Vai al contenuto

Ci è stato fatto notare che alcuni utenti hanno problemi con un numero troppo alto di notifiche che arrivano dal forum, ricordiamo che ciascuno può decidere e configurare gli avvisi e le email in funzione di cosa preferisce, il link per configurare gli avvisi è il seguente:

notifications/options/?type=new_comment

 

Grazie

horusbird horusbird
VR-News
  • RESTYLING
  • Abbiamo effettuato un upgrade importante, qualunque problema segnalato ci aiuterà a rendere VR sempre più fruibile!


0m8r4

Aiutatemi a capire perchè ho grippato il 177

Recommended Posts

Buongiorno, ieri dopo 600 km di rodaggio col Polini 177 montato p&p su carter TS prima serie, decido di provare le prestazioni e dò gas...la velocità sale velocemente, arrivo a 100 km/h e sento che ancora sale quando dopo meno di un chilometro si blocca la ruota completamente, per fortuna che ho il vizio di avere la mano pronta sulla frizione, mi fermo e dopo 5 minuti riparte, 25 km percorsi a 60 km/h e torno a casa. L'unica cosa che avevo notato è che durante il rodaggio strattonava leggermente, ma pensavo fosse un problema di carburazione che avrei sistemato oggi a rodaggio terminato. Qualcuno potrebbe aiutarmi a capire perchè ho grippato?

La configurazione è questa:

- 177 Polini ghisa p&p

- megadella V2 classic

- si24/24e originale più filtro t5 originale e risavel

- getto massimo 122

- primaria 23 drt

- accensione 12V pinasco flytech

-miscela 3% e olio 100% Motul 710

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In genere non rispondo a domande tecniche perché non ho le competenze necessarie. In questo caso però intervengo perché m'incuriosiscono un paio di cose. 1) Con un getto del 122 non dovresti essere stato magro, salvo aver aspirato aria in eccesso da qualche parte. Immagino però che la prova candela tu l'avessi fatta. 2) La miscela al 3% di un olio 100% sintetico dovrebbe proteggere da qualsiasi rischio e rende questo grippaggio ancora più strano.

Detto questo, mi viene da pensare che forse era un problema d'anticipo o di tolleranze troppo basse nell'accoppiamento pistone/cilindro.

 

Seguo con interesse.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dimenticavo, la prova candela l'avrei fatta oggi dopo il rodaggio, candela NGK grado 8, e l'anticipo era lo stesso che avevo col 177DR con il quale avevo fatto 6000 km prima di passare al Polini...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sbaglio o prima di passare al Polini hai grippato anche il DR?

Te lo chiedo perché se così fosse secondo me il problema è di sicuro nel blocco motore... probabilmente aspira aria da qualche parte...

 

Inviato dal mio SM-G361F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

No, al DR si era rotta una fascia che aveva lesionato l'imboccatura del cilindro che va nel carter

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ah ok, pardon allora passo... qui ci vuole qualcuno che abbia fiuto...

 

Inviato dal mio SM-G361F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mancano due paroline magiche, albero anticipato e carter raccordati....

Vediamo le foto del cilindro....

ma filtro T5, Megadella e Flytech, hanno portato il POLINI a girare forte, nel senso che settato così inizia a funzionare 

E SE INIZIA A FUNZIONARE inizia a girare altino oltre i 7200 g/min! Magari anche 7800 se non 8000!!!!

I giri richiedono LAVAGGIO, e il solo 24-24 non basta, quindi serve albero ben aperto valvola allungata e travaseria raccordata, così lavora più fresco.... poi sui carter cono 17 andrebbe verificato bene lo squish, ho sempre avuto il sentore che fossero più bassini di appoggio....

ho avuto un polini cono 17 questa estate... ci ho fatto sui 4000Km scarsi, qualche montagna ed un pò di super strada a 3 corsie... fino alle passegiate Romane,ed alle ingarellate contro qualche Magny Course tutto rumore e poca sostanza.... 

Modificato da poeta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A mio modo di vedere il polini 177 ha un gioco di montaggio di fabbrica troppo stretto. Da una mail inviatami da un tecnico ASSO Werke, ho capito che di fabbrica dovrebbe uscire con 6.5 centesimi...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il Polini và ovvio rodato a lungo, ma non è strettissimo, pur vero però che il mio l'ho fatto lappare appena seppur molto vecchio proprio per renderlo molto lasco....

 

infatti se il motore raggiunge parecchi GIRI, bisogna decomprimere un pochino e tenersi sul lasco... un pò come sul DR, si perde qualcosa anzi più di qualcosa in prestazione, ma con un puntine cono 17 a mio dire si può puntare solo all'affidabilità di un buon turistico più che a risultati prox ai 120/h, infatti sono quasi sorpreso che il mio POLINI da passeggio a puntine abbia segnato GPS 108-109 in varie occasioni seppurstrangolandolo senza troppe premure, certo li soffre e sono una tirata di collo indegna per la sua configurazione, ma erano appunto più un test di affidabilità che non di velocità....

