Jump to content
VR News
  • IMAGES HOSTING
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.


  • Posts

    • ciao,ti prego  fai tutto il possibile per fare un video che si senta in modo accettabile il problema,altrimenti possiamo fare un'infinità di ipotesi,intanto il tuo meccanico si è fatto l'appartamento nuovo e tu sei a piedi per le colline del Montefeltro. Sei giovane e questo mi fa piacere perché la maggior parte dei tuoi coetanei perde tempo al bar a tazzare,tu al bar a tazzare ci stai meno perchè stai tribolando con la Vespa.Grande Tsuga.........................
    • Dipende dall'anno di costruzione, controlla le condizioni del imbiellaggio.  Vol.  
    • No. Rumore lo farebbe solo col motore "sotto carico" (salita o accelerazione) diminuirebbe a regime e velocità costanti (il cosiddetto filo di gas). Prenderebbe bene i giri. Non sarebbe frenata... ma tutto questo il tuo meccanico lo sa!
    • Rablo capisci bene che darti un cosiglio così, a distanza, senza averla, non dico provata, ma neanche sentita in moto la tua Vespa e impossibile! Non so cosa intendi per "salita neanche troppo ripida", non so sei un motociclista o se possiedi altri mezzi a due ruote più moderni, insomma... L'unico consiglio che mi sento di darti è di fare altri chilometri con la tua Rally, imparerai a conoscerla meglio, a "sentire" meglio il motore, il picco di coppia, sotto il quale anche un motore generoso come il nostro certo non offre il meglio in termini di prestazioni; e un altra cosa guida con meno paura: hai già fatto 1500 km! guida "normale"...

