Vai al contenuto

Ci è stato fatto notare che alcuni utenti hanno problemi con un numero troppo alto di notifiche che arrivano dal forum, ricordiamo che ciascuno può decidere e configurare gli avvisi e le email in funzione di cosa preferisce, il link per configurare gli avvisi è il seguente:

notifications/options/?type=new_comment

 

Grazie

horusbird horusbird
VR-News
  • RESTYLING
  • Abbiamo effettuato un upgrade importante, qualunque problema segnalato ci aiuterà a rendere VR sempre più fruibile!


volumexit

Restauro vespa VNA 1957

Recommended Posts

STAFF

Si prosegue con piccoli lavori, e questa è la volta del rubinetto. benzina.

Questo è del tutto particolare, diverso dai soliti rubinetti. Il corpo è completamente in ottone, e non in lega leggera; è privo del tubo di sfiato e l'attacco del tubo benzina è orientato perpendicolarmente al suolo.
È montato su tutte le VNA1T e VNA2T, sulla VNB1T sino al n. 32099 e sulla VBA1T sino al n. 81256.
Monta su un foro più stretto rispetto ai successivi, di conseguenza anche il serbatoio è differente.

Nel caso della nostra VNA, il ristagno della vecchia benzina rossa, nel corso degli anni, ha causato non pochi problemi: la formazione di ruggine e morchie all'interno del serbatoio, coinvolgendo anche il rubinetto.

Il rubinetto è così aggredito da croste ormai del tutto solidificate e presenta non pochi segni di corrosione. Per fortuna la rimozione non è difficile; l'assenza del tubo di sfiato consente l'impiego di una chiave a tubo. Forse il fatto stesso di essere di ottone nichelato ha impedito il bloccaggio del dado per ossidazione.

Una volta rimosso, ecco il rubinetto nelle sue tristi condizioni:

5a0aed453df5c_IMG_20171023_204624(Large).thumb.jpg.6d166e04aa5429b26071758b09646a0b.jpg

 

Con solventi, spazzole metalliche e pure il fuoco vivo si riesce a sgrossare almeno la parte esterna dell'elemento filtrante:

5a0aed9d89954_IMG_20171023_205507_BURST001_COVER(Large).thumb.jpg.23ad8cdeb736632580c9171793b11c55.jpg

 

Purtroppo l'interno è invaso dalla morchia indurita. La retina di filtraggio è ormai un ricordo, resistono pochi brandelli in zone non visibili.
Decido così di tentare di rimuovere tutto il corpo del filtro. Infilo un cacciaspine nell'asola più in alto e blocco il cacciaspine stesso nella morsa. Con un martellino do colpi leggeri al distributore, ovvero il componente cilindrico al quale è fissata l'asta di comando.

In questo modo, senza eccessivo sforzo, è possibile estrarre il corpo del filtro. Se questo risultasse meno docile, prima di deformarne la lamiera è conveniente tentare un aiuto, riscaldando la zona di giunzione delle parti.

5a0aeea2dea70_IMG_20171024_153523(Large).thumb.jpg.01e23737981810a06d58899bbe56da9b.jpg

Sulla sommità del filtro è applicato un cappuccio di lamiera: in questo caso è cianfrinato, in altri può esserci un riporto di saldatura.

A questo punto smontiamo tutte le parti mobili e concentriamoci sul corpo vero e proprio. Ovviamente i condotti non sono stati risparmiati dalla morchia. Dopo una prima pulizia esteriore, occorre tentare di liberare i passaggi. Nel nostro caso abbiamo avuto un pizzico di fortuna: evidentemente il livello di benzina al momento del fermo era già al di sotto di quello della "riserva", quindi il tubetto che pesca in posizione "Aperto" risultava già piuttosto libero. Una fatica in meno!

Per la pulizia qualsiasi strumento è lecito: cacciaviti sottili, fil di ferro, ecc. Per liberare completamente i passaggi, io uso con soddisfazione una punta da trapano di diametro adeguato, montata su un mandrino che funga da impugnatura. Tanto meglio se la punta è piuttosto lunga, così da avere meno intralci nelle manovre.

