Vai al contenuto

Ci è stato fatto notare che alcuni utenti hanno problemi con un numero troppo alto di notifiche che arrivano dal forum, ricordiamo che ciascuno può decidere e configurare gli avvisi e le email in funzione di cosa preferisce, il link per configurare gli avvisi è il seguente:

notifications/options/?type=new_comment

 

Grazie

horusbird horusbird
VR-News
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.
  • IMAGE HOST

Marben

Utenti Registrati
  • Numero contenuti

    17.090
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    73
  • Points

    258 [ Donate ]

Marben è il vincitore del Ottobre 9

Marben Ha avuto il maggior numero di like!

Reputazione Forum

245 ha una reputazione eccezionale

3 Seguaci

Su Marben

  • Livello
    Moderatore
  • Compleanno 17/08/1988

Informazioni Personali

  • Città
    Robecco sul Naviglio
  • Le mie Vespe
    VNB5, ET3, P120X senzafrecce, P150X senzafrecce, 50L, PX150 Euro2, 2x Bajaj Classic SL
  • Occupazione
    Tecnico

Visite recenti

3.631 visite nel profilo

Social Info

  1. I rubinetti sono intercambiabili, puoi mettere anche quello col decantatore. Metti l'astina della TS.
  2. Marben

    Restauro Vespa 150 GL 1963

    Non conosco il Fertan, ma se è come il Ferox non lo lascerei sulla lamiera. Lascia uno strato spesso, difficile da carteggiare una volta essiccato e scarsamente isolante. Per isolare meglio un buon epossidico, secondo me.
  3. No: un serbatoio in così buone condizioni andrebbe semmai messo in vetrina! Inviato dal mio Siemens S62
  4. Marben

    Restauro Vespa 150 GL 1963

    Vai col fondo ed eventualmente una sfumata leggera di vernice scura (va bene a bomboletta) da usare come "spia", per valutare dove ci possa essere necessità di stucco. Data la velata carteggi tutta la superficie (carta su un supporto rigido, es. un pezzetto di legno), se restano tracce della "spia" dovrai stendere stucco.
  5. Prima di smontare pezzi dalla Vespa funzionante, come ti consiglia Snaicol controlla che il cavo sia correttamente collegato alla freccia, semplicemente sollevando il cuffiotto di gomma. C'è un faston femmina sul cavo, va agganciato al portalampade. Se qui è tutto a posto, controlla che il perno che entra nel contatto sulla scoccq abbia ancora la capocchia di ottone, e questa sia pulita e lucida. Tira delicamente il filo dietro al perno, può essere che si sia interrotto e staccato dalla capocchia, restando semplicemente infilato nella sede senza un contatto. In ultimo, puoi provare con qualche spezzone di filo a bypassare i collegamenti originali. Inviato dal mio Siemens S62
  6. Marben

    Informazione chiavi originali Vespa GL

    Ho visto delle GL e delle Sprint (primi esemplari) con chiave rettangolare Neiman. Magari sostituite in passato? Le serrature Nisha sono indiane: di certo non sono di primo equipaggiamento anni sessanta!!! Inviato dal mio Siemens S62
  7. Marben

    Informazione chiavi originali Vespa GL

    Probabilmente il noto rivenditore preme su ciò che hai in casa e lo deve piazzare. La chiave originale è la solita Neiman, raffigurata anche nel libretto Uso e manutenzione, con impugnatura tonda, ma sono abbastanza sicuro che in quegli anni fosse in uso anche quella ad impugnatura rettangolare oblunga. Per inciso oggi si trovano anche bloccasterzi Neiman riprodotti, ma si tratta dei soliti Nisha con chiave simil-Neiman, peraltro di bassa qualità e facilmente riconoscibile.
  8. Marben

    Vespa Sprint 1966

    Hai fatto bene a lasciare perdere. Oggettivamente si tratta di un pessimo restauro. La scocca mi pare lavorata in maniera alquanto dozzinale, probabilmente coperta con più mani di filler riempitivo, tanto da aver reso ben poco nitidi i bordi dei lamierati sovrapposti. Ho il sospetto che non sia stata nemmeno sabbiata, a giudicare da certe zone un po' granulose (vedi foto sede bloccasterzo). Il clacson è corretto, direi anzi l'unico accettabile su un telaio relativamente basso come questo; però il clacson stesso avrebbe meritato un adeguato restauro. Non mi esprimo sulle guarnizioni di clacson e fanale posteriore. Parafango davanti sistemato in qualche maniera (male!). Viteria rugginosa sul motore, parti zincate non restaurate, copriventola forse nero (?), sella improbabile e... nei 4400€ ci starebbe bene un gommino nuovo per la pedivella. Poi probabilmente un acquirente lo troverà... Se solo la gente fosse meno golosa, porterebbe questi signori a più miti consigli, dal momento che ciò che hanno non è d'oro ed è pure ben lontano dalla perfezione.
  9. Marben

    ABS nel 2016...la fine della Px!!!