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 11/08/2018 in all areas

  1. 3 points
    sono scritte di fabbrica fatte con la penna elettrica per codificare i pezzi, viste le condizioni de cono albero motore lato volano controlla bene lo stato de cono del volano.t5rosso
  2. 3 points
    Che sia pieno di Vespe truccate è scontato, sappiamo come vanno le cose. Il punto sta in quanto dichiarato, qui e altrove, con possibili ricadute, nel tuo interesse e di quanti agissero nello stesso modo. Per la stessa ragione, ovvero nel tuo esclusivo interesse, avrei evitato la sfilza di scansioni dei documenti, che peraltro poco attengono alla discussione. E forse anche il centro revisioni, visto il preambolo, te ne sarebbe grato [emoji23] Detto questo, buon divertimento! Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
  3. 3 points
    Certo che tu riesci a vedere la polemica ovunque. Il mio era solo in consiglio. Se fossi l'organizzatore di in evento simile e se dovessi leggere un post simile di in partecipante, il giorno del evento non lo farei partire. Tutti lo fanno, penso che non ce ne siano di mezzi originali a questi eventi ma mi sembra una leggerezza scriverlo cosi apertamente su in forum pubblico. Vol.
  4. 3 points
    Grazie Luca. C'è una cosa che ancora non ho detto, mio papà sapeva che avevo iniziato a restaurare la sua Vespa, ma non gli ho mai detto che era stata finita. Penso allora che piuttosto che arrivare a casa sua con la Vespa, sarebbe stato più bello vedere se la ricordava, era dal lontano 1984 che non la vedeva del suo colore originale. Allora mi viene in mente una cosa carina, parcheggiarla fuori dal concessionario dove la acquistò nel 1957 che si trovava sul lungo lago. Parte la macchina organizzativa. Porto la Vespa a Verbania, con una scusa faccio venire a Verbania pure i miei genitori. Quando sono li, mia moglie con la scusa che c'è una mostra di camelie e che i suoi genitori sono già sul lungo lago che la aspettano, invita i miei genitori ad andare alla mostra. A questo punto scatta la sorpresa, io parcheggio la vespa fuori dallo stabile dove c'era il concessionario e mi nascondo poco lontano per osservare la scena. Avviso mia moglie che siamo pronti e le dirige il gruppo verso la Vespa. Mio suocero attira l'attenzione di mio papa dicendo, "guarda quello dove ha parcheggiato, dovrebbero dargli al multa". L'allegro gruppetto che sta arrivando nei pressi della Vespa Mio papà appena la nota, parte in quarta, attraversa la strada e va ad osservare la parte anteriore della Vespa, poi gira dietro, fa segna verso la targa e dice che è la sua. I presenti iniziano a confonderlo, mia suocera gli dice che non è possibile perché io ci avevo fatto un incidente, mia mamma, avvisata qualche minuto prima gli dice che l'ha venduta… Mio papa', non convinto da quello che stanno dicendo gli altri torna i ritorna ad indicare la targa. A questo punto mia moglie cerca di metter ordine e propone di fare qualche foto della Vespa e di mandarmela per chiedere a me se è la sua Vespa. Qui il video di quando mio papa torna a fare segno verso la targa e mia moglie che inizia a fare le foto. Nel frattempo zitto zitto io esco dal nascondiglio e li raggiungo. Quando mio papa si gira verso il gruppo e mi vede capisce che ha ragione ed è contentissimo. Ha detto che e' andato a vedere la Vespa peche era uguale alla sua e voleva vedere se aveva un numero di targa vicino al suo. Quando ha visto la targa ha riconosciuto il suo numero. Qui la guarda e la riguarda per vedere come è venuta, mia anche fatto notare che c'era due errori rispetto a quando la usava lui, lui aveva fatto mettere il bordo scudo cromato ed aveva fatto mettere il copribiscotto. Io non ho messo quei due pezzi perché mi rovinerebbero la vernice dello scudo e del biscotto. Io e mio papa con la Vespa Mio papà e mia mamma Poi l'ho portato a fare un giro, Quando l'ho proposto, prima ha detto di no perché non aveva il casco, ma a quello ci avevo pensato io, ne avevamo uno in macchina. Mio papa' con la Vespa ed infine Grazie a Marben, per l'aiuto che mi ha dato nel restaurare la Vespa, nella realizzazione del video e della foto finale. Adesso me la godo un po. Vol.