5a0af02522cb5_IMG_20171024_155043(Large).thumb.jpg.cb4ceefedc9f9b4f0c4ae748d9521745.jpg

Oltre all'azione meccanica, anche quella chimica è salutare. Un po' di diluente aiuta a rimuovere le ultimi tracce, così che il metallo nudo torna ben visibile:

5a0af07d666f5_IMG_20171024_163311(Large).thumb.jpg.0a54739c4c04b7e0b03805e1252e9b90.jpg

Una pulita anche al corpo (di lamiera) del filtro:

5a0af0a1afb22_IMG_20171024_160409(Large).thumb.jpg.cada37faf935d4c8ffaf7f18d50ccca1.jpg

Tanti residui, compresi i pochi avanzi della retina:

5a0af0ad92326_IMG_20171024_161758(Large).thumb.jpg.996645104a600069b8bfcb7d50c7d629.jpg

La corrosione ha anche danneggiato la molla, che è rimasta divisa in due parti:

5a0af0dae50b1_IMG_20171024_162631(Large).thumb.jpg.a1b0c7bd3bba1038aeec077cb2c7981e.jpg

Qui sopra tutte le parti che compongono il rubinetto, ad eccezione della retina, che come detto è polverizzata. La pulizia è stata effettuata con spazzole metalliche su trapano, ricorrendo poi alla lucidatrice a stracci per la rifinitura finale, sia del corpo col tubetto, sia del filtro.

Non avendo una molla di ricambio, ho pensato di riparare l'originale: essa non deve sopportare carichi, la sua unica funzione è quella di mantenere aderente la retina al corpo del filtro.
Così ho preso un filo di rame, ricavato da un filo elettrico, ed ho avvolto una spirale:

5a0af15ddae51_IMG_20171024_163508(Large).thumb.jpg.ac1c98d600f0ecd2e82764a9fe49e35c.jpg

5a0af16666967_IMG_20171024_163706(Large).thumb.jpg.5db75ad25baabcdb27563f1da80e2b01.jpg

Ho pulito bene le due parti della molla da unire, e vi ho calzato la spirale di rame:

5a0af19487746_IMG_20171024_163831(Large).thumb.jpg.ff506c29c19519eda0eb8e1ac17c2ac2.jpg

Bloccando il tutto con una goccia di stagno:

5a0af1afdcc42_IMG_20171024_164410(Large).thumb.jpg.8ad8f79bfffae14f0365e533fb1c0329.jpg

L'acciaio armonico non è facilmente stagnabile, ma con un po' di flussante la goccia fonde bene sul supporto.

Qui entra in gioco il preziosissimo aiuto di Alfred, che generosamente fornisce una retina d'ottone che ben si presta al nostro scopo.
Avevamo pensato, in precedenza, di usare la retina di acciaio del filtro T5 riprodotto da SIP, ma abbiamo constatato che questa è troppo fitta anche per il nostro scopo... figuriamoci per filtrare l'aria in aspirazione!

5a0af25876685_IMG_20171113_205642(Large).thumb.jpg.a0aa0734d0045ffa4570118fe12f0273.jpg

5a0af265a69ee_IMG_20171113_210256(Large).thumb.jpg.af76b1447b2db48375cd72c5be4c7a84.jpg

Ritagliamo a misura la retina di ottone, avvolgendola poi sulla molla riparata:

5a0af293cffc2_IMG_20171113_210400(Large).thumb.jpg.1d49c01c1764afe3cdcfba8adc220c8d.jpg

Per infilarla nel filtro, è conveniente divaricare un po' la lamiera, così che il gruppo retina + molla possa scorrere all'interno senza impigliarsi.

Una volta che questo è completamente inserito, possiamo riaccostare i due bordi, modellando la lamiera con una piccola pinza a becchi corti e larghi.

5a0af30e5fb08_IMG_20171113_210652(Large).thumb.jpg.1be6803f6b49b724f3b2fc3fc9701226.jpg

A questo punto possiamo reinserire il corpo del filtro in quello del rubinetto, mandandolo a fine corsa con qualche leggero colpo di martello.

5a0af3ad32244_IMG_20171113_211340(Large).thumb.jpg.147c7a8f3e86578df18a9e9250429a41.jpg

Riposizioniamo anche il cappuccio di lamiera. Lo blocchiamo non più ribadendolo (è già un po' ammaccato sul fianco), bensì saldandolo a stagno. Vista la massa non trascurabile, è bene usare un saldatore abbastanza potente, circa un centinaio di Watt, per contrastare la dispersione del calore.