    A me la Scomadi non fa impazzire, mentre trovo estremamente riuscite, dal punto di vista estetico, la Lambretta "ufficiali" (per modo di dire), quelle frutto della società Elvetico-Austriaca che ha anche i diritti sul marchio. Per la verità dal vivo tradiscono le loro origini asiatiche. Ovviamente sono e restano frulli, ma anch'io trovo che esteticamente siano molto più riuscite di tutte le Vespe automatiche dalla ET4 ad oggi. Pur vero che l'estetica della Lambretta si presta meglio ad adattamenti moderni.
  10. Marben

    Pistone VBB 1961

    Con pistone bombato ci vuole una testa apposita, va bene una testa dalla GL alla PX. Ottimo sarebbe montare il pistone Asso della PX: affidabilità e migliori prestazioni. Inviato dal mio Siemens S62
  11. Marben

    Leo

    Ciao Leo!
  12. Marben

    ABS nel 2016...la fine della Px!!!

    Mi chiedo quali siano, oggi, i volumi di vendita dei modelli Ape. Se sia, in definitiva, remunerativo l'aggiornamento della gamma in relazione alla richiesta del mercato. L'Ape 50 Euro 4 costa caro: 4800€, una cifra che, se paragonata ai costi di certe utilitarie, non si può certo definire contenuta. Mi vado convincendo che la PX dovesse essere eliminata; motivazioni di carattere tecnico paiono inconsistenti e pure quelle di carattere economico, alla luce di tante altre scelte del gruppo, non mi persuadono più. Quando parlo di PX parlo anche di una eventuale erede che ne possa ricalcare le caratteristiche salienti, prima fra tutte il cambio non automatico. Credo che il piano di Piaggio sia volto ad una sorta di oblio del passato, che in fondo è passato e basta; adesso Vespa è automatica, eventualmente elettrica, nulla di diverso dal nuovo corso inaugurato oltre vent'anni fa. Intravedo anche dietro a Lord of the bikes la longa manus di Pontedera: anche lì le protagoniste sono state automatiche attualmente in commercio, che hanno dominato la scena. Il resto è contorno da museo. Le automatiche probabilmente sono in assoluto più remunerative ed in questo senso la PX è una presenza ingombrante; il suo spettro per due decenni ha continuamente insinuato che le automatiche «non fossero vere Vespe» e quindi in Piaggio, dopo aver sfruttato il più possibile il vecchio progetto, credo non vedessero l'ora di toglierla di mezzo. Motociclismo si attendeva almeno un comunicato per i quarant'anni della PX, lo scorso ottobre: silenzio assoluto; pare inopportuno anche solo nominarla, questa PX.
  13. Paolo, hai preso le molle originali Piaggio? Quelle prodotte da molti anni a questa parte, hanno una serie di pieghe per cui di fatto devono essere inserite sulle staffe. Quelle originali montate sui vecchi PX, erano semplici lamierini armonici, solo leggermente incurvati. Per questo il loro montaggio era piuttosto disagevole (potevano ruotare nel montaggio vanificando la loro funzione) e molto spesso al primo intervento non venivano rimontate. Un peccato: questo comportava nel tempo l'usura della pedana - ho visto Vespe con la pedana bucata per questo - ed inoltre il gioco del cavalletto nelle staffe poteva originare una certa instabilità della Vespa quando parcheggiata. Le mollette attuali, con lo stratagemma delle guide, hanno risolto il problema. Devono essere calzate sulle staffe, sulla loro estremità verso l'avantreno. Permettono di trattenere le staffe sul cavalletto, agevolando notevolmente il suo montaggio sulla scocca. Raccomandabile l'applicazione di un bel po' di grasso nei punti di contatto fra molle, cavalletto e staffe. L'uso di dadi autobloccanti sulle viti del cavalletto permette poi di dosare il serraggio senza il timore di allentamento e prevenendo un eccessivo attrito che non farebbe tornare liberamente il cavalletto a fine corsa.
  14. Tranne l'astina di comando del rubinetto: quella della PX è più lunga di 15 mm circa. Il serbatoio PX è intercambiabile coi precedenti: l'unica differenza è la conformazione del fondo. Anche il volume complessivo dovrebbe essere molto simile.
  15. ... che sarebbe stato l'ultimo dei nostri problemi. In compenso, il prezioso cuscinetto dietro al selettore, del quale abbiamo discusso pochi giorni fa, è stato brutalmente sabbiato anch'esso. In bocca al lupo...
×