  5. 3 points
  6. 3 points
    Era da un po' che non scrivevo su VR... questa sera leggendo il forum mi è venuta la voglia di condividere con voi questo mio lavoretto, sperando sia cosa gradita Come base sono partito da un vecchio contachilometri per Vespa PX Prima Serie, e un altro di serie per Moto Guzzi V35 con conteggio chilometri parziali azzerabili e fondo scala a 180 km/h. Tutti e due sono Veglia Borletti (foto 1 e 2), quindi hanno le parti più o meno intercambiabili tra loro. Volendo il secondo contachilometri può essere installato così come è sulla Vespa, posizionare il pomello con il rinvio da qualche parte sul coprimanubrio per azzerare i chilometri parziali, e segnerà tranquillamente la giusta velocità, però difficilmente la lancetta arriverà a sfiorare i 180 km/h. Io invece ho voluto realizzare qualcosa di diverso: un contachilometri con quadrante originale con scala 120/km/h, contatore dei chilometri parziali e due spie led, una per la riserva e una per la luce abbagliante; in più, la manopola per l’azzeramento dei parziali nella parte superiore del contachilometri: così si evita di posizionare il pomello originale da qualche parte nel coprimanubrio, visto che lo spazio nel prima serie è risicato (foto 3). Le operazioni per la modifica sono relativamente semplici, credo che chi ha una discreta manualità non avrà problemi. Innanzitutto bisogna aprire i due contachilometri sollevando il bordo della ghiera dalla parte posteriore del contachilometri ed estrarre i meccanismi. Per avere il fondo scala a 120 km/h dobbiamo utilizzare l’asse rotante con il magnete e la cappa conduttrice del contachilometri originale, compreso l’involucro esterno. Tutta la parte meccanica - ingranaggi e rulli numerati - li prendiamo dal contachilometri del V35. Altra operazione da eseguire è portare il pomello per l’azzeramento dei parziali sulla parte superiore del contachilometri (foto 4 e 5). Per fare questo bisogna invertire l’asse, compreso l’ingranaggio che azzera i chilometri (fig. 6 e 7). Naturalmente si deve forare in corrispondenza di tale asse sia il quadrante in alluminio sia il vetro, con una punta da 2,5 mm. Per il vetro ho usato un drimmel con punta diamantata (foto 8 e 9). Il pomello è stato realizzato artigianalmente al tornio dal mio amico Mirko, per fare tenuta ed evitare che dal foro del vetro entri acqua: o si usa una guarnizione in gomma tra vetro e pomello oppure un o-ring (foto 10, 11, 12 e 13). Sul quadrante si devono fare anche due fori per le spie led e bisogna ritagliare una finestrella rettangolare per i chilometri parziali per ritagliare la finestra ho usato un archetto da traforo e poi l’ho rifinita con una piccola lima (foto 14). Per avere una buona illuminazione diffusa dello strumento ho utilizzato due strisce led. Ricordandoci che poi lo strumento va alimentato a corrente continua, la si può prelevare dalla batteria (Fot. 15). Alla fine se abbiamo lavorato bene si otterà un buon risultato (Foto 14). Il lavoro eseguito si può capire meglio guardando le foto. Buon lavoro. FOTO N. 3
  7. 2 points
    Quando viene consigliato il Dr è perché è l'unico cilindro che risponde alle richieste di chi in quel momento sta chiedendo un supporto. Sarà banale ma è così. Non vedo nulla di strano. Va bene, quindi non vedo cosa ci sia di strano...se ha un po di bava sulla fusione della testa....che c'è di male? Ne ho montati diversi, qualcuno mi ha chiesto di toglierle, altri non se ne sono interessati e sono sempre li che girano...se n on ti va un dr, metti un rms , non arrivi dal cortile al tabacchino😆
  8. 2 points
  9. 2 points
    Ciao a tutti! Ho sistemato altre due cosette..la prima è il perno che comanda il freno posteriore..e la seconda la pedalina avviamento..il perno come spesso capita era consumato nelle due zone dove strofinano le ganasce..in questo caso era molto consumato..e le possibilità erano 2..la prima comprarlo nuovo..il problema è che non si trova.. c'è solo quello tipo px.. più lungo..la seconda era recuperare il suo facendo un riporto di saldatura.. rifare i piani e poi..non so se andava fatto ma io l'ho fatto.. temprarlo..la pedalina invece era molto storta..e rigata..ma ho deciso di recuperare pure quella..scaldandola e trovando la giusta geometria.. ma ecco le foto.. il risultato è molto soddisfacente.. Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