5a0af434dd260_IMG_20171113_211347(Large).thumb.jpg.7b343fa0f3f010f697df64660a062d9c.jpg

Ecco il cappuccio assicurato mediante brasatura a stagno:

5a0af461d56a6_IMG_20171113_211847(Large).thumb.jpg.d50caf344100317498d61913e82c3ea5.jpg

Possiamo procedere col rimontaggio. Raccomandabile una spianatura del distributore, per una migliore adesione alla guarnizione. 
Per quest'ultima, si è scelto il ricambio di colore rosso (in Viton, si dice), ovvero quello di migliore qualità. Molte altre guarnizioni in commercio, solitamente di colore nero, risultano molto dure e spesso fustellate in maniera alquanto approssimativa. Queste rosse, di solito, non riservano sorprese.

5a0af4fe1f23d_IMG_20171113_212454(Large).thumb.jpg.fa9f6e9b6df0de04605cb93fe782800a.jpg

Rimonto la guarnizione e preparo il distributore, stendendo un velo leggerissimo di grasso siliconico, per evitare eccessivo attrito a secco. Questo grasso è molto utile in tante piccole operazioni sui nostri mezzi: non altera le proprietà delle parti in gomma ed ha buone proprietà idrorepellenti, risultando ottimo, per esempio, nella revisione di serrature e simili.

5a0af5aa228a3_IMG_20171113_212603(Large).thumb.jpg.877be71390cca4a8763d5a64727cb2be.jpg

5a0af51257991_IMG_20171113_212554(Large).thumb.jpg.9378675b900940f1719073a5d81f608f.jpg

5a0af5d26b2df_IMG_20171113_212825(Large).thumb.jpg.feaefe432527a782009ba4e083a9e91c.jpg

Corretto posizionamento del distributore e dell'anello elastico che lo trattiene in sede:

5a0af5c9e8f86_IMG_20171113_212750(Large).thumb.jpg.a8e4a4917549c6c8915dbb7d5096f3ff.jpg

Conveniente anche lubrificare i filetti delle due piccole viti M3, che bloccano e regolano il carico sul distributore. La vera regolazione andrà effettuata a montaggio completato, col serbatoio già carico, per escludere perdite e per evitare che la manovra dell'asta di comando risulti eccessivamente faticosa.

5a0af664bffa5_IMG_20171113_213104(Large).thumb.jpg.5dbf8647ce3f941657b17ea847164bdb.jpg
 

Montiamo la guarnizione di fibra (carta) e predisponiamo il dado con la rondella piana: la revisione è finita ed il nostro rubinetto è pronto per tornare a svolgere la sua funzione.

5a0af6a653ff4_IMG_20171113_213203(Large).thumb.jpg.7af9c3287d7785cebecba735f0e49bdc.jpg

5a0af6aec473e_IMG_20171113_213256(Large).thumb.jpg.41036d17c8593e257e5dcea2e8d6c700.jpg

... e direi che è un bel vedere, in confronto alla brutta (e costosissima!) riproduzione disponibile da qualche tempo presso alcuni venditori.

Un grazie particolare ad Alfred che ha contribuito con l'ottima retina di ottone. Quando un forum è sede di simili giochi di squadra, diviene davvero uno strumento meraviglioso di aiuto e di condivisione. :applauso:

 

 

 

IMG_20171113_210256 (Large).jpg

IMG_20171113_210634 (Large).jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

wow !! spettacolare lavoro di ricostruzione.  quel SIL è quasi un peccato rimontarlo andrebbe messo in bacheca a memoria dei posteri.

grazie per la riconoscenza, ma giustamente se non ci dà una mano fra vespisti .....

Leggendo il post ricordavo che tempo fa ho dovuto metter mano al filtro della mia vba  e,di quanto avevo girato a dx e a manca per trovare quella +/- giusta.    

Avendone avanzata un po'', mi è sembrato ovvio aiutare un vespista.......ciao ciao

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MODERATOR
25 minuti fa, alfred dice:

wow !! spettacolare lavoro di ricostruzione.  quel SIL è quasi un peccato rimontarlo andrebbe messo in bacheca a memoria dei posteri.

grazie per la riconoscenza, ma giustamente se non ci dà una mano fra vespisti .....

Leggendo il post ricordavo che tempo fa ho dovuto metter mano al filtro della mia vba  e,di quanto avevo girato a dx e a manca per trovare quella +/- giusta.    

