Vai al contenuto

Ci è stato fatto notare che alcuni utenti hanno problemi con un numero troppo alto di notifiche che arrivano dal forum, ricordiamo che ciascuno può decidere e configurare gli avvisi e le email in funzione di cosa preferisce, il link per configurare gli avvisi è il seguente:

notifications/options/?type=new_comment

 

Grazie

horusbird horusbird
VR-News
  • Nuovo servizio di VR .. Hosting di immagini gratuito sino a 40 mega per utente.
  • IMAGE HOST

GiPiRat

Utenti Registrati
  • Numero contenuti

    21.228
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    34
  • Points

    6 [ Donate ]

GiPiRat è il vincitore del Novembre 7

GiPiRat Ha avuto il maggior numero di like!

Reputazione Forum

111 è avvolto di luce gloriosa

4 Seguaci

Su GiPiRat

  • Livello
    Staff
  • Compleanno 12/06/1958

Informazioni Personali

  • Città
    Lecce
  • Le mie Vespe
    GL 150 1963, 150 VBB2 1964, 180 Rally 1969, 125 ET3 1982, PX150E 1982

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

Social Info

  1. Versione 1.0.0

    2 downloads

    Caalogo Ricicambi per Vespa PX150 USA 2004, in italiano, francese, inglese, tedesco e spagnolo. File .PDF
  2. Versione 1.0.0

    1 download

    Catalogo Ricambi per Vespa PX 125 2007 - 2008 edizione per i 30 Anni dall'uscita della PX, in spagnolo. File .PDF
  3. E' possibile che anche la data del 1989 si riferisse ad un'immatricolazione dovuta a smarrimento dell'originario (o semplicemente precedente) certificato per ciclomotore. Comunque, se la punzonatura non è leggibile, fai bene a lasciarlo stare. Ciao, Gino
  4. Ma di che anno è il ciclomotore? Se è del 1989, non vedo difficoltà, perché l'anno è riportato come "data inizio Circolazione", il 2012 è l'anno in cui è stato rifatto il certificato per ciclomotore. Ciao, Gino
  5. Versione 1.0.0

    1 download

    Catalogo ricambi della Vespa PX 125 Freno a Disco 2011, in spagnolo. File .PDF
  6. Comunque sia, quel motore va cambiato o non passerà mai per l'FMI e per la motorizzazione. Ciao, Gino
  7. GiPiRat

    Ottima notizia!!!

    Ottimo lavoro! Ciao, Gino
  8. GiPiRat

    Centralina rally 200

    Ho un paio di centraline Ape, devo controllare il codice. Grazie Sergio! Ciao, Gino
  9. GiPiRat

    seggiolino per bimbo

    🤣 A me dillo! Poco meno di 40 km, gli ultimi 10 . . . una tortura! Ciao, Gino
  10. GiPiRat

    seggiolino per bimbo

    Sì, appena si avverte che il pupo/a ciondola per il sonno, fermarsi e fargli fare una passeggiata, riprendere quando pare sveglio e ripetere l'operazione alla bisogna. Comunque, la mia più piccola, dovevo legarla comunque perché prendeva sonno in un attimo! 😬 Ciao, Gino
  11. GiPiRat

    Placche Vespa - "collezione V.R."

    Complimenti al lato B dell'amico! 😜 Ciao, Gino
  12. GiPiRat

    seggiolino per bimbo

    Nessun limite d'altezza Ranieri, come ha scritto max79, devono avere almeno 5 anni ed arrivare ai poggiapiedi o alla pedana, anche per questo ho montato i rialzi. Ciao, Gino
  13. GiPiRat

    Vespa radiata del 52

    Non solo non ci sono deroghe, ma deve passare per un CPA (centro prova autoveicoli), che la sottoporrà ad un esame molto più severo di un normale collaudo in motorizzazione. Leggiti bene la procedura linkata da vespabaddyno. Ciao, Gino
  14. GiPiRat

    @ vespanunzio

    In bocca al lupo! 👍 Ciao, Gino
  15. GiPiRat

    seggiolino per bimbo

    Il seggiolino da assicurare alla vespa, col bambino legato sopra, immagino, mi pare una cosa pericolosissima! In caso d'incidente (e ne ho subiti 3 o 4, in 50 anni che guido vespe) io ho sempre cercato di allontanarmi dal veicolo, provvedendo a fermarmi coi miei mezzi, la vespa, se era possibile, l'accompagnavo a terra e che poi andasse per fatti suoi. Il bambino rimarrebbe connesso ad un proiettile di 100-120 kg. Al limite, meglio legare a sé il bimbo con una cinghia, ma giusto se è il tipo che si addormenta volenti o nolenti (come la mia più piccola). Ritengo molto più sensato munire la vespa di poggiapiedi rialzati, così che il bambino possa poggiare i piedi e sentirsi più stabile (invece che poggiare le ginocchia sui cofani) e munire il guidatore di una bella cinghia (o marsupio, come nel mio caso) al quale il bambino può attaccarsi e tenersi saldo, così da responsabilizzarlo nella sua stessa gestione. Inoltre, trovo molto utile parlargli, dargli indicazioni su come muoversi ed accarezzarlo sulle mani o sulle gambe per far sentire la propria presenza e vicinanza. Questo il mio parere e la mia esperienza di padre vespista, che con le proprie figlie ha percorso tragitti di 100 km ed oltre, anche su strade di montagna. Ciao, Gino
×