  10. 2 points
    Numerosi Vristi presenti ......😎 eccone un paio
  11. 2 points
    Io leggo 81000, che guardando il catalogo ricambi e' il codice ricambio dell'albero. Quelle scritte fatte a mano sono presenti anche sui pezzi del mio motore, ma nel caso dei pezzi di cui ho le foto non corrispondono al codice ricambio. Vol.
  12. 2 points
    NEWS IMPORTANTE: allora ragazzi ho parlato col Tosa di Torino, gentilissimi, i quali mi han dato il numero di un signore - antonio Di Lario- che lavorava per loro in quegli anni e mi ha detto che sono andati a Pontedera a prendere un certo quantitativo di vespa primavera amaranto - CHE HANNO REGALATO AI GIOCATORI DEL TORINO F.C NEL 76 PER LO SCUDETTO! questo è quello che mi ha saputo dire, poi mi ha detto che comunque in officina ne vedeva parecchie in centro a Torino. bhe insomma, il "cerchio si stringe" 😄
  13. 2 points
    Qui la suddetta vespa Era dal mio carrozziere per una ripresa non ho capito se le 3 vespe conservate che hai visto avessero già il fanale post tutto in plastica in ogni caso anche con questa versione in alluminio verniciata è contemplata proprio fino ai primi esemplari 76 "-fanalino posteriore con corpo in alluminio verniciato in tinta carrozzeria (montato fino al telaio 0140161- inizio 1976)" Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  14. 2 points
    Faccio un re-tag di quanto già detto. Inutile fare i moralisti, inutile far polemica tra noi che abbiamo la stessa passione. Di vespe originali Domenica ne ho viste gran poche. E le originali, sopratutto tra i farobassi, erano quelle in difficoltà con i tempi di trasferimento. Anche se di gara di regolarità si tratta, un po' di brio in più fa sempre comodo, e chi fa quelle gare lo sa. E lo sanno anche gli organizzatori. Credo che Paolo sia adulto e vaccino per aver deciso di partecipare con un motore così, che alla fine ritengo un bel motore da turismo veloce, dato che con un motore simile un ragazzo si è fatto il giro d'Italia lo scorso anno.
  15. 2 points
    Buongiorno a tutti, rieccomi qui dopo tanto tempo (punteggio reputazione ultra dimezzato..prego ) sono arrivato a una conclusione-teoria interessante. in questo periodo di "assenza" ho trovato 3 primavera amaranto originali conservate tutte targate con province piemontesi (TO -AT) e prodotte in un'annata particolare che non sapevo potesse esistere nel vocabolario "vespa primavera amaranto", il 1976!! io credevo che l'amarato fosse "prodotto" in concomitanza della 50 R a cavallo 73/74. ma perchè il 76? telaio 145*** e telaio 147***??! perchè amaranto con faro posteriore SIEM TRIOM del 76? perchè proprio in quel del piemonte o al max al confine??!?? e allora tutto mi si fa più chiaro quando, cercando di trovare una soluzione plausibile al binomio "amaranto-piemonte 1976", mi fermo ci penso ci ripenso ci rimugino su e sbaaam!!! la lampadina mi si accende su un particolare "estraneo" al mondo vespa ma che forse potrebbe avere un nesso interessante che probabilmente accomuna molti di noi vespisti ..iL CALCIO! il Torino, il secondo grande Torino capeggiato da quel burlone di ciccio Graziani, vince lo scudetto nel 1975-76! che sia stata proprio una gentil " riconoscenza o volgarmente riproposta colore" al tifoso granata da parte di mamma Piaggio dopo "l'insuccesso amaranto del 73/74 ???! a voi la Vs interpretazione. io la mia l'ho voluta dare. Buona Primavera a tutti !!!!!!!!!!!
  16. 2 points
    No, la Nuova 125 aveva uno scudo piu largo. Vol.
  17. 2 points
    Strana domanda da uno che ha già restaurato vespe (?)
  18. 2 points
    Grazie a tutti. Cosi e' come l'aveva fatta mio papa'. Vol.
  19. 2 points
    Aggiungo uno spunto di riflessione ulteriore alla discussione, legato alla possibilità o meno di produrre un motore 2T in grado di essere in regola con le norme sull'inquinamento Euro5... https://www.motociclismo.it/motori-moto-2t-euro-5-tecnica-72288