Avendone avanzata un po'', mi è sembrato ovvio aiutare un vespista.......ciao ciao

 

 

Da proprietario del rubinetto ringrazio infinitamente Alfred per avermi mandato la retina e Marben per aver fatto un lavoro straordinario.

 

Vol.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sinceri complimenti a Marben oltre ad essere un conoscitore ( sarebbe meglio dire Guru )  della vespa è anche un maestro nel restauro. Complimenti ad Alfred per la disponibilità. E scusatemi un piccolo off topic: ciao, Valerio!

Francesco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MODERATOR
23 ore fa, Marben dice:

Per la pulizia qualsiasi strumento è lecito: cacciaviti sottili, fil di ferro, ecc. Per liberare completamente i passaggi, io uso con soddisfazione una punta da trapano di diametro adeguato, montata su un mandrino che funga da impugnatura. Tanto meglio se la punta è piuttosto lunga, così da avere meno intralci nelle manovre.

io recupero i vecchi rubinetti con un lavaggio di un'ora abbondante in vasca ultrasuoni e un solvente apposito per ultrasuoni. Il problema è nel ripulire la vasca dopo per poterla usare di nuovo per gli orologi :sbonk::sbonk::azz::azz: :ciao: 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
STAFF

Per quanto riguarda il corretto serraggio delle due vitine M3 che tengono la ghiera in acciaio sul rubinetto, io ho sempre fatto a questo modo: innanzi tutto le avvito sino in fondo e poi le svito di mezzo giro per volta, verificando ogni volta se il distributore ruota. Ovviamente, con le due vitine avvitate sino in fondo sarà quasi impossibile che il distributore ruoti e, quindi, bisogna trovare il punto giusto sin dove avvitare le due vitine e che non faccia perdere carburante al rubinetto.

Il punto giusto lo si trova appunto svitando di mezzo giro alla volta e verificando se il distributore ruota. Quando avremo trovato il punto in cui il distributore ruota facilmente, è quallo il momento di fermarsi. Ovviamente compio l'operazione con il rubinetto montato sul serbatoio e nel serbatoio c'è un po' di benzina, così da poter verificare se il distributore tiene o perde.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MODERATOR

Domenica ho smontato la sella, a me sembra che la molla sia verniciata, però alcuni dicono che vada zincata.
Quindi va zincata o verniciata?

5853797973e986ca1e3283eb969d8839.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
STAFF

Non lo so più!:oops:

Io ho sempre pensato che andassero zincate, perlomeno da un certo modello in poi, ma quì ci sono tracce troppo evidenti di vernice e non so se sia un caso.:boh:

Credo sia giusto verniciarla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Domenica ho smontato la sella, a me sembra che la molla sia verniciata, però alcuni dicono che vada zincata.
Quindi va zincata o verniciata?
5853797973e986ca1e3283eb969d8839.jpg

Ciao. Dice Extreme..che il telaio della sella và zincato a freddo..cioè con zinco spray..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MODERATOR
12 minuti fa, lucag63 dice:


Ciao. Dice Extreme..che il telaio della sella và zincato a freddo..cioè con zinco spray..

Ciao, il telaio sella sulla VNA1T va sicuramente in tinta. Vedi foto del mio conservato male ma conservato.

IMG_20171117_154941.thumb.jpg.b1bc3641a00a7dc7912a417f7ef37d6f.jpg

IMG_20171117_155019_1.thumb.jpg.e212df5b0bf2df3d5b613a831ab1c536.jpg

Nella foto sotto si vede anche la molla di fianco al telaio e si vede che il colore è lo stesso.

IMG_20171117_155029_3.thumb.jpg.a4a70096924efe7fd2ef63b0c6405cd4.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MODERATOR
Ma tu intendi in tinta con la vespa?
Si, questa è una VNA1T telaio circa 3000

Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MODERATOR

Ok questa mattina una mezzoretta in garage e penso di aver sviscerato tutto.

Ho pulito con pasta abrasiva un pezzettino del telaio sella ed un pezzettino della molla

 

23631955_10214926338942734_4824067273657810389_o.thumb.jpg.aa1c7fd1f24805a64af0cb0f4efcb8b0.jpg

Messi a confronto ed il colore e' uguale. A questo punto ho messo a confronto la molla con la porzione di parafango sotto la cresta che e' ancora del colore originale.

