione su entrambi i vetri sono gli stessi, come lo sono quelli sulla ghiera. Come vetro userò il suo originale che dopo una bella lavata e tornato bello. Discorso a parte per il portalampade, quello che mi hanno dato con il fanale sembra essere sotto sopra, se monto la lampadina abbagliante anabbagliante correttamente, la lampadina di posizione si trova sotto al fanale quindi lontano dalla spia sul manubrio. Ne ho parlato con il Pascolatore a Novegro e mi ha detto che lui aveva quelli giusti, repro moderna. Vado sul suo sito e vedo la foto e mi ricorda il portalampade visto sul catalogo CIF. Decido di prenderlo da CIF che costa meno e me lo possono pure procurare con uno sconto del 50%. Pero ahimè pure questo sembra essere sotto sopra. Ho risolto modificando il portalampada in modo da poter montare la lampadina abbagliante anabbagliante al sotto sopra. Ma quanto mi rugava non avere il suo copri manubrio chiuso!! Un giorno curiosando sul sito di Pascoli, noto che ha un altro sito che si chiama collezionevespa, incuriosito ci faccio un giro e li cosa vedo? Un manubrio VNA NOS completo con copri manubrio chiuso. Uhm interessante, lo chiamo ma mi dice che probabilmente l'ha venduto e si e' dimenticato di toglierlo. Pero mi dice di mandargli una mail che poi verifica. OK lo faccio, però noto dopo qualche ora il manubrio in vendita sul sito collezionevespa e' sparito. Dopo una settimana mi mando una mail dicendomi che quello di prima l'ha venduto, ma ne ha trovato un altro sempre NOS. Mi manda le foto ed eccolo qui. E' solo uno sfizio perché voglio comunque montare il suo originale con il contachilometri VL. Da questa foto si vede come la Piaggio, ai tempe delle prime VNA facesse un po' di casino con i fondi. Su unico pezzo due fondi diversi, Il verde ed il rosso. Qua tutto pronto per spedirlo al carrozziere. Queste parti sostituiranno i pezzi del manubrio VNB2 che avevo portato. Vol.
×