  20. 2 points
    Passiamo alla forcella, purtroppo ci siamo accorti che di questa fase, abbiamo fatto poche foto dei dettagli, le mani erano perennemente sporche di grasso. Le sedi dei rullini sono state inserite usando una morsa in modo da evitare di dare colpi che potevano anche non finire nel posto giusto Poi abbiamo inserito i rullini e successivamente i due spallamenti nuovi compresi nel kit. Il feltro di tenuta della rondella di ottone è stato sostituito. Eccolo finito avevo comprato anche la rondella in fibra nuova(in foto) ma alla fine abbiamo deciso di montare la sua originale girata per mettere la parte più consumata verso il mozzo. Sembrava comunque più spessa della nuova. Il mozzo montato sulla forcella. Poi abbiamo montato la molla Ed infine anche l'ammortizzatore, e' quello di Pascoli per VN, lui dice che monta sulla VNA ma non e' originale, come ho potuto verificare di persona su un certo numero di conservati, e dal catalogo ricambi Piaggio, l'ammortizzatore e' lo stesso delle VN. Po siamo passati alla camma del freno, Cuscinetti,e distanziali e tappo del perno ruota Ganasce ed alberino montati Tamburo freno Infine il rinvio contachilometri Ed eccola pronta Vol.
  21. 2 points
    Forse hai scordato di aver tirato in causa Marben ed hai avuto una sua risposta. Successivamente ha risposto anche GiPiRat. Mi sembra, pertanto, che le risposte da parte dello staff non siano mancate, o vuoi che ti rispondano tutti i moderatori? Come detto altre volte, anche nel topic dello scorso anno in tema di tesseramento, nessuno dello staff può rispondere a queste domande nè controllare nulla per il tesseramento, essendo il tutto gestito da Horusbird in modo esclusivo. Concludendo, mi sembra inutile continuare con le domande. Quando Horusbird potrà rispondere lo farà sicuramente. Chi dovesse aver necessità della tessera per problemi assicurativi urgenti, purtroppo, deve provvedere diversamente, visto che VR al momento, e non sappiamo sino a quando, non può risolvere questo problema.
  22. 2 points
    Ciao Teo, leggendo il tuo nick prima di aprire la tua discussione non ho potuto fare a meno di pensare ad Enzo... e ci avevo azzeccato. Benvenuto su VR, un abbraccio a tutta la famiglia.
  23. 2 points
    I paracolpi della pedivella sono uguali a quelli PX. Come ho gia scritto una sede si e' rovinata nel saldare i carter. In foto si vede che la prima meta verso l'esterno manca. Quel paracolpi li l'ho anche incollato con del bostik. Il paraolio lato volano e' uguale a quello di tutte le large con cono 17. Per mandarlo in sede serve qualche colpetto di martello di plastica. Anche il cuscinetto e' uguale a tutte le large cono 17. Scaldando un po' i carter con il fon da carrozziere fa si che il cuscinetto entri in sede senza troppa fatica. Particolarità del motore VNA, hanno il numero motore stampato all'interno anche sul carter lato volano . Non so se anche le prime VNB hanno questa particolarità. Questo come i successivi ha la molla di spinta del ingranaggio avviamento realizzato con un lamierino in metallo armonico. Il settore di avviamento con la sua molla, praticamente uguale a tutte le large. a in realtà no, ha questo pezzo riportato, che pare sia saldato ma anche rivettato con un rivetto grosso in acciaio al resto del settore. A cosa serva, non l'ho bene capito, forse non aveva macchinari per lavorare parzialmente l'ultimo dente come sui settore dei motori successivi quindi lo lavoravano per intero poi riportavano il fermo. Eccolo montato. Semicarter volano pronto. Vol.
  24. 2 points
    Ed eccolo finito, ho volutamente impostare i chilometri effettivi della vespa, in modo da avere continuità nel conteggio.
  25. 2 points
    Foto 15 Per una buona illuminazione diffusa dello strumento ho utilizzato due strisce led. Ricordandoci che poi lo strumento va alimentato a corrente continua, la si può prelevare dalla batteria
  26. 2 points
    Se hai modo di stamparle su apposita carta (si trova in vendita, personalmente non l'ho mai provata), qui trovi i file coi vettoriali su PDF: http://vespalegendgarage.blogspot.com/2014/04/decalcomanie-rodaggio-vespa-degli-anni.html Li ho ridisegnati tempo fa partendo da immagini di Vespe conservate.