23593708_10214926345982910_885250968589139638_o.thumb.jpg.85412059997e8c9a8b6e0e9dca90c646.jpg

Stesso colore, quindi telaio sella e molla sicuramente in tinta. Ricordo che questa vespa e' sempre rimasta in famiglia e la sella non è mai stata verniciata.

Ho pulito anche la leva dell'aria, su questa nessuna traccia di vernice ma lucidandola su nota che e' presente un trattamento superficiale. O zincatura o cadmiatura.

23669072_10214926357943209_4670391572289065523_o.thumb.jpg.4d7e3680af1dd2f57bd01149d248f592.jpg

 

23593697_10214926358623226_8417385993313716903_o.thumb.jpg.fbf4a746d5252072eaccc398cc7f758f.jpg

 

A questo punto faccio telaio sella e molla in tinta carrozzeria e la leva, nel dubbio la faccio zincare.

 

VOl.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
STAFF

E' la decisione migliore e più saggia. :ok:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
STAFF
10 minuti fa, senatore dice:

E' la decisione migliore e più saggia. :ok:

Concordo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MODERATOR

Altro dettaglio interessante, la mia come detto fa parte delle prime 3000 VNA1T prodotte e non ha il classico foro filettato sulla parte alta del piantone dello sterzo, aggiunto in seguito per poter montare il parabrezza.

IMG_20171028_160144.jpg

 

Vol.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MODERATOR

Si continua con i lavori.

Il fanale posteriore che verrà montato è quello che montava la vespa quando ero piccolo, quello che ho gia mostrato ma per esigenze di registro storico dovro' montare per le foto il fanale posteriore di tipo originale. Sabato a Novegro ne ho comprato uno. 

IMG_20171111_185015.thumb.jpg.37d229ef79e0007ef7200002acb17faf.jpg

Sarà che mancano le pance, sarà che non è verniciato ma con questo fanale non è che mi piaccia molto. 

Procediamo con lo smontaggio della forcella.

IMG_20171116_130547.thumb.jpg.f01f4f1bd70feb5628090dc89329c653.jpg

La forcella e' in classico stile anni 80, almeno dalle miei parti era molto comune l'abbinamento rosso metallizzato con accessori bianchi.

IMG_20171116_130553_1.thumb.jpg.ff7d22c8621fe1288dbe4c315f7f36d0.jpg

Sullo stelo c'è un po' di ruggine ma dopo una spagliettata sembra perfettamente utilizzabile.

La gabbietta con le sfere e' del tipo GL/PX/Small, molto più comoda delle sue sfere sfuse, ma le sfere sono di diametro leggermente inferiore. Ah l'avessi saputo ai tempi, sono diventato pazzo la forcella ballava sempre.

IMG_20171116_130600.thumb.jpg.69a4a4608e767240200cb5e80146e42a.jpg

IMG_20171116_130614.thumb.jpg.d48b9c9e7ed744fcb1368f7ef37d8835.jpg

Per rimuover il parafango si deve togliere la sede inferiore, non ricordo se è cosi su tutte le vespe ma mi pare di no.

IMG_20171116_131209_1.thumb.jpg.65b0cf9c1b140e9fa67564d6334bbcc7.jpg

La piastrina di rinforzo supporto parafango. Secondo me un dettaglio importate pur avendo un parafango abbastanza piccolo. Queste Vespe dei modelli successivi ho visto che avevano i fori crepati o rotti.

IMG_20171116_132110.thumb.jpg.55a0882f0e6c29b8b32b3f8131c1fbde.jpg

 

IMG_20171116_132121.thumb.jpg.ba1bd6cb2183d51cd3737caeefdda1cc.jpg

Questa è stata una sorpresa ma confermata successivamente dal catalogo ricambi, la cresta non aveva le classiche rondelle elastiche a rosetta ma era ribattuto in sede.

IMG_20171116_132155.thumb.jpg.c5273d5e33e5e6dae6251ee23308d12f.jpg

Infatti per toglierla l'ho dovuta molare. Cercheremo di recuperarla facendo due piccoli buchi e usando due piccole viti autofilettanti. Marben dice rigorosamente con testa a taglio :risata::risata::risata::risata:

IMG_20171116_151150.thumb.jpg.37ed707ca6c67b46c928a8bffd1522a4.jpg

è particolare questo parafango perché stampato da un unico foglio di lamiera e non in due parti come i successivi.