 

 buoni POLINI segnano di GPS 112-115, quelli ottimi 118, il miglior polini (ghisa) 122!

in confronto i miei GPS 105 sono quasi scarsi eppure guidandolo sotto la S.Vel sembra di volare!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appena lo smonto faccio un po' di foto...
in effetti, confrontandolo col DR era sorprendente, senza raccordare ero a 100 km/h e sentivo che ancora saliva, per non parlare di come tirava in salita...probabilmente la spiegazione di Poeta è la più probabile, io speravo che montato p&p con un 122 potevo star tranquillo visto che leggevo sempre che anche 118/120 sono sufficienti..mi sono letto tutte le pagine della discussione ''testo unico sul polini 177'' e avevo anche chiesto se questa configurazione fosse giusta...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per Poeta, attribuire la grippata a mancanza di lavorazione dei carter o ad albero non rifasato non credo sia corretto, anzi è una vera e propria tafanata. 

0m8r4 Stabilire a priori che siccome l'anticipo andava bene per il DR debba andar bene anche per un Polini è un altra Tafanata.

I due motori non sono nemmeno parenti e di questo te ne sei accorto pure tu, Il polini è almeno il 35% più potente del DR,

Ti sei mai chiesto da dove viene fuori la potenza in un motore endotermico?

Bene viene fuori da una  maggior produzione di calore, un motore che non scalda a sufficienza non va e se scalda troppo grippa.

La percentuale di olio al 3 % piuttosto che al 2 è ininfluente, ragionando in questi termini chi fa miscela al 6% non dovrebbe mai grippare e invece no.

Morale quando si sale oltre ad un certo livello di potenza un motore deve essere curato in tutti i minimi particolari, Compressione, squisch, anticipo, carburazione, nulla deve essere lascito al caso.

Un motore agricolo che eroga potenze di 20  hp per litro di cilindrata non si rompe mai perchè ha potenza molto bassa, proprio come una vespa originale, appena aumenti le prestazioni in proporzione esponenziale perdi l'affidabilità.    

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il problema non è che un motore endotermico scalda o meno, il problema è che appunto scaldando e dissipando poco il calore un cilindro in GHISA và aiutato con un buon lavaggio, ovvero con travasi ampi, flussi ben liberi e albero anticipato...

raccordando i giri e la potenza aumentano, ovviamente anche le temperature, ma se prima a 100 scaldava che sò 100, ora con prestazioni maggiori a 100 vai più piano o meglio con meno gas e la temperatura di esercizio per assurdo è minore!!!

Travasi raccordati ed albero anticipato palano più benzina, e più velocemente, una marmitta ben libera fà fuoriuscire i gas più rapidamente, queste cose fanno sì che il cilindro lavori appena più fresco seppur più potente, aiuta anche la basettona di rame dissipatrice, tra testa e cilindro che toglie oltre che il calore anche l'effetto battito in testa a parità di squish ovvio...

Insomma la ghisa dissipa poco, l'alluminio meglio, all'aumentare dei giri aumenta il calore accumulato e prodotto, e quindi raccordare adottare marme libere e albero anticipato sembrerebbe controproducente, ma in vero un P&P sforza di più e alla stessa velocità un RACCORDATO è sempre meno caldo ed a regimi più tranquilli....

Ma parlo da profano dato che NON HO MAI GRIPPATO UN POLINI, pur vero che non li ho però MAI MONTATI P&P, per il montaggio a carter chiusi esiste il DR e se ben settato e più di qualcuno lo ha confermato un DR segna come nulla 105 GPS, facendo meglio probabilmente di tanti troppi Polini, sopratutto in affidabilità!

I forum sono pieni di POLINI GRIPPATI montati P&P.... grippano pure i DR ma di solito perchè perdono una G dello spinotto o perchè fanno la miscela con LO ZUCCHERO o la limatura di ferro.... insomma ce la mettono davvero tutta per grippare un DR.

Il POLINI ben fatto però e và detto (io sono un fedelissimo della POLINI) difficilmente grippa, ed ha prestazioni che un DR si sogna, ed anche aggiungo parecchi Pinasco alu, il suo limite è nelle temperature gira alto ma è ghisa quindi dopo una bella strippatona, tirare i remi in barca e raffreddare un attimo è d'obbligo. 

 

Modificato da poeta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

No non è corretto  dire che aumentando i giri aumenti il calore in modo tale da grippare...

Quello che fa aumentare il calore prodotto è il rendimento volumetrico del motore ovvero partendo dall' aumento della compressione ad un aumento del lavaggio e dell'aspirazione.

Con tali modifiche fai arrivare maggior quantità di combustibile e comburente in camera di scoppi  gioco forza se lo bruci tutto e correttamente produci più calore e quindi più potenza

Sostengo che non è vero che con travasi raccordati ed allargati  e aspirazione maggiorata venga maggiormente raffreddato, il pistone non viene maggiormente raffreddato da flussi con sezioni maggiori anche perchè con travasi grossi il flusso è più lento , la pressione è più bassa e quindi il calore asportato è inferiore...