  27. 2 points
    VESPA EXPLORA SICILY 2019" Inizio delle preiscrizioni 15 Dicembre 2018 tramite questo link messo a disposizione dall'organizzazione:https://goo.gl/forms/sZ1DQDcuctMF7Rxm2
  28. 2 points
    sono completamente d'accordo a metà con te....d'accordo perchè in effetti il forum non dovrebbe funzionare così, a metà perchè è anche pur vero che (spero nessuno ne abbia a male) su tanti argomenti è già stato davvero scritto talmente tanto che molte volte, specialmente se una spiegazione è lunga e sappiamo già che qualcuno ha dato larga e dettagliata spiegazione a riguardo, si fa prima a consigliare di usare il tasto cerca. Ma dire di usare il tasto cerca non toglie strada al forum. Infatti trovato l'argomento già trattato, nulla vieta riaprire la discussione per richiedere delucidazioni in merito a ciò che non è chiaro. in tal caso potrebbe proprio interrvenire, in quella stessa conversazione, chi conosce davvero bene l'argomento. Si eviterebbero imbarazzanti decine di risposte poco sensate, che non portano a nulla se non a predere tempo ai lettori. Ho notato che qualche esperto interviene raramente (forse ha meno tempo, forse stufato..bo, chiaramente ognuno ha la sua vita) e altri invece sono sempre pronti a riscrivere poemi interi..non siamo tutti uguali...tanto di cappello) Osservazione personale, che giustifica il poco utilizzo del tasto cerca è questa: non è sempre preciso, anche appunto per il fatto che una stessa argomentazione si trova aperta molte volte, ma solo una su 5 ha le info giuste e dettagliate. ed ecco perchè a mio avviso è sempre meglio leggere quanto già scritto e continuare li, piuttosto che aprire di nuovo...resterebbe più sostanza. Giusto per essere aperto, ma qualcuno lo avrà notato, io uso questo fornum per aiutare dove posso. ma sono presente per quanto il tempo mi concede per dedicarmici. Magari una settimana ci sono...le successive due no. Il forum deve essere di pazienza senza nessuna pretesa..ma anche comunque di cortesia. e su questo non c'è da far polemica, senza se e senza ma, le cose stanno così... se si pensa che (come molti moderatori insegnano) il forum sia un call center, sappiate che non è così, ed allora il posto giusto per queste persone sono i social, dove uno può rispondere se la candela ha un buon colore o no anche dal Wc di casa sua e l'altro può leggerselo mentre si fa il selfie sotto la torre di pisa. N.
  29. 2 points
    Anche l'Ape 50 è diventato Euro 4, ed è rimasto 2 tempi...
  30. 2 points
    questa discussione compie adesso 8 anni e, a dispetto del tempo, continua ancora oggi, con il contributo di tanti partecipanti, a restare viva; ben oltre 200 mila visualizzazioni, più di 2.100 messaggi, 1.970 immagini di placche, laboriosamente raccolte da LucioVr su flickr
  31. 2 points
    eccoli, il PDF è un file che si può mandare direttamente ad un plotter da taglio per ottenere la mascheratura adesiva. Importante dotare la maschera adesiva di application che è un adesivo trasparente che tiene insieme i vari pezzetti delle lettere esempio il centro della P della A e della O. piaggio-vettoriale-arcobaleno.pdf
  32. 2 points
    ciao,mi fa male la testa !!!
  33. 2 points
    L'ingranaggio multiplo è lo stesso per 125 e 150 col cambio a denti grossi, e peraltro è comune anche alla 200. Puoi sostituire il solo ingranaggio della quarta, non ti occorre altro. Unica cosa cui badare è il tipo di cambio: per farla breve, gli ingranaggi non si differenziano solo per il numero di denti, ma anche per la tipologia di cambio; questa è correlata alla sua età e di conseguenza al tipo di crocera e selettore montati. Se la tua Vespa non ha subito manipolazioni, avrà la crocera cosidetta "bombata" e l'ingranaggio da 35 denti dovrà essere espressamente per questo tipo di cambio. Quelli più recenti, dal 1984 in poi - fanno eccezione infatti i primi Arcobaleno che conservano la crocera bombata - hanno un diverso set di ingranaggi, abbinati a crocera piatta, specifico alberino di comando e differente selettore. P.S. Benvenuto su VR e buona permanenza.
  34. 2 points