IMG_20171116_132333.thumb.jpg.2f78cb91ab793c10fee697d415690418.jpg

Sul bordo inferiore nessun bordino come hanno invece i successivi.

IMG_20171116_132406_1.thumb.jpg.e7350c5d90ffa9c25a9048900e59fac2.jpg

e nessuna nervature sul fianco. Bello pulito ed introvabile.

IMG_20171116_132416.thumb.jpg.8765942ef0f6f08838db6dd8fd1f5abf.jpg

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
STAFF
3 ore fa, volumexit dice:

Marben dice rigorosamente con testa a taglio :risata::risata::risata::risata:

Vorrei ben vedere! :ok:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MODERATOR

Procediamo con lo smontaggio del mozzo. Pensavo che sarebbe stata un'odissea, ancora vivo il ricordo dello smontaggio del mozzo GL, che aveva i perni bloccati. Questo invece pur avendo preso parecchia umidità non aveva i perni bloccati.

IMG_20171116_133939_1.thumb.jpg.b068a25e3093c9da436b636560ab14a3.jpg

Curioso come fosse già presente la vite senza fine del contachilometri anche sui modelli che non avevano la predisposizione.

Era cosi già dalle farobasso però in quel caso non c'era un manubrio non progettato per accogliere il contachilometri.

IMG_20171116_133945_1.thumb.jpg.21ccf3011c4ff01057850ecb7b063259.jpg

Le due vitine del tamburo erano anche loro perfettamente libere anche se parecchio arrugginite.

IMG_20171116_133956.thumb.jpg.a9ae440b0895193330f1464a548f3319.jpg

Il feltrino che fa da paragrasso del perno del tamburo, penso che una bella lavata con la benzina e torna perfettamente efficace.

IMG_20171116_134017_1.thumb.jpg.59a48548ef18c245f9594943f980b1b8.jpg

 

IMG_20171116_134025_1.thumb.jpg.e710c98375cf4b6e427e8448b201801b.jpg

Ganasce originali marchiate piaggio, chissà quanto amianto:orrore:

IMG_20171116_134209.thumb.jpg.a85260bfd4cdba357d92fbbd962c851e.jpg

IMG_20171116_134213.thumb.jpg.994a286e66fbd7299764f4f55288f3eb.jpg

Ganasce smontate.

IMG_20171116_134911.thumb.jpg.c38266c848415ab78d91dc3ea2858ddb.jpg

La camma del freno, questa andrà pulita e fatta zincare

IMG_20171116_134920_1.thumb.jpg.fe0abcf3c36b60c0e18b0605fd643978.jpg

 

IMG_20171116_134940.thumb.jpg.b7883de9869deb52ca897dff211bb318.jpg

IMG_20171116_134932_1.thumb.jpg.06e882a5dba9fede5d58d2dda1648a04.jpg

Una cosa curiosa, portata avanti anche sulle VNB, le ganasce si intersecano, quindi si devono sfilare tutte e due insieme, non facile su un perno molto preciso. Successivamente furono adottate le ganasce classiche divise in due. Se non sbaglio comunque quelle delle small sono perfettamente compatibili.

IMG_20171116_134957.thumb.jpg.245c837d3a7ebbbaf8b1fd8dd80e4dab.jpg

 

IMG_20171116_135010_1.thumb.jpg.e7db496dccce4d87ee02d4173ceb2a37.jpg

 

Vol.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bello un restauro così documentato...se ne sentiva la mancanza..oltre ad Extreme mi sembrava di essere rimasto l'unico a farlo..bello...bel lavoro!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MODERATOR
Vorrei ben vedere! :ok:
Ma metteteci 2 belle brugole :mrgreen:

Inviato dal mio MotoG3 utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


Banner Pubblicitari

Nel sito sono presenti alcuni banner pubblicitari che, con la collaborazione dei nostri utenti,  potrebbero aiutare a coprire una parte delle spese di gestione del server e le spese di aggiornamento del software.
Chiediamo comprensione per il disturbo visivo che i banner possono dare e ricordiamo che con qualche semplice click sui banner interessanti potete in parte e con minimo impegno contribuire ai costi che vesparesources.com sostene.
Grazie a tutti! :ciao:

×

Important Information

Per utilizzare il nostro sito devi accettare il regolamento Terms of Use e la Privacy Policy Privacy Policy