In merito a ghisa e alluminio, la ghisa ha un coefficiente di dilatazione diverso, dilata di meno dell'alluminio del pistone, stringe e fa grippare ecco perchè è necessario un gioco di montaggio superiore e una conicità del pistone un pochino diversa... con cilindro in alluminio invece le dilatazioni sono molto più simili e questa caratteristica unita ad una miglior dissipazione del calore dell'alluminio lo rendono preferibile. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei aggiungere qualcosa...

La temperatura aumenta se:

Smagrisci la carburazione

Aumenti la compressione

Se a pari compressione utilizzi squisch con altezza inferiore

Aumenti l'anticipo

Usi una candela troppo calda tanto da far detonare il motore 

Utilizzi uno scarico non capace di far uscire tutti i gas combusti. 

Usi una miscela troppo grassa di olio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se quindi ho ben capito per montare un polini p&p è  necessario: regolare anticipo tutto ruotato in senso orario,  candela almeno grado 8, carburazione del 20.20 con getto max adeguato e soprattutto curando il minimo (almeno 50.160) cosa che secondo me molti tralasciamo..., controllare lo squish che  deve essere intorno ad 1.8 e poi per finire un pignone da 22 denti. Dimenticavo parto da un motore arcobaleno 15o.  La mia intenzione è  curare al massimo l'affidabilità per avere un motore per macinare  chilometri in tranquillità.  Qualche altro suggerimento?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi purtroppo sono fuori per lavoro, qualche giorno di pazienza e vi posto le foto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Se quindi ho ben capito per montare un polini p&p è  necessario: regolare anticipo tutto ruotato in senso orario,  candela almeno grado 8, carburazione del 20.20 con getto max adeguato e soprattutto curando il minimo (almeno 50.160) cosa che secondo me molti tralasciamo..., controllare lo squish che  deve essere intorno ad 1.8 e poi per finire un pignone da 22 denti. Dimenticavo parto da un motore arcobaleno 15o.  La mia intenzione è  curare al massimo l'affidabilità per avere un motore per macinare  chilometri in tranquillità.  Qualche altro suggerimento?

Per un montaggio p&p la candela va bene anche grado 7, il minimo va bene anche il 48, lo squish puoi scendere anche a 1,6, il pignone con la quarta lunga del 150 va bene anche il 21 originale del 150, io ho il 22 ma la quarta non la tiri.

 

Inviato dal mio SM-G361F utilizzando Tapatalk

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per pulun... Se non tiri la quarta c'è qualche guaio, la devi tirare per forza anche con la 23 65 del 200. Il cilindri P&P non ha problemi di tiro ai bassi... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Chiedo venia!

Mi sono espresso male... volevo dire che la quarta non la tiri tutta.

Nel senso che se in terza fai 85kmh in quarta ne fai 95 e poi il motore non sale più di giri nel senso che se in terza prendi 7500 giri in quarta va bene se ne prendi 6500...

Ci vuole un po' di birra per tirare rapporti lunghi e non è solo questione di tiro ai bassi...

Pistone se gli metti la 23/65 al DR 177 secondo me va più piano che con la 21/68.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
49 minuti fa, PISTONE GRIPPATO dice:

Stavamo parlando di Polini, o sbaglio?

Ecco spiegato l'arcano... io parlavo di DR...  :azz:

Francovespa, cancella la mia risposta!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Penso che domani mattina riuscirò a smontarlo...presto tutte le foto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MODERATOR

Ciao Om8r4, ci sono tantissimi post sul Polini in ghisa e con molteplici soluzioni
Quello che è sempre emerso è che il Polini montato senza raccordatura soffre parecchio.
Non ho capito  se tu hai raccordato o no, ma arrivare a montare e far tirare un 24/24 su di un 177 devi avere dei buoni condotti e ben raccordati.
In genere mi sono trovato ad avere migliori prestazioni con un 20/20 rivisitato che con il 24, e, a detta di molti, il 22 Pinasco è l'ottimale, ma sempre con i carter raccordati ad hoc.
Anticipo a 17/18 gradi e con una V2 non pensare di prendere troppi giri.

Gg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La ricetta del POLINI ghisa è quella da 20 anni.....

e prevede la raccordatura in due soluzioni sui carter una meno invasiva ed una più performante (prevede modifica anche sul cilindro), il POLINI P&P veniva montato e grippato negli anni 80-90 comunemente....

in molti lo trovano però buono, ma provate a tirargli il collo per bene, e vedrete da voi la sua grande affidabilità!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest
Questa discussione è chiusa.

Banner Pubblicitari

Nel sito sono presenti alcuni banner pubblicitari che, con la collaborazione dei nostri utenti,  potrebbero aiutare a coprire una parte delle spese di gestione del server e le spese di aggiornamento del software.
Chiediamo comprensione per il disturbo visivo che i banner possono dare e ricordiamo che con qualche semplice click sui banner interessanti potete in parte e con minimo impegno contribuire ai costi che vesparesources.com sostene.
Grazie a tutti! :ciao:

×

Important Information

Per utilizzare il nostro sito devi accettare il regolamento Terms of Use e la Privacy Policy Privacy Policy