    Version 1.0.0

    139 downloads

    Tavole esplosi corredati di codici delle parti di ricambio per Vespa PX 125 T5. File .PDF
  35. 2 points
    Bravo bel lavoro Io un paio di rinforzi fin che ci sei li metterei , nel punto in cui fai cerniera sul crick lo sforzo e' notevole , dove tu hai utilizzato dei bulloni , inoltre se guardi le foto allegate, io ho rinforzato anche con un paio di saldature il crick stesso , tanto non ti costa nulla.
  36. 1 point
    fra 1 settimana o al massimo due avrò tempo per carburare un pò meglio il mio stelvio e avrò qualche dato in più per dirti quanto "ciuccia" in rodaggio sembra ancora accettabile...
  37. 1 point
    Appena recuperata da casa di una zia di mia moglie. La casa è stata venduta per morte dei proprietari ed il figlio, per sbarazzarsi di ciò che non gli serviva, cestinava foto di persone a lui sconosciute, tra cui i bimbi ritratti. Insomma, salvata appena in tempo. Sicuramente, altre saranno andate perdute, ormai. Peccato. Da notare il volante chiaro della Fiat Belvedere. Non sapevo che il volante avesse un colore diverso a seconda del colore dell'auto. Questa foto, lo testimonia.
  38. 1 point
    Io ho preso il kit della cif..dado e rondella/fermo Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
  39. 1 point
    Quindi il raduno si è sciolto, ed ogni gruppo si è organizzato autonomamente. Io e Poeta siamo tornati alla base passando dalla sempre bella SP45/48 Contigliano - Cottanello - Poggio Mirteto Scalo e sosta sul greto del Tevere
  40. 1 point
    Alla fine ti sei fatto persuaso anche tu che quella Vespa così impennata non poteva essere normale... Devi procurarti il distanziale cod. 70634, misura 42 mm. Vedi questo mio post.
  41. 1 point
  42. 1 point
    Buongiorno raga! @ fefe: segui gli ottimi consigli di enrico (che è stato veramente esaustivo) e otterrai un ottimo risultato. Personalmente sulle parti alluminio preferisco la nitro, per la questione dell'originalità. Ho verniciato una sola volta forcella-mozzi con un doppio strato, senza usare un'opacizzante, e il risultato (visivo) non mi era piaciuto molto
  43. 1 point
    Ciao a tutti. Ecco la mia amata Vespa Px Kat opportunamente rivista in questo modo: - monta il nuovo Malossi 177 MHR (monofascia), raccordato gli enormi travasi del cilindro col carter (riporto materiale obbligatorio). - Albero motore ritardato BGM PRO corsa 57. - Allungato la valvola - carburatore SI 26 preparato da SIP con getti 160 BE2 148 con venturi e air box pinasco. - marmitta SIP ROAD XL - tolto la vecchia centralina Kokusan in favore di una originale Ducati - anticipo a 26 gradi che viene ritardato dalla Kytronic (curva 6) - volano SIP da 1.9 kg - frizione superstrong BGM, pignone da 21. All'inizio, appena montato, senza anticipo variabile, la vespa era praticamente morta ai bassi regimi, salvo poi recuperare mooolto in alto la spinta. Ho lavorato sull'anticipo come scritto sopra e ho recuperato parecchio ai bassi. Il motore ha un atteggiamento tipico Racing con un allungo strepitoso, non ho un contagiri (appena comprato il contakm SIP) ma il motore urla che è un piacere e continua a spingere. Mi piacerebbe provarlo con una espansione degna del cilindro che monto ma meglio di non rischiare. Allo stato attuale ho percorso 1'000 km senza ilminimo problema.  Volevo solo condividere con voi questa mia prima vera elaborazione a motore aperto.
  44. 1 point
    No la pedivella non è originale. Quella in foto è del tipo che monta il gommino, quella VNA e tutta in metallo.
  45. 1 point
    Bravissimo Daniele!![emoji106][emoji6] Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
  46. 1 point
    Ricordi bene, le pompe per la miscela erano a benzina normale, purtroppo, spesso, a non essere normale era l'olio che ci mettevano! Ciao, Gino
  47. 1 point
    FOTO 1 e 2 Questi sono i due contachilometri utilizzati, uno è quello noto del PX prima serie, l'altro e sempre un Veglia borletti montato sulle Guzzi V35 .
  48. 1 point
    Solo provando di persona si può capire quanto lavoro ci sia dietro una vespa! Ti posso garantire che si impiega meno tempo per restaurare una vespa malconcia che a riverniciare un intera vettura con graffi superficiali!
  49. 1 point

    Version 1.0.0

    143 downloads

    Scheda tecnica omologativa della Vespa P125X, corredata dagli schemi dei dispositivi di aspirazione, scarico e frenata. Anno 1977. File .PDF Per l'estensione dell'omologazione per la Vespa PX125E VNX2T del 1981 ed Elestart del 1983, vedere nelle altre pagine di Downloads.
  50. 1 point

    Version 1.0.0

    111 downloads

    Estensione d'omologazione della Vespa PX125E VNX2T del 1981 e per la versione Elestart del 1983. File .PDF Per avere la scheda tecnica d'omologazione completa, allegare quella della Vespa P125X VNX1T del 1977 che trovate sempre in questa sezione di Downloads.
×
×
  